John Kerry impegna l'amministratore di Biden nel "Great Reset" del WEF

wikipedia
Per favore, condividi questa storia!
The Great Reset cerca di far precipitare il mondo nella tecnocrazia mentre distrugge il capitalismo e le pratiche economiche del libero mercato. È ben oltre l'essere semplicemente trasformativo; piuttosto, è rivoluzionario e si tradurrà in un neofeudalesimo che riporta il mondo ai secoli bui. ⁃ Editore TN

A giugno, le élite di importanti istituzioni internazionali come il World Economic Forum e le Nazioni Unite hanno lanciato una campagna di vasta portata per "resettare" l'economia globale.

Il piano implica un aumento drammatico del potere del governo attraverso nuovi espansivi programmi sociali come il Green New Deal e l'utilizzo di vasti schemi di regolamentazione e programmi governativi per costringere le società a sostenere cause di sinistra.

Le due giustificazioni della proposta, che è stata giustamente denominata dai suoi sostenitori le "Ottimo ripristino", sono la pandemia di COVID-19 (la giustificazione a breve termine) e la cosiddetta “crisi climatica” causata dal riscaldamento globale (la giustificazione a lungo termine).

Secondo i sostenitori del Great Reset, il piano trasformerebbe sostanzialmente gran parte della società. Come capo del World Economic Forum (WEF) Klaus Schwab ha scritto a giugno, “il mondo deve agire insieme e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall'istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro. Ogni paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni industria, dal petrolio e gas alla tecnologia, deve essere trasformata. In breve, abbiamo bisogno di un 'Grande Reset' del capitalismo".

A livello internazionale, il Great Reset è già stato sostenuto da influenti leader, attivisti, accademici e istituzioni. Oltre al World Economic Forum e alle Nazioni Unite, il movimento Great Reset annovera tra i suoi il Fondo Monetario Internazionale, capi di Stato, Greenpeace e CEO e presidenti di grandi aziende e istituzioni finanziarie come Microsoft e MasterCard.

Ma in America, la maggior parte dei politici, incluso il presidente eletto Joe Biden – sono stati relativamente tranquilli riguardo al Grande Reset, lasciando molti a speculare su cosa farebbe un'amministrazione Biden per sostenere o opporsi a questo piano radicale.

Ci sono state alcune prove che suggeriscono che Biden e alcuni dei suoi più grandi alleati appoggiano il Great Reset e avrebbero tentato di imporlo agli Stati Uniti. Ma Biden e il suo team non hanno mai dichiarato esplicitamente che l'America sarebbe stata coinvolta, almeno fino ad ora.

Ad una tavola rotonda sul Great Reset ospitato dal World Economic Forum a metà novembre, ex Segretario di Stato John Kerry – L'aspirante Biden inviato presidenziale speciale per il clima – ha dichiarato fermamente che l'amministrazione Biden sosterrà il Great Reset e che il Great Reset “accadrà con maggiore velocità e con maggiore intensità di quanto molte persone possano immaginare”.

Alla domanda del conduttore del panel Borge Brende se il World Economic Forum e altri sostenitori di Great Reset "si aspettano troppo e troppo presto dal nuovo presidente, o se presenterà il primo giorno su questo [sic] argomenti?", ha risposto Kerry, "La risposta alla tua domanda è no, non ti aspetti troppo".

"E sì, accadrà [il Grande Reset]", ha continuato Kerry. “E penso che accadrà con maggiore velocità e con maggiore intensità di quanto molte persone possano immaginare. In effetti, i cittadini degli Stati Uniti hanno appena fatto un Great Reset. Abbiamo fatto un ottimo ripristino. Ed è stato un record di voti".

Kerry in seguito ha affermato che il Great Reset è necessario per rallentare la "crisi climatica" e che "so che Joe Biden crede ... non è sufficiente semplicemente ricongiungersi a Parigi [gli Accordi di Parigi sul clima] per gli Stati Uniti. Non è sufficiente per noi fare solo il minimo di ciò che richiede Parigi".

Kerry ha anche affermato che, a causa del movimento Great Reset, crede che "siamo all'alba di un periodo estremamente emozionante" e che "la più grande opportunità che abbiamo" per affrontare i problemi sociali ed economici sia "affrontare la crisi climatica".

Questi e il altri commenti fatti da Kerry all'evento WEF sono rese più importanti dal fatto che il ruolo di Kerry in un'amministrazione Biden comporterebbe la collaborazione con le stesse istituzioni internazionali che hanno già espresso il loro sostegno al Great Reset sui cambiamenti climatici.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

16 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

“Kerry in seguito ha affermato che il Great Reset è necessario per rallentare la “crisi climatica” e che “so che Joe Biden crede … non è sufficiente semplicemente ricongiungersi a Parigi [gli Accordi di Parigi sul clima] per gli Stati Uniti. Non è sufficiente per noi fare solo il minimo di ciò che richiede Parigi".

Kerry sta praticando molto bene la logica contorta del suo gruppo globalista nella dichiarazione di cui sopra.

Tuttavia, Kerry, I SISTEMI MONETARI NON HANNO NULLA, NULLA A CHE FARE CON IL METEO. È solo la realtà nelle menti malate contorte degli assassini, bugiardi e ladri dei globalisti in cui di profitti cambia il tempo.

Ultima modifica 3 mesi fa di Elle
Zio Sam

Kerry è stato un nemico della sovranità americana sin dalla guerra del Vietnam. È un TRADITORE e non capisco come non sia ancora in prigione. È la sua appartenenza a Skull and Bones che lo tiene fuori di prigione? Kerry È un membro del WEF.

JR questo è

Fox News: Martedì diversi legislatori repubblicani hanno criticato John Kerry a seguito di un rapporto di Fox News Digital che mostrava che il suo jet privato di famiglia ha emesso più di 300 tonnellate di carbonio da quando il presidente Biden è entrato in carica. I legislatori hanno accusato di ipocrisia Kerry, che il presidente Biden ha nominato come principale inviato globale per il clima del governo federale, sostenendo che ha sfruttato gli stessi combustibili fossili che sta tentando di costringere gli americani ad allontanarsi. Il jet privato della famiglia di Kerry ha effettuato 48 viaggi, emettendo circa 325 tonnellate di carbonio, da gennaio 2021, secondo i dati ottenuti martedì da Fox News Digital. “Joe Biden... Per saperne di più »

JR questo è

L'impronta di carbonio dello zar del clima John Kerry è 300 volte quella del Washington Free Beacon medio americano: nel suo ruolo di zar del clima del presidente Joe Biden, John Kerry ha volato più di 180,000 miglia, voli che hanno emesso più di 9.5 milioni di libbre di carbonio, un Washington Trovata analisi Beacon gratuita. The Free Beacon ha esaminato 75 annunci di viaggio ufficiali di Kerry da marzo 2021 a luglio 2022, che mostrano che Kerry ha volato per circa 180,100 miglia, l'equivalente di viaggiare in tutto il mondo più di sette volte, per discutere del cambiamento climatico con vari leader mondiali. Gli aerei producono in media 53.3 libbre di anidride carbonica per miglio... Per saperne di più »

il gioco è truccato

Non c'è crisi climatica. è una sciocchezza fare il lavaggio del cervello a stupidi ragazzi del college facendo in modo che i miliardari portino via il loro futuro economico e la loro libertà.

Anne

E le libertà economiche ei diritti umani di tutti gli altri. Queste persone non incolpano mai le armi meteorologiche per il loro ruolo nel pervertire il tempo. Nemmeno le loro armi biologiche incolpano l'aumento delle malattie e delle epidemie di malattie.

Zio Sam

Il carbonio è un elemento buono e necessario, che combinato con l'ossigeno produce CO2, una molecola necessaria per tutta la vita. Classe di scienze della quinta elementare.

John Kerry d'altra parte è un TRAITOR, un GRIFTER, e come membro del WEF / Great Reset Kerry è un nemico della sovranità americana. Che Kerry non sia in prigione può essere attribuibile solo a forze demoniache.

il gioco è truccato

Cos'è tutta questa sciocchezza del "must"? L'ultima volta che mi è stato detto che "devo" fare qualcosa è stato quando ero alle elementari. Chi crede di essere questo strambo che ruba la libertà?

cercatore

perché questo articolo è stato pubblicato oggi? Le dichiarazioni di Kerry risalgono al 2020. In che modo è rilevante in questo momento? Qualcuno potrebbe chiarirlo, devo trascurare qualcosa

Wilbur

alias John Cohen.

[…] Leggi di più: John Kerry affida l'amministratore di Biden al "Great Reset" del WEF […]

Kerry e Biden sono ENTRAMBI membri attivi del WEF. In quanto tali entrambi sono nemici della repubblica.

[…] Leggi di più: John Kerry affida l'amministratore di Biden al "Great Reset" del WEF […]

Anne

Come ho affermato in più punti in diverse occasioni. Il grande reset non sarà altro che la grande tribolazione. Né i burocrati né i tecnocrati si divertiranno a vivere sulla terra a quel punto della storia umana.

[…] John Kerry affida l'amministratore di Biden al "Great Reset" del WEF […]

[…] John Kerry affida l'amministratore di Biden al "Great Reset" del WEF […]