I transumani non riescono a togliersi dalla testa il sogno della vita eterna

Per favore, condividi questa storia!
Da quando la comunità transumana si è riscaldata negli ultimi 30 anni, grazie all'avanzamento della tecnologia, non c'è stata una sola svolta scientifica che li abbia avvicinati di un pollice al raggiungimento dell'immortalità. Imperterriti, continuano a cercare il grande "passo avanti" che li salverà dalla morte. ⁃ TN Editor

Impianti cerebrali, vite più lunghe, esseri umani geneticamente modificati: per i profeti del transumanesimo - l'evoluzione scientificamente assistita degli umani oltre i nostri limiti attuali - è solo questione di tempo.

Ma molti scienziati insistono sul fatto che alcuni problemi non sono risolti così facilmente.

Prima o poi, sostengono, il movimento che si è cristallizzato nella cultura del can-do degli 1980 in California colpirà il muro di mattoni di ciò che è scientificamente impossibile.

La controversia più recente è stata a novembre, quando lo scienziato cinese He Jianjui ha affermato di aver creato i primi bambini al mondo modificati geneticamente, che secondo lui erano resistenti all'HIV.

Il contraccolpo della comunità scientifica ha portato alla sospensione del suo lavoro, poiché sono state sollevate domande non solo sulla qualità della scienza, ma sull'etica della ricerca.

Ma il sogno transumanista non è una novità, afferma Marc Roux, presidente dell'Associazione transumanista francese (AFT).

"È apparso quando ci siamo resi conto che potevamo fare scelte ponderate per utilizzare tecniche per intervenire nella nostra evoluzione biologica", ha detto.

Alcuni dei giganti della tecnologia odierna sembrano avere una visione simile.

Google ha reclutato lo scienziato informatico Ray Kurzweil, uno dei protagonisti del movimento transumanista. E sostiene Calico, una società di ricerca dedicata all'utilizzo della tecnologia per aiutare le persone a vivere una vita più lunga e più sana.

Ed Elon Musk, il miliardario fondatore di Tesla, ha creato Neuralink a San Francisco per sviluppare "interfacce cervello-macchina impiantabili per connettere gli esseri umani ai computer".

Blay Whitby, che studia le implicazioni etiche della ricerca transumanista all'Università del Sussex, in Inghilterra, è scettico.

"Alcuni transumanisti mi firmano le loro e-mail con slogan come" La morte ora è facoltativa "o" La prima persona che ha vissuto fino a 500 anni è già nata "", osserva.

"Sono chiaramente più ottimisti di me."

Gli scettici indicano le montagne che la scienza deve ancora scalare.

Finora un'intera serie di studi clinici non è riuscita a trovare una cura per la malattia neurodegenerativa Alzheimer, che affligge gli ultimi anni di molte persone.

L'aspettativa di vita è effettivamente diminuita in alcuni paesi, come gli Stati Uniti.

E numerosi studi hanno concluso che esiste un limite al modo in cui gli umani anziani possono realisticamente aspettarsi di poter vivere.

E ci sono limiti, afferma Nathanael Jarrasse dell'Institute for Intelligent Systems and Robotics (ISIR) di Parigi.

"Parliamo solo di tempo e denaro, negando la possibilità che potremmo non riuscire mai a capire certe cose - negando l'impossibile scientificamente".

Roux, nel campo transumanista, si rammarica che il movimento sia troppo spesso ridotto alle opinioni dei suoi sostenitori più estremi.

"Già oggi, un gran numero di cose sono possibili", sostiene.

Riconosce le questioni etiche sollevate dal progresso della tecnologia. Ma la posizione transumanista è che modificare le generazioni future per influire sull'eredità non è di per sé abominevole.

"Perché dovrebbe essere necessariamente una cosa negativa?" lui chiede. “Non c'è più alcun dibattito su queste questioni. Siamo condannati per principio, ma la gente ha dimenticato il perché ".

I transumanisti non vedono alcun motivo per cui non possano sperimentare cose che sono già tecnicamente possibili: impianti retinici in modo da poter vedere sullo spettro infrarosso; impianti cocleari in modo da poter scegliere i suoni ultrasonici.

Questo non va bene con Edouard Kleinpeter, un ingegnere ricercatore presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS) francese.

"Le teorie transumaniste si basano su concetti molto materialisti del corpo, della coscienza ...", dice. "Per loro, non c'è differenza tra un cervello e un microprocessore."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Anne

Se la mia unica speranza per la vita eterna dipendesse dal transumanesimo o da qualsiasi tipo di assistenza da parte dell'uomo caduto. Non avrei né desiderio né interesse per la vita eterna. Vedere come sono andate le cose fino a questo punto con gli psicopatici al comando. La persona "media" vivrebbe in uno stato eterno di inferno se la cabala criminale internazionale avesse qualcosa a che fare con chiunque altro al di fuori del loro club che sperimenta la vita eterna. Per farla breve. Si potrebbe semplicemente scegliere di rifiutare e disobbedire a Dio per vivere eternamente nello stagno di fuoco con i globalisti. Nessuno ha bisogno di loro o... Per saperne di più »