Il Canada sta riabbracciando la tecnocrazia storica?

Per favore, condividi questa storia!
In una descrizione storicamente e molto accurata del movimento Technocracy degli anni '1930, l'autore conclude, "sarebbe sbagliato liquidare Technocracy Incorporated solo come un altro schema utopico fallito".

Il livello di meticoloso dettaglio in questo articolo mostra la profonda comprensione dell'autore della tecnocrazia, della sua storia e delle sue affermazioni. Vede l'attrazione moderna del pensiero libertario tra i tecnocrati e riconosce la crescita o tecnocrazia mentre allude al tecnopopulismo: "Mentre il numero di tecnocrati al governo è in aumento, così è anche il numero di politici populisti che indossano la loro mancanza di esperienza come un distintivo d'onore".

Il suo pregiudizio anti-populista emerge di nuovo con le dichiarazioni: “Ma c'è stato un prezzo per non ascoltare gli esperti. I paesi guidati da leader populisti di varie sfumature, in particolare Stati Uniti, Brasile e Regno Unito, hanno registrato i tassi di mortalità COVID-19 tra i più alti.”.

Tuttavia, dopo aver esposto i fallimenti e le fallacie della Tecnocrazia, Basen conclude che "sarebbe sbagliato liquidarla". Questo è uno stile giornalistico molto intelligente che pianta i semi della propaganda in profondità nella mente del lettore ignaro. Editor TN

Il 13 ottobre 1940, un chiropratico della Regina di nome Joshua Haldeman è apparso in tribunale per affrontare due accuse ai sensi della legge sulla difesa del Canada.

Il suo presunto reato apparteneva alla Technocracy Incorporated, un'organizzazione che era stata bandita dal governo canadese diversi mesi prima come parte di una più ampia raccolta di gruppi che considerava sovversivi allo sforzo bellico.

Technocracy Incorporated non era un movimento politico: infatti, ai politici o ai membri di partiti politici non era permesso di aderire. È stata fondata a New York City nel 1933 come organizzazione educativa e di ricerca che promuove una radicale ristrutturazione della vita politica, sociale ed economica in Canada e negli Stati Uniti, con la scienza come principio operativo centrale.

Non ci sarebbero politici, uomini d'affari, disuguaglianze di denaro o di reddito. Quelle erano tutte caratteristiche di quello che la tecnocrazia chiamava il "sistema dei prezzi" e sarebbe dovuto sparire.

Non ci sarebbero nemmeno paesi chiamati Canada o Stati Uniti: solo una gigantesca massa continentale continentale chiamata Technate, una tecno-utopia gestita da ingegneri e altri "esperti" nei loro campi. Nel Technate, tutti sarebbero ben alloggiati e nutriti. Tutte le necessità materiali sarebbero state soddisfatte, indipendentemente dal fatto che tu avessi un lavoro o meno.

Joshua Haldeman è stato un leader di Technocracy Incorporated in Canada dal 1936 al 1941, ma alla fine è rimasto deluso sia dall'organizzazione che dal paese e ha fatto i bagagli con la sua giovane famiglia per ricominciare la vita in Sudafrica.

Nel giugno 1971, la figlia di Haldeman, Maeve, diede alla luce il suo primo nipote. Il suo nome è Elon Musk.

Il patrimonio netto stimato di Musk oggi è di oltre 150 miliardi di dollari USA. Ha chiaramente fatto molto bene all'interno del sistema dei prezzi contro cui suo nonno si sarebbe inveito. Ma Musk non ha completamente abbandonato le sue radici di tecnocrazia.

Musk non parla di un Technate sulla Terra, ma ha investito miliardi nello sviluppo di razzi per inviare persone su Marte, con l'intento di colonizzarlo. Vuole vedere una città di un milione di persone entro il 2050.

Nel 2019, Musk ha twittato, "accelerando lo sviluppo dell'astronave per costruire la tecnocrazia marziana".

La maggior parte delle idee di Technocracy Incorporated per il Technate non erano né pratiche né realizzabili. Ma hanno sollevato almeno due importanti domande con le quali siamo ancora alle prese oggi: come dovrebbero rispondere i governi quando un gran numero di persone perde il lavoro a causa dell'automazione e come può la democrazia rappresentativa, con tutte le sue evidenti imperfezioni, funzionare efficacemente in un mondo in cui scienza e tecnologia giocano un ruolo sempre più dominante?

In un discorso a un pubblico americano nel 1963, Howard Scott, fondatore e leader di Technocracy Incorporated, dichiarò che "per quanto riguarda le idee di Technocracy, siamo così di sinistra che facciamo sembrare il comunismo borghese".

Potrebbe non essere stato lo slogan di reclutamento più efficace al culmine della Guerra Fredda, ma Scott non aveva tutti i torti.

La tecnocrazia non è stata l'unico movimento di protesta emerso dal crollo economico degli anni '1930. Anche il credito sociale in Alberta e la Federazione del Commonwealth cooperativo nel Saskatchewan, il precursore dell'NDP, hanno attirato molto sostegno. Alcuni gruppi di tutto lo spettro politico avevano legami con i movimenti politici europei. Alcuni avevano leader carismatici, come Huey Long e padre Charles Coughlin negli Stati Uniti.

Ma Technocracy era un movimento unicamente nordamericano che potrebbe essere stato il più radicale di tutti. E nelle profondità della Grande Depressione, centinaia di migliaia di canadesi e americani erano pronti ad abbracciarla.

L'ideologia della tecnocrazia sfida la facile caratterizzazione. Era anticapitalista e antidemocratico, ma non fascista. Era antigovernativo, ma non libertario. Credeva in una forma radicale di uguaglianza sociale ed economica, ma non era marxista.

Rifiutava tutte quelle ideologie perché nessuna di loro accettava l'idea che la scienza e la tecnologia stessero trasformando la vita nordamericana e che solo ingegneri ed esperti altamente qualificati fossero in grado di costruire un "nuovo" Nord America.

Mentre altri partiti politici e gruppi di protesta pubblicizzavano piani per far tornare le persone al lavoro, la risposta di Technocracy è stata: non preoccuparti nemmeno. Il mondo era cambiato e i posti di lavoro distrutti dalle macchine non sarebbero tornati.

Prima della rivoluzione industriale, la maggior parte della produzione veniva eseguita a mano e non c'erano mai abbastanza merci per circolare; era un'economia basata sulla scarsità. Ora, le macchine potrebbero produrre più che a sufficienza per tutti con una manodopera significativamente inferiore.

Ma questo sistema industriale in grado di produrre abbondanza era ostacolato dal sistema dei prezzi, un costrutto preindustriale, basato sulla scarsità, poco adatto a un mondo in cui le macchine sostituivano gli umani sul posto di lavoro.

Al centro del sistema dei prezzi c'era il denaro. Era ciò che costringeva le persone a indebitarsi, infrangere la legge, diventare avide e impegnarsi in tutti i tipi di altri cattivi comportamenti. Ma i soccorsi erano in arrivo.

"La marcia della tecnologia, con la sua crescente abbondanza, distruggerà ogni valore del sistema dei prezzi", dichiarò Scott in un discorso a Sylvan Lake, in Alta., durante un tour di conferenze nel Canada occidentale nel settembre 1939. "È uno scontro tra obsolescenza e modernità, tra tecnologia e valore, tra scienza e caos”.

Se tutto questo suona familiare, è perché gli scenari apocalittici sulla massiccia disoccupazione e sui disordini sociali causati dal cambiamento tecnologico sono in circolazione almeno dalla Rivoluzione Industriale.

Nel 1770, quando si diffuse l'uso della gianna filatrice, molti tessitori che filavano a mano i tessuti dalle loro case persero il lavoro. Ma la filatrice rendeva più economico produrre stoffa, il che significava che più persone potevano permettersi di comprare vestiti, il che significava che molti di loro erano necessari per lavorare nelle fabbriche dove ora veniva prodotta la stoffa.

Questa è stata la storia del cambiamento tecnologico fino ad oggi: i lavori che le macchine hanno svolto, hanno invariabilmente restituito in numero ancora maggiore. Il sistema dei prezzi si è dimostrato molto più resistente e adattabile di quanto immaginassero i profeti di sventura come Howard Scott.

Ma oggi, mentre i robot e l'intelligenza artificiale penetrano sempre più in profondità nei nostri uffici e fabbriche, i profeti di sventura sono tornati, prevedendo uno tsunami di disoccupazione che si schianterà su luoghi di lavoro come banche e studi legali, che fino ad ora hanno resistito in gran parte all'automazione. Temono che questa volta, la storia sarà infatti diversa.

Secondo un rapporto del 2019 del gruppo di ricerca britannico Oxford Economics, circa 1.7 milioni di posti di lavoro sono già stati persi a causa dei robot a livello globale dal 2000. Anche le persone che hanno aiutato a progettare lo tsunami sono preoccupate.

"Stiamo vivendo il più grande cambiamento economico e tecnologico nella storia umana", ha dichiarato l'imprenditore della Silicon Valley Andrew Yang durante la sua improbabile corsa per la nomina presidenziale democratica nel 2020. "Abbiamo bisogno di un modo per aiutare milioni di americani a superare questo periodo".

La soluzione di Yang era un reddito di base universale di 1,000 dollari USA al mese. È un'idea che negli ultimi anni ha guadagnato una notevole trazione tra gli ingegneri e gli imprenditori della Silicon Valley, anche tra coloro che di solito si oppongono a qualsiasi tipo di espansione del governo.

Al vertice del governo mondiale a Dubai nel 2017, Elon Musk - che fa costantemente guerra alle agenzie che cercano di regolamentare le sue auto e razzi, e il cui piano per veicoli completamente autonomi potrebbe costare milioni di posti di lavoro - ha espresso il suo sostegno per un reddito di base garantito.

La "disoccupazione di massa" sarà una "grande sfida sociale", ha avvertito Musk. Facendo eco alle parole che suo nonno probabilmente ha pronunciato molte volte, Musk ha concluso: "Ci saranno sempre meno lavori che un robot non può fare meglio. Con l'automazione arriverà l'abbondanza.”

Per Technocracy, schemi come un reddito di base universale semplicemente rimandano l'inevitabile giorno della resa dei conti per il sistema dei prezzi.

"Non puoi armeggiare con il sistema e solo rattoppare i sintomi", ha spiegato Tom Mason in una recente intervista telefonica dalla sua casa a Tampa Bay, in Florida. Mason ha 99 anni ed è coinvolto nella tecnocrazia dagli anni '1940.

“I politici di oggi non vogliono affrontare la malattia. Vogliono solo curare i sintomi you e finora puoi solo rattoppare i sintomi”.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ren

“Non abbastanza posti di lavoro. Troppa gente." Non vero. La meccanizzazione potrebbe consentire agli umani di concentrarsi sullo svolgimento dei compiti che richiedono abilità sociali e il pensiero creativo che l'IA probabilmente mancherà sempre. Lascia che i robot svolgano i compiti senza cervello. Una stampante 3D e un robot o due in un garage come un edificio in campagna potrebbero sostituire il modello di fabbrica. Le macchine, persino l'intelligenza artificiale, sono pensate per essere un'estensione dell'umanità. Non un sostituto. Alcuni prodotti potrebbero avere la loro qualità concentrata dagli artigiani. Invece di abbigliamento di fabbrica o di sfruttamento, la sarta locale potrebbe fornire a tutti abiti di alta qualità e personalizzati. Gli umani potrebbero concentrarsi di più... Per saperne di più »

SA Cunliffe

I tecnocrati per lo più vogliono meno di una mandria da gestire sul pianeta a questo punto... sentono che i numeri attuali sono insostenibili e una volta che una persona si mette in testa questo tipo di pensiero, non lavorerà con prosperità, cura e preoccupazione umani ... lo so .. vedo questa mentalità nella mia città universitaria .. queste persone sono un culto della morte .. è roba piuttosto insignificante considerando che queste sono le persone "intelligenti" nella nostra società. I canadesi amano il loro nannystatismo... esp. durante questa truffa Qualcuno ha lasciato questo link nei commenti del mio blog… guarda che te... Per saperne di più »

carla altiero

Più BIOSENSORI di prova in jab come ha avvertito la dottoressa Carrie Madej. fromthetrenchesworldreport.com ha uno studio che mostra GRAPHENE OXIDE in jab. vai su biolinscientific.com/blog/graphene-oxide-for-biosensors

SA Cunliffe

Questo commento è stato lasciato sul mio blog da qualcuno che ha dichiarato di essere stato bandito dal forum di David Icke per averlo condiviso, entro 45 minuti dalla pubblicazione.. http://d.p.h.free.fr/covid19/docs/TRUTH_about_Covid-19_and_Covid-19_Vaccines.pdf

SA Cunliffe

Il fatto che sia stato rimosso mi dice tutto però.. se fosse solo bs perché non lasciarlo lì affinché le persone lo guardino .. il documento contiene brevetti e nomi perlomeno nomi fa parte del record a scopo di discussione.