La nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo, senza telecamere

Immagine: Google
Per favore, condividi questa storia!
La divisione Advanced Technology and Products di Google è un po' come la DARPA del Pentagono in quanto crea prodotti strani per esaminare tutto nell'ambiente umano al fine di anticipare quale potrebbe essere la tua prossima mossa o intenzione. ⁃ Editore TN

E se il tuo computer decidesse di non emettere un jingle di notifica perché ha notato che non eri seduto alla tua scrivania? E se la tua TV ti vedesse lasciare il divano per aprire la porta d'ingresso e mettere in pausa Netflix automaticamente, quindi riprendere la riproduzione quando ti sei seduto di nuovo? E se i nostri computer prendessero più spunti sociali dai nostri movimenti e imparassero a essere compagni più premurosi?

Sembra futuristico e forse più che un po' invasivo: un computer che osserva ogni tua mossa? Ma sembra meno inquietante una volta appreso che queste tecnologie non devono fare affidamento su una fotocamera per vedere dove sei e cosa stai facendo. Invece, usano il radar. La divisione Advanced Technology and Products di Google, meglio conosciuta come ATAP, il dipartimento dietro progetti strani come a giacca di jeans sensibile al tocco—ha trascorso l'ultimo anno esplorando come possono fare i computer usa il radar per capire i nostri bisogni o intenzioni e quindi reagire a noi in modo appropriato.

Questa non è la prima volta che vediamo Google utilizzare il radar per fornire ai suoi gadget una consapevolezza spaziale. Nel 2015, Google ha presentato Soli, un sensore in grado di utilizzare le onde elettromagnetiche del radar per rilevare gesti e movimenti precisi. È stato visto per la prima volta nel Google Pixel 4la capacità di rilevare semplici gesti delle mani in modo che l'utente possa posticipare le sveglie o mettere in pausa la musica senza dover toccare fisicamente lo smartphone. Più recentemente, i sensori radar sono stati incorporati all'interno della seconda generazione Display intelligente Nest Hub per rilevare i movimenti e gli schemi respiratori della persona che dorme accanto ad essa. Il dispositivo è stato quindi in grado di tracciare il sonno della persona senza richiedere loro di indossare uno smartwatch.

Lo stesso sensore Soli viene utilizzato in questo nuovo ciclo di ricerca, ma invece di utilizzare l'input del sensore per controllare direttamente un computer, ATAP utilizza invece i dati del sensore per consentire ai computer di riconoscere i nostri movimenti quotidiani e fare nuovi tipi di scelte.

“Crediamo che man mano che la tecnologia diventa più presente nella nostra vita, sia giusto iniziare a chiedere alla tecnologia stessa di prendere qualche spunto in più da noi”, afferma Leonardo Giusti, responsabile del design di ATAP. Nello stesso modo in cui tua madre potrebbe ricordarti di prendere un ombrello prima di uscire dalla porta, forse il tuo termostato può trasmettere lo stesso messaggio mentre passi davanti e lo guardi, oppure la tua TV può abbassare il volume se rileva che hai addormentato sul divano.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Freeland_Dave

Google, leggi questo. Non impazzire, vai via.

[…] Leggi di più: la nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo – senza fotocamere […]

[…] Leggi di più: la nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo – senza fotocamere […]

[…] Leggi di più: la nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo – senza fotocamere […]

[…] La nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo – senza telecamere […]

[…] La nuova tecnologia di Google legge il linguaggio del corpo […]