Cattivi umani: le Nazioni Unite incolpano l'estinzione di un milione di specie

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!

I tecnocrati delle Nazioni Unite continuano a gettare fango che fa paura contro il muro per vedere cosa si attaccherà. L'estinzione non è ancora avvenuta, ma gli esseri umani ne sono accusati come se lo fosse. Lo scopo è guidare il mondo verso lo sviluppo sostenibile, alias Tecnocrazia. ⁃ TN Editor

Fino a un milione di specie affrontano l'estinzione a causa dell'influenza umana, secondo un progetto di relazione dell'ONU ottenuto dall'AFP che cataloga minuziosamente il modo in cui l'umanità ha minato le risorse naturali dalle quali dipende la sua stessa sopravvivenza.

L'accelerazione della perdita di aria pulita, acqua potabile, foreste che assorbono CO2, insetti impollinatori, pesci ricchi di proteine ​​e mangrovie che bloccano le tempeste - per citare solo alcuni dei servizi in declino resi dalla natura - rappresenta non meno una minaccia del cambiamento climatico , afferma il rapporto, che sarà presentato il 6 maggio.

In effetti, la perdita di biodiversità e il riscaldamento globale sono strettamente collegati, secondo il Sommario della pagina 44 per i responsabili politici, che distilla una valutazione ONU della pagina scientifica della letteratura scientifica sullo stato della natura.

I delegati delle nazioni 130 riuniti a Parigi da aprile 29 controlleranno il sommario esecutivo riga per riga. La formulazione può cambiare, ma le cifre sollevate dal rapporto sottostante non possono essere modificate.

"Dobbiamo riconoscere che il cambiamento climatico e la perdita della natura sono ugualmente importanti, non solo per l'ambiente, ma anche come questioni economiche e di sviluppo", ha detto all'AFP Robert Watson, presidente dell'organismo incaricato dalle Nazioni Unite che ha compilato il rapporto, senza divulgare i suoi risultati.

"Il modo in cui produciamo il nostro cibo e la nostra energia sta minando i servizi di regolamentazione che otteniamo dalla Natura", ha detto, aggiungendo che solo il "cambiamento trasformativo" può arginare il danno.

La deforestazione e l'agricoltura, compresa la produzione di bestiame, rappresentano circa un quarto delle emissioni di gas a effetto serra e hanno provocato il caos anche sugli ecosistemi naturali.

Il rapporto IPBES (Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services) avverte di "un'imminente rapida accelerazione nel tasso globale di estinzione delle specie".

Il ritmo della perdita "è già da decine a centinaia di volte superiore a quello che è stato, in media, negli ultimi 10 milioni di anni", osserva.

"Si prevede che da mezzo milione a un milione di specie saranno minacciate di estinzione, molte entro decenni".

Molti esperti ritengono che un cosiddetto “evento di estinzione di massa” - solo il sesto negli ultimi mezzo miliardo di anni - sia già in corso.

Il più recente ha visto la fine del periodo Cretaceo circa 66 milioni di anni fa, quando un attacco di asteroidi 10 lungo un chilometro di distanza spazzò via la maggior parte delle forme di vita.

Gli scienziati stimano che la Terra oggi ospita circa otto milioni di specie distinte, la maggior parte delle quali insetti.

Un quarto delle specie di animali e piante catalogate è già affollato, mangiato o avvelenato dall'esistenza.

Il calo dei numeri è ancora più drammatico, con la biomassa dei mammiferi selvatici - il loro peso collettivo - in calo dell'82%.

Gli esseri umani e il bestiame rappresentano oltre il 95 percento della biomassa dei mammiferi.

"Se vogliamo avere un pianeta sostenibile che fornisce servizi alle comunità di tutto il mondo, dobbiamo cambiare questa traiettoria nei prossimi dieci anni, proprio come dobbiamo farlo con il clima", ha osservato Rebecca Shaw, capo scienziato del WWF, già membro degli organismi scientifici delle Nazioni Unite per il clima e la biodiversità.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti