Homeland Security cerca un software di analisi dei social media automatizzato all'avanguardia

Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: DHS può attingere a informazioni di intelligence da qualsiasi altra agenzia, ma ritiene di aver bisogno di strumenti software ancora più avanzati per analizzare i social media al fine di trovare malfattori. La RFI si esprime a parole per "proteggere la privacy, i diritti civili e le libertà civili delle persone coinvolte nelle comunicazioni open source e sui social media", ma l'intento di spiare tutti gli americani è chiaro. La raccolta e il monitoraggio dei dati è il cuore pulsante di Tecnocrazia, perché una delle prime regole dell'ingegneria afferma che non puoi controllare ciò che non puoi monitorare.

Il Dipartimento per la sicurezza interna desidera che le aziende presentino i loro servizi di analisi dei social media all'avanguardia il mese prossimo, in particolare la tecnologia che potrebbe migliorare le indagini criminali, i controlli dei viaggiatori e la consapevolezza della situazione.

In una nuova richiesta di informazioni, DHS ha affermato di essere alla ricerca di strumenti di analisi open source che possano rendere le operazioni interne più efficienti e ridurre i costi attraverso "l'automazione analitica avanzata" in tutto il dipartimento, il tutto utilizzando metodi analitici che proteggono la privacy, i diritti civili e le libertà civili.

Gli intervistati hanno tempo fino al 9 febbraio per inviare descrizioni delle loro capacità di analisi, tra cui elaborazione geospaziale, elaborazione di lingue straniere e parlate e analisi di parole chiave, immagini e video, tra gli altri elementi.

Il DHS prevede di chiedere a 30 "esempi di capacità di analisi dei social media sul mercato" di presentare la tecnologia che potrebbe aiutare gli analisti a trovare modelli "nel contesto delle missioni investigative, di screening e / o di consapevolezza della situazione relative alla missione di sicurezza nazionale".

A quei gruppi verrà chiesto di presentare il 26 febbraio, ha detto RFI.

La sollecitazione ha anche chiesto agli intervistati di descrivere il modo in cui "proteggono la privacy, i diritti civili e le libertà civili delle persone coinvolte nelle comunicazioni open source e sui social media", inclusi fattori come i metodi di rimozione dei dati, "l'accesso basato sui ruoli alle informazioni, audit degli utenti, registrazione del sistema, meccanismi di applicazione delle politiche, crittografia, ecc. "

L'annuncio arriva settimane dopo che le politiche federali di screening sui social media sono state prese di mira, soprattutto alla luce delle sparatorie a San Bernardino, quando è stato ampiamente riferito che uno dei tiratori aveva pubblicato messaggi pubblici pro-ISIS su Facebook. (Successivamente il direttore del Federal Bureau of Investigation James Comey disse quelle erano comunicazioni dirette private.)

Le politiche del DHS, in particolare, sono state criticate il mese scorso quando il Congresso ha criticato il dipartimento per non aver esaminato attentamente e regolarmente gli account dei social media degli immigrati quando si concedevano i visti, La Collina segnalati.

Leggi la storia completa qui…

Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Al

LOL Non usare il venditore che ha istituito Obamacare. Pensi mai di risparmiare i soldi dei contribuenti, di agganciarti al PRISM della NSA e di risparmiarci dei soldi per sorvegliarci fino alla nausea.

Kristin

Sono meno preoccupato per il piano totalitario del DHS per spiare i cittadini rispetto all'organizzazione incaricata del lavoro! Proprio CHI sarà l'organizzazione gravata da questo nuovo lavoro ?? Facebook (probabilmente lo fanno già e usano le informazioni commercialmente, o peggio: venduto alla CINA) il DHS non ha bisogno di guardare lontano per gli acquirenti desiderosi di questa opportunità. Per anni sospettavo che Wal-mart usasse una sorta di analisi con la sorveglianza delle telecamere in negozio e / o la vendesse in Cina, perché di sicuro non li utilizzava per motivi di sicurezza. Recentemente è stato online un articolo http://www.smartdatacollective.com/bigdatastartups/111681/walmart-makes-big-data-part-its-social-media (che non è il... Per saperne di più »