Agenzie Intel per perfezionare il riconoscimento facciale dai droni

Per favore, condividi questa storia!
Ciò che non può essere monitorato non può essere controllato. Nella misura in cui può essere monitorato, può essere controllato. Questa è l'essenza della "scienza dell'ingegneria sociale" della Tecnocrazia che viene rapidamente applicata a tutti gli aspetti della società. ⁃ TN Editor

I ricercatori di intelligence e militari vogliono unire il riconoscimento facciale con altri metodi biometrici per identificare le persone da lunghe distanze e angoli ripidi.

La comunità dell'intelligence vuole mettere la tecnologia di identificazione biometrica sui droni, ma ha colpito un muro quando si tratta del biometrico più utilizzato: il riconoscimento facciale.

I programmi federali che sperimentano la tecnologia di riconoscimento facciale hanno scoperto che l'affidabilità dipende molto dall'illuminazione, dalla posizione della fotocamera e da altri fattori ambientali, elementi che sono quasi impossibili da controllare a lungo raggio. Ma i miglioramenti nella visione artificiale e nelle tecniche che tengono conto dell'intero corpo di un soggetto stanno aumentando le possibilità.

L'Intelligence Advanced Research Projects Activity, o IARPA, ha emesso un ampio sollecito di annuncio dell'agenzia per il suo ultimo tentativo di migliorare la biometria a distanza, il programma di riconoscimento e identificazione biometrica ad altitudine e distanza, o BRIAR.

"Il programma BRIAR mira a sviluppare sistemi basati su algoritmi software in grado di eseguire l'identificazione biometrica di tutto il corpo a lungo raggio e da piattaforme elevate", afferma l'invito, delineando un processo in tre fasi per prototipare e testare nuovi modi per incorporare più dati biometrici firme, come viso, andatura e tipo di corpo, per migliorare l'identificazione e la verifica a lunghe distanze e angoli ripidi.

"Molte comunità di intelligence e agenzie del Dipartimento della Difesa richiedono la capacità di identificare o riconoscere individui in scenari difficili, come a lungo raggio (ad esempio, 300+ metri), attraverso la turbolenza atmosferica, o da piattaforme di sensori elevate e / o aeree (ad esempio , Angolo di visione del sensore ≥20 ° da torri di guardia o veicoli aerei senza equipaggio ", secondo la sollecitazione pubblicata su beta.SAM.gov.

"Ampliare la gamma di condizioni in cui potrebbe essere eseguita un'identificazione biometrica accurata e affidabile migliorerebbe notevolmente il numero di missioni indirizzabili, i tipi di piattaforme e sensori da cui la biometria può essere utilizzata in modo affidabile e la qualità dei risultati e delle decisioni".

La chiamata di sollecitazione rileva che il riconoscimento facciale è "diventato sempre più la modalità biometrica più adatta per [comunità dell'intelligence] e missioni DOD", in particolare quando gli operatori non sono in grado di controllare i fattori ambientali, indicati nel documento come posa, illuminazione ed espressione, o Torta.

Mentre questi fattori, la posizione del soggetto, l'illuminazione intorno a loro e la loro espressione facciale, determinano la qualità dell'immagine e i successivi tentativi di corrispondenza, "Negli ultimi sei anni, ci sono stati notevoli progressi nella visione artificiale per facilitare il riconoscimento facciale senza vincoli" , afferma il documento.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti