Mad World Of Tyranny: il tecnopopulismo consente proprio ciò che odia

Adobe Stock
Per favore, condividi questa storia!

Il gruppo pop rock britannico Lacrime di paura iniziato nel 1981. È dubbio che sapessero come la Gran Bretagna sarebbe caduta nella tirannia nel 2021 solo 40 anni dopo. Tuttavia, la loro canzone di successo, Tutti vogliono governare il mondo, ora sembra preveggente:

Di libertà e di piacere
Niente dura per sempre
Tutti vogliono governare il mondo

C'è una stanza dove la luce non ti troverà
Tenersi per mano mentre i muri crollano
Quando lo faranno sarò proprio dietro di te

Sono così felice che ce l'abbiamo quasi fatta
Così triste che hanno dovuto sbiadirlo
Tutti vogliono governare il mondo

In effetti, la Gran Bretagna è in caduta libera nella tirannia e sembra che non ci siano freni per rallentarla o una retromarcia per sostenerla.

Dal punto di vista di questo americano, il movimento Brexit originale è stato guidato dal movimento populista inglese. La gente voleva liberarsi dai tecnocrati che governavano l'UE. Nell'ignoranza, nel 2016 hanno eletto un'altra tecnocrate, Theresa May, come primo ministro per consegnarli. Sia i cittadini che i critici si riferivano spesso a lei come "Big Sis" come un cenno al Grande Fratello di Orwell nel libro 1984.

Non c'è da meravigliarsi che non abbia consegnato la merce. Piuttosto, ha portato la Gran Bretagna lungo il pendio scivoloso della tirannia dei tecnocrati.

Quando i cittadini britannici si sono resi conto che il loro campione "conservatore" li aveva venduti, si sono rivolti a un altro tecnocrate "conservatore", Boris Johnson. Ora si vede che Johnson non solo ha tradito il sogno populista, ma ha spinto l'intera nazione in un pantano di tirannia tecnocratica – l'esatto opposto di ciò che i populisti volevano in primo luogo.

Permettetemi di divagare un momento.

Populismo più tecnocrazia equivalgono a tecnopopulismo e porteranno sempre a risultati disastrosi. Negli ultimi anni ho scritto abbastanza ampiamente sul tecnopopulismo. Nel 2019 ho noto che “la curiosa attrazione tra populisti e tecnocrati è simile a una falena attratta dalla fiamma: I populisti non possono evitare di essere alla fine dominati e bruciati dai tecnocrati”.

Per sviluppare questa conclusione, ho scritto,

La realtà che fa riflettere su tutti i movimenti populisti è che nessuno di loro sa davvero come gestire un paese. Sanno cosa non gli piace ma non hanno politiche pratiche che possano sistemare le cose. Spesso, un gruppo populista si concentrerà su una singola questione o su un gruppo ristretto di questioni che sono diventate importanti per un numero qualsiasi di ragioni, ma quando viene chiesto loro di politiche più ampie per gestire l'intera nazione, la discussione cade a pezzi.

Tipicamente, i tecnocrati sono visti come opposti polari ai populisti e per una buona ragione. I tecnocrati sono spesso non selezionati e non responsabili delle loro azioni e prendono decisioni importanti senza alcun legame con la volontà della gente.

Non essere troppo compiaciuto di quanto le cose siano migliori in America.

Il presidente Trump è stato sostenuto dal movimento populista negli Stati Uniti e si è rivolto a tecnocrati come Anthony Fauci per "risolvere" la nostra crisi COVID. Si è rivolto ai tecnocrati per promuovere il lancio del 5G in tutta la nazione. Si è rivolto ai Tecnocrati per alimentare rapidi investimenti nelle Smart City con una normativa fiscale che prevedeva zone di opportunità da costa a costa.

Ora, l'amministrazione Biden ha fatto tutto il possibile e si sta precipitando a tutto gas nella tecnocrazia.

Questa non è in alcun modo una critica al presidente Trump come individuo. Potrebbe benissimo essere stato l'apice del pensiero populista! Tuttavia…

I populisti sono la falena. La tecnocrazia è la fiamma.

I britannici stanno scoprendo questa realtà nel modo più duro mentre precipitano in una dittatura scientifica schiacciante.

Ciò è sintetizzato da una storia recente sugli "hotel in quarantena" del Regno Unito:

Di recente è stato portato alla nostra attenzione un breve video su Twitter. Mostra un uomo e una donna (fuori campo) che si avvicinano a una recinzione a rete intorno a un cortile di cemento e si impegnano in una breve conversazione con un uomo dall'altra parte.

L'uomo è una delle decine di persone che camminano in lenti circuiti in senso antiorario intorno a quello che sembra essere un parcheggio inutilizzato. È gentile con gli estranei, discutendo quanto sia stretta la sicurezza, quante guardie ci sono su ogni piano e quanto spesso possono uscire per questo "esercizio".

A quel punto arriva una guardia di sicurezza e dice all'uomo che non ha il permesso di parlare attraverso la recinzione, e ne consegue una breve discussione. La guardia dice alle persone in macchina che non possono parlare con nessuno all'interno della struttura senza il permesso "dell'ufficio". Dopo momenti di insistenza la guardia smette, probabilmente per segnalare l'accaduto al suo supervisore.

La coppia in macchina e lo sconosciuto dietro la recinzione si sono scambiati rapporti amichevoli, con l'uomo che ha osservato che ha pagato millesettecentocinquanta sterline per rimanere lì.

Perché questa non è una prigione o una struttura di detenzione, è un "hotel in quarantena".

Puoi guardare il video qui:

Gli hotel in quarantena sono già stati sui media mainstream in precedenza, con i rapporti incentrati su di essi essere costoso, avendo cibo terribile e essere noioso. Ma questa piccola clip offre qualcosa di peggio: un piccolo assaggio della natura disumanizzante della detenzione. L'insinuarsi della missione di regole arbitrarie, applicate alla lettera da persone troppo ignoranti per sapere meglio o volontariamente diffamatorie, è un motivo spesso ripetuto nella storia umana. Non è mai di buon auspicio.

Un altro storia lo stesso giorno accenna al sollievo, ma solo se le persone prendono il vaccino. Se vieni vaccinato, puoi ottenere un "passaporto" elettronico che è equivalente a un braccialetto alla caviglia indossato dai detenuti in libertà vigilata agli arresti domiciliari.

He [ex Primo Ministro Tony Blair] ha insistito “non ha alcun senso trattare chi ha fatto la vaccinazione come chi non l'ha fatto”.

Alla domanda se il piano del passaporto creerà una società "discriminatoria" a due livelli, Blair ha dichiarato: "Penso che la parola discriminazione abbia un significato molto pesante nella lingua inglese ora, ma in realtà quando si tratta di gestione del rischio, è tutta una questione di discriminazione”.

“Il motivo per cui vacciniamo prima gli anziani è perché sono più a rischio.

“Dal momento che tutti potranno ottenere la vaccinazione, penso che sia davvero importante che le persone siano incoraggiate a vaccinarsi.

"Diamo anche suggerimenti su come ottenere una prova adeguata delle vaccinazioni".

Il suo gruppo di esperti, il Tony Blair Institute for Global Change, sostiene che "lo status del vaccino è importante" e che i pass per la salute possono "consentire ai cittadini di dimostrare il proprio status in modo sicuro e tutelando la privacy".

In un rapporto intitolato "Meno rischi, più libertà" ha affermato fino ad oggi, le misure volte a ridurre la diffusione della malattia hanno trattato le popolazioni come gruppi in gran parte omogenei.

Come risultato, le restrizioni – come i blocchi nazionali, i sistemi di livello regionale e intere scuole chiuse a seguito di epidemie – sono state strumenti bruschi.

Dice che se un sistema di pass per la salute fosse utilizzato in patria e all'estero, "possiamo andare oltre gli strumenti schietti e onnicomprensivi e allinearci con altri paesi rimuovendo alcune restrizioni per i completamente vaccinati, consentendoci così di riaprire l'economia in modo sostenibile".

“Finché il mondo non sarà in gran parte vaccinato e il rischio di una nuova variante rimarrà significativo, è fondamentale avere un'alternativa allo strumento brusco dei blocchi per consentire al Paese di vivere liberamente e in sicurezza". [enfasi aggiunta]

Questa non è libertà. È tirannia e sembra che ogni movimento populista del mondo venga cooptato per contribuire a creare proprio ciò che odiano, vale a dire, gli strumenti della propria schiavitù.

 

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Quelle: Mad World Of Tyranny: il tecnopopulismo consente proprio ciò che odia […]

JR

Quando guardiamo a ciò che passa per leadership nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in gran parte del resto del mondo, sembra quasi impossibile trovare così tanti idioti totali nelle alte sfere. Forse non sono affatto idioti, ma svenduti completamente corrotti!

Larry Fisher

Norimberga 2.0 dovrebbe occuparsi di questi coglioni.

John Smith

Credo che questo autore su Elitismo contro Populismo, si riferisse all'osservazione di Platone che la democrazia si traduce invariabilmente nella tirannia. https://www.c-span.org/video/?26997-1/populism-elitism

Elle

Tutto quello che posso dire è OMG. WTF è sbagliato con la popolazione del Regno Unito? Mi rendo conto che vivono sotto una delle famiglie principali e le sue famiglie monarchiche ma, ancora una volta, WTF? Alzatevi persone! Paghi per andare in prigione?

Ren

Sembrano davvero spaventati da questo virus.
Immagino che la maggior parte abbia preso sul serio Bozo Johnson quando l'ha definita una piaga.
Tutti quelli che conosco che l'hanno preso (tranne mia zia di 89 anni già morente) si sono ripresi. Tutta questa faccenda è stupida e folle.
E la diffusione asintomatica è BS.

Ed M

Crescendo mi consideravo un tecnofilo; tuttavia ora sono molto più un ludita.

Ultima modifica 4 mesi fa di Ed M

[…] Mad World Of Tyranny: il tecnopopulismo consente proprio ciò che odia […]