Gli scienziati di Technocrat cercano di creare chimere umano-scimmia

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I tecnocrati che credono che gli esseri umani siano solo animali come tutti gli altri animali, non vedono alcun problema nell'attraversare le specie mediante modificazione genetica. I transumani fanno un ulteriore passo avanti sostenendo di controllare l'evoluzione, creando Humans 2.0. ⁃ Editor TN

Le scimmie nel laboratorio Kingston di Douglas Munoz sembrano altre scimmie.

Socializzano e si muovono, mangiano e bevono allo stesso modo. Non cadono o vacillano. In effetti, l'unica cosa che separa i macachi dai loro compagni di laboratorio inalterati è l'elevato livello di una specifica proteina umana impiantata nel loro cervello - proteine ​​che si accumulano nel cervello degli umani con la malattia di Alzheimer.

Le scimmie sono state iniettate con beta-amiloide, una molecola che, in quantità sufficientemente elevate, è tossica per il tessuto cerebrale umano.

Munoz e collaboratori stanno studiando i primi cambiamenti in quei cervelli di scimmia. Normalmente ci vogliono diversi decenni perché l'Alzheimer si dispieghi nel cervello umano. I ricercatori non hanno quel tipo di tempo. Le iniezioni accelerano le cose.

Se lasciati soli, alla fine le scimmie inizieranno a mostrare segni di Alzheimer. Commettono più errori nei compiti di memoria e il loro tempo di reazione rallenta.

La ricerca sull'Alzheimer si basa fortemente sui roditori. Munoz sta cercando di sviluppare un modello di scimmia per l'Alzheimer, perché uno dei principali motivi della sconcertante serie di flop nella ricerca di un trattamento efficace per la malattia devastante del cervello è il divario delle specie. Il cervello del ratto è molto lontano dal cervello umano. Non tanto di una scimmia.

Munoz, Canada Research Chair in neuroscience alla Queen's University, ha riferito il suo lavoro usando molecole cerebrali. Altri stanno impiantando scimmie con frammenti di tessuto cerebrale umano estratti da persone che sono morte con l'Alzheimer.

Ora, tuttavia, alcuni stanno andando oltre e propongono la creazione di chimere umano-scimmia - esseri umani parzialmente con intere porzioni del cervello, come, per esempio, l'ippocampo, interamente umano.

Per Munoz, l'idea di umanizzare biologicamente grandi porzioni del cervello di una scimmia è seriamente snervante. "Ad essere onesti, mi fa davvero paura eticamente", ha detto. Crede nella ricerca sugli animali come un modo fondamentale per capire come funziona il cervello. Tuttavia, "Per noi iniziare a manipolare le funzioni della vita in questo modo senza sapere come spegnerlo o fermarlo se qualcosa va storto mi spaventa davvero."

Tuttavia, in un nuovo libro sulla scienza e l'etica delle chimere, i ricercatori della Yale University affermano che è tempo di esplorare, con cautela, la creazione di chimere umano-scimmia.

"La ricerca di un modello animale migliore per stimolare le malattie umane è stata per decenni un" santo graal "della ricerca biomedica", hanno scritto in Chimera Research: Ethics and Protocols.

"Realizzare la promessa della ricerca sulla chimera delle scimmie umane in modo eticamente e scientificamente appropriato richiederà un approccio coordinato."

Ad alcuni, può sembrare tutto bene e bene. Tuttavia, alcuni scienziati non stanno aspettando che l'etica venga elaborata.

Ad aprile, i ricercatori cinesi hanno annunciato di aver inserito un gene del cervello umano negli embrioni di scimmia, un gene critico per lo sviluppo del cervello umano. L'esperimento ha provocato repulsione e fascino. Etici e filosofi lo hanno condannato come estremamente moralmente rischioso, mentre si dice che gli scienziati dietro il lavoro siano entusiasti di impiantare ancora più geni umani in embrioni di scimmie, incluso uno presunto che abbia un ruolo nell'intelligenza umana.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti