Come i nostri sistemi immunitari potrebbero impedire agli umani di raggiungere Marte

Mars roverWikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!

Gli aspiranti colonizzatori di Marte come Elon Musk e Peter Thiel saranno messi a punto quando si renderanno conto che il corpo umano è fatto per vivere sulla terra e non nello spazio. Cioè, i sistemi umani subiscono radicali cambiamenti fisiologici quando esposti alle condizioni dello spazio.  Editor TN

L'astrofisico Neil DeGrasse Tyson ha commentato che "i dinosauri sono estinti oggi perché mancavano i pollici opponibili e la potenza del cervello per costruire un programma spaziale"

Eppure, sebbene ora abbiamo la capacità tecnologica di lasciare la Terra, gli scienziati hanno trovato un altro ostacolo alla colonizzazione di nuovi mondi: il nostro sistema immunitario.

Anche se si dice che siamo tutti fatti di "cose ​​stellari" quando si tratta di viaggiare lontano dal nostro pianeta natale, gli umani sono molto più vulnerabili ai rigori dello spazio di quanto le nostre origini interstellari possano suggerire.

Miliardi di anni di evoluzione hanno efficacemente sostenuto l'umanità in un angolo del Sistema Solare che ora potrebbe essere difficile lasciare.

Un team di scienziati russi e canadesi ha analizzato l'effetto della microgravità sulla composizione proteica nei campioni di sangue dei cosmonauti russi 18 che hanno vissuto sulla Stazione Spaziale Internazionale per sei mesi.

Hanno trovato allarmanti cambiamenti nel sistema immunitario, suggerendo che avrebbero difficoltà a scrollarsi di dosso anche un virus minore, come il comune raffreddore.

"I risultati hanno mostrato che in assenza di gravità, il sistema immunitario si comporta come quando il corpo è infetto perché il corpo umano non sa cosa fare e cerca di accendere tutti i possibili sistemi di difesa", ha detto la professoressa Evgeny Nikolaev, dell'Istituto di Mosca di fisica e tecnologia e Istituto Skolkovo di scienza e tecnologia.

 Lo effetti del volo spaziale sul corpo umano sono stati studiati attivamente dalla metà del X secolo X ed è risaputo che la microgravità influenza il metabolismo, la regolazione del calore, il ritmo cardiaco, il tono muscolare, la densità ossea, il sistema respiratorio.

L'anno scorso riparazioni dagli Stati Uniti anche scoperto che gli astronauti che viaggiato nello spazio profondo in missioni lunari avevano cinque volte più probabilità di morire di malattie cardiovascolari rispetto a coloro che erano entrati in orbita bassa o non avevano mai lasciato la Terra.

Gli astronauti sono più in forma della popolazione generale e hanno accesso alle migliori cure mediche, il che significa che la loro salute è generalmente migliore della popolazione generale. Quelli di età paragonabile, ma che non hanno mai volato o hanno raggiunto solo un'orbita terrestre bassa, avevano meno di uno nella probabilità 10 di morte per malattie cardiovascolari.

Ma la probabilità di morte è salita a 43 per cento per coloro che hanno raggiunto il Moon:  o spazio profondo, probabilmente a causa dell'impatto della radiazione spaziale mortale.

 Tuttavia, fino ad ora i meccanismi molecolari che guidano i cambiamenti fisiologici causati dai voli spaziali sono rimasti un mistero.

Per comprendere meglio i cambiamenti nella fisiologia umana durante i viaggi nello spazio, il team di ricerca ha quantificato le concentrazioni di proteine ​​125 nel plasma sanguigno dei cosmonauti.

 Le proteine ​​cambiano mentre il sistema immunitario si altera e quindi possono essere utilizzate come misura del suo funzionamento. Il sangue fu prelevato dai cosmonauti 30 giorni prima che viaggiassero verso la ISS e poi al loro immediato ritorno sulla Terra. Sono stati anche testati sette giorni dopo il touchdown. Le singole proteine ​​sono state quindi contate usando uno spettrometro di massa.

"Quando abbiamo esaminato i cosmonauti dopo essere rimasti nello spazio per sei mesi, il loro sistema immunitario si è indebolito", ha dichiarato la dott.ssa Irina Larina, la prima autrice dell'articolo, membro del Laboratory of Ion e Fisica molecolare dell'Istituto di fisica e tecnologia di Mosca.

"Non erano protetti dai virus più semplici. Abbiamo bisogno di nuove misure di prevenzione del disturbo durante un lungo volo.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti