I droni con riconoscimento facciale sono impostati per volare

Per favore, condividi questa storia!
Anyvision ha stretto una partnership con Microsoft per costruire droni in grado di un preciso riconoscimento facciale mentre sono al volo. La tecnologia è troppo presto per essere accettata dal punto di vista etico o morale, ma l'azienda pensa che il suo prodotto sarà accolto allo stesso modo da enti pubblici e privati. ⁃ TN Editor

Alcuni dei primi droni con capacità avanzate di riconoscimento facciale sono stati sviluppati da società di sorveglianza israeliane, poiché la polizia americana valuta se aggiungeranno presto la controversa tecnologia alle loro macchine volanti senza pilota.

Come segno dell'imminente arrivo dell'identificazione biometrica dall'aria, una startup israeliana, precedentemente finanziata da Microsoft, ha brevettato tecnologie per il riconoscimento facciale basato sui droni. UN domanda di brevetto, pubblicato all'inizio di questo mese, è stato presentato da AnyVision con sede a Tel Aviv nell'agosto 2019 negli Stati Uniti, descrivendo in dettaglio la tecnologia per aiutare un drone a trovare le migliori angolazioni per uno scatto di riconoscimento facciale, prima di provare a trovare una corrispondenza per l'obiettivo facendo riferimento a volti memorizzati in un database. Era intitolato "Posizionamento adattivo dei droni per un migliore riconoscimento facciale" e presentato da dipendenti attuali ed ex di AnyVision, di cui tre da Belfast, Regno Unito

Il brevetto mira a appianare alcune delle complessità dell'identificazione dei volti da una macchina volante. Quando si cerca di riconoscere qualcuno da un drone sorgono vari problemi evidenti: l'acquisizione di un'angolazione in cui un volto può essere correttamente catturato e la possibilità di ottenere immagini di buona qualità mentre si muove o si libra. Entrambi sono considerevolmente più difficili che ottenere una corrispondenza da filmati statici.

Le agenzie militari statunitensi hanno cercato di trovare soluzioni, incluso il Riconoscimento tattico facciale avanzato a un progetto di tecnologia a distanza presso il comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti (SOCOM) e  Iniziativa IARPA (Intelligence Advanced Research Projects Activity) Biometric Recognition and Identification at Altitude and Range.

Ma l'industria privata potrebbe arrivarci prima. Questo dicembre, è stato rivelato che i dirigenti di AnyVision avevano collaborato con il fornitore della difesa israeliano Rafael per una nuova joint venture chiamata SightX. Nel dimostrazioni fornite ai media israeliani Alla fine del 2020, i piccoli droni di SightX non avevano alcuna capacità di riconoscimento facciale, sebbene i dirigenti affermassero che quella funzione sarebbe stata presto disponibile. Non è chiaro se la tecnologia sia solo per i militari o se verrà venduta alle agenzie di polizia. Né SightX né Rafael hanno risposto alle richieste di commento.

Ciò che è chiaro è che la tecnologia è pronta per il lancio. Lo ha detto il CEO di AnyVision Avi Golan Forbes che sebbene AnyVision non avesse alcun drone in produzione con riconoscimento facciale, presto sarebbe stato una realtà. "In realtà sono molto contento di avere un brevetto su questo", ha detto, suggerendo che funzionerebbe bene nelle città intelligenti, dove i droni potrebbero fornire funzioni oltre la sorveglianza. Ha indicato che i droni per le consegne potrebbero richiedere il riconoscimento facciale per determinare se hanno raggiunto l'acquirente corretto. Amazon lo ha già fatto tecnologia simile brevettata, indicando i suoi potenziali piani per la sua flotta sperimentale di consegna di droni.

Ma, ha aggiunto Golan, sebbene la tecnologia esista, AnyVision sta aspettando una più ampia accettazione sia dei droni che del riconoscimento facciale prima che qualsiasi prodotto venga rilasciato. "Penso che sia una tecnologia più futuristica, ma voglio averla in tasca una volta che sarà più accettata dall'umanità." Ha notato che la società attualmente non lavora con le forze dell'ordine statunitensi, scegliendo invece di lavorare con società private come casinò e rivenditori.

AnyVision ha già dovuto respingere le domande sull'uso della sua tecnologia. Microsoft ha acquistato una partecipazione nella startup durante un round da $ 74 milioni nel 2019, ma l'anno scorso si è ritirata dopo che i rapporti secondo cui lo strumento di AnyVision era stato utilizzato ai valichi di confine tra Israele e Cisgiordania. Golan ha affermato che il motivo principale per cui Microsoft è uscita è stata l'incapacità di esercitare il controllo su AnyVision. Microsoft ha detto più o meno lo stesso dopo un audit condotto dall'ex procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder ha scoperto che era utilizzato al confine, ma ha scontato che il software AnyVision fosse stato utilizzato per sorvegliare i palestinesi in tutta la Cisgiordania.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Corona Coronata

Mi chiedo come sia possibile distruggere tutta questa schifezza in modo elegante.

stalked562

I droni volanti possono essere occultati visivamente giorno o notte.
Il loro carico utile Toxic Nano.