Il nuovo schema "Smart Region" è il regionalismo per dettare i rifacimenti di Smart City

ASU
Per favore, condividi questa storia!
La Phoenix area Smart Region Initiative è un programma pilota per vedere quanta sovranità può essere spogliata dalle città membri senza una rivolta di massa da parte di cittadini privati ​​dei diritti civili. Senza funzionari eletti, SRI cerca il dominio su 22 città e 4.2 milioni di persone per dettare l'implementazione uniforme delle politiche e della tecnologia Smart City. ⁃ TN Editor

Immagina un giorno perfetto nella metropolitana di Phoenix: nessuna congestione del traffico e veicoli autonomi fanno scivolare i pendolari per le strade, colpendo solo luci verdi. L'aria è pulita, c'è un approvvigionamento sostenibile di acqua e tutti hanno accesso a cure sanitarie eccellenti, alimenti nutrienti e le ultime tecnologie. Il Sun Devil Stadium è pieno di una folla ruggente e i fan si muovono in modo efficiente attraverso le linee corte presso gli stand della concessione e le toilette.

Tale quadro può sembrare inverosimile in una regione in cui la rapida crescita della popolazione sembra stressare le risorse e le infrastrutture. Ma fa tutto parte della visione di Dominic Papa, uno studente del terzo anno al Sandra Day O'Connor College of Law della Arizona State University.

Papa è il co-fondatore e direttore esecutivo dell'Institute for Digital Progress, un'organizzazione no profit che mira a migliorare l'area di Phoenix trasformando la regione in un importante centro di tecnologia delle città intelligenti. È un progetto ambizioso che si basa fortemente sull'innovazione e sulla collaborazione.

Ma prima di tutto, cos'è esattamente una "città intelligente"?

"La barzelletta è, chiedi ai sindaci di 10 cos'è una città intelligente, otterrai risposte 12, perché nessuno lo sa, e cambieranno la loro risposta dopo aver sentito quelle di tutti gli altri", ha detto papà. "Ma direi, dal punto di vista della comunità, sta sfruttando la tecnologia e i dati emergenti per fornire servizi più efficienti, più efficaci e una migliore qualità della vita."

Un componente chiave è ciò che Papa chiama "sandbox dell'innovazione", in cui sono incoraggiati la ricerca e i programmi pilota. Ad esempio, indica la sperimentazione di veicoli autonomi.

"Abbiamo visto che cosa ha fatto il governatore Doug Ducey aprendo l'Arizona e le nostre strade a veicoli autonomi e il massiccio impatto economico che ha portato al nostro stato", ha detto Papa. “Sta davvero prendendo questo concetto e analizzando a un micro-livello. Quindi, come possiamo aprire la nostra regione o ASU, i nostri campus, per consentire all'industria, agli imprenditori e persino ai ricercatori di sfruttare la nostra infrastruttura come terreno di prova per costruire, testare e validare le tecnologie emergenti? ”

La collaborazione è uno degli elementi chiave e l'istituto ha lavorato in collaborazione con ASU, il Consiglio economico della Grande Phoenix, l'Associazione dei governi di Maricopa e le città e le città che compongono la regione della Grande Phoenix al fine di creare una regione intelligente della Grande Phoenix .

"Sono 22 città e paesi, contea, ASU e partner del settore che si uniscono per accelerare intenzionalmente il nostro sviluppo in una regione intelligente", ha affermato Papa, spiegando che lo sviluppo della forza lavoro sarà un elemento chiave. “Una regione intelligente richiederà una forza lavoro del settore pubblico che è educata a sviluppare, implementare e mantenere queste tecnologie all'interno delle città stesse. Insieme, ASU e IDP formerà i dipendenti delle città sulle tecnologie emergenti e sulle strategie di digitalizzazione. L'obiettivo è quello di creare la forza lavoro leader del settore pubblico della nazione del futuro, proprio qui a Greater Phoenix. "

ASU al centro di tutto

L'ASU fungerà da battito cardiaco del progetto smart-region, svolgendo un ruolo fondamentale non solo nell'educazione della forza lavoro futura, ma anche come centro di ricerca. E contribuendo a guidare questi sforzi è Di Bowman, professore presso la ASU Law e la School for the Future of Innovation in Society, che funge anche da co-direttore del Centro ASU per le città e le regioni intelligenti.

"ASU ha già il concetto di un campus intelligente e ha lavorato attraverso le diverse sfaccettature dei campus per creare l'ambiente del campus intelligente", ha detto Bowman.

Ad esempio, il Sun Devil Stadium non ospita solo partite di calcio, ma raddoppia anche come laboratorio di ricerca.

"Una cosa che stanno facendo lì, che potrebbe sembrare più di intrattenimento che di test tecnologici, è l'utilizzo di software di riconoscimento facciale nell'area delle suite", ha detto Bowman. “Gli ospiti vengono scansionati con i volti e quindi abbinati al loro doppelganger celebrità, che non è sempre lo stesso. Quindi, sebbene possa sembrare un po 'stravagante e divertente - il che è - il fatto che l'Arizona sia uno stato di confine e che abbiamo un aeroporto internazionale suggerisce che questa tecnologia, una volta dimostrata efficace, potrebbe essere implementata nello stato dalle agenzie per migliorare pubblica sicurezza, il che è davvero eccitante. Se, inizialmente implementando e testando la tecnologia nel nostro stadio, possiamo dimostrare che è efficiente ed efficace, possiamo iniziare a immaginare come ASU potrebbe potenzialmente collaborare con entità come Phoenix Sky Harbor per testare la tecnologia dal punto di vista della sicurezza. "

E non è tutto ciò che viene testato al Sun Devil Stadium.

“Sai quando vai in uno stadio e distribuiscono i premi per la sezione che applaude di più? Questo è tutto falso in questo momento ", ha detto Papa, spiegando che ASU ha collaborato con Intel per sviluppare un innovativo sistema di rilevamento del rumore. "Il Sun Devil Stadium è il primo stadio a utilizzare effettivamente il rumore in tempo reale catturato attraverso i sensori per scegliere la sezione corretta che era in realtà il più rumoroso."

Papa ha detto attraverso un'app telefonica, ASU può quindi avvisare i fan in quella sezione che hanno vinto un premio e possono ritirare una maglietta o una bibita in omaggio in una determinata posizione all'interno dello stadio. L'app potrebbe persino indirizzare gli spettatori verso le linee di stand di concessione più brevi.

Bowman ha affermato che i test del campus potrebbero anche aiutare la regione a gestire le sue risorse più preziose, compresa l'acqua.

"Sappiamo dalla nostra discussione con i leader politici di tutto lo stato che l'acqua è e rimarrà un problema impegnativo da gestire, soprattutto se si considera la velocità con cui la regione sta crescendo", ha affermato. “Sapere dove viene utilizzata l'acqua, dove viene persa e i volumi associati a ciascuna, consente ai responsabili delle decisioni di effettuare investimenti migliori nell'utilizzo dell'acqua e nei dintorni. Gli edifici dell'ASU e, in particolare, gli edifici del dormitorio, potrebbero essere utilizzati per programmi pilota relativi alla misurazione dell'acqua. Nessuno sa quanta acqua si sta davvero perdendo nel sistema, quindi scoprire di più sulla perdita e sull'utilizzo dell'acqua potrebbe aiutarci a essere consumatori più intelligenti di acqua e utilizzarla meglio come risorsa. C'è anche un ottimo motivo fiscale per farlo ”.

Papa ha affermato che il ruolo di ricerca basato sull'evidenza dell'università nel progetto smart-region si allinea con l'attenzione del presidente ASU Michael Crow sull'impatto e la scalabilità della comunità.

"L'ASU ha il vantaggio unico di avere campus, con studenti, sparsi in tutta la regione che fungono da città in sé e per sé", ha detto. "Se siamo in grado di testare rapidamente nuove tecnologie innovative su questi campus, misurare continuamente il loro impatto e, infine, convalidarli, possiamo quindi implementare queste soluzioni nelle città e nei paesi 22 attraverso l'iniziativa smart-region. Inoltre, poiché tutte le città devono affrontare sfide simili, possiamo quindi esportare queste soluzioni in città e regioni di tutto il mondo. Il quadro della regione intelligente ci consente di risolvere le sfide urbane su vasta scala e di accelerare la commercializzazione della tecnologia, creando in definitiva posti di lavoro e crescita economica ".

E questo, dice Bowman, è ciò di cui l'università parla.

"Si tratta di fare ricerca, si tratta di implementare tecnologie, si tratta di coinvolgere gli studenti in tutte le aree di studio e dare loro l'opportunità di sviluppare soluzioni e sperimentare con loro, che si tratti di uno scenario di laboratorio o nel campus", ha detto. “E abbiamo anche la capacità - che le città e le città non hanno necessariamente - di esaminare diverse tecnologie, analizzare i dati e capire se ciò che viene proposto è davvero la migliore tecnologia per affrontare le sfide all'interno delle nostre comunità, incluso se è accettabile per il pubblico o se dobbiamo ridisegnare e sviluppare di più. È eccitante. "

Fattori politici

La spinta a sviluppare e implementare la tecnologia delle città intelligenti ha qualcosa che manca a tante altre questioni: il sostegno politico bipartisan.

"Ecco perché siamo stati in grado di ottenere così tanto slancio in quest'area, e specialmente in questa regione", ha detto Papa. “Perché per la sinistra, i democratici, questo ha un enorme aspetto sociale, in particolare per quanto riguarda la qualità della vita e gli aspetti dell'equità digitale. E per il lato giusto, più conservatore e repubblicano, si tratta di sfruttare le tecnologie per creare efficienze nel governo, usando così meno dollari dei contribuenti per fornire servizi di qualità superiore. Le città intelligenti colpiscono davvero gli ideali di tutti ".

Ma i rapidi progressi nella tecnologia possono essere spaventosi, suscitando paure per la privacy e la sicurezza. L'eliminazione della burocrazia per incoraggiare l'innovazione e l'imprenditorialità deve essere bilanciata con la giusta quantità di precauzioni normative.

"Sono una persona che fissa e valuta continuamente l'efficacia delle normative alla luce delle tecnologie nuove ed emergenti", ha affermato Bowman. “Il mio obiettivo è e continua a essere il modo in cui il settore pubblico può consentire tecnologie utili sul mercato nei modi più rapidi ed efficienti senza mettere in pericolo la salute e la sicurezza pubblica. Si tratta di trovare strumenti e strategie di regolamentazione efficaci che dispongano dei controlli e dei saldi necessari che possano quindi essere semplificati in modo tale da non essere indebitamente onerosi. "

Papà ha detto che è per questo che è eccitante che la ASU Law abbia un ruolo nel progetto. Soprattutto con la scuola di legge che si trova ora nel centro di Phoenix, nelle immediate vicinanze del Campidoglio dell'Arizona e del Municipio di Phoenix.

"Questa iniziativa è qualcosa che nessuno ha mai provato su questa scala probabilmente mai prima", ha detto. "Stiamo parlando della quarta contea più grande del paese, la popolazione in più rapida crescita, 22 giurisdizioni separate, tutte abbastanza grandi, in realtà dicendo:" Lavoreremo insieme per fare questo ". È vero che sfide apparentemente insormontabili richiedono una collaborazione senza precedenti e nessuno l'ha mai provato su questa scala prima. C'è una nuova rivoluzione metropolitana in atto nella regione della Grande Phoenix, che si sta costruendo attorno all'innovazione e guidata dalla collaborazione. E mentre ci saranno ovviamente delle sfide, i potenziali benefici sono incredibili. "

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti