Dr. Willie Soon: Orsi polari, macchie solari e livelli di mare in aumento

vuoto
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Willie Soon è un fisico solare indipendente presso il Centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian che studia il Sole e la sua influenza sul clima terrestre da oltre un quarto di secolo. ⁃ Editor TN

Canlorbe: Dici che gli orsi polari sono molto meno minacciati dal riscaldamento globale che dagli ambientalisti che temono lo scioglimento dei ghiacci. Potresti espandere?

Dr. Presto: Si Certamente. Ho sostenuto che troppo ghiaccio sarà l'ultimo nemico per gli orsi polari. Gli orsi polari hanno bisogno di meno ghiaccio marino per essere ben nutriti e per riprodursi. Perché? Pensaci un attimo: gli orsi polari mangiano molto. Ogni grande colonia avrà bisogno di una grande quantità di cibo. La dieta base degli orsi è il grasso di foca. Ma i sigilli sono molto più avanti nella catena alimentare. Quindi è richiesto un ecosistema pienamente funzionale e sano. Ciò significa che gli oceani sono abbastanza caldi da sostenere i collegamenti inferiori nella catena alimentare dal plancton fino alle foche.

In effetti, un buon enigma per la scienza dell'orso polare è quello di rispondere alla domanda su come gli orsi polari sono sopravvissuti durante le ere glaciali, quando il ghiaccio ha coperto le zone costiere e gran parte dell'oceano globale. Il ghiaccio è stato accumulato a miglia di profondità sulla terra, rendendo estremamente difficile per gli ecosistemi fornire cibo sufficiente. Naturalmente, aree di calore relativo, che i biologi della popolazione chiamano refugia, esistono sempre. Potrebbero anche essere la chiave per spiegare come gli orsi polari sono sopravvissuti all'ultimo massimo glaciale circa 21,000 anni fa.

I cosiddetti "ambientalisti", che sembrano permettere all'emozione irragionevole e al pregiudizio politico di rimpiazzare il pensiero razionale e la scienza del suono, si arrabbiarono molto quando chiesi loro se avrebbero preferito vedere un miliardo di orsi polari invece di 20,000– 30,000 vive ora. La vera minaccia per gli orsi polari era la caccia non regolamentata, che ha ridotto la popolazione a forse meno degli orsi 5,000 nei primi 1970.

Dopo il Accordo 1973 di novembre per regolare la caccia e la caccia fuorilegge da aerei e rompighiaccio, la popolazione di orsi polari è rimbalzata. Con 2017 si stava avvicinando a 30,000. In 2016 un sondaggio del governo di Nunavut ha rilevato che una popolazione vulnerabile nella regione occidentale della baia di Hudson era stabile da almeno cinque anni.

Dovrei dire categoricamente che questa paura dell'orso polare è la prova dell'illusione di massa promossa da il gruppo pensa. Come uno scienziato fisico piuttosto che un biologo, sono generalmente riluttante a essere coinvolto in argomenti come il influenza del clima on popolazione di orsi polari, salute e biologia. Ma in 2002, Markus Dyck mi ha chiesto di esaminare in modo indipendente queste strane e insopportabili affermazioni degli estremisti ambientali che sono gli orsi polari minacciato di estinzione dal riscaldamento globale.

Considera i fatti. Da 6,000 a 10,000 anni fa, la Terra era considerevolmente più calda di oggi. Eppure gli orsi polari sopravvissero. In effetti, si erano evoluti dagli orsi bruni terrestri alcuni 150,000 a 200,000 anni fa, e fino ad oggi hanno allevato i loro cuccioli in tane a terra scavate nella neve.

I lettori curiosi della falsa affermazione di Al Gore secondo cui un sondaggio scientifico aveva scoperto che gli orsi polari stavano annegando perché non riuscivano a trovare il ghiaccio, dovrebbero vedere i miei discorsi su come sono gli ambientalisti la vera minaccia per gli orsi polari.

Il sondaggio citato da Gore nella sua commedia horror di fantascienza ha infatti scoperto che erano appena annegati solo quattro orsi polari, tre dei quali molto vicini alla terra, e che erano morti a causa dei forti venti e delle alte onde in un'eccezionale tempesta artica. Gli autori dell'articolo furono in seguito vittime dei loro colleghi accademici su istigazione di estremisti ambientali perché avevano affermato - correttamente - che era stata la tempesta, e non il riscaldamento globale, a uccidere gli orsi.

Inoltre, nelle dozzine di anni prima dell'indagine, l'estensione del ghiaccio marino nel Mare di Beaufort, dove si è svolta l'indagine, è effettivamente aumentata leggermente. In nessun momento la storia di Al Gore era vera. In 2007 l'Alta Corte di Londra ha condannato Gore per le sue false dichiarazioni sugli orsi polari, la cui classificazione Linnaeana è Ursus Maritimus - l'orso del mare. Ora si sa che possono nuotare per più di miglia 100 per periodi di diversi giorni. Al Gore non ha nemmeno potuto guidare una moto così lontana.

Un aspetto positivo del mio lavoro scientifico è che ho stretto amicizia con molti cercatori di verità. Un esperto di orsi polari, Professoressa Mitch Taylor della Lakehead University,mi ha detto tardi in 2017:

Appena finito nello stretto di Davis con campioni di DNA 275. Quest'anno gli orsi erano in condizioni migliori di quanto non fossero durante gli anni di studio 2005 – 2007. Gli orsi dell'isola di Wrangel nella foto sono in buone condizioni, ma gli orsi dello stretto di Davis erano persino più grassi. Markus [Dyck] ha trovato lo stesso nell'area di Cape Dyer. La popolazione locale conferma che gli orsi sono molto grassi quest'anno e stanno anche segnalando un grande aumento delle foche dagli anelli (immigrazione, non produttività locale).

I lettori appassionati che potrebbero desiderare informazioni solide e frequenti aggiornamenti scientifici sulla salute generale e le tendenze di tutte le sottopopolazioni di orsi polari 19 dovrebbero visitare il sito Web di un'altra mia amica, la dott.ssa Susan Crockford: http://polarbearscience.com.

Canlorbe: Il cambiamento climatico non è sicuramente una novità. È un comportamento ciclico di lunga data del nostro pianeta, che oscilla da tempo tra glaciazioni e periodi caldi interglaciali. Dovremmo diagnosticare Madre Natura con un disturbo bipolare?

Dr. Presto: Il sistema climatico terrestre oscilla dinamicamente tra le condizioni della ghiacciaia e della serra nel tempo geologico o, in misura minore, tra i climi glaciali e interglaciali degli ultimi 1-2 milioni di anni. Ma, come per molte domande interessanti sul clima terrestre, non esiste una risposta certa. I dati non supportano account troppo semplicistici.

Aumento del livello del mare - madre di tutte le paure

Sono stato affascinato dallo scoprire che il cambiamento dei livelli del mare, compresi i livelli estremamente alti del mare globale 65 – 250 piedi (20 – 75 m) al di sopra della media di oggi, si è verificato durante l'era della "serra". Non è necessario che un'enorme calotta di ghiaccio per il livello del mare sia elevata, principalmente perché le zone costiere e i bacini oceanici della Terra possono essere più porosi e capienti di quanto si possa immaginare. In effetti, studi geologici profondi forniscono buone prove a sostegno della mia posizione. Ho incluso queste prove empiriche in un saggio Di recente ho scritto insieme a Viscount (Christopher) Monckton di Brenchley.

Oltre alla forma e alla profondità in continua evoluzione dei bacini oceanici e dei confini delle zone costiere, si deve anche tenere presente il "Terra che perde": Sembra che ci sia uno scambio continuo di acqua tra il fondo dell'oceano e la crosta terrestre, come ha dimostrato il professor Shige Maruyama del Tokyo Institute of Technology.

Il livello del mare è aumentato dai piedi di 400 negli ultimi anni di 10,000. Negli ultimi anni di 200 è cresciuto di circa 8 pollici al secolo, e questo ritmo potrebbe continuare. Ha poco a che fare con il riscaldamento globale e molto altro con i cicli climatici a lungo termine. Infatti, il livello del mare è salito così lentamente che gli scienziati estremisti ambientali hanno manomesso i dati grezzi aggiungendo un "adattamento isostatico globale" immaginario (e immaginario), torturando i dati fino a quando non mostrano un tasso di innalzamento del livello del mare che ha in realtà non si è verificato.

Il mio esame del sistema climatico terrestre si estende oltre il sistema solare per includere il nostro posto nella galassia. Quando nacque il sistema solare, eravamo 1 – 3 kiloparsecs più vicini al centro galattico di oggi. Ora siamo 8 kiloparsecs dal centro galattico.

Il sistema solare va alla deriva lungo il onda a spirale di densità che orbita attorno al centro della galassia ogni quarto di miliardo di anni. A volte, il sistema solare si trova sopra o sotto il piano del disco galattico. Inoltre, dobbiamo considerare l'evoluzione del Sole dal suo nucleo a combustione termonucleare alla sua termosfera esterna. Inoltre, per 4.5 miliardi di anni i pianeti hanno continuato a spingere e trascinare il Sole attorno al baricentro del sistema solare.

Fu 13.82 miliardi di anni fa che, al momento della creazione, che ora chiamiamo Big Bang, Dio disse: Lascia che ci sia luce e che ci sia luce. Il sistema solare, incluso il nostro pianeta, è quindi un terzo antico dell'universo conosciuto. Il nostro posto e il nostro tempo nell'universo non possono essere ignorati nella valutazione del clima. La proposta originale di risolvere il Debole paradosso del giovane sole by WeiJia Zhang dell'Università di Pechino riguardava la rilevanza del flusso di espansione di Hubble nell'influenzare la distanza media tra il Sole e la Terra nel tempo geologico. Bisogna anche considerare l'interazione della nostra galassia con il passaggio di sistemi stellari, in particolare il prossima fusione (in pochi miliardi di anni) tra la Via Lattea e la galassia Andromeda M31 per formare la Cluster di Milkomeda. Questo evento molto probabile si verificherà entro i cinque miliardi di anni di vita del Sole. La gravità governa anche su distanze molto grandi.

Queste sono solo alcune delle considerazioni che mi portano a insistere sull'essere aperto nel perseguire il mio studio scientifico. Studio il Sole principalmente per migliorare la mia comprensione. Come diceva il coro greco di AE Housman: "Chiedo solo perché voglio sapere".

È il sole, stupido!

Canlorbe: Suggerisci che il comportamento del Sole è la forza trainante del riscaldamento climatico, non dei fumaioli industriali, dell'espansione urbana o dei nostri peccati di emissione. Vuoi ricordarci le pietre miliari della tua ipotesi?

Dr. Presto: Per un quarto di secolo ho studiato l'ipotesi che la radiazione solare stia causando o perlomeno modulando le variazioni climatiche per periodi di diversi decenni. Il rapporto più aggiornato della mia ricerca sulla connessione sole-clima è in a capitolo Io e il mio collega Dr. Sallie Baliunas abbiamo contribuito a un libro in onore del mio defunto collega, il professor Bob Carter dell'Australia (1942 – 2016). Per i fanatici della scienza più seri, un documento più pieno, con i miei due eccellenti colleghi irlandesi, i Connollys pere et fils, vale la pena leggere. Se i tuoi lettori hanno difficoltà a trovare queste opere, contattami.

Ho cercato le migliori prove empiriche per mostrare come i cambiamenti nella radiazione solare in entrata, spiegati da modulazione magnetica solare intrinseca dell'irradiamentouscita così come planetaria modulazione della distribuzione stagionale della luce solare, influenza le proprietà termiche della terra e del mare, comprese le temperature. A sua volta, il cambiamento di temperatura influisce sul vapore acqueo atmosferico e sui componenti più dinamici di Insolazione da equatore a polo e di gradienti di temperatura che variano in tempi da decenni a centinaia di anni.

Ai lettori potrebbe piacere seguire l'ipotesi originale di una connessione tra il Sole e il clima avanzata dal team guidato dal mio eccellente collega Professor Hong Yan dell'Institute of Earth Environment, Chinese Academy of Sciences di Xi'an, Cina. Il nostro documento esamina come la radiazione solare in arrivo modula l'espansione e il restringimento delle cinture di pioggia in regioni dinamicamente attive come la piscina calda del Pacifico occidentale. UN secondo esempio mostra come le piogge monsoniche estive indiane siano correlate a una metrica specifica per la radiazione solare in arrivo.

A terzo esempio sarebbe la ricerca su come l'irraggiamento solare in entrata influenza i record di temperatura del termometro cinese, dimostrando che per periodi di molti decenni le variazioni dell'irradiazione solare totale nell'atmosfera superiore sono state accompagnate da variazioni della superficie.

Considero questo risultato empirico, rilevabile nonostante le complessità dei campi di nuvole all'interno della colonna atmosferica, della massima importanza. Dopotutto, siamo sulla buona strada nello studio delle radiazioni solari (piuttosto che qualcos'altro) come driver e modulatore della maggior parte delle cose climatiche.

Il minimo di Maunder

Canlorbe: Il minimo di Maunder, noto anche come "minimo prolungato di macchie solari", è stato l'oggetto di un libro scritto insieme a Steven H. Yaskell in 2003. Per i non addetti ai lavori, vorresti spiegare i fenomeni stellari osservati durante questo periodo?

Dr. Presto: Il minimo di Maunder fu in effetti un periodo molto notevole nello studio dell'attività delle macchie solari o, più specificamente, del magnetismo del Sole. Durò da 1645 – 1715, coprendo la maggior parte del regno del Re Sole (Luigi XIV, 1638 – 1715; Regnavit Può 14, 1643 a settembre 1, 1715). Anzi, il ritardo Jack Eddy (1931 – 2009) amava diffondere questo fatto affermando che "il regno del Re Sole sembra essere stato un momento di vera anomalia nel comportamento del Sole".

Un'altra coincidenza interessante è il fatto che Saint-Gobain, i fabbricanti del vetro per la Sala degli Specchi di Versailles, hanno anche realizzato gli specchi per il telescopio 60 pollici presso l'Osservatorio del Monte Wilson dove i miei colleghi (in particolare Dr. Sallie Baliunas) e studiavo le variazioni nell'attività delle stelle di tipo solare. Da queste osservazioni, siamo stati in grado di confermare la fase generale simile al Maunder-minimo del magnetismo solare stellare.

Ho lavorato con Steve Yaskell nello scrivere questo libro come lavoro d'amore. Il nostro primo scopo era quello di onorare le intuizioni dei due osservatori dedicati della nostra stella, E. Walter Maunder (1851 – 1928) e Annie Maunder (1868 – 1947). Volevo anche respingere l'arroganza e la scarsa borsa di studio che avevo notato tra gli scienziati del clima. I professori Raymond Bradley e Philip Jones, per esempio, avevano affermato con grande certezza in uno dei loro libri che il geologo Francois Emile Matthes (1874 – 1948) aveva originato il termine “Piccola era glaciale” che è approssimativamente coincidente con il periodo del Maunder Minimo. Tuttavia, una piccola ricerca (vedi pp. 208-209 del nostro libro) mostra che Matthes aveva attribuito la frase non a se stesso ma a "un giornalista intelligente".

Solo pochi decenni prima che Luigi XIV salisse al trono di Francia, Galileo Galilei (1564 – 1642) e altri avevano osservato per la prima volta le macchie solari. Durante i tempi più moderni, i Maunders, riesaminando i registri delle macchie solari conservati presso il Royal Observatory di Greenwich, in Inghilterra, stabilirono il famoso diagramma a farfallache mostra la distribuzione quasi simmetrica delle macchie solari tra circa 40 ° N e 40 ° S durante il ciclo solare 11 - una farfalla per ciclo.

La particolarità del minimo di Maunder è il fatto che durante quel periodo le macchie solari apparivano a malapena nell'emisfero settentrionale del Sole e, quando apparivano nella parte meridionale, le macchie scure erano molto strette all'interno di una banda stretta 20 gradi rispetto all'equatore solare. Queste informazioni sono disponibili in modo univoco grazie alle impeccabili osservazioni telescopiche dell'Observatoire de Paris. La mia defunta collega, Elisabeth Nesme-Ribes (1942 – 1996), descrisse molto poeticamente questo periodo come quello delle “ali di farfalla spezzate”.

I diagrammi a farfalla dell'attività delle macchie solari da 1666 – 1719 (a sinistra) erano in contrasto con 1945 – 1990 (a destra). Da JC Ribes ed E. Nesme-Ribes (1993) Il ciclo delle macchie solari nel minimo di Maunder, 1645 – 1715, Astronomia e astrofisica 276: 549, fig. 6.

Talvolta si dice che il minimo di Maunder fosse semplicemente un'illusione o una confusione. Tuttavia, diversi colleghi e io, guidati dalla professoressa Ilya Usoskin dell'Università di Oulu, in Finlandia, siamo stati in grado di farlo affermare la realtà del minimo di Maunder riassumendo tutte le prove disponibili, compresa la conferma del più ampio fenomeno di Grand Minima come dedotto da isotopi cosmogenici e altri proxy per l'attività solare pre-strumentale.

Canlorbe: Secondo molti, le previsioni dell'IPCC basate su modelli computerizzati sono leggermente migliori delle carte dei Tarocchi e delle previsioni astrologiche. Data la tua esperienza in fisica solare e stellare, vedi solide ragioni per non considerare l'astrologia affidabile?

Dr. Presto: Sono confuso dalla domanda. Come scienziato, non vedo né prove né alcun meccanismo attraverso il quale le posizioni relative di oggetti celesti molto distanti possano aiutarci a prevedere se qualcuno di noi "incontrerà uno sconosciuto alto e oscuro" o vincerà la lotteria. Però, un'area attiva di indagine scientificachiede perché e come varia il magnetismo del sole. Può darsi che sia modulato da oscillazioni inerziali all'interno del corpo del plasma del Sole a causa delle perturbazioni causate dai pianeti e principalmente dai giganti gassosi, Giove e Saturno. Ma questa è astronomia, non astrologia. L'astronomia è chiaramente all'interno del regno scientifico, ma la divinazione per mezzo dell'astrologia, altrettanto chiaramente, non lo è.

A questo punto, vorrei dire qualcosa sull'uso improprio dei modelli climatici informatici da parte dell'IPCC delle Nazioni Unite come una presunta modalità "scientifica" di dividere il clima terrestre sul prossimo 20, 50, 100, 1,000 o addirittura anni 100,000. Il dottor Dallas Kennedy ha coniato la frase "approssimazioni numeriche incontrollate" per tutte le simulazioni dei modelli climatici incompatibili con il clima osservato e insufficientemente esaminate.

Lo stato attuale della nostra comprensione dell'evoluzione dinamica e della variabilità del clima terrestre, sia in ambito osservazionale che teorico, è così immaturo che, come scienziati prudenti e attenti, dovremmo fermarci e pensare. Sono fiducioso che, anche se fossimo in grado di trovare un “accordo” tra i risultati dell'attuale generazione di modelli climatici e le misurazioni e le osservazioni disponibili, dovremmo essere cauti, perché possiamo essere quasi 100% certi che l'apparente l'accordo è fondamentalmente errato.

Facciamo attenzione al cautela cresciuto dal fisico atmosferico più esperto del mondo, il professor Richard Siegmund Lindzen del Massachusetts Institute of Technology:

Ciò che gli storici sicuramente si chiederanno nei secoli futuri è quanto la logica profondamente imperfetta, oscurata dalla propaganda accorta e inesorabile, abbia effettivamente permesso a una coalizione di potenti interessi speciali di convincere quasi tutti nel mondo che le emissioni di CO2 dall'industria umana era una tossina pericolosa che distrugge il pianeta. Sarà ricordato come la più grande illusione di massa nella storia del mondo - quella CO2, la vita delle piante, è stato considerato per un certo tempo un veleno mortale.

La filosofia della scienza

Canlorbe: Il Sole ha ispirato una famosa analogia nella teoria delle forme di Platone: vale a dire, che il Sole, come dice il sesto libro di La Repubblica, ci consente di vedere le cose materiali nel mondo visibile, proprio come l'Idea del Bene ci permette di comprendere concetti incorporei o astratti nel regno intelligibile. Qualsiasi entità esistente nel mondo visibile è intelligibile solo in virtù di un'idea corrispondente che gli conferisce un ordine, un senso e un'identità. E l'Idea del Bene è il Sole divino che ci permette, una volta afferrato, di conoscere tutte le Idee esistenti nel mondo intelligibile. Come debunker di "scientismo", riconosci una certa rilevanza per questo concetto platonico di indagine scientifica?

Dr. Presto: Sono d'accordo con l'affermazione presentata da Giustizia Louis Brandeis (1856 – 1941) quello "Se la luce del giorno potesse essere lasciata entrare nelle azioni degli uomini, li purificherebbe mentre il Sole disinfetta". La trasparenza in tutte le questioni umane, compresi i nostri sforzi scientifici, è essenziale.

Onestamente, sono meno un filosofo epistemologico che un filosofo naturale - un semplice scienziato umile o, se vuoi, un "maleducato meccanico" shakespeariano. Sottoscrivo il principio di David Mermin: "Stai zitto e calcola!" La scienza inizia con prove quantitativamente esprimibili e applica a tali prove la manipolazione onesta, attenta e disciplinata dei numeri che chiamiamo matematica. La matematica, quindi, è allo stesso tempo il linguaggio della scienza e la sua valuta. Nell'indagine scientifica, la trasparenza pienamente aperta e obiettiva (in particolare per quanto riguarda la metodologia e l'apertura dei set di dati) è il requisito più importante. Sfortunatamente, dopo più di un quarto di secolo lavorando nella scienza del clima, ho visto in prima persona che queste semplici regole della scienza sono troppo spesso onorate più nella violazione che nell'osservanza.

Per testimoniare quanto siano stati dannosi i processi imperfetti nella scienza del clima, consiglio vivamente di leggere il raffinato saggio del professor Lindzen intitolato "Scienza del clima - è attualmente progettato per rispondere alle domande?"

Per maggiori dettagli sul livello di corruzione e disonestà che prevale nella scienza del riscaldamento globale, raccomando il mio recente discorso tenuto durante l'incontro 2017 di Doctors for Disaster Preparedness: https://youtu.be/aYAy871w9t8. Per sfatare il popolare "scientismo", raccomando un articolo serio che ho scritto con il mio defunto amico, il professor István Markó (1956 – 2017) per Breitbart.

Ci sono scienziati e ci sono semplici propagandisti. Ad esempio, Bill Nye, il sedicente "Ragazzo di scienza", è in verità Bill Nye il ragazzo di propaganda totalitaria. Nel dirlo come se fosse per Bill Nye, Luke Barnes detto questo:

In un'epoca in cui un certo numero di eminenti scienziati hanno detto cose profondamente idiote sulla filosofia, Bill Nye, il "ragazzo di scienza" ha prodotto il Discorso di Gettysburg sull'ignoranza filosofica. Sarebbe difficile scrivere una parodia che comprimesse più stupidità e superficialità in 4 minuti.

Vorrei chiudere questa risposta sulla filosofia della scienza citando il professor Chris Essex dell'Università dell'Ontario occidentale, da la sua recensione del libro Il clima cappero di Garth Paltridge:

L'anti-scetticismo non è scienza. Nella migliore delle ipotesi è una specie di para-scienza, perché lo scetticismo è inerente al processo scientifico. Questa para-scienza è la forza senza precedenti, potente, ben finanziata, non gli scettici molto diffamati. Anche le compagnie petrolifere vanno contro il cliché e finanziano. È lo scetticismo inerente alla scienza che è alle prese con. Tutto il resto è illusione e bugie. Ecco come la scienza è stata danneggiata. ... Molti scienziati, incluso me, sono preoccupati che l'umanità abbia pagato un prezzo troppo alto nella scienza subordinata a questi programmi. Tra anni, gli storici ripenseranno a questo periodo come straordinario. Il grande fervore sociale era per qualcosa che sembra solo scienza. È della scienza ma manca il cuore della scienza. Ci vorranno generazioni per raccogliere i detriti, ma questo periodo alla fine ci dirà molto più di noi stessi della natura. Presto finirà. Se il destino non è seguito, i turisti di scienze climatiche partiranno per altre commissioni.

Canlorbe: Se posso in qualche modo riformulare l'affermazione della seconda legge della termodinamica di Rudolf Clausius, l'entropia totale di un sistema sufficientemente isolato, indipendentemente da dove si trova nell'universo, tende al massimo. Non è raro sentire che la Seconda Legge è smentita dalla storia immaginata del cosmo, dato che l'universo, dalle primissime particelle e atomi alle più avanzate civiltà umane, sembra essersi evoluto costantemente verso gradi più alti di ordine e complessità. Un'altra opinione è che la Seconda Legge rimane vera, sebbene la vita sulla Terra, che riceve continuamente energia dal Sole e che non è, quindi, un sistema isolato, sembra a prima vista violare la Legge. Come astrofisico specializzato in attività solare, come reagisci alle argomentazioni contro l'universalità e la verità della Seconda Legge?

Dr Presto: Prima di rispondere, è interessante che tu sollevi il nome di Rudolf Clausius (1822 – 1888), perché la derivazione di Clausius, insieme a Emile Clapeyron (1799 – 1864), della relazione Clausius-Clapeyron tra la temperatura dello spazio atmosferico e la capacità di quello spazio di trasportare vapore acqueo è fondamentale per la costruzione di una vera teoria del clima.

Per quanto riguarda la riformulazione della Seconda Legge a seguito della sua formulazione originale di Sadi Carnot (1796 – 1832), Clausius, di tutti i cittadini dell'universo, ha capito che la vita sulla Terra è resa possibile grazie all'energia del Sole. I fotoni a bassa entropia iniziano il loro viaggio sulla Terra a una temperatura di circa 6,000 K. Quando raggiungono l'atmosfera superiore, l'entropia ha già fatto il suo lavoro e mantengono la Terra a una temperatura 20 volte inferiore di quello in cui hanno iniziato il loro viaggio di otto minuti.

Per portare questa risposta sulla Terra (gioco di parole intenzionale) e riportare l'attenzione sul clima, è da tempo realizzato che l'applicazione rigorosa della conservazione dell'energia da sola potrebbe non cedere alla piena comprensione delle variazioni climatiche. A partire dagli 1980, un campo attivo di ricerca scientifica è stato sviluppato dai guru del principio della massima entropia nei modelli climatici, come scienziati fantasiosi come Garth Paltridge, di cui ho già parlato in precedenza. Se uno è interessato a questo argomento esoterico, c'è un recente documento considerare l'entropia come la quantità primaria emergente per descrivere la natura degli accoppiamenti e delle interazioni nel sistema climatico.

Devo anche sottolineare che la teoria del riscaldamento dei gas a effetto serra non viola, come talvolta si pensa, la Seconda Legge. Non è la teoria che è sbagliata, ma la modellazione errata che porta notevolmente la climatologia ufficiale a sovrastimare il riscaldamento che si verificherà quando torneremo nell'atmosfera una piccola frazione dell'anidride carbonica che proviene dall'atmosfera in primo luogo.

Come avrai raccolto, sono un filosofo naturale e non un filosofo epistemologico o morale. La mia lingua non è quella della teologia o dell'ideologia ma della scienza. Concludo la mia risposta alla tua domanda dicendo che sono semplicemente felice di essere vivo, seguendo la freccia del tempo strettamente unidirezionale, come prova che la Seconda Legge della Termodinamica è solida.

Nonostante l'atmosfera folle e altamente corrotta che esiste nel teatro della scienza del clima, scienziati sensibili, solidi e attivi come Bjarne Andresen e Christopher Essex porre domande significative e cercare risposte ragionevoli. Sono contento di cercare argomenti in cui posso aggiungere alla comprensione scientifica delle complesse dinamiche fluide del clima terrestre.

Hothead e caldo

Canlorbe: A volte si pensa che gente del Sud America, Africa, Italia e Medio Oriente abbia livelli elevati di testosterone e, di conseguenza, una propensione a risolvere i conflitti politici attraverso la violenza. Queste popolazioni sono pensate come a sangue caldo, o anche a testa calda, a causa dei climi caldi in cui vivono. Accolgo calorosamente questa ipotesi o nega caldamente?

Dr Presto: Sono molto felice di ricevere una domanda del genere, poiché cerco sempre di capire fino a che punto la vita dipende e viene influenzata dal Sole.

Il professor John Todd dell'Università di Cambridge lo ha recentemente fatto pubblicato un documento che si concentra su come alcuni geni umani 5,135 su 22,822 studiati per l'immunità e la fisiologia generale hanno mostrato dipendenza stagionale dalla luce solare in arrivo. Questa constatazione che il Sole influenza direttamente circa un quarto del nostro genoma aggiunge una visione profonda e possibilmente legittimità alle affermazioni generali che elenchi sopra. Ma cosa ancora più importante, offre un approccio adeguato e scientifico a tale domanda. Questo è il motivo per cui non è una sorpresa completa che Premio Nobel 2017 in medicina è stato dato per la scoperta di "meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano". Ma cosa ancora più importante, offre un approccio adeguato e scientifico a tale domanda.

In effetti, per quello che vale, in 1927 Sir Arthur Eddington (1882 – 1944), a pagina 9 del suo libro Stelle e atomi, osservato che l'altezza di un uomo (2 m) è circa la metà del diametro di un atomo (2 x 10-10 m) e quello del sole (2 x 109 m): "Quasi a metà strada tra l'atomo e la stella c'è un'altra struttura non meno meravigliosa: il corpo umano".

Recenti statistiche da siti 380 in Australia, Brasile, Canada, Cina, Italia, Giappone, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Taiwan, Tailandia, Regno Unito e Stati Uniti mostrano che il freddo uccide 20 volte più persone di tempo caldo. Inoltre, l'90% delle specie del mondo prospera nei tropici e ai poli esiste meno dell'1%.

Dobbiamo distillare la questione in un nucleo risolvibile ed esaminarla correttamente attraverso la metodologia scientifica. Di recente ho dato una chiacchierata sulle potenti relazioni tra i vari cofattori tra cui la luce solare stagionale, i cambiamenti stagionali della temperatura, il livello del mare e persino l'attività tettonica che si estende alle ere glaciali quaternarie bipolari e ai periodi caldi interglaciali degli ultimi 2.6 milioni di anni.

Gli ambientalisti sono fascisti?

Canlorbe: Sebbene i movimenti ambientalisti e autoproclamati antifascisti condividano ovviamente la dimensione totalitaria del fascismo italiano - almeno nella sua versione finale - potrebbero non condividere l'antropologia e la visione della natura che erano al centro dell'ideologia fascista. Come scrisse Benito Mussolini in The Dottrine of Fascism, pubblicato su 1932, “Il fascismo vuole che l'uomo sia attivo e si impegni in azione con tutte le sue energie; vuole che sia consapevolmente virile delle difficoltà che lo assillano e pronto ad affrontarli. ... Da qui l'alto valore della cultura in tutte le sue forme (artistico, religioso, scientifico) e la straordinaria importanza dell'educazione. Da qui anche il valore essenziale del lavoro, mediante il quale l'uomo soggioga la natura e crea il mondo umano (economico, politico, etico e intellettuale). ”Il conservatorismo trumpiano o il socialismo verde si avvicinano allo spirito del fascismo storico come espresso sopra?

Dr. Soon (con l'aiuto di Christopher Monckton di Brenchley): Il fascismo, il nazionalsocialismo, il socialismo internazionale e il comunismo sono tutti esempi sfiguranti e reciprocamente indistinguibili del totalitarismo che i filosofi politici della prima Cina imperiale hanno escogitato come "legalismo" e i filosofi francesi come étatisme, intégrisme e dirigismo. La teoria politica contrastante era ed è nota ai pensatori cinesi come confucianesimo e a noi come libertarismo e democrazia.

Mussolini non agì più sui sermoni che suonava bene che predicava di Hitler, Lenin, Stalin o Mao Tse-Tung. Ognuno di questi mostri, qualunque cosa abbiano predicato sull'importanza della scienza, ha mostrato la stessa propensione a interferire con esso, a politicizzarlo e a renderlo conforme a qualche Linea del Partito noiosa ma pericolosa, ingegnosa ma ignorante, commerciabile ma omicida come ambientalista internazionale socialismo fa oggi.

Alcuni 250 milioni di persone sono state uccise dai regimi totalitari dell'estrema sinistra - i comunisti, i nazisti e i fascisti - nel corso del secolo dalla triste rivoluzione di ottobre di 1917. Capirai quindi che non sono d'accordo con il tuo apparente tentativo di affermare che il presidente Trump è un fascista: poiché i suoi sostenitori sosterrebbero senza dubbio che ha parlato e recitato per quei lavoratori che i "democratici" totalitari, con i loro inutilmente costosi regime di tasse, oneri e regolamenti intesi a distruggere le industrie del carbone, del petrolio e del gas e le molte altre industrie che dipendono da esse, erano state abbandonate volutamente. E non bisogna mai dimenticare che il socialismo ambientalista moderno è stato inventato da Hitler in Mein Kampf come metodo per esercitare quel controllo delle dita su ogni aspetto della vita e del lavoro delle persone che tutti i totalitari bramano.

Tali domande, tuttavia, sono più politiche che scientifiche. Oltre a dire che la scienza tende a essere corrotta da nozioni crudeli come l'eugenismo o il lisenkoismo sotto regimi totalitari e a prosperare in un clima di libertà, mi rifiuto rispettosamente di rispondere alla tua domanda. Non faccio politica, come fanno i socialisti ambientalisti. Faccio scienza. Come diceva Lucrezio, Felix qui potuit rerum cognoscere causas - felice è colui che trova il perché delle cose. La scienza è il mio essere tutto e fine.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Jens

Sono aperto allo scetticismo dei cambiamenti climatici ma il dottor Soon deve essere in grado di commentare le accuse secondo cui è finanziato da Exxon, Koch ecc.

Patrick Wood

Il dottor Soon ha risposto pubblicamente a queste accuse molte volte e afferma che sono assolutamente false.

Patrick Wood

Il dottor Soon ha risposto pubblicamente in diverse occasioni e la sua risposta è chiara: tali accuse sono assolutamente false.