I tedeschi rilevano gli aeroporti greci di 14 nell'accordo di privatizzazione

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
 
Nota TN: Nessuno contesta gli eccessivi programmi sociali della Grecia che hanno portato alla sua caduta economica, ma la comunità internazionale è intervenuta per costringere la Grecia a vendere beni chiave ad aziende private. Questo processo è chiamato "privatizzazione" e nel caso della Grecia è piuttosto spietato, comprese le isole, i servizi chiave, gli aeroporti, ecc. Alla fine, la Grecia sembrerà una provincia coloniale di giganti aziendali.
La Grecia ha firmato il suo primo importante accordo di privatizzazione garantendo il controllo di una dozzina di aeroporti regionali a una società tedesca. L'accordo fa parte delle richieste dei creditori internazionali di privatizzare i beni statali per garantire 86 miliardi di € in fondi di salvataggio per Atene.

Il contratto da € 1.23 miliardi prevede un contratto di locazione di un anno 40 per l'operatore aeroportuale di Francoforte Fraport. L'azienda tedesca potrebbe aggiornare e gestire un gruppo di aeroporti, compresi quelli sulle famose isole turistiche di Corfù, Mykonos, Rodi e Santorini.

L'amministratore delegato di Fraport, Stefan Schulte, ha definito l'accordo a “Win-win” per "La Grecia e la sua gente".

"Il progetto sottolinea l'ampio know-how che Fraport sarà in grado di fornire in questi gateway per l'aviazione 14 che sono vitali per l'economia della Grecia e, in particolare, per il suo enorme settore turistico internazionale", Disse Schulte.

 "È uno sviluppo molto significativo e un messaggio forte, in tutte le direzioni, che l'economia greca sta conquistando la fiducia dei mercati e sta entrando nella strada verso la crescita", ha dichiarato Stergios Pitsiorlas, il capo dell'agenzia di privatizzazione della Grecia.

L'accordo di privatizzazione con Fraport è stato concordato lo scorso anno, ma i negoziati finali sono stati congelati quando Syriza è salita al potere a gennaio. Va contro la promessa pre-elettorale del primo ministro Alexis Tsipras di non privatizzare le infrastrutture del Paese. L'idea è stata fortemente contrastata dalla piattaforma di sinistra di Syriza che ha accusato la coalizione di “Arrendersi” beni pubblici.

Circa € 3 miliardi di entrate sono state raccolte in Grecia attraverso privatizzazioni negli ultimi sei anni. In termini dell'attuale programma di salvataggio, il governo greco dovrà raccogliere ulteriori 6.2 miliardi di € dalla vendita o dall'assegnazione di contratti di gestione per beni di proprietà statale nei prossimi tre anni. La misura mira a ridurre il debito nazionale e ad aumentare gli investimenti.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pete

Colonizzazione della Grecia da parte del sistema bancario d'élite in pieno svolgimento. Anche le spiagge sono sotto il martello.

http://www.keeptalkinggreece.com/2014/05/21/greece-sells-110-of-its-best-beaches-in-the-name-of-development/

Il paese è finito, il popolo si è rotto, ma i militari continuano a investire.