La nuova intelligenza artificiale della Cina: i rumor mongoli saranno diretti direttamente in prigione

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Diffondere "voci online" che violano la "verità" ufficiale di Pechino può portarti 7 anni in prigione e tutti vengono trasformati in un topo per chiacchierare con i loro amici. La Cina afferma che “le voci violano i diritti individuali; le voci creano panico sociale; le voci causano fluttuazioni nei mercati azionari; le voci incidono sulle normali operazioni commerciali; le voci attaccano palesemente i martiri rivoluzionari. ”⁃ Editor TN

La Cina ha lanciato una piattaforma, che include un'app mobile, che consente al pubblico di riferire "voci online" e persino di usare l'intelligenza artificiale per identificare i rapporti falsi, dato che Pechino crolla su ciò che considera contenuti socialmente destabilizzanti.

La piattaforma, lanciata mercoledì, arriva mentre Pechino intensifica gli sforzi per sorvegliare Internet, in particolare i social media usati dalle persone per discutere di politica e altri argomenti sensibili, nonostante la rigorosa censura.

Oltre a un sito Web, la piattaforma Piyao - che significa "confutare le voci" - ha anche un'app mobile e account di social media con i giganti dei social media Weibo e WeChat.

Attraverso questi canali, Piyao trasmetterà notizie "reali", procurandosi rapporti dai media di proprietà statale, giornali locali controllati dal partito e varie agenzie governative.

“Le voci violano i diritti individuali; le voci creano panico sociale; le voci causano fluttuazioni nei mercati azionari; le voci incidono sulle normali operazioni commerciali; le voci attaccano palesemente i martiri rivoluzionari ", ha detto Piyao in un video promozionale del lancio sul suo sito web.

I dati ufficiali mostrano che i regolatori di Internet hanno ricevuto 6.7 milioni di segnalazioni di informazioni illegali e false a luglio, con la maggior parte dei casi provenienti da Sina che possiede Weibo, Tencent che possiede Wechat, Baidu e Alibaba.

Le leggi cinesi stabiliscono che i rumor potrebbero essere accusati di diffamazione, e rischiano fino a sette anni di prigione. I post online che contengono voci visitate dagli utenti di Internet 5,000 o che vengono ripubblicati più di 500 volte potrebbero anche comportare pene detentive.

Ospitato dalla Commissione centrale per gli affari del Cyberspace in affiliazione con l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua, Piyao si è integrato su 40 piattaforme di confutazione delle voci locali e utilizza l'intelligenza artificiale per identificare le voci.

La piattaforma opera sotto la guida dei dipartimenti governativi di 27, tra cui la Central Party School, che forma funzionari emergenti e un potente ente di pianificazione della National Development and Reform Commission.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Erik Nielsen

If the aim is to erase lies and fake news, something good is in it. Konfutse emphasize the importance of being true and correct in language.
But for a Western community who live with 90% lies in the news and schools, its a strange feature.
The whole US Congress, MSM and the British Parliament would face 7 years.