L'Internet of Things sta diventando più difficile sfuggire

Youtube
Per favore, condividi questa storia!

La connettività umana e meccanica è destinata a diventare onnipresente e inevitabile, ma le macchine sono controllate da altri, portando alla dittatura scientifica autocratica. La società non capisce il grave pericolo che la attende.  Editor TN

Dopo una lunga giornata, molti di noi cercano di impostare la nostra tecnologia e di disconnettersi dal mondo che ci circonda. Ma, secondo un nuovo rapporto dal Pew Research Center e dall'Imagining the Internet Center della Elon University, nei prossimi anni, ciò diventerà molto più difficile da fare.

Quasi la metà della popolazione mondiale è connessa online. E la tecnologia incombe costantemente nelle nostre vite: il Termostato Nest regola la temperatura della nostra famiglia, a la telecamera guarda i nostri cani, la nostra salute è costantemente monitoratie la tecnologia mantiene il nostro case sicure quando siamo al lavoro.

L'Internet delle cose continuerà a diffondersi da qui al 2026, fino a quando la connettività tra uomo e macchina non diventerà onnipresente e inevitabilmente presente, secondo gli esperti che hanno partecipato a quello che Pew ha descritto come un "sondaggio non scientifico".

A circa 1,200 partecipanti è stato chiesto: "Poiché automobili, dispositivi medici, smart TV, apparecchiature di produzione e altri strumenti e infrastrutture sono collegati in rete, è probabile che attacchi, hack o problemi di ransomware nel prossimo decennio indurranno un numero significativo di persone a decidere di disconnettersi , o la tendenza verso una maggiore connettività di oggetti e persone continuerà senza sosta? "

Le risposte che davano stavano dicendo: 15 percento disse che un numero significativo di persone si sarebbe disconnesso mentre 85 percento disse che la maggior parte delle persone si sarebbe semplicemente spostata più profondamente nella vita connessa.

Indagine Highlights

Lo scollegamento è inutile e il collegamento è inevitabile.

È già difficile creare una distanza dalla tecnologia che ci circonda, ma con l'aumentare della connettività potrebbe diventare impossibile farlo.

Marti Hearst, un professore dell'Università della California, Berkeley, dice proprio questo.

"Le aziende, le case, le automobili e persino i loro vestiti delle persone monitoreranno ogni loro mossa e potenzialmente anche i loro pensieri", dice. “Le città connesse seguiranno dove e quando le persone camminano, inizialmente per illuminare la loro strada, ma alla fine per monitorare ciò che fanno e dicono. I muri delle aziende avranno minuscoli sensori incorporati, inizialmente per monitorare tossine e terremoti, e alla fine per monitorare la condivisione di intrusi e segreti aziendali. Le persone attualmente allacciano i monitor sui loro corpi per dire loro quanti passi fanno. Alla fine, tutti i fluidi in entrata e in uscita dai corpi verranno monitorati e registrati. La rinuncia sarà fuori dall'ordinario ed estremamente scomoda, proprio come lo sono oggi non portare con sé un dispositivo mobile e non usare un passaggio veloce in autostrada ".

Quindi, una volta che le persone sono coinvolte nel sistema, è difficile uscirne. E se non fossero stati coinvolti affatto?

Judith Donath del Berkman Klein Center for Internet & Society dell'Università di Harvard dice che in realtà non è una scelta che puoi fare.

"Le persone si sposteranno più profondamente nella vita connessa - e saranno anche trasferite lì, che lo vogliano o no", dice. “La connessione del mondo fisico alle reti di informazione consente la raccolta di una quantità inimmaginabile di dati su ciascuno di noi, rendendo possibile modellare da vicino il modo in cui pensiamo e ideare modi sempre più efficaci per influenzare il modo in cui agiamo e ciò in cui crediamo. Raggiungere questa capacità è straordinariamente prezioso per chiunque abbia qualcosa da vendere o promuovere ".

Le persone bramano la connessione e la convenienza su tutto il resto, e la tecnologia moderna serve questo bene.

Le persone sono abituate a rischiare e la maggior parte delle persone crede che le cose brutte non succederanno comunque a loro.

David Clark, ricercatore senior presso il MIT e membro della Internet Hall of Fame, afferma: “A meno che non si verifichi un disastro che inneschi un cambiamento importante nell'utilizzo, la comodità ei vantaggi della connettività continueranno ad attrarre gli utenti. Le prove suggeriscono che le persone oggi apprezzano la convenienza rispetto a possibili esiti negativi futuri ".

Che dire di hack tecnologici, come WannaCry e Bot Mirai?

Robert Atkinson, il presidente della Information Technology and Innovation Foundation, afferma che probabilmente non disturberà gli utenti quanto ci si potrebbe aspettare.

"La maggior parte degli adulti negli Stati Uniti guida auto anche se ciò comporta dei rischi", afferma. “La maggior parte degli adulti utilizzerà i dispositivi IoT anche se comportano dei rischi perché i benefici supereranno di gran lunga i potenziali rischi. Inoltre, con il progredire dell'IoT, la sicurezza migliorerà ".

Internet di cose potrebbe diventare più sicuro nel tempo.

Molti degli esperti intervistati hanno notato che l'Internet delle cose non è particolarmente sicuro così com'è, ma diventerà più sicuro man mano che più persone diventeranno consapevoli dei problemi.

Amy Webb, futurista e CEO del Future Today Institute, scrive: “La tecnologia può essere come il cibo spazzatura. Lo consumeremo, anche quando sappiamo che è un male per noi. Non esiste un proiettile d'argento. L'unico modo per prevenire efficacemente malware e violazioni dei dati è rimanere costantemente vigili. Per prendere in prestito un'analogia da "Game of Thrones", abbiamo bisogno di un "Night's Watch" per la sicurezza.

Perché quando si parla di Internet of Things e di violazioni dei dati, "l'inverno sta arrivando".

Le organizzazioni devono assumere personale sufficientemente esperto per monitorare e regolare i sistemi e per consentire loro di tenere il passo con gli hacker. Il personale IT e di sicurezza deve essere disposto a istruirsi, ad ammettere quando ha bisogno di aiuto e a richiedere che i dirigenti prendano decisioni in modo proattivo ".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti