Il consorzio privato lancia Smart Region per Slam Smart City Tech

School of Sustainability presso ASU. Wikimedia Commons.
Per favore, condividi questa storia!
Il presidente della Arizona State University Michael Crow ha creato un consorzio incostituzionale di organizzazioni per imporre la tecnologia delle città intelligenti nelle città di 20 e 4.4 milioni di persone nell'Arizona centrale.

Questa è una prima mondiale, e altri regionalisti in tutto il mondo stanno guardando come falchi per vedere se riescono a farlo. In tal caso, diventerà immediatamente il modello globale per creare Smart Cities senza intervento pubblico. ⁃ Editor TN

Cox Communications e Arizona State University (ASU) annunciato al 2019 ASU Evento di punta del Summit Smart Region la loro partnership per creare il Cox Connected Environments Collaboratory presso ASU. Questa collaborazione guiderà lo sviluppo di dell'Arizona infrastruttura della regione intelligente, mantenendo la promessa di Smart City Cloud Innovation Center di ASU (CIC) per costruire comunità più intelligenti in grande Phoenix regione metropolitana risolvendo le pressanti sfide della comunità.

Il Cox Connected Environments Collaboratory presso ASU mirerà a risolvere vere sfide all'interno di Grande Phoenix comunità e oltre in modi innovativi e non immediatamente disponibili sul mercato oggi. In qualità di centro di incubazione e spazio di convocazione, il Collaboratorio mira a coinvolgere studenti, personale e docenti dell'ASU per progettare la prossima ondata di soluzioni Internet of Things (IoT) che potrebbero, ad esempio, ottimizzare gli edifici per la sostenibilità, fornire nuove esperienze di apprendimento nel e realtà aumentata, revisione dell'infrastruttura di trasporto e altro ancora.

Per alimentare il Collaboratory, Cox implementerà una rete cablata e wireless completa nel campus come parte dell'ASU NextGen Network. La collaborazione è un altro passo avanti per questi sforzi, coinvolgendo leader e cittadini della città, organizzazioni no profit, docenti, ricercatori studenti, esperti del settore e studiosi in visita per costruire la metropoli e le infrastrutture regionali del futuro.

"Cox è un partner affidabile e non vediamo l'ora di vedere Cox Connected Environments Collaboratory presso ASU guidare applicazioni smart region che combinano persone, dispositivi connessi, dati e processi per migliorare le operazioni della comunità e l'esperienza dei cittadini", ha affermato Lev Gonick, responsabile dell'informazione, Arizona State University.

"Cox attualmente alimenta diverse iniziative e comunità di città intelligenti oggi come la rete di dati preferita di residenti e imprenditori", ha affermato Steve Rowley, vicepresidente esecutivo, Cox Business. "Cox Business, combinato con Cox2M, porterà nuove capacità esperienziali al campus e fornirà uno spazio per innovare tutti".

"Attraverso la nostra linea di business Cox2M, offriremo agli studenti, al personale e ai docenti dell'ASU gli strumenti e le capacità per sviluppare soluzioni end-to-end che possono davvero fare la differenza", ha affermato Sujata Gosalia, vice presidente esecutivo e chief strategy officer, Cox Communications. "Siamo entusiasti di costruire il futuro insieme in questo nuovo ambiente collaborativo".

In qualità di partner fondatore di The Connective - Greater Phoenix Smart Region Consortium, Cox lavorerà anche con ASU per utilizzare la potenza della rete gigabit esistente di Cox e continuare ad estendere la sua infrastruttura in fibra attraverso investimenti aggressivi per creare una regione più connessa.

Il Cox Connected Environments Collaboratory risiederà in una zona di innovazione presso ASU, spazi situati in tutta la valle e campus ASU dedicati alla creazione di soluzioni innovative per le sfide globali. Queste zone includono SkySong, ASU Research Park, Novus Innovation Corridor e altro, coinvolgendo attivamente scuole, facoltà, studenti, programmi e iniziative.

"Lo spirito di innovazione permea tutto ciò che facciamo qui in ASU e questa filosofia si estende agli ecosistemi e alle risorse che mettiamo a disposizione dei nostri collaboratori", ha affermato Sethuraman Panchanathan, vicepresidente esecutivo di Knowledge Enterprise e chief research and innovation officer presso ASU. “Quando collaboriamo a questo livello, vengono scoperte nuove idee e soluzioni per grandi sfide. I nostri centri di innovazione e zone di innovazione sono i principali esempi di come queste relazioni vengono coltivate e di come i benefici che ne derivano vengono realizzati dalle nostre comunità ".

“A nome del team esecutivo del Greater Phoenix Connective, siamo grati di avere Cox Communications come partner fondatore. Il nuovo Cox Connected Environments Collaboratory presso ASU ci consentirà di sperimentare nuove applicazioni e tecnologie che consentiranno lo sviluppo di una regione intelligente e connessa migliorando la qualità della vita per i cittadini e le imprese della Greater Phoenix Region ", ha affermato John Graham, Presidente della Partnership for Economic Innovation.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
michael

La divisione dei paesi in regioni gestite da gruppi di potere non eletti è un requisito fondamentale dell'Agenda 21 / Agenda 30, il programma delle Nazioni Unite per inventare e controllare ogni risorsa del pianeta, compreso il suo "capitale" umano. Il piano è stato lanciato di nascosto per anni, in particolare negli Stati Uniti, sottoscritto dal primo presidente Bush per lo "sviluppo sostenibile" in corso. È ora di tornare indietro contro questa acquisizione tecnocratica, avvicinandosi al suo fine gioco con l'implementazione della sorveglianza di massa onnicomprensiva e del sistema di ingegneria sociale con l'innocuo titolo 5G.