I senatori scoprono finalmente che la CIA sta usando un programma segreto per raccogliere dati sui cittadini americani

Per favore, condividi questa storia!
Nel 2015, un informatore della CIA che ha effettivamente creato il software "The Hammer" per spiare le minacce terroristiche straniere, ha rivelato che la CIA aveva rivolto l'arma di sorveglianza contro i cittadini americani. Alla CIA e alla NSA è generalmente vietato indagare sugli americani o sulle imprese statunitensi, ma purtroppo operano impunemente al di fuori della legge.

Questo tipo di comportamento illegale è completamente in linea con la mentalità dei tecnocrati. Rifuggono i politici e le strutture politiche che esistono per proteggere i cittadini.⁃ Editor di TN

La CIA ha un archivio di dati segreto e non divulgato che include informazioni raccolte sugli americani, hanno affermato due democratici del Comitato di intelligence del Senato. Sebbene né l'agenzia né i legislatori avrebbero rivelato dettagli sui dati, i senatori hanno affermato che la CIA aveva a lungo nascosti dettagli sul programma al pubblico e al Congresso.

Il senatore Ron Wyden dell'Oregon e Martin Heinrich del New Mexico hanno inviato una lettera ai massimi funzionari dell'intelligence chiedendo maggiori dettagli sul programma da declassificare. Gran parte della lettera, che è stata inviata nell'aprile 2021 e declassificata giovedì, e i documenti rilasciati dalla CIA sono stati oscurati. Wyden e Heinrich hanno affermato che il programma operava "al di fuori del quadro statutario che il Congresso e il pubblico ritengono governino questa raccolta".

Ci sono state a lungo preoccupazioni su quali informazioni la comunità dell'intelligence raccoglie a livello nazionale, guidate in parte da precedenti violazioni delle libertà civili degli americani. La CIA e la National Security Agency hanno una missione all'estero e generalmente non possono indagare su aziende americane o statunitensi. Ma la vasta raccolta di comunicazioni estere da parte delle agenzie di spionaggio spesso intrappola i messaggi e i dati degli americani in modo accidentale.

Le agenzie di intelligence sono tenute ad adottare misure per proteggere le informazioni statunitensi, inclusa la cancellazione dei nomi di eventuali americani dai rapporti a meno che non siano ritenuti rilevanti per un'indagine. Il processo di rimozione delle redazioni è noto come "smascheramento".

"La CIA riconosce e prende molto sul serio il nostro obbligo di rispettare la privacy e le libertà civili delle persone statunitensi nello svolgimento della nostra vitale missione di sicurezza nazionale", ha affermato in una nota Kristi Scott, responsabile della privacy e delle libertà civili dell'agenzia. "La CIA si impegna alla trasparenza coerentemente con il nostro obbligo di proteggere le fonti e i metodi di intelligence".

La CIA ha rilasciato una serie di raccomandazioni redatte sul programma emesse da un pannello di sorveglianza noto come Privacy and Civil Liberties Oversight Board. Secondo il documento, una finestra pop-up avverte gli analisti della CIA che utilizzano il programma che la ricerca di informazioni su cittadini statunitensi o altri soggetti alle leggi sulla privacy richiede uno scopo di intelligence straniera.

"Tuttavia, gli analisti non sono tenuti a commemorare la giustificazione delle loro domande", ha affermato il consiglio.

Entrambi i senatori hanno da tempo spinto per una maggiore trasparenza da parte delle agenzie di intelligence. Quasi un decennio fa, una domanda posta da Wyden al capo della spia della nazione presagiva rivelazioni critiche sui programmi di sorveglianza di massa della NSA.

Nel 2013, Wyden ha chiesto all'allora direttore della National Intelligence James Clapper se la NSA avesse raccolto "qualsiasi tipo di dati su milioni o centinaia di milioni di americani". Clapper inizialmente ha risposto: "No". In seguito ha detto: "Non consapevolmente".

L'ex amministratore di sistema Edward Snowden nello stesso anno ha rivelato l'accesso della NSA ai dati di massa attraverso società Internet statunitensi e centinaia di milioni di record di chiamate da fornitori di telecomunicazioni. Quelle rivelazioni hanno suscitato polemiche in tutto il mondo e una nuova legislazione al Congresso.

Clapper si sarebbe poi scusato in una lettera al Comitato di intelligence del Senato, definendo la sua risposta a Wyden "chiaramente erronea".

Secondo la lettera di Wyden e Heinrich, il programma di raccolta di massa della CIA opera al di fuori delle leggi approvate e riformate dal Congresso, ma sotto l'autorità dell'Executive Order 12333, il documento che regola ampiamente l'attività della comunità di intelligence ed è stato firmato per la prima volta dal presidente Ronald Reagan nel 1981.

"È fondamentale che il Congresso non legifera senza la consapevolezza di un... programma della CIA, e che il pubblico americano non venga indotto in errore nel credere che le riforme in qualsiasi legislazione sulla riautorizzazione coprano completamente la raccolta dei loro registri dell'IC", hanno scritto i senatori nella loro lettera. C'era una redazione nella lettera prima del "programma CIA".

Ulteriori documenti rilasciati dalla CIA giovedì hanno anche rivelato dettagli limitati su un programma per raccogliere dati finanziari contro lo Stato Islamico. Quel programma ha anche catturato alcuni record detenuti dagli americani.

Le agenzie di intelligence sono soggette a linee guida sulla gestione e distruzione dei dati degli americani. Tali linee guida e leggi che regolano l'attività di intelligence si sono evolute nel tempo in risposta a precedenti rivelazioni sullo spionaggio domestico.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

10 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

Gregory Alan Johnson

"La CIA riconosce e prende molto sul serio il nostro obbligo di rispettare la privacy e le libertà civili delle persone statunitensi nello svolgimento della nostra vitale missione di sicurezza nazionale", ha affermato in una nota Kristi Scott, responsabile della privacy e delle libertà civili dell'agenzia. "La CIA si impegna alla trasparenza coerentemente con il nostro obbligo di proteggere le fonti e i metodi di intelligence".

Questa potrebbe essere una delle bugie più grandi, se non la più grande, che qualcuno all'interno del C_A abbia mai detto.
Presumo fortemente che chiunque non lavori per la CIA/C_A sia loro estraneo e quindi richieda sorveglianza e monitoraggio.

Freeland_Dave

Ora ricorda, questo è noto dal 1981 e puoi essere certo che se ne fossero a conoscenza nel 1981, sarebbe successo almeno da 10 a 15 anni prima. Sto pensando al 1965 o giù di lì.

elle

"La CIA riconosce e prende molto sul serio il nostro obbligo di rispettare la privacy e le libertà civili delle persone statunitensi nello svolgimento della nostra vitale missione di sicurezza nazionale", ha affermato in una nota Kristi Scott, responsabile della privacy e delle libertà civili dell'agenzia. "La CIA si impegna alla trasparenza coerentemente con il nostro obbligo di proteggere le fonti e i metodi di intelligence".

Qui ne abbiamo solo un altro selezionato donna fascista che mente al pubblico per proteggere le preoccupazioni del cartello criminale. Se è una donna, è presa meno sul personale, giusto? Scott è un BUGIARDO!

Ultima modifica 9 mesi fa di elle
trackback

[…] I senatori scoprono finalmente che la CIA sta usando un programma segreto per raccogliere dati sui cittadini americani […]