Il presidente fondatore di Facebook avverte che è "lo sfruttamento della psicologia umana"

Sean ParkerYoutube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Sean Parker si rammarica che il team originale "lo abbia compreso consapevolmente e lo abbiamo fatto comunque"; Facebook produce un regime continuo di basse dosi di dopamina che porta alla dipendenza. Anche se Parker e pochi altri primi giocatori stanno ritrattando i loro primi giorni con i social media, Mark Zuckerberg non lo è! Editor TN

Sean Parker, il presidente fondatore di Facebook, mi ha dato uno sguardo sincero da addetto ai lavori su come i social network aggancino di proposito e potenzialmente danneggino il nostro cervello.

Essere intelligenti: Il racconto I-was-there di Parker fornisce una prospettiva inestimabile nel crescente dibattito sul potere e gli effetti dei social network, che ora hanno dimensioni e raggiungono l'ignoto nella storia umana. È abbastanza preoccupato che sta suonando l'allarme.

Parker, 38, ora fondatore e presidente del Parker Institute for Cancer Immunotherapy, ha parlato ieri durante un evento Axios presso il National Constitution Center di Filadelfia, sull'accelerazione dell'innovazione del cancro. Nella stanza verde, Parker ha affermato di essere diventato "qualcosa di obiettore di coscienza" sui social media.

Quando ha lasciato il palco, ha scherzato dicendo che Mark Zuckerberg probabilmente bloccherà il suo account dopo aver letto questo:

  • "Quando Facebook stava iniziando, avevo queste persone che venivano da me e dicevano: 'Non sono sui social media'. E direi 'OK. Sai, lo sarai. E poi avrebbero detto: 'No, no, no. Apprezzo le mie interazioni nella vita reale. Apprezzo il momento. Apprezzo la presenza. Apprezzo l'intimità ". E direi ... "Alla fine ti prenderemo".
  • "Non so se ho davvero capito le conseguenze di quello che stavo dicendo, perché [delle] conseguenze indesiderate di una rete quando cresce fino a un miliardo o 2 miliardi di persone e ... cambia letteralmente il tuo rapporto con la società, con ciascuno altro ... Probabilmente interferisce con la produttività in modi strani. Dio solo sa cosa sta facendo al cervello dei nostri figli. "
  • "Il processo di pensiero che ha portato alla creazione di queste applicazioni, essendo Facebook la prima di esse, ... riguardava: 'Come consumiamo il più tempo possibile e l'attenzione cosciente possibile?'”
  • "E questo significa che abbiamo bisogno di darti una piccola dose di dopamina ogni tanto, perché a qualcuno piaceva o commentava una foto, un post o altro. E questo ti farà contribuire con più contenuti, e ti farà ... più mi piace e commenti. "
  • "È un circuito di feedback di convalida sociale ... esattamente il tipo di cosa che un hacker come me vorrebbe inventare, perché stai sfruttando una vulnerabilità nella psicologia umana."
  • “Gli inventori, i creatori - sono io, sono Mark [Zuckerberg], sono Kevin Systrom su Instagram, sono tutte queste persone - lo hanno capito consapevolmente. E lo abbiamo fatto comunque. "

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
1 Autori di commenti
M11S Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
M11S
ospite
M11S

"Dio solo sa cosa sta facendo al cervello dei nostri figli."

In realtà, sappiamo praticamente tutto ciò che la tecnologia e le sue radiazioni non ionizzanti causano nel nostro cervello.

http://www.bioinitiative.org/table-of-contents/