Il fondatore del WEF Klaus Schwab chiede il "grande ripristino"

Klaus SchwabPer gentile concessione del WEF
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il WEF è sempre stato fuori dal comune in relazione alla promozione dello sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy, ma la richiesta di un "Great Reset" rafforza notevolmente la mia affermazione che la Technocracy sta eseguendo il suo colpo di stato per conquistare l'intero pianeta. ⁃ Editor TN

I blocchi di COVID-19 potrebbero gradualmente allentarsi, ma l'ansia per le prospettive sociali ed economiche del mondo si sta solo intensificando. Vi sono buone ragioni per preoccuparsi: una forte recessione economica è già iniziata e potremmo affrontare la peggiore depressione dagli anni '1930. Ma, sebbene questo risultato sia probabile, non è inevitabile.

Per ottenere un risultato migliore, il mondo deve agire congiuntamente e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall'istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro. Ogni paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni settore, dal petrolio e dal gas alla tecnologia, deve essere trasformato. In breve, abbiamo bisogno di un "Grande Ripristino" del capitalismo.

Ci sono molte ragioni per perseguire un Great Reset, ma il più urgente è COVID-19. Avendo già portato a centinaia di migliaia delle morti, la pandemia rappresenta una delle peggiori crisi di salute pubblica della storia recente. E, con vittime ancora in fase di montaggio in molte parti del mondo, è tutt'altro che finita.

Ciò avrà gravi conseguenze a lungo termine per la crescita economica, il debito pubblico, l'occupazione e il benessere umano. Secondo il Financial Times, il debito pubblico globale ha già a raggiunto il suo livello più alto in tempo di pace. Inoltre, la disoccupazione è alle stelle in molti paesi: negli Stati Uniti, ad esempio, un lavoratore su quattro ha presentato per disoccupazione da metà marzo, con nuove richieste settimanali ben al di sopra dei massimi storici. Il Fondo monetario internazionale prevede che l'economia mondiale lo faccia ridursi del 3% quest'anno - un declassamento di 6.3 punti percentuali in soli quattro mesi.

Tutto ciò aggraverà il clima e le crisi sociali che erano già in atto. Alcuni paesi hanno già usato la crisi COVID-19 come scusa per indebolire le protezioni e l'applicazione dell'ambiente. E le frustrazioni per i mali sociali come la crescente disuguaglianza - la ricchezza combinata dei miliardari statunitensi ha è aumentato durante la crisi - si stanno intensificando.

Se non affrontate, queste crisi, insieme a COVID-19, approfondiranno e lasceranno il mondo ancora meno sostenibile, meno equo e più fragile. Misure incrementali e ad hoc le correzioni non saranno sufficienti per prevenire questo scenario. Dobbiamo costruire basi completamente nuove per i nostri sistemi economici e sociali.

Il livello di cooperazione e ambizione che ciò implica non ha precedenti. Ma non è un sogno impossibile. In effetti, un lato positivo della pandemia è che ha dimostrato quanto velocemente possiamo apportare cambiamenti radicali al nostro stile di vita. Quasi istantaneamente, la crisi ha costretto le imprese e gli individui ad abbandonare le pratiche a lungo dichiarate essenziali, dai frequenti viaggi aerei al lavoro in un ufficio.

Allo stesso modo, le popolazioni hanno mostrato in modo schiacciante la volontà di fare sacrifici per il bene della salute e altri lavoratori essenziali e popolazioni vulnerabili, come gli anziani. E molte aziende hanno intensificato supportare i propri lavoratori, clienti e comunità locali, in uno spostamento verso il tipo di capitalismo delle parti interessate a cui avevano precedentemente servizio di labbra pagate.

Chiaramente, esiste la volontà di costruire una società migliore. Dobbiamo usarlo per garantire il Great Reset di cui abbiamo così tanto bisogno. Ciò richiederà governi più forti ed efficaci, sebbene ciò non implichi una spinta ideologica per maggiore quelli. E richiederà l'impegno del settore privato in ogni fase del processo.

L'agenda del Great Reset avrebbe tre componenti principali. Il primo indirizzerebbe il mercato verso risultati più equi. A tal fine, i governi dovrebbero migliorare il coordinamento (ad esempio, in materia fiscale, normativa e politica fiscale), migliorare gli accordi commerciali e creare le condizioni per una "economia delle parti interessate". In un momento di riduzione delle basi fiscali e di aumento del debito pubblico, i governi hanno un forte incentivo a perseguire tale azione.

Inoltre, i governi dovrebbero attuare riforme attese da tempo che promuovono risultati più equi. A seconda del paese, questi possono includere modifiche alle imposte sul patrimonio, il ritiro dei sussidi per i combustibili fossili e nuove regole in materia di proprietà intellettuale, commercio e concorrenza.

La seconda componente di un'agenda di Great Reset garantirebbe che gli investimenti promuovano obiettivi condivisi, come l'uguaglianza e la sostenibilità. Qui, i programmi di spesa su larga scala che molti governi stanno implementando rappresentano un'importante opportunità di progresso. La Commissione europea, per esempio, ha svelato prevede un fondo di recupero da 750 miliardi di euro (826 miliardi di dollari). Anche Stati Uniti, Cina e Giappone hanno piani ambiziosi di stimolo economico.

Invece di utilizzare questi fondi, così come gli investimenti di soggetti privati ​​e fondi pensione, per colmare le crepe nel vecchio sistema, dovremmo usarli per crearne uno nuovo che sia più resiliente, equo e sostenibile a lungo termine. Ciò significa, ad esempio, la costruzione di infrastrutture urbane "verdi" e la creazione di incentivi per le industrie a migliorare i propri risultati in termini di metriche ambientali, sociali e di governance (ESG).

La terza e ultima priorità di un'agenda di Great Reset è quella di sfruttare le innovazioni della Quarta rivoluzione industriale per sostenere il bene pubblico, soprattutto affrontando le sfide sanitarie e sociali. Durante la crisi del COVID-19, aziende, università e altri hanno unito le forze per sviluppare diagnosi, terapie e possibili vaccini; istituire centri di collaudo; creare meccanismi per tracciare le infezioni; e fornire telemedicina. Immagina cosa sarebbe possibile se simili sforzi concertati fossero fatti in ogni settore.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Kim McClintock

Ciao Mr. Woods,
Mi iscrivo a WEF su utube. Ho sentito parlare di questa organizzazione nefasta tramite John Haller durante un aggiornamento di maggio. Ho visto il video intitolato "THE RESET" questa mattina. Sono così eccitati, in modo sinistro, per le loro agende che si avvicinano al calcio d'inizio. Sono consapevole che lo stanno già dando il via e lo stanno costruendo da molti decenni.
I lupi travestiti da pastore.
Seguo il tuo lavoro da diversi anni! Rispetto immensamente la tua diligenza, integrità e fede!
Guai a quelli che sono persi.

Tua sorella in Cristo,
Kim McClintock

Ultima modifica 3 mesi fa di un utente anonimo
Patrick Wood

Grazie Kim. Apprezzo l'incoraggiamento.

Joe libero

Epilogo / Termine alternativo dello scenario Lock Step: {L'opzione Elenco Block Chain Traitors} Ma i sovrani hanno sottovalutato le persone del mondo e il loro uso di Internet. Le informazioni secondo cui tutto ciò era una piaga pianificata per il blocco totalitario mondiale furono distribuite prima che potessero anticipare la narrazione attraverso la censura. Con rabbia, invece di accettare vaccini e tatuaggi digitali, le persone hanno reagito come mai prima d'ora. Ne avevano abbastanza di questa assurdità. Alcuni, del gruppo di hacker internazionali "Anonimo", hanno avviato un elenco di traduttori a catena bloccata (BCTL) che era impossibile da annotare poiché veniva archiviato praticamente su ogni computer. Prominente sul... Leggi di più "

Tim

Preferisco di gran lunga questo finale! Che mondo potremmo avere se questi scarafaggi e il loro "sistema" puzzolente venissero distrutti!