Il World Urban Forum guarda alle città per far avanzare l'agenda 2030

World Urban Forum
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il piano generale per tutte le città del mondo, comprese quelle negli Stati Uniti, è incarnato nell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che afferma ufficialmente che l'obiettivo è trasformare il mondo in sviluppo sostenibile, alias Tecnocrazia. ⁃ TN Editor

I partecipanti alla decima sessione del World Urban Forum (WUF10) hanno analizzato il tema di "Città di opportunità: collegare cultura e innovazione".

Gli oratori di apertura hanno dato il tono al Forum, che si è svolto ad Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti (EAU), dall'8 al 13 febbraio 2020. Falah Mohammad Al Ahbabi, presidente del Dipartimento dei comuni e dei trasporti di Abu Dhabi, ha sottolineato la migrazione di massa e progresso tecnologico come due tendenze che richiedono una "rinnovata comprensione della località", che include sicurezza, inclusività e coesione sociale. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato tramite video che l'urbanizzazione continua a presentare alti tassi di disuguaglianza e ha invitato tutte le parti interessate, compresi i governi locali, a collaborare con le Nazioni Unite per affrontare l'emergenza climatica.

Ashraf Ghani, presidente dell'Afghanistan, ha affermato che le culture organizzative nelle "comunità della conoscenza" costituiscono un vincolo significativo, suggerendo che diverse organizzazioni internazionali sono "ancora il riflesso di un mondo diverso". Il primo ministro delle Figi Frank Bainimarama ha sottolineato la necessità di rendere la vita urbana sinonimo di sostenibilità. Il direttore esecutivo di UN-Habitat, Maimunah Mohd Sharif, ha osservato che "l'SDG 11 è il punto in cui tutti gli SDG si uniscono" e ha chiesto di trasformare l'urbanizzazione in un contributo positivo netto alla vita sulla Terra.

Più di 18,000 partecipanti si sono registrati al Forum, che è iniziato con cinque riunioni dell'Assemblea dei gruppi elettorali del Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani (UN-Habitat) che hanno fornito input al processo Habitat III, vale a dire donne, giovani, gruppi di base e l'Assemblea mondiale e governo regionale.

Tra le iniziative lanciate e discusse durante il WUF10 vi erano il lancio da parte di UN-Habitat dello "Strumento di valutazione dei progetti SDG: uno strumento innovativo per progetti urbani inclusivi, sostenibili ed efficaci", nonché "RISE UP: insediamenti resilienti per i poveri delle città", che cerca di mobilitare e coordinare investimenti su larga scala nell'adattamento ai cambiamenti climatici e nella resilienza per i poveri delle città. Penny Abeywardena, Office of International Affairs del Sindaco, New York City, Stati Uniti, ha lanciato un appello affinché i governi locali e regionali firmino la Dichiarazione volontaria di revisione locale, rilevando che 20 nuove città lo avevano già fatto al WUF10.

Esempi di paesi e comunità locali discussi durante la WUF10 includono:

  • un programma nella municipalità di Mogadiscio, Somalia, volto a far conoscere ai giovani del paese la sua storia pre-conflitto;
  • l'uso dello sport come spazio critico per "l'incontro e la risocializzazione", con la città di Medellín, in Colombia, secondo cui è riuscito a ridurre il traffico di droga e l'uso da parte delle comunità coinvolte nello sport;
  • Esperienza del Senegal nell'uso delle tasse industriali per sovvenzionare programmi di edilizia abitativa e creazione di fondi abitativi dedicati;
  • Il modello giordano di distribuzione di terreni e case a prezzi convenienti;
  • il lavoro di Bear Clan Patrol Inc., a Winnipeg, in Canada, che attinge ai ruoli di clan tradizionali a supporto della sicurezza e del ripristino culturale per le comunità indigene della città; e
  • esempi di coinvolgimento dei giovani in molti paesi, tra cui una presentazione di Martin Lucas Sortland Eick, delegato norvegese per i giovani, in merito ai suoi sforzi per vedere i giovani "prendere la vera proprietà" dell'implementazione degli SDG nel suo paese.

Al termine del WUF10, i delegati hanno adottato le Azioni Dichiarate di Abu Dhabi, il principale documento conclusivo dell'incontro. Il documento presenta le prospettive dei partecipanti sulla relazione tra cultura, innovazione e sviluppo urbano. Nelle azioni dichiarate, i partecipanti sottolineano che: la cultura è fondamentale per l'identità e il patrimonio ed è parte integrante della soluzione alle sfide dell'urbanizzazione; le città sono gli incubatori del progresso sociale, economico, ambientale, politico e culturale; collegare i dati, l'innovazione e i progressi della scienza e della tecnologia con la politica è fondamentale per l'attuazione della nuova agenda urbana (NUA) 2015 e il raggiungimento degli SDG; e ulteriori azioni e impegni da parte degli attori a livello locale, nazionale e globale sono accolti favorevolmente a sostegno della NUA e dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Nelle osservazioni conclusive, il presidente dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), Tijjani Muhammad-Bande, ha elogiato WUF10 per aver segnato uno dei primi eventi del Decennio di azione delle Nazioni Unite. Ha descritto la cultura e l'innovazione come la chiave per promuovere società socialmente coesive, pacifiche e resilienti, osservando che la cultura svolge un ruolo fondamentale nella promozione dei diritti umani e della coesistenza pacifica. Ha descritto il NUA come uno dei progetti più importanti per raggiungere città sostenibili e ha chiesto che l'innovazione diventi più resistente al clima e meglio preparata per il ripristino di emergenza e la riduzione del rischio.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti