Super-Soldato: Tecnocrati militari padroneggiano il cervello

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Quando i tecnocrati ei transumanisti nell'esercito inventano una nuova tecnologia per il miglioramento della guerra, è solo una questione di tempo prima che le sue forze si rivolgano ai cittadini che hanno pagato per la ricerca in primo luogo. ⁃ TN Editor

Un nuovo algoritmo di apprendimento automatico può determinare con successo quali comportamenti specifici, come camminare e respirare, appartengono a quale segnale cerebrale specifico e ha il potenziale per aiutare i militari a mantenere una forza più pronta.

In qualsiasi momento, le persone svolgono una miriade di compiti. Tutti i segnali cerebrali e comportamentali associati a queste attività si mescolano per formare una rete complicata. Fino ad ora, questo sito web è stato difficile da districare e tradurre.

Ma i ricercatori finanziati dall'esercito degli Stati Uniti hanno sviluppato un algoritmo di apprendimento automatico in grado di modellare e decodificare questi segnali, secondo un comunicato stampa del 12 novembre. La ricerca, che ha utilizzato set di dati cerebrali standard per l'analisi, è stata recentemente pubblicata sulla rivista Nature Neuroscience.

"Il nostro algoritmo può, per la prima volta, dissociare i modelli dinamici nei segnali cerebrali che si riferiscono a comportamenti specifici ed è molto più bravo a decodificare questi comportamenti", la dott.ssa Maryam Shanechi, professore di ingegneria presso l'Università della California meridionale che ha guidato la ricerca , ha detto in una dichiarazione.

Il dottor Hamid Krim, responsabile del programma presso l'Esercito Research Office, parte del Laboratorio di ricerca dell'esercito del Comando per lo sviluppo delle capacità di combattimento dell'esercito americano, ha detto Nextgov Shanechi e il suo team hanno utilizzato l'algoritmo per separare quelli che chiamano segnali cerebrali rilevanti dal punto di vista comportamentale dai segnali cerebrali non rilevanti dal punto di vista comportamentale.

"Questo presenta un potenziale modo per misurare in modo affidabile, ad esempio, il sovraccarico mentale di un individuo, di un soldato", ha detto Krim.

Se l'algoritmo rileva un comportamento che indica che un soldato è stressato o sovraccarico, una macchina potrebbe avvisare quel soldato prima ancora che siano in grado di riconoscere la propria stanchezza, ha detto Krim. Migliorare la consapevolezza di sé è fondamentale per l'interesse dell'esercito in questa ricerca, ha aggiunto.

La ricerca fa parte di uno sforzo per stabilire un'interfaccia macchina-cervello. Alla fine, ha detto Krim, questa ricerca potrebbe contribuire allo sviluppo di una tecnologia che non solo può interpretare i segnali dal cervello, ma anche inviare segnali per aiutare le persone a intraprendere azioni correttive automatiche per determinati comportamenti, ha aggiunto.

L'immaginazione è l'unico limite quando si tratta del potenziale di questa tecnologia, ha detto Krim. Un'altra applicazione futuristica potrebbe consentire ai soldati di comunicare tra loro senza mai aprire la bocca.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]