Il Canada rivela il conflitto centrale della nostra epoca

Per favore, condividi questa storia!
Questo articolo è perspicace ma manca la realtà di attori statali come Trudeau come utili idioti per la tecnocrazia. Trudeau non è un tiranno a cannone sciolto. Piuttosto, è strettamente impegnato con i tecnocrati al World Economic Forum che lo vedono come un surrogato delle loro aspirazioni a conquistare l'intero pianeta. ⁃ Editore TN

Il confronto di Justin Trudeau con i camionisti canadesi potrebbe essere l'evento più significativo della pandemia di Covid, non per il suo esito finale, qualunque esso sia, ma per ciò che simboleggia. Cattura, in un perfetto microcosmo, le tensioni tra gli imperativi concorrenti dell'epoca: libertà contro sicurezza; lo stato di diritto contro una governance flessibile "reattiva"; le priorità dei lavoratori rispetto a quelle della borghesia Zooming; il bisogno di interazione e appartenenza umana nel mondo reale contro le promesse di uno splendido isolamento online; le esperienze dell'uomo comune, chissà dove fa male, contro quelle della classe professionale esperta, che non sa nulla che non si possa esprimere come una formula.

Più di tutto ciò, però, ci offre una lente attraverso la quale vedere un conflitto molto più profondo, molto più antico e di portata molto più ampia, che è alla base non solo delle lotte dell'era del Covid, ma della stessa modernità. Da un lato, lo Stato, che cerca di rendere tutta la società trasparente al suo potere. Dall'altro, fonti alternative di autorità: la famiglia, la chiesa, la comunità, l'azienda, la fattoria e l'individuo stesso.

Per secoli, lo stato ha condotto una guerra silenziosa contro quei concorrenti e li ha piegati alla sua volontà. Lo ha fatto non attraverso la cospirazione o una strategia deliberata, ma semplicemente attraverso il perseguimento risoluto, attraverso generazione dopo generazione di leader politici, di un obiettivo: la legittimità. I governi e gli altri organi statali traggono la loro legittimità, e quindi le loro posizioni di governo, dal convincere la popolazione che sono necessari.

Lo fanno suggerendo che senza il loro intervento le cose andranno male; lasciati a se stessi, la gente comune soffrirà. La famiglia, la chiesa, la comunità, l'azienda, la fattoria, l'individuo umano, sono inadeguati al compito di assicurare il benessere umano. Questo compito, solo lo stato è attrezzato per raggiungere, perché solo lo stato può mantenere la popolazione educata, sana, sicura, prospera e soddisfatta. Poiché questo è il caso, solo lo stato è in grado di dispiegare il potere e solo coloro che governano lo stato sono in grado di governare.

La logica di questo argomento è scritta in grande, ovviamente, nella risposta al Covid nel mondo sviluppato. Cosa ci terrà 'al sicuro?' Non certo fonti di soccorso tradizionali, come la Chiesa o la famiglia. Certamente non le singole persone, di cui non ci si può fidare che si comportino in modo responsabile o valutino i rischi per se stesse.

No, è solo lo stato, prima con i suoi blocchi, poi con il suo distanziamento sociale, i suoi mandati di maschere, i suoi programmi di vaccinazione e, ultimamente, i suoi mandati di vaccinazione e "passaporti". È solo il potere dello stato che salva e protegge. E poiché solo lo stato può salvare, è l'unica legittima fonte di autorità, insieme, ovviamente, ai suoi leader.

Lo stato che si dipinge come salvatore in questo modo è palesemente falso e assurdo visto ciò che è accaduto negli ultimi due anni. Ma per quanto sia falso e assurdo, rimane il sottotesto dietro tutta la politica Covid. Justin Trudeau deve trarre la sua legittimità da qualche parte per mantenere il potere. E sente – animale politico qual è – che può derivarlo dal mostrare lo stato canadese (con se stesso al timone, ovviamente) come l'unica cosa che si frappone tra il pubblico canadese e la sofferenza e la morte.

È lo stato, ricordate – in questo caso con i suoi mandati sui vaccini – che salva e protegge. Senza di essa, si ragiona, la popolazione soffrirebbe e morirebbe mentre il Covid scatenava una rivolta. La logica politica è inevitabile. Per un uomo come Trudeau, senza principio se non quello di essere lui solo degno di governare, c'è solo una strada da seguire. Insistere sul fatto che è lo stato che salva e protegge, e che tutto ciò che si frappone sulla sua strada – attenti i camionisti – deve quindi essere schiacciato sotto il suo tallone.

I camionisti, dal canto loro, rappresentano tutto ciò che lo stato disprezza. Hanno un potere sociale e politico che ne è indipendente, e quindi costituiscono una delle fonti alternative di potere che odia e teme. Questo potere non deriva da qualche istituzione dominata dai camionisti, ma semplicemente dal loro status tra quelle che chiamerò classi yeomanry – quasi l'ultimo baluardo dell'autosufficienza e dell'indipendenza in una società moderna come il Canada.

In un'economia sviluppata, la maggior parte delle classi professionali - medici, accademici, insegnanti, dipendenti pubblici e simili - traggono i loro redditi e il loro status in tutto o in parte, direttamente o indirettamente, dall'esistenza dello stato. Se non sono dipendenti pubblici, il loro status si basa su un apparato normativo che solo lo stato può costruire e far rispettare. Questo vale naturalmente anche per il sottoproletariato, che spesso dipende quasi totalmente dallo stato per soddisfare i propri bisogni. I membri di queste classi non rappresentano una minaccia per la legittimità dello stato, perché, in parole povere, ne hanno bisogno. Di conseguenza, è perfettamente felice di tollerare la loro esistenza e, in effetti, vorrebbe che tutta la società fosse così incline. Una popolazione interamente dipendente dallo stato è quella che non metterà mai in discussione la necessità della crescita del proprio potere e quindi la sua capacità di rafforzare la propria legittimità.

Ma nel mezzo ci sono quelle persone, i contadini moderni, che traggono i loro redditi da fonti private, come ditte individuali, proprietari di piccole imprese o dipendenti di piccole e medie imprese. Con una mentalità indipendente, vedendo l'autosufficienza come una virtù e facendo affidamento su se stessi e sulle proprie relazioni con gli altri piuttosto che sullo stato, questi uomini moderni rappresentano una barriera naturale alla sua autorità. In poche parole, non ne hanno bisogno. Guadagnano i loro soldi attraverso l'uso di una particolare abilità che altri apprezzano e quindi pagano sul mercato aperto.

Che lo stato esista o meno è irrilevante per il loro successo e, in effetti, molto spesso si frappone sulla loro strada. Questo è il tipo di persone che, vedendo un problema, tendono a voler trovare una soluzione per se stesse. E sono proprio il tipo di persone che vogliono prendere una decisione sull'opportunità di prendere un vaccino e valutare i rischi per la salute in generale.

Lo stato moderno ha condotto una guerra incessante e segreta in particolare contro gli yeomanry. Ad ogni passo, cerca di regolare i loro affari, limitare la loro libertà e confiscare la loro prosperità. C'è sempre una presunta "buona" ragione per questo. Ma contribuisce a ridurre incessantemente la loro indipendenza e forza. Non è un caso che siano descritti nel gergo britannico come la "stretta di mezzo" - schiacciati come sono tra la sottoclasse dipendente dal welfare da un lato, e i colletti bianchi che traggono la loro ricchezza, direttamente o indirettamente, dal stato dall'altro.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

sto solo dicendo

Le persone dietro le quinte affermano 'onnipresenza'. Devi darglielo; non hai alcuna privacy. Sanno tutto di te, google maps punta direttamente a casa tua! I camionisti per cui sono io potrebbero non sapere il pericolo in cui si trovano. Basta guardare il 6 gennaio negli Stati Uniti! Tutti coloro che hanno donato sono ora conosciuti, proprio come negli Stati Uniti se dai soldi a qualsiasi gruppo conservatore o politico sei segnato. Come può essere che questi tiranni in ogni governo che hanno "conservatori" in parlamento, conservatori in camera e senato negli Stati Uniti... Per saperne di più »

Freeland_Dave

La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni di uomini che siedono e non fanno nulla. Sì, il conservatorismo si muove lentamente, principalmente per essere in grado di individuare il modo giusto di procedere. I liberali tendono a pensare a se stessi in un problema agendo in base alla prima idea che gli viene in mente che suona bene e poi avanzando alla cieca così rapidamente che non vedono i risultati falliti dei loro sforzi fino a dopo il fatto e hanno peggiorato le cose nel complesso rispetto a quando hanno iniziato. Di fronte ai loro errori, invariabilmente si atterranno ai loro piani falliti, pensando... Per saperne di più »

sto solo dicendo

I conservatori devono imparare la difesa e l'attacco! Per la maggior parte abbandonano ciò che hanno promesso nella speleologia, e se "cristiani" disobbediscono a Dio NON facendo ciò che hanno promesso nel sostenere le leggi di Dio. Un conservatore non può essere PER l'aborto, e il matrimonio gay, le frontiere aperte, la tassazione pesante, il grande governo. Dovrebbero avere il massimo rispetto per gli anziani, le vedove e gli orfani, l'amore per i bambini ei cristiani perseguitati in tutto il mondo. Non ho MAI sentito parlare di loro che hanno salvato i cristiani perseguitati! Questo non è difficile!

Ultima modifica 9 mesi fa di un utente anonimo