I creatori di ESG si lamentano che il comportamento non sta cambiando abbastanza velocemente

Paul Clements-Hunt (al centro) è stato uno dei primi membri dello staff a tempo pieno assegnato a uno sforzo delle Nazioni Unite che ha aperto la strada agli investimenti ambientali, sociali e di governance. Gran parte di quella squadra è apparsa qui con Hunt nel 2005 fuori dalla Camera del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. | Trevor Bowden
Per favore, condividi questa storia!
Questo offre una piccola panoramica della genesi e della storia dell'ideologia ESG per uccidere carbone, petrolio e gas naturale attraverso la modifica del comportamento. Poiché la tecnocrazia è stata definita principalmente negli anni '1930 come la "scienza dell'ingegneria sociale", l'ESG è un'arma potente ma non riesce a mantenere le sue promesse originali. Tuttavia, continuerà a creare il caos sociale fino a quando non sarà totalmente rifiutato dalla società. ⁃ Editore TN

La storia di come sono iniziati gli investimenti ESG è traballante quasi quanto il suo nome.

L'intento degli investimenti ambientali, sociali e di governance, o ESG, non era quello di portare il "capitalismo svegliato" a Wall Street, affermano i suoi primi sostenitori.

Piuttosto, l'ESG è stato progettato per essere un altro parametro utile per aiutare gli investitori a valutare la salute e la redditività futura di un'azienda. Se un'azienda investe troppo nelle operazioni del carbone, ad esempio, probabilmente non andrà bene a lungo termine in un'economia globale che sta reprimendo il carburante sporco.

Naturalmente, gli investimenti ESG ora sono molto, molto di più.

Quella che era iniziata come un'idea a metà tra il personale di basso livello delle Nazioni Unite è diventata il verde Frankenstein di Wall Street. Secondo una stima, gli investimenti ESG ora valgono quasi 2.8 trilioni di dollari in asset in tutto il mondo.

Una delle ragioni principali dell'esplosione è che l'acronimo di tre lettere si è trasformato in un vago simbolo con poche linee guida su cosa significa. In altre parole: è come se gli agricoltori potessero commercializzare le verdure come biologiche ma senza restrizioni sull'ingegneria genetica.

Tutto questo sorprende i pionieri ESG.

L'obiettivo degli investimenti ESG era "cercare di creare un virus positivo che potremmo piantare nella finanza e negli investimenti tradizionali per avviare una conversazione diversa sul fatto che questi problemi sono reali, sono materiali e influiscono sui tuoi investimenti a lungo termine", ha affermato Paul Clements-Hunt, l'ex capo dell'Iniziativa finanziaria del programma ambientale delle Nazioni Unite, o UNEP FI, ​​che ha svolto un ruolo cruciale nel rendere popolare l'idea.

"Non potevamo credere che ESG sarebbe finito dove è finito", ha aggiunto, "nel bene o nel male".

Portare l'ESG al "livello successivo"

Allora come è iniziato tutto?

Non c'è una risposta chiara. Ma in generale, gli esperti affermano che un punto di partenza chiave è stato nei primi anni 2000, all'interno di un semplice ufficio delle Nazioni Unite.

In qualità di capo dell'UNEP FI, ​​Clements-Hunt e il suo team avevano un'idea ambiziosa: mobilitare i maggiori investitori del mondo per agire sulle principali questioni globali. L'idea era che le priorità delle Nazioni Unite fossero effettivamente allineate con le esigenze degli investitori a lungo termine, nella misura in cui un ambiente stabile e il mondo in generale contribuiscono a un'economia più prospera.

C'erano già società di investimento di nicchia, organizzazioni religiose e altri gruppi che offrivano opzioni di "investimenti socialmente responsabili". Alcuni di loro hanno operato escludendo particolari settori, come i produttori di armi, dai fondi di investimento.

Ma il team delle Nazioni Unite sapeva che un appello etico non sarebbe stato sufficiente per attirare l'attenzione degli investitori istituzionali che controllano miliardi di dollari in attività e sono obbligati a dare la priorità ai rendimenti finanziari sopra ogni altra cosa.

"La sfida era: possiamo uscire da quello che allora era noto come investimento socialmente responsabile, come SRI, investimento etico, che era questa piccolissima impresa di nicchia che era ampiamente orientata all'esclusione delle azioni", ha affermato Jacob Malthouse, che è entrato a far parte dell'UNEP FI come stagista nel 2000.

Quindi hanno deciso di sostenere i più grandi fondi pensione del mondo che la biodiversità, le violazioni dei diritti umani, le emissioni di riscaldamento del pianeta e altro sono importanti non solo da un punto di vista etico. Volevano anche dimostrare che prendere in considerazione i record delle aziende su - e le pratiche di gestione del rischio in merito - questioni ambientali, sociali e di governance, o ESG, può effettivamente migliorare gli investimenti, non contrastarli.

Ignorare le catene di approvvigionamento, le pratiche di lavoro e altro delle aziende non è solo un processo di investimento incompleto, hanno affermato. È impreciso.

Non passò molto tempo prima che incontrassero alcuni blocchi stradali. Tanto per cominciare, la Finance Initiative aveva un grande obiettivo ma una piccola squadra. Malthouse ha notato in un'e-mail che la maggior parte del loro ufficio era composta da consulenti o stagisti che "lavoravano con pochi soldi".

Un altro grande ostacolo: il settore finanziario stesso.

Le società finanziarie tradizionali non hanno ancora abbracciato l'idea che le prestazioni delle aziende su questioni sociali e ambientali potrebbero effettivamente influenzare i loro profitti. E i fondi pensione hanno citato la preoccupazione che il loro cosiddetto dovere fiduciario impedisse loro legalmente di considerare fattori "non finanziari" durante l'investimento.

Quindi la Finance Initiative ha commissionato due importanti documenti di ricerca a società esterne per affrontare queste preoccupazioni.

Il primo è stato un rapporto del 2004 di analisti di società di intermediazione tradizionali - tra cui Goldman Sachs Global Energy Research, HSBC Asset Management e Deutsche Bank Global Equity Research - che sostenevano che i rendimenti finanziari a lungo termine dipendevano dalla "rigorosa integrazione di ambiente, sociale e questioni di corporate governance” nel processo di investimento.

 carta — intitolato "La materialità dei problemi di governance sociale, ambientale e aziendale per l'equity Pricing" — è ritenuto da alcuni la prima volta che le tre parole sono state usate insieme in una pubblicazione ufficiale delle Nazioni Unite.

Il secondo è stato un rapporto di Freshfields Bruckhaus Deringer LLP, un importante studio legale istituzionale. L'azienda ha detto nel suo stesso 2005 carta che "l'integrazione delle considerazioni ESG in un'analisi degli investimenti in modo da prevedere in modo più affidabile la performance finanziaria è chiaramente consentita ed è probabilmente richiesta in tutte le giurisdizioni".

Questa scoperta alla fine "ha permesso a molti investitori istituzionali statunitensi che avevano avuto paura di adottare questo approccio... di andare avanti in questa direzione", ha affermato Carlos Joly, un veterano ESG che ha presieduto il gruppo di lavoro sull'asset management delle Nazioni Unite per più di un decennio.

Gli esperti coinvolti nel lavoro delle Nazioni Unite all'epoca dissero a E&E News che altrettanto importante era uno sforzo fondamentale per raccogliere i più grandi fondi pensione del mondo per aiutare a redigere e accettare i "principi per un investimento responsabile", che sarebbero diventati il ​​PRI.

L'obiettivo era reclutare i proprietari di asset affinché si impegnassero a investire in modo più responsabile infondendo nel loro processo di investimento dati sulla sostenibilità e persino sfruttando il potere dei loro azionisti per spingere le aziende in una direzione più verde.

Ha funzionato. Quando l'iniziativa è stata lanciata nel 2006, il PRI ha ottenuto 63 firmatari, tra cui il California Public Employees' Retirement System, BNP Paribas Asset Management e il Government Employees Pension Fund of South Africa, che rappresentano oltre 6.5 trilioni di dollari di asset. Quelle cifre sono aumentate da allora. Nel 2021, lo sforzo aveva attratto quasi 3,900 istituzioni di investimento, che rappresentano oltre 121 trilioni di dollari di asset.

James Gifford, che ha detto di aver lanciato l'idea per il PRI nella sua sesta settimana da stagista, ha attribuito gran parte di quella crescita a un fattore. Una volta che i principali fondi pensione sono entrati a bordo, altre istituzioni in competizione per la loro attività, come i gestori patrimoniali, hanno dovuto fare lo stesso.

In questo modo, il PRI è stato il "veicolo che ha portato l'ESG a un livello superiore", ha affermato Gifford, che ha guidato l'iniziativa per un decennio e oggi è il responsabile della consulenza sostenibile e di impatto di Credit Suisse.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] I creatori di ESG si lamentano che il comportamento non sta cambiando abbastanza velocemente […]