Il mandato del vaccino crea confusione, conflitto all'Assemblea delle Nazioni Unite a New York

Per favore, condividi questa storia!
Mentre i leader mondiali volano a New York City per l'ultima riunione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, la polarizzazione delle Nazioni Unite su vaccini, passaporti vaccinali, maschere, ecc. la vaccinazione, ecc., allontana le nazioni, non le unisce.

E poi è arrivato il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, che “prevede di infrangere le regole sui vaccini di New York alla riunione delle Nazioni Unite“. Il segretario generale delle Nazioni Unite è stato costretto ad ammettere che "sarebbe impossibile negare l'accesso ai capi di stato non vaccinati". Bolsonaro comprende la globalizzazione e in particolare la tecnocrazia e si rifiuta di svolgere il ruolo che gli è stato assegnato. Di conseguenza, viene demonizzato, ridicolizzato, svergognato, vittima di bullismo ed emarginato. Editor TN

Il dibattito che si sta svolgendo in tutto il mondo sui mandati del vaccino contro il coronavirus si sta svolgendo su piccola scala presso la sede delle Nazioni Unite in vista di una riunione di dozzine di leader mondiali a New York la prossima settimana.

New York City funzionari avere richiesto che i capi di stato, e i numerosi diplomatici che viaggiano con loro, dimostrino di essere completamente vaccinati prima di entrare nella sala delle Nazioni Unite per l'apertura annuale dell'Assemblea Generale, uno dei principali eventi diplomatici dell'anno.

La richiesta ha ottenuto l'appoggio del presidente dell'Assemblea Generale, il ministro degli Esteri maldiviano Abdulla Shahid. In una dichiarazione rilasciata mercoledì, il sindaco di New York Bill DeBlasio e il commissario per gli affari internazionali Penny Abeywardena hanno ringraziato i diplomatici delle Nazioni Unite per aver lavorato con loro sulla questione, definendoli "veri newyorkesi" per aver aiutato la città a riprendersi.

Ma non tutti quei diplomatici professavano lo stesso cameratismo. In una lettera ai colleghi pubblicata mercoledì, l'ambasciatore russo delle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha definito i requisiti "una misura chiaramente discriminatoria" e ha affermato che si trattava di una violazione della carta delle Nazioni Unite.

Questa opposizione russa all'obbligo del vaccino ha provocato le dure parole di DeBlasio giovedì, con il sindaco di New York che ha detto ai giornalisti che "se l'ambasciatore russo è contrario, io sono favorevole" e suggerendo che i russi si erano "invalidati" provando per interrompere le elezioni americane.

La Missione russa presso le Nazioni Unite non ha risposto a una richiesta di commento.

La notizia arriva in mezzo a tensioni più ampie: esperimenti con Coronavirus mandati in L'Europa, gli Stati Uniti e altrove hanno creato attriti con la diffusione delle varianti e mentre i paesi lottano per bilanciare le restrizioni sulla salute pubblica con le libertà individuali.

New York ha iniziato a richiedere la prova di almeno un'iniezione di coronavirus per consentire alle persone di accedere a ristoranti, palestre, cinema e altri luoghi al chiuso.

Ma per i diplomatici stranieri c'è un'ulteriore complicazione: i paesi somministrano diversi vaccini contro il coronavirus, compresi quelli a cui non è stata concessa l'autorizzazione all'uso di emergenza negli Stati Uniti.

Lo Sputnik V, un vaccino sostenuto da Mosca e ampiamente somministrato in Russia, non ha l'approvazione negli Stati Uniti e non è nemmeno nell'elenco degli usi di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità.

I funzionari di New York hanno annunciato che distribuiranno dosi gratuite del vaccino Johnson & Johnson a iniezione singola dal quartier generale delle Nazioni Unite a Midtown, ma non è nemmeno approvato in tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite, sebbene abbia l'elenco degli usi di emergenza dell'OMS.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

Bene, lascia che i fascisti combattano di persona o in video, qualunque cosa. La maggior parte è comunque sul treno Biden per l'inferno.

Lorena

L'omino, sindaco di New York, soffre di carenza di controllo. Per lui non basta.

Vincitore

E nonostante i “vaccini al 2%” in Africa, dove sono le decine di MILIONI di morti previste in Africa per COVID?

Gli USA devono uscire IMMEDIATAMENTE dall'ONU e la Russia dovrebbe fare altrettanto. Il sindaco di New York è in prigione per crimini contro Dio e l'umanità, andrà nella prigione eterna all'inferno se non si pente presto!

Elle

Nessun problema in Africa. Il la popolazione assume Ivermectin per infezioni parassitarie e virali come profilassi e cura poiché ci sono un sacco di parassiti in quel continente. Viene dato come cura per molte malattie, o lo era. Non ho dettagli in merito. Ecco perché in Africa non sono milioni i morti di covid.

Per quanto riguarda i colpi di covid della terapia genica dei predatori del Deep State, chi lo sa? Mentono così tanto che nulla di ciò che dicono può essere creduto o su cui si può contare.

Se hai bisogno di acquistarlo: alldaychemist.com

Ultima modifica 1 mese fa di Elle
sto solo dicendo

Mi piace quando litigano tra loro!

[…] misura chiaramente discriminatoria” e una violazione della Carta delle Nazioni Unite, che ovviamente è. https://www.technocracy.news/vaccine-mandate-creates-confusion-conflict-at-un-assembly-in-new-york/ Ma ehi, siamo nel mezzo del crollo dello stato di diritto. In questi giorni, parlando di […]