Imperial College London: pseudo-scienza, modelli di computer incrinati e copertura

Imperial college
Per favore, condividi questa storia!
TN è stato uno dei primi a far esplodere il Prof.Neil Ferguson e l'Imperial College di Londra come gli unici autori del Grande Panico del 2020 su COVID. Il software di modellazione al computer di Ferguson è stato completamente screditato e tuttavia le bugie e gli insabbiamenti continuano. ⁃ TN Editor

Uno scambio affascinante si è svolto alla House of Lords del Regno Unito il 2 giugno 2020. Neil Ferguson, il fisico dell'Imperial College di Londra che ha creato il principale modello epidemiologico dietro i blocchi, ha affrontato il suo primo serio interrogativo sulle prestazioni predittive del suo lavoro.

Ferguson ha previsto catastrofici numeri di morti il ​​16 marzo 2020 a meno che i governi di tutto il mondo non adottassero la sua suite preferita di interventi non farmaceutici (NPI) per scongiurare la pandemia. La maggior parte dei paesi ha seguito il suo consiglio, in particolare dopo che i governi del Regno Unito e degli Stati Uniti hanno invocato esplicitamente il suo rapporto come giustificazione per i blocchi.

La squadra di Ferguson all'Imperial sarebbe arrivata presto rivendicare il credito per aver salvato milioni di vite attraverso queste politiche - una cifra a cui sono arrivati attraverso un esercizio ridicolmente non scientifico dove pretendevano di convalidare il loro modello utilizzando le proprie ipotetiche proiezioni come controfattuale di ciò che sarebbe accaduto senza blocchi. Ma l'udienza di giugno in Parlamento ha attirato l'attenzione su un altro test nel mondo reale del modello della squadra imperiale, basato su prove reali.

Mentre l'Europa scendeva al primo round del suo esperimento ormai durato un anno con le restrizioni sui rifugi sul posto, la Svezia ha notoriamente evitato la strategia raccomandata da Ferguson. In tal modo, hanno anche creato le condizioni per un esperimento naturale per vedere come si sono comportati i loro numeri di coronavirus rispetto ai modelli epidemiologici. Sebbene Ferguson avesse originariamente limitato il suo campo di applicazione agli Stati Uniti e al Regno Unito, un team di ricercatori dell'Università di Uppsala in Svezia ha preso in prestito il suo modello e lo ha adattato al loro paese con proiezioni altrettanto catastrofiche. Se la Svezia non si fosse chiusa entro la metà di aprile, secondo le previsioni del team di Uppsala, il paese avrebbe presto sperimentato 96,000 morti per coronavirus.

Ero una delle prime persone a richiamare l'attenzione su L'adattamento di Uppsala del modello di Ferguson risale al 30 aprile 2020. Anche in quella prima data, il modello mostrava chiari segni di vacillamento. Sebbene la Svezia sia stata duramente colpita dal virus, il bilancio delle vittime si è attestato a poche migliaia in un punto in cui l'adattamento dal modello di Ferguson prevedeva già decine di migliaia. Al traguardo di un anno, la Svezia ha registrato poco più di 13,000 decessi causati dal Covid-19 - un bilancio serio, ma più piccolo su base pro capite rispetto a molti stati di blocco europei e ben lontano dai 96,000 decessi previsti dall'adattamento di Uppsala.

L'implicazione per il lavoro di Ferguson rimane chiara: il modello principale utilizzato per giustificare i blocchi ha fallito il suo primo test nel mondo reale.

All'udienza della Camera dei Lord dell'anno scorso, membro conservatore Il visconte Ridley ha grigliato Ferguson sull'adattamento svedese del suo modello: "L'Università di Uppsala ha preso il modello dell'Imperial College - o uno di loro - e lo ha adattato alla Svezia e ha previsto morti in Svezia di oltre 90,000 entro la fine di maggio se non ci fosse il blocco e 40,000 se un completo il blocco è stato forzato. " Con tali disparità estreme tra le proiezioni e la realtà, come potrebbe la squadra imperiale continuare a guidare la politica attraverso il loro modello?

Ferguson si è ribellato, rinnegando qualsiasi connessione con i risultati svedesi: “Prima di tutto, non hanno usato il nostro modello. Hanno sviluppato un loro modello. Non abbiamo avuto alcun ruolo nella parametrizzazione. In generale, l'aspetto chiave della modellazione è quanto bene la parametrizzi rispetto ai dati disponibili. Ma per essere assolutamente chiari, non hanno utilizzato il nostro modello, non hanno adattato il nostro modello ".

Il modellatore dell'Imperial College non ha fornito alcuna prova che il team di Uppsala avesse commesso un errore nell'applicazione del suo approccio. Il dalla versione pubblicata del team di Uppsala rende assolutamente chiaro che hanno costruito l'adattamento svedese direttamente dal modello britannico di Imperial. "Abbiamo utilizzato un modello basato su agenti individuali basato sul framework pubblicato da Ferguson e colleghi che abbiamo reimplementato" per la Svezia, spiegano gli autori. Hanno anche riconosciuto che le loro proiezioni modellate superavano di gran lunga i risultati osservati, sebbene attribuissero le differenze in modo piuttosto discutibile a cambiamenti comportamentali volontari piuttosto che a un difetto nella progettazione del modello.

Il team di Ferguson ha comunque tentato in modo aggressivo di dissociarsi dall'adattamento di Uppsala del loro lavoro. Dopo che lo spettatore britannico ha richiamato l'attenzione sui risultati svedesi la scorsa primavera, L'Imperial College lo ha twittato “Il professor Ferguson e il team di risposta dell'Imperial COVID-19 non hanno mai stimato 40,000 o 100,000 morti svedesi. Il lavoro di Imperial viene fuso con quello di un gruppo di ricercatori completamente separato ". È una deviazione che Ferguson ei suoi difensori hanno ripetuto molte volte da allora.

A quanto pare, però, Ferguson e il team dell'Imperial College erano poco sinceri nei loro tentativi di dissociarsi dai risultati osservati della Svezia. Nelle settimane successive alla pubblicazione delle loro note proiezioni negli Stati Uniti e nel Regno Unito, Ferguson e il suo team hanno effettivamente prodotto una versione ridotta del loro esercizio di modellazione per il resto del mondo, compresa la Svezia. Non hanno ampiamente pubblicizzato le proiezioni a livello nazionale, ma l'elenco completo può essere trovato sepolto in un Microsoft Excel appendice al Rapporto # 12 dell'Imperial College, rilasciato il 26 marzo 2020.

I risultati delle proiezioni di Imperial per la Svezia sono quasi identici all'adattamento di Uppsala del loro modello britannico. Il team di Ferguson ha previsto fino a 90,157 morti in condizioni di diffusione "assoluta" (rispetto alle 96,000 di Uppsala). Nello scenario di "distanza sociale a livello di popolazione" inteso ad approssimare le misure di mitigazione dell'NPI come i blocchi, i modellisti imperiali hanno predetto che la Svezia avrebbe incorso fino a 42,473 morti (rispetto ai 40,000 dell'adattamento di Uppsala).

Il team imperiale non ha specificato il momento esatto in cui si aspettava che la Svezia raggiungesse il picco del suo focolaio. Possiamo ragionevolmente dedurlo dal loro precedente modello statunitense e britannico, che prevedeva che il "picco di mortalità (morti quotidiane) si sarebbe verificato dopo circa 3 mesi" dopo lo scoppio iniziale. Ciò collocherebbe il numero massimo di morti giornaliere della Svezia intorno a metà giugno, o quasi nello stesso periodo di tempo dell'adattamento della squadra di Uppsala.

modello imperiale

Figura I: modello dell'Imperial College per la Svezia, 26 marzo 2020

Si scopre che la linea di domande del visconte Ridley era corretta fin dall'inizio. L'adattamento di Uppsala del modello di Ferguson non solo ha previsto un numero di morti esagerato in Svezia. Le stesse proiezioni di Ferguson per la Svezia hanno avanzato numeri simili, tutti selvaggiamente fuori dal segno da quello che è successo.

Il modello multi-paese dell'Imperial College ha utilizzato le sue proiezioni precedenti e più famose per gli Stati Uniti e il Regno Unito per rivendicare la validità della sua serie più ampia di estrapolazioni internazionali. Come ha scritto il team di Ferguson il 26 marzo 2020: "Il nostro impatto stimato di uno scenario non attenuato nel Regno Unito e negli Stati Uniti per un numero di riproduzione, R0, di 2.4 (490,000 decessi e 2,180,000 decessi rispettivamente) corrisponde strettamente agli scenari equivalenti utilizzando microsimulazioni più sofisticate (510,000 e 2,200,000 morti rispettivamente) ”che hanno rilasciato poche settimane prima. Se le proiezioni di Stati Uniti e Regno Unito di Imperial corrispondessero, una validità simile potrebbe essere dedotta per gli altri paesi che hanno modellato nel rapporto multi-paese.

Il team dell'Imperial College intendeva che il suo modello multipaese guidasse la politica. Hanno invitato altri paesi ad adottare blocchi e relativi NPI per ridurre il bilancio delle vittime previsto dallo scenario "assoluto" a "allontanamento sociale". Come scrissero all'epoca Ferguson e i suoi colleghi, "[per] aiutare a informare le strategie nazionali nelle prossime settimane, forniamo qui statistiche riassuntive del potenziale impatto delle strategie di mitigazione e soppressione in tutti i paesi del mondo. Questi illustrano la necessità di agire tempestivamente e l'impatto che la mancata osservanza potrebbe avere sui sistemi sanitari locali ".

La mancata azione, continuarono, porterebbe a una catastrofe quasi certa. Come hanno scritto Ferguson e il suo team, "[l] solo gli approcci che possono evitare il fallimento del sistema sanitario nei prossimi mesi saranno probabilmente le misure di allontanamento sociale intensivo attualmente implementate in molti dei paesi più colpiti, preferibilmente combinate con alti livelli di test. " In breve, il mondo doveva entrare in un blocco immediato per scongiurare le catastrofi previste dal loro modello multipaese.

(Nota: l'Imperial College includeva anche un terzo possibile scenario di mitigazione per misure più severe in aggiunta agli NPI della popolazione generale, finalizzati a isolare ulteriormente le persone anziane e vulnerabili, prevedendo che potrebbe ridurre il numero della Svezia tra 16,192 e 33,878. Hanno ulteriormente modellato un quarto possibile " soppressione "che consisteva in un blocco grave che avrebbe ridotto i contatti umani del 75% per la durata della pandemia e li avrebbe mantenuti per un anno o più fino al raggiungimento della vaccinazione a livello di popolazione. Prevedeva 14,518 decessi. La Svezia chiaramente non ha adottato nessuna delle due questi approcci).

Un anno dopo possiamo ora guardare indietro per vedere come si sono comportate le proiezioni internazionali dell'Imperial College, prestando maggiore attenzione al piccolo numero di paesi che hanno respinto le sue raccomandazioni di blocco. I risultati non sono belli per Ferguson e indicano un chiaro modello di modellazione che ha sistematicamente esagerato il bilancio delle vittime previsto del Covid-19 in assenza di blocchi e relativi NPI.

La Figura II confronta le proiezioni del modello dell'Imperial College per il suo scenario di "allontanamento sociale" e lo scenario "non attenuato" con i risultati effettivi a un anno dal suo rilascio. Queste proiezioni riflettono un presunto tasso di replicazione (R0) di 2.4 - lo scenario più conservativo che hanno considerato, il che significa che la gamma superiore di proiezioni di Imperial prevedeva un numero di vittime sostanzialmente più alto. I paesi esaminati qui - Svezia, Taiwan, Giappone e Corea del Sud - si distinguono per aver evitato completamente i blocchi e simili restrizioni NPI aggressive o per fare affidamento su di essi in un ambito molto più limitato di quanto consigliato dall'Imperial College. Gli Stati Uniti, dove 43 stati su 50 hanno adottato blocchi di qualche forma, sono inclusi anche per il confronto.

Figura II: prestazioni della modellazione dell'Imperial College in 4 paesi non bloccati e negli Stati Uniti

Paese (ipotizzato R0 = 2.4)Morti previste dal modello imperiale - allontanamento sociale (blocchi)Il modello imperiale prevedeva morti - diffusione illimitataMorti effettive a 1 anno (3/26/21)Sopravvalutare, scenario di bloccoScenario sopravvalutato e assolutoPercentuale di sovrastima - BlocchiPercentuale di sovrastima: non attenuata
Svezia30,43466,39313,49616,93852,897126%392%
Taiwan93,712179,8281093,702179,818937020%1798180%
Corea del Sud141,198301,3521,716139,482299,6368128%17461%
Giappone469,0641,055,4268,967460,0971,046,4595131%11670%
Stati Uniti1,099,0952,186,315563,285535,8101,623,03095%288%

Come si può vedere, l'Imperial College ha esageratamente esagerato le morti previste in ciascun paese sia nel suo scenario "assoluto" che nel suo scenario di "allontanamento sociale" dipendente dall'NPI - anche di ordini di grandezza in diversi casi.

Esagerazioni simili possono essere trovate in quasi tutti gli altri paesi in cui l'Imperial ha rilasciato proiezioni, anche se la maggior parte di loro ha scelto di bloccare. Il modello più conservatore della squadra imperiale prevedeva 332,000 morti in Francia in condizioni di "allontanamento sociale" basato su blocchi e 621,000 con diffusione "assoluta". Al segno di un anno, la Francia aveva subito 94,000 morti. Il Belgio avrebbe dovuto subire un minimo di 46,000 decessi durante la mitigazione dell'NPI e 91,000 con diffusione incontrollata. Nell'anniversario di un anno del modello, raggiunse 23,000 morti - tra i più alti pedaggi al mondo su base pro capite e un esempio di estrema cattiva gestione politica della pandemia sotto pesante blocco per essere sicuri, ma ancora solo la metà di quelli dell'Imperial College. proiezione più conservativa per la mitigazione degli NPI.

Poco più di un anno fa, i modelli epidemiologici di Neil Ferguson e dell'Imperial College hanno svolto un ruolo preminente nella chiusura della maggior parte del mondo. Le previsioni esagerate di questo team di modellisti sono ora impossibili da minimizzare o negare e si estendono a quasi tutti i paesi della terra. In effetti, potrebbero costituire uno dei più grandi fallimenti scientifici nella storia umana moderna.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rodney

Queste università devono essere chiuse, anche il nome ti dice quanto il pensiero sia fuori dal contatto con la vita reale naturale, non hanno la concezione della connettività e dell'unicità di questo pianeta.

IMPERIAL COLLECE… ..SHYTE SHACK piace di più.