Esperti che esitano sugli impianti cerebrali di Elon Musk

Credito: Neuralink
Per favore, condividi questa storia!
Il miglior tecnocrate del mondo, Elon Musk, non ha preoccupazioni etiche sull'imbrigliare il cervello umano con cavi e chip di computer, ma molti scienziati sì. La dott.ssa Nita Farahany, studiosa di tecnologie emergenti presso la Duke University School of Law, osserva correttamente: "Il nostro cervello è il nostro ultimo bastione di libertà, il nostro ultimo posto per la privacy".

Musk dice che oltre ad aiutare le persone paralizzate a fare di nuovo le cose, sarai in grado di trasmettere musica in streaming direttamente al tuo cervello. ⁃ Editore TN

Il programma televisivo distopico Black Mirror ha iniziato a sembrare meno fantasy mentre la startup di impianti cerebrali di Elon Musk, Neuralink, si prepara per le prove umane. Presto i dispositivi a forma di moneta potrebbero consentire ai pazienti di utilizzare i computer usando solo i loro pensieri.

Ma nonostante lo slancio infinito per l'uomo più ricco del mondo, gli scienziati sono preoccupati per la supervisione dell'azienda, il potenziale impatto sui partecipanti alla sperimentazione e se la società abbia affrontato in modo significativo la posta in gioco della fusione della Big Tech con il cervello umano.

"Non credo che ci sia un dibattito pubblico sufficiente su quali siano le implicazioni del quadro generale di questo tipo di tecnologia che sta diventando disponibile", ha affermato la dott.ssa Karola Kreitmair, assistente professore di storia medica e bioetica presso l'Università del Wisconsin-Madison.

"Temo che ci sia questo matrimonio scomodo tra un'azienda a scopo di lucro... e questi interventi medici che si spera siano lì per aiutare le persone", ha aggiunto.

La scorsa settimana, notizie rotto che Neuralink sta assumendo un direttore di sperimentazione clinica per aiutare a gestire la sua prima coorte di pazienti umani. (L'azienda ha già testato i suoi impianti cerebrali su una scimmia e maiali.)

L'obiettivo iniziale della startup di cinque anni è aiutare ad alleviare alcune disabilità, come consentire alle persone paralizzate di controllare i propri computer e dispositivi mobili attraverso l'attività cerebrale. Tuttavia, Musk ha segnalato ambizioni molto più grandi lungo la strada. Lui in precedenza ha delineato la sua visione per aiutare gli esseri umani a raggiungere la "simbiosi" con l'intelligenza artificiale per evitare di essere "lasciati indietro" dalle macchine.

Gli esperti si preoccupano di ogni fase della traiettoria di Neuralink, a cominciare dalle prove stesse.

"Questi sono prodotti molto di nicchia, se stiamo davvero parlando solo di svilupparli per individui paralizzati, il mercato è piccolo, i dispositivi sono costosi", ha affermato il dottor L. Syd Johnson, professore associato presso il Center for Bioethics and Humanities presso la SUNY Upstate Medical University.

"Se l'obiettivo finale è utilizzare i dati cerebrali acquisiti per altri dispositivi, o utilizzare questi dispositivi per altre cose, ad esempio per guidare le automobili, per guidare le Tesla, allora potrebbe esserci un mercato molto, molto più grande", ha affermato. "Ma poi tutti quei soggetti di ricerca umani - persone con bisogni reali - vengono sfruttati e utilizzati in ricerche rischiose per il guadagno commerciale di qualcun altro".

Nelle interviste con The Daily Beast, un certo numero di scienziati e accademici ha espresso la cauta speranza che Neuralink fornirà in modo responsabile una nuova terapia per i pazienti, sebbene ciascuno abbia anche delineato significativi dilemmi morali che Musk e la compagnia devono ancora affrontare completamente.

Supponiamo, ad esempio, che un partecipante a uno studio clinico cambi idea e voglia abbandonare lo studio o sviluppi complicazioni indesiderabili. "Quello che ho visto sul campo è che siamo davvero bravi a impiantare [i dispositivi]", ha affermato la dott.ssa Laura Cabrera, ricercatrice di neuroetica alla Penn State. “Ma se qualcosa va storto, non abbiamo davvero la tecnologia per farlo espianto loro” e rimuoverli in sicurezza senza infliggere danni al cervello.

Ci sono anche preoccupazioni per "il rigore del controllo" da parte del consiglio che supervisionerà i processi di Neuralink, ha affermato il dottor Kreitmair, osservando che alcuni comitati di revisione istituzionali "hanno un track record di essere forse un po' impantanati nei conflitti di interesse". Sperava che la natura di alto profilo del lavoro di Neuralink garantisse loro "molte delle loro T incrociate".

Gli accademici hanno dettagliato ulteriori domande senza risposta: cosa succede se Neuralink fallisce dopo che i pazienti hanno già dispositivi nel cervello? Chi può controllare i dati sull'attività cerebrale degli utenti? Cosa succede a quei dati se l'azienda viene venduta, in particolare a un'entità straniera? Quanto dureranno i dispositivi impiantabili e Neuralink coprirà gli aggiornamenti per i partecipanti allo studio indipendentemente dal successo delle prove?

Leggi la storia completa qui ...

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Mulder

Arriverà al punto in cui le persone saranno solo sciatte obese perché non devono fare nulla, la tecnologia farà semplicemente tutto. Dato che non devi andare al negozio, non devi guidare la tua auto e non devi cercare intrattenimento o persino compagnia nel mondo reale e dopo scaricheranno semplicemente un'istruzione nella tua mente quindi non devi nemmeno andare a scuola. Dio, mi mancano gli anni '90.

sto solo dicendo

Sognando i giorni passati. Nessuno parlava di aborto, la maggior parte delle persone non imprecava, le persone non vivevano insieme, si sposavano e poi avevano figli. Niente cellulari, niente computer, niente telecamere del traffico, LGBTQ chiuso, solo una persona in casa doveva lavorare per pagare le bollette, i bambini hanno ricevuto solo 3 vaccini, la pubblicità di Frito bandito, dov'è la carne! Bollitore mamma e papà. Niente cinture di sicurezza, i ragazzi hanno lanciato le pistole nel pianale del camion e nessuno le ha rubate anche quando parcheggiate nel parcheggio della scuola, legare la palla, nascondino, la mia Nova 1970 velocità del 3 nera... Per saperne di più »

elle

Interventi medici il mio culo. Sì, Musk a scopo di lucro vuole AIUTARE LE PERSONE che hanno problemi di salute. Penso che sappiamo tutti dove sta andando, dato che è già stato lì nel colpo mortale aziendale.

Vattene, Musk.