I tecnocrati della DEA hanno raccolto dati in violazione della legge

DEADEA Watch office. Immagine: DEA
Per favore, condividi questa storia!
Che questa sia una lezione che la mente del Tecnocrate non ha spazio per aderire alle singole leggi o, più in generale, allo stato di diritto. Abbiamo visto per anni casi coerenti e ripetuti di disprezzo intenzionale all'interno della comunità dell'intelligence, da parte della NSA, dell'FBI, della CIA e ora della DEA. ⁃ TN Editor

L'amministrazione "non è riuscita a condurre un'analisi giuridica completa" di tre programmi di raccolta di dati in grande stile in stile NSA, secondo l'ispettore generale del dipartimento di giustizia.

La Drug Enforcement Administration ha costeggiato numerosi controlli legali su un trio di programmi di raccolta di dati in blocco risalenti ai primi 1990, secondo un cane da guardia interno.

In un report di pagine 144 fortemente redatto pubblicato giovedì, l'ispettore generale del Dipartimento di Giustizia ha rivelato che l'amministrazione non ha valutato appieno la base giuridica di tre enormi operazioni di sorveglianza internazionale che sono state ampiamente controllate da 1992 a 2013. Due dei programmi rimangono attivi in ​​qualche forma oggi.

Nell'ambito di un'iniziativa, che gli investigatori chiamavano "Programma A", L'amministrazione ha utilizzato citazioni in giudizio" non specifiche per target "per costringere più fornitori di servizi di telecomunicazione a fornire metadati su ogni telefonata effettuata dagli Stati Uniti a tanti paesi 116 con "un nesso con le droghe". Gli investigatori hanno scoperto che alcune compagnie hanno anche fornito ai funzionari i dati su tutte le chiamate fatte tra quei paesi stranieri.

L'amministrazione ha anche condotto altri due programmi di sorveglianza di massa durante quel periodo senza valutare la loro legalità, hanno scoperto gli investigatori. Nell'ambito del "Programma B", i funzionari hanno usato simili citazioni per raccogliere informazioni su chiunque abbia acquistato prodotti specifici dai fornitori partecipanti. Attraverso il "Programma C", DEA ha acquistato metadati telefonici per obiettivi di indagini in corso attraverso un appaltatore per un'agenzia governativa separata.

Il programma B ha funzionato da 2008 a 2013 e Programma C è iniziato in 2007 e rimane attivo oggi, secondo IG.

Gli investigatori hanno scoperto che l'amministrazione "non è riuscita a condurre un'analisi giuridica completa" delle azioni nell'ambito di tutti e tre i programmi. Le precedenti sentenze del tribunale hanno messo in discussione l'uso delle citate citazioni nell'ambito dei programmi A e B, hanno affermato. Secondo il rapporto, l'FBI ha anche sollevato preoccupazioni in merito alla legalità delle operazioni.

"Abbiamo anche riscontrato preoccupante l'assenza di una solida revisione legale perché la DEA ha utilizzato i dati in blocco raccolti ... in un numero imprecisato di occasioni a sostegno di indagini da parte di agenzie federali non DEA che non avevano alcun legame apparente con indagini specifiche sui farmaci", l'IG aggiunto. "Questo utilizzo ha sollevato importanti questioni legali" perché l'amministrazione ha giustificato le sue azioni dicendo che le informazioni "erano" rilevanti o sostanziali "per un'indagine sulla droga".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti