I globalisti si impegnano a fermare la distruzione della Terra in vista del vertice delle Nazioni Unite

Wikimedia Commons, Muntaka Chasant
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
È stato ben documentato che le politiche delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile non salveranno il mondo, ma piuttosto lo distruggeranno. I leader mondiali stanno ancora dicendo che fermeranno la distruzione mentre implementeranno uno sviluppo più sostenibile.

Questa è la dialettica hegeliana sugli steroidi. Il "Pledge for Nature" che tutti hanno firmato afferma,

I leader politici che partecipano al vertice delle Nazioni Unite sulla biodiversità nel settembre 2020, in rappresentanza di 76 paesi di tutte le regioni e dell'Unione europea, si sono impegnati a invertire la perdita di biodiversità entro il 2030. In tal modo, questi leader inviano un segnale unitario per rafforzare l'ambizione globale e incoraggiare gli altri a far coincidere la loro ambizione collettiva per la natura, il clima e le persone con la portata della crisi imminente. ⁃ TN Editor

I leader mondiali si sono impegnati a reprimere l'inquinamento, ad abbracciare sistemi economici sostenibili ed eliminare lo scarico di rifiuti di plastica negli oceani entro la metà del secolo come parte di “un'azione significativa” per fermare la distruzione della natura sulla Terra.

Emmanuel Macron, Angela Merkel, Justin Trudeau, Jacinda Ardern e Boris Johnson sono tra i 64 leader dei cinque continenti che avvertono che l'umanità è in uno stato di emergenza planetaria a causa della crisi climatica e della distruzione dilagante degli ecosistemi che sostengono la vita. Per ristabilire l'equilibrio con la natura, i governi e l'Unione Europea si sono impegnati in 10 punti a contrastare i danni ai sistemi che sono alla base della salute e del benessere umano.

Gli impegni includono un rinnovato sforzo per ridurre la deforestazione, fermare le pratiche di pesca non sostenibili, eliminare i sussidi dannosi per l'ambiente e iniziare la transizione verso sistemi di produzione alimentare sostenibili e un'economia circolare nel prossimo decennio. I leader descrivono la promessa come un "punto di svolta" in base al quale le generazioni future giudicheranno la loro disponibilità ad agire sulla distruzione ambientale.

Tutti i firmatari del L'impegno dei leader per la natura, lanciato virtualmente a New York lunedì, si sono impegnati a mettere la fauna selvatica e il clima al centro dei piani di ripresa economica post-pandemia, promettendo di affrontare la crisi climatica, la deforestazione, il degrado dell'ecosistema e l'inquinamento.

L'annuncio arriva in vista di un importante vertice delle Nazioni Unite sulla biodiversità mercoledì, che sarà ospitato virtualmente da New York, e in parte durante i negoziati su un accordo internazionale sulla natura in stile parigino. Gli spazi per parlare al summit di questa settimana sono in eccesso, con più di 116 capi di stato e di governo che chiedono di affrontare l'evento.

“La scienza mostra chiaramente che la perdita di biodiversità, il degrado della terra e degli oceani, l'inquinamento, l'esaurimento delle risorse e il cambiamento climatico stanno accelerando a un ritmo senza precedenti. Questa accelerazione sta causando danni irreversibili ai nostri sistemi di supporto vitale e aggravando la povertà e le disuguaglianze, nonché la fame e la malnutrizione ", si legge nella promessa.

“Nonostante gli ambiziosi accordi globali e obiettivi per la protezione, l'uso sostenibile e il ripristino della biodiversità, e nonostante molte storie di successo locali, le tendenze globali continuano rapidamente nella direzione sbagliata. È necessario un cambiamento trasformativo: non possiamo semplicemente andare avanti come prima ".

I leader si impegnano inoltre a porre fine alla criminalità ambientale ea reprimere i gruppi della criminalità organizzata coinvolti nel traffico illecito di fauna selvatica e legname.

Boris Johnson parlerà al lancio dell'impegno lunedì.

Il primo ministro dirà: “Dobbiamo trasformare queste parole in azioni e usarle per creare slancio, per concordare obiettivi ambiziosi e obiettivi vincolanti.

“Dobbiamo agire ora - proprio ora. Non possiamo permetterci di indugiare e ritardare perché la perdita di biodiversità sta avvenendo oggi e sta avvenendo a un ritmo spaventoso. Se non vengono controllate, le conseguenze saranno catastrofiche per tutti noi. L'estinzione è per sempre, quindi la nostra azione deve essere immediata ".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
CATRYNA WHITE

Provaci. Molte persone hanno provato e fallito e anche tu. Solo Geova Dio può rimediare a questo pasticcio e sbarazzarsi di tutti quelli che non stanno con lui. Quindi avrà luogo la vera pulizia della terra.

joanofark06

Destra! Non vedo l'ora di quella promessa di una NUOVA terra. Che giornata sarà quella!

DawnieR

L'UNICO modo in cui "fermeranno la distruzione della Terra" è che si uccidano tutti !! Mazzo di PSICOPATI !!!!

Rodney

Divertente come incolpano SEMPRE le persone, le persone useranno ciò che le GRANDI AZIENDE spingono contro di loro se sembra attraente, se non ci fossero GRANDI AZIENDE che guadagnano trilioni da noi `` consumatori '' e inquinatori, molto probabilmente vivremmo CON la natura e sii altrettanto felice, se non di più, e sicuramente più sano, quindi so che sono i GRANDI mercanti dell'avidità che hanno bisogno di essere rimossi .. a cui non importa di meno di rovinare il pianeta fintanto che porta mega dollari e potere sugli altri, guarda a questo 5G INANITY, rovinerà persino la Terra... Leggi di più "

joanofark06

Wow, è davvero triste che gli Stati Uniti, il Brasile e la Cina non aderiscano. Sono preoccupato per la foresta pluviale, dove la maggior parte è in Brasile, e per la sua scomparsa, anno dopo anno. E il leader del Brasile non sembra capire quanto sia importante quell'area! Per quanto riguarda gli Stati Uniti, con Trump che sostiene gli OGM, il che significa più di quei raccolti coltivati, che uccidono il suolo e le tonnellate e tonnellate di veleni che vengono spruzzati, uccidendo tutti i piccoli animali, insetti e api in particolare, e uccidendoci lentamente, io Non sono sorpreso che Trump non sia un firmatario. (Mangio tutto biologico io stesso). mi chiedo... Leggi di più "

JCLincoln

Sì, ci sono problemi, ma consegnare la nostra capacità di prendere decisioni sovrane a persone, scienziati e paesi su cui non possiamo dipendere per nient'altro non è una soluzione.

[…] Per saperne di più: i globalisti si impegnano a fermare la distruzione della Terra in vista del vertice delle Nazioni Unite […]

solo dicendo

"Un impegno per la natura" è adorare la natura. Questa è una religione! https://en.wikipedia.org/wiki/Nature_worship Questo è completamente contro il Dio della Bibbia che ha creato tutte le cose in 6 giorni letterali, e ha distrutto la terra con un diluvio in tutto il mondo perché era piena di malvagità e ha salvato Noè e la sua famiglia solo 8 persone! Mi viene in mente Romani 1, KJV. Pietro dice: "Cercando e affrettandosi (desiderio sincero) fino alla venuta del giorno di Dio, in cui i cieli in fiamme si dissolveranno e gli elementi si scioglieranno con calore fervente. Tuttavia noi, secondo la sua promessa, guardiamo... Leggi di più "

JCLincoln

Rimanere nell'Accordo sul clima di Parigi ci avrebbe indissolubilmente obbligati a obbedire agli editti di qualsiasi gruppo delle Nazioni Unite attualmente al potere, non importa quanto abbia danneggiato gli Stati Uniti e avvantaggiato gli altri paesi…. non importa quanto rigide fossero le normative per gli Stati Uniti e lassiste per gli altri paesi. Il presidente Trump è stato un genio per impedirci di renderci schiavi. Come le vuote promesse fatte ai paesi europei di poter lasciare l'UE ogni volta che vogliono, l'Accordo di Parigi ci avrebbe ammanettati per sempre ai binari del treno delle Nazioni Unite.

Ultima modifica 23 giorni fa di Larry Grafanakis