I vaccini sperimentali richiedono il consenso informato

Per favore, condividi questa storia!
Le informazioni centrali per il consenso informato vengono censurate in maniera massiccia, nella misura in cui è impossibile un vero consenso informato. Ciò contrasta con le leggi internazionali, federali e statali che chiaramente impongono il consenso informato su tutti i farmaci sperimentali. ⁃ TN Editor

Negli Stati Uniti, i vaccini cui è stata concessa l'autorizzazione all'uso di emergenza dalla FDA, come nel caso dei vaccini Pfizer e Moderna COVID, sono considerati sperimentali. Gli amministratori di vaccini per uso di emergenza sono tenuti per legge a informare i destinatari dei vaccini dei potenziali rischi.

Con la massa vaccinazione programma ora in pieno svolgimento, stiamo sentendo sempre più rapporti che suggeriscono che questo diritto fondamentale e requisito legale non viene rispettato. Alla stragrande maggioranza delle persone semplicemente non viene data l'opportunità di esercitare questo diritto che è un principio fondamentale dell'etica medica e centrale nel concetto di autonomia del paziente. La maggior parte delle persone probabilmente non sa nemmeno cosa informazioni dovrebbero essere in grado di ricevere prima della vaccinazione.

Guarda il nostro video qui sotto (di durata inferiore a 8 minuti), presentato da Rob Verkerk Ph.D., compresi gli input del dentista, Dr.Zac Cox, del Alleanza Mondiale dei Medici e medico integrativo, Dr. Anna Forbes, fondatore e direttore del UK Medical Freedom Alliance.

Non è necessario firmare qualcosa per dare il consenso: è sufficiente scoprire il braccio.

Nel caso della vaccinazione, questo è, in sostanza, il tuo gesto che dà il permesso al vaccinatore di toccarti e iniettarti. La mancata richiesta del tuo permesso sarebbe generalmente considerata, legalmente, come aggressione o percossa.

Il vero problema quindi non è con il consenso stesso, ma con le informazioni che dovrebbero precedere il rilascio del consenso.

I tre prerequisiti per il consenso informato

Perché il consenso sia valido sono necessarie 3 cose:

  1. Deve essere dato volontariamente, senza coercizione o inganno.
  2. Deve essere dato da un individuo che abbia capacità mentali.
  3. PRIMA di dare il consenso, una persona deve essere stata pienamente informata della questione. Ciò include essere informati su quali sono i rischi e i benefici del trattamento o della vaccinazione, nonché i rischi e i benefici di rinunciare al trattamento o alla vaccinazione e quali opzioni alternative potrebbero essere disponibili.

Le indicazioni sui vaccini delle autorità sanitarie costituiscono un inganno?

Le autorità sanitarie di tutto il mondo continuano a sostenere che i vaccini COVID-19 sono "sicuri". Tuttavia, secondo il dizionario Collins, ciò significa che:

"Qualcosa che è sicuro non causa danni fisici o pericolo."

Le affermazioni "sicure" vengono regolarmente presentate da organizzazioni come il Regno Unito NHSCenters for Disease Control negli Stati Uniti e nel Organizzazione Mondiale della Sanità.

Una ricerca che abbiamo effettuato nel file Database VAERS negli Stati Uniti mostra che fino ad oggi sono stati segnalati quasi 8,000 eventi avversi (nota: fino al 90% delle reazioni avverse spesso non viene segnalato) e oltre l'1.5% di questi coinvolti morte. È quindi probabilmente ingannevole riferirsi a questi vaccini sperimentali come "sicuri".

Baratro delle informazioni

Anche se si può sostenere che le dichiarazioni di sicurezza esistenti, le campagne pubblicitarie o la pressione di alcuni settori delle professioni sanitarie non sono né coercitive né ingannevoli, è quest'ultimo prerequisito riguardante la fornitura di informazioni dove i programmi di vaccinazione di massa tipicamente falliscono.

Data la mancanza di trasparenza del vaccino, i vaccinatori stessi non sono adeguatamente informati, quindi generalmente non sono in grado di offrire informazioni accurate che potrebbero essere disponibili nel pubblico dominio, ma generalmente non sono ben note.

Le informazioni che dovrebbero essere comunicate liberamente includono il fatto che i vaccini sono sperimentali e non provati. Coloro che pensano di dare il consenso dovrebbero essere informati sui vaccini ' affidamento sulla biologia sintetica che non è mai stato testato su larga scala. Ma include anche informazioni sui rischi e benefici noti degli studi di fase 3 e che questi studi sono ancora in corso e alcuni non saranno completati per oltre 18 mesi (ad esempio, 31 gennaio 2023, per il vaccino mRNA Pfizer).

In parole povere: senza la trasparenza del vaccino, il consenso informato non è possibile.

Il minimo che dovremmo aspettarci è che ogni persona legga il foglio illustrativo del prodotto concordato tra i produttori di vaccini e le autorità di regolamentazione, prima di dare il proprio consenso. Anche questo non sta accadendo. Dove vengono fornite le informazioni - spesso vengono consegnate alle persone come un gesto di passaggio - una formalità - dopo la vaccinazione.

>>> Opuscolo informativo Pfizer, Regno Unito: Pfizer PIL      

>>> Scheda informativa Pfizer per riceventi e assistenti, USA

>>> Scheda informativa Pfizer per gli operatori sanitari che somministrano il vaccino, USA

>>> Opuscolo informativo di AstraZeneca, Regno Unito

>>> Scheda informativa Moderna per gli operatori sanitari che somministrano il vaccino, USA

>>> Opuscolo informativo Moderna, UE

>>> Opuscolo informativo Moderna

È ora che i responsabili dei programmi di vaccinazione inizino a rispettare il consenso informato. E già che ci sono, riconosci che è meglio che cambino il modo in cui si avvicinano al consenso informato perché molti probabilmente infrangono la legge non consentendo l'esercizio di tale diritto.

La legge sul consenso informato - presente in quasi tutte le giurisdizioni - costituisce uno degli assi centrali dell'etica medica che è il fondamento della pratica della "buona medicina" nelle società civilizzate e democratizzate. Non gettiamolo al vento.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

Orrendo! L'eugenetica sta accadendo! Vedi qui il logo di Astra Zeneca è 3-6, 's! 666 è completamente satanico, guarda bene e vedrai! http://logok.org/wp-content/uploads/2014/09/AstraZeneca-logo-880×645.png

sto solo dicendo
Charlie Harper

Semplicemente non farti vaccinare!
MASSA NON CONFORMITÀ
️🍕🍺🖕