I transumani usano la crionica nella speranza dell'immortalità futura

Alcor, Max Moro (r)
Per favore, condividi questa storia!
Max More e sua moglie Natasha sono i "padri fondatori" del moderno movimento globale transumano. Max gestisce anche la Alcor Life Extension Foundation dove puoi mettere la tua testa in un congelatore per un periodo indefinito fino a quando la scienza non avanza abbastanza da riportarti alla vita permanente o all'immortalità. Editor TN

Quando un uomo californiano di 87 anni è stato portato in una sala operatoria appena fuori Phoenix l'anno scorso, la pandemia era al suo apice e i protocolli medici venivano capovolti in tutto il paese.

Un caso come il suo avrebbe normalmente richiesto 14 o più sacche di liquidi da pompare in lui, ma ora questo rappresentava un problema.

Se fosse stato infettato dal coronavirus, minuscole goccioline di aerosol sarebbero potute fuoriuscire e infettare il personale, quindi il team operativo aveva adottato nuove procedure che riducevano l'efficacia del trattamento ma utilizzavano meno liquidi.

Era una soluzione elaborata, soprattutto considerando che il paziente era stato dichiarato legalmente morto più di un giorno prima.

Era arrivato nella sala operatoria di Alcor Life Extension Foundation — situato in un parco industriale vicino all'aeroporto di Scottsdale, in Arizona — confezionato in ghiaccio secco e pronto per essere "crioconservato" o conservato a temperature di congelamento, nella speranza che un giorno, forse decenni o secoli da oggi, lui potrebbe essere riportato in vita.

A quanto pare, la pandemia che ha colpito miliardi di vite in tutto il mondo ha avuto un impatto anche sui non viventi.

Da Mosca a Phoenix e dalla Cina all'Australia rurale, i principali attori nel settore della conservazione dei corpi a temperature estremamente basse affermano che la pandemia ha portato nuovi stress a un'industria che ha dovuto affrontare a lungo scetticismo o aperta ostilità da parte delle istituzioni mediche e legali che hanno respinto come scienza ciarlatana o frode.

In alcuni casi, le precauzioni per il Covid-19 hanno limitato le parti del corpo che possono essere riempite di sostanze chimiche protettive per arginare i danni causati dal congelamento.

Alcor, che è in attività dal 1972, ha adottato nuove regole nella sua sala operatoria lo scorso anno che limitavano l'applicazione della sua soluzione antigelo di grado medico solo al cervello del paziente, lasciando tutto sotto il collo non protetto.

Nel caso dell'uomo californiano, le cose andarono anche peggio perché era morto senza aver completato i normali accordi legali e finanziari con Alcor, quindi nessuna squadra di riserva era a disposizione per la sua morte. Quando arrivò alla struttura di Alcor, era trascorso troppo tempo perché il team fosse in grado di far circolare con successo le sostanze chimiche protettive, anche nel cervello.

Ciò significava che quando il paziente è stato infine sigillato in un sacco a pelo e conservato in una grande vasca di alluminio simile a un thermos riempita di azoto liquido che lo ha raffreddato a meno 320 gradi Fahrenheit (meno 196 gradi Celsius), si sono formati cristalli di ghiaccio tra le cellule del suo corpo. , facendo innumerevoli buchi nelle membrane cellulari.

Max More, l'ex presidente di Alcor 57 anni, ha affermato che i danni causati dal "congelamento diretto" di questo paziente potrebbero essere probabilmente ancora riparati dai futuri scienziati, soprattutto se ci fosse solo un danno limitato al cervello, che spesso viene rimosso e conservati da soli in quella che in commercio è conosciuta come una conservazione “neuro”.

"Sono sempre stato iscritto a un neuro me stesso", ha detto More. “Non capisco davvero perché le persone vogliano portare con sé il loro vecchio corpo scomposto. In futuro sarà probabilmente più facile ricominciare da zero e rigenerare comunque il corpo”.

"Le cose importanti sono qui per quanto mi riguarda", ha detto, indicando il suo raccolto di capelli biondo sabbia in una chiamata Zoom. "È lì che vive la mia personalità e i miei ricordi sono ... tutto il resto è sostituibile."

Leggi la storia completa qui ...

 

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Val Valeriana

Un branco di stupidi reincarnati che non hanno un indizio su CHI siano veramente. Pensano di ESSERE il corpo e che la loro stessa psiche cosciente è un artefatto del corpo. Per loro, si tratta sempre di immortalità fisica, riduzionismo materiale e identificazione del corpo (identità, razza, genere). Non c'è consapevolezza di CHI siano veramente (una connessione incarnata dal proprio Sé Superiore unico su un altro livello, che usa un corpo per raccogliere esperienze) perché questi sequenziali hanno un basso "soffitto spirituale" di comprensione nella fase di progressione dell'incarnazione. re dentro.

Elle

Potrei essere più d'accordo con il tuo commento sul "soffitto spirituale". Ringrazio Source che alcuni di noi capiscano questo concetto molto semplice. Di fronte al ridicolo culto del materialismo si deve solo dire: "Bene, benedici i loro cuori". (Questo è il sud che parla per "siete degli idioti".)

Ultima modifica 1 anno fa di Elle
allevatore

l'unica cosa che so che si congela dopo essere stata fatta, e poi torna in vita dopo essere stata scongelata, è il pane.
Poi lo tosto e lo mangio.

Ren

Penso che i transumanisti siano i maghi materialisti di cui parlava CS Lewis.

Elle

Ottima scelta

Elle

Queste persone sono degli idioti. Idioti paurosi. L'immortalità in questo corpo? Nelle parole di Mel Brooks, "Amico, sei NVTS, pazzo!" (Storia del mondo, parte I)

Rick a Phoenix

In realtà, la teoria alla base è stata espressa bene da Eric Drexler nel 1985 nel suo libro "Engines of Creation", un trattato che ha delineato l'idea e l'ingegneria possibile con ... "nanotecnologia" ... o controllo della materia su una scala da 10 a i meno 9 metri…. o nanometri. Drexler ha scritto della crionica... "La memoria e la personalità sono codificate in una struttura cerebrale conservabile". Certo, la nanotecnologia può avere dei vincoli che precludono il recupero e la ricostruzione di un cervello, ma il principio alla base ha dei meriti. Dopotutto, l'industria dei surgelati ha avuto molto successo, ad esempio. Il principio alla base dei pasti Marie Callendar surgelati è... Per saperne di più »