I tecnocrati sono i silenziosi rivoluzionari che si nascondono nel governo

Wikimedia Commons, Jason Tong
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Questo è un importante articolo australiano che identifica correttamente la tecnocrazia nel suo contesto storico e i tecnocrati moderni che sono il pericolo radicale e nascosto nascosto dietro le strutture politiche e i politici. ⁃ Editor TN

La vista familiare sugli schermi televisivi degli ultimi mesi del primo ministro e dei capi di stato e di territorio affiancati, e spesso rinviando, ai loro esperti di salute senior, suggerisce una relazione comoda e totalmente praticabile tra coloro che sono stati eletti a governare e quelli con particolare competenza per contribuire.

C'è poco in ciò che abbiamo osservato che indichi tensioni, ma il dibattito in corso sul ruolo appropriato degli esperti in una democrazia rivela tensioni in abbondanza. Infatti,

si potrebbe sostenere che non esiste un problema più pressante sia nell'ordine pubblico che nel pensiero democratico di questa relazione tra governanti ed esperti e, di conseguenza, tra ciò che la gente vuole e ciò che gli esperti concordano. Non è solo un argomento accademico secco.

Il ruolo altamente contestato degli esperti nel governo è ora ampiamente visto come un importante fattore che contribuisce all'ondata globale del populismo poiché i leader populisti esortano le persone a "riprendersi la vita". È un fattore significativo nell'attuale ascesa del nazionalismo in Europa, con i populisti che guidano l'accusa contro la "tecnocrazia antidemocratica" dell'Unione europea; ha svolto un ruolo cruciale nel dibattito sulla Brexit che ha portato la Gran Bretagna fuori dall'UE; ed è parte integrante dell'America di Donald Trump.

I parametri della discussione sono estremamente ampi. Si va da fanatici a un'estremità dello spettro che discutono per la sostituzione dei politici con esperti in un sistema in cui i leader sono scelti per le loro capacità rilevanti e prestazioni comprovate, in contrasto con se si adattano o meno agli interessi di maggioranza di una popolazione, a l'altra estremità dello spettro rappresentata da Donald Trump che, secondo Philip Rucker e Carol Leonnig nel loro libro, A Very Stable Genius, ha ripetutamente detto al suo capo del personale John Kelly quando hanno messo in fila esperti per informarlo: "Non voglio per parlare con chiunque. Io ne so più di loro. Lo so meglio di chiunque altro. "

L'idea della tecnocrazia iniziò a svilupparsi all'inizio del XX secolo come un concetto di politica pubblica progettato per sostenere l'applicazione del metodo scientifico per risolvere i problemi sociali.

Il termine fu coniato dall'ingegnere americano William Henry Smyth nel 1919 e adottato come tema chiave dal sociologo ed economista Thorstein Veblen nel suo libro influente, Engineers and the Price System (1921).

Fu ulteriormente reso popolare da James Burnham nel suo largamente letto The Managerial Revolution (1941). Il termine è arrivato a significare "governo mediante processi decisionali tecnici".

Come movimento sociale, la tecnocrazia ha acquisito importanza, principalmente negli Stati Uniti e in Canada (ma anche in Germania e nell'Unione Sovietica) per breve tempo negli anni '1930, sostenendo la sostituzione di politici e uomini d'affari eletti con scienziati, ingegneri ed economisti che avevano la tecnica competenza per gestire l'economia e affrontare i problemi della Grande Depressione.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
James Reinhart

Informazioni eccellenti Grazie.