Lo studio gigante smentisce il mito della diffusione COVID asintomatica

Per favore, condividi questa storia!
Non ci sono dati scientifici per corroborare la diffusione asintomatica di COVID-19. Questo mito è stato creato e promosso dagli scienziati Technocrat per controllare le popolazioni e guidare i risultati dell'ingegneria sociale, incluso il Great Reset del WEF. ⁃ TN Editor

Un nuovo studio sulla trasmissione asintomatica di COVID non solo dimostra che non accade, ma dimostra che il panico promosso dalla classe politica aveva lo scopo di controllare le popolazioni.

In completa contraddizione con la narrativa popolare usata dai politici e dai governatori democratici negli Stati Uniti, un nuovo studio su 10 milioni di persone a Wuhan, in Cina, punto zero per il virus COVID, ha mostrato che la diffusione asintomatica di COVID non si verifica, annullando ogni ragionamento. per chiusure e blocchi aziendali.

Lo studio, pubblicato nel numero di novembre della rivista scientifica a revisione paritaria Nature Communications, ha studiato 9,899,828 residenti di Wuhan, sottoponendoli a screening tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020. I risultati hanno fornito prove chiare sulla possibilità di qualsiasi trasmissione asintomatica del virus.

Lo studio è stato compilato da 19 scienziati della Huazhong University of Science & Technology di Wuhan e da istituzioni scientifiche di tutto rispetto nel Regno Unito e in Australia.

Titolato Screening degli acidi nucleici SARS-CoV-2 post-lockdown in quasi 10 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, lo studio ha completamente ridimensionato il concetto di trasmissione asintomatica.

Dei quasi 10 milioni di persone nello studio, i risultati hanno rivelato che sono stati trovati "300 casi asintomatici". Utilizzando il tracciamento dei contatti, di quei 300, non è stato rilevato un singolo caso di COVID-19 in nessuno di essi.

"Sono stati rintracciati un totale di 1,174 contatti stretti dei casi positivi asintomatici, e tutti sono risultati negativi per il COVID-19", ha concluso lo studio.

Sia i pazienti asintomatici che i loro contatti sono stati posti in isolamento per un periodo non inferiore a due settimane ed i risultati sono rimasti gli stessi. "Nessuno dei casi positivi rilevati oi loro contatti stretti sono diventati sintomatici o recentemente confermati con COVID-19 durante il periodo di isolamento", ha rilevato lo studio.

Un ulteriore esame dei soggetti dello studio ha rivelato che le "colture virali" nei casi asintomatici positivi e ri-positivi erano tutti negativi, "indicando l'assenza di" virus vitale "nei casi positivi rilevati in questo studio.

La fascia di età di coloro che sono risultati asintomatici era compresa tra 10 e 89 anni. Il tasso di positività asintomatica era “più basso nei bambini o adolescenti di età pari o inferiore a 17 anni” e il tasso più alto è stato riscontrato tra le persone di età superiore ai 60 anni.

Lo studio ha anche concluso con grande sicurezza che a causa di un indebolimento del virus stesso, "le persone appena infettate avevano maggiori probabilità di essere asintomatiche e con una carica virale inferiore rispetto ai casi infetti precedenti".

Nel giugno del 2020, la dott.ssa Maria Van Kerkhove, capo dell'unità malattie emergenti e zoonosi dell'Organizzazione mondiale della sanità, dichiarato pubblicamente che dubitava della narrativa avanzata dalla classe politica sulla trasmissione asintomatica.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

140 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
alex

Ciò che mi sconcerta è che siamo in un'età in cui hai bisogno di uno studio per dimostrare che l'asintomatico è una cazzata. Che tempo ...

Ultima modifica 1 anno fa di Alex
Corona Coronata

Sono sicuro che non conoscono il termine gigante.

Sophia

Ciao Patrick qui a New York, la maggior parte dei miei ebrei è stata incolpata per tutto bene recentemente alla scuola dei miei figli due persone sono arrivate senza sintomi o febbri e due giorni dopo la scuola ha annunciato la chiusura fino a marzo perché la compagnia scolastica ha testato che hanno assunto hanno detto i due individui erano asintomatici e risultati positivi ci hanno detto di mettere in quarantena l'intera faccenda siamo pazzi i test si sono dimostrati non affidabili con risultati falsi e il covid asintomatico non è mai stato dimostrato grazie per tutti i tuoi fantastici articoli

daniels alle erbe

Incredibile che stiamo accettando l'uso di un modo palesemente fasullo di compilare il 'conteggio delle morti' accettando l'uso di "influenzato da" invece di "causato da" morti. Le morti causate da Covid sono solo il 6% delle "morti influenzate da covid" Eppure usiamo uno standard completamente nuovo per il conteggio .. e nessuno obietta Apparentemente nessuno può più pensare da solo. È troppo semplice per smentire la bufala e tutti voi siete alla ricerca di una bufala complicata. Non abbiamo "morti influenzate dal cancro", "morti influenzate dall'omicidio", "morti influenzate dal raffreddore comune", "morti influenzate da incidenti" o altro Quando si calcola la causa della morte... Per saperne di più »

Tamponare

La stessa cosa accade con i decessi dei veicoli: qualsiasi incidente che sia "legato alla velocità" (una delle numerose caselle di controllo di fattori ritenuti rilevanti) ha la causa dell'eccesso di velocità (al punto che è diventata una parola peggiorativa). Se questo è un fattore potenziale, la velocità viene incolpata dell'incidente come se non ci fossero altri fattori che contribuiscono o addirittura cruciali. Ironia della sorte, quasi tutti i decessi dei veicoli sono legati alla velocità perché è difficile essere feriti da un veicolo che non è in movimento. Ma ciò non significa che tutta la colpa dell'infortunio sia giustamente attribuita al fatto che il veicolo si stava muovendo.

Karen

Ho un amico che è diventato covid ed è finito in ospedale perché non riusciva a respirare.
La morte influenzata è ancora morte con ospedali sopraffatti! Quindi le persone corrono con sintomi lievi fino a quando non peggiorano. E peggio.

Janis

Si chiama negazione….se diciamo che non sta accadendo….non sta accadendo….E loro muoiono

esperto di statistica

Für die Impfungen bin ich bestimmt nicht. Ich halte mich von den Geimpften felce. Wer fünf Minuten Zeit hat, kopiert sich die Sterberaten von 1980 bis 2019 der USA und Deutschland samt Geburtenraten usw. in die Tabellenkalkulation, erstellt einen Chart und schon kann er ablesen, wie Corona funktioniert. Die WHO setzt auf den langfristigen Sterbetrend. In den USA geht der seit 1980 nach oben. Ursache ist es die Zuwanderung: mehr Menschen, mehr Tote. In Deutschland drückt die Überalterung die Sterberate nach oben. La tendenza è tua amica. Corona ist nichts anderes als ein falscher Test. Übersterblichkeit völlig normal. Problema erkannt,... Per saperne di più »

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]

[…] Uno studio gigante smentisce il mito della diffusione asintomatica del COVID (link). […]