Pesce geneticamente modificato sfidato dalla richiesta FOIA

Un salmone geneticamente modificato di AquaBounty Technologies, posteriore, con un fratello allevato in modo convenzionale all'incirca della stessa età. Credito Paul Darrow per il New York Times
Per favore, condividi questa storia!
È un giorno di novità per le aziende biotecnologiche con storie pubblicate su pesce, manzo e insetti geneticamente modificati. L'industria crede di avere il diritto di modificare tutto ciò che ha il DNA, compresi gli esseri umani. Leggi il mio recente articolo, Global Blueprint Exposed: The Takeover Of All Genetic Material On Earth, per maggiori dettagli. ⁃ Editore TN

Oggi, Centro per la sicurezza alimentare (CFS) ha intentato una causa contro il Freedom of Information Act (FOIA). contro la Food and Drug Administration (FDA) per aver illegalmente nascosto i documenti riguardanti la valutazione ambientale della FDA del salmone geneticamente modificato (GE) e un impianto di produzione pianificato con sede nell'Ohio, una grande espansione rispetto alla capacità attuale. La causa FOIA arriva sulla scia del successo della causa CFS e degli alleati che ritiene illegale l'approvazione della FDA del salmone GM. L'approvazione della FDA ha segnato la prima volta che un governo del mondo ha approvato un animale geneticamente modificato come alimento.

"Nonostante la decisione del tribunale del 2020 che riteneva illegale la prima approvazione della FDA di un animale alimentare geneticamente modificato, la FDA afferma di aver bisogno di quasi due anni per produrre record", ha affermato Amy van Saun, avvocato senior del Center for Food Safety. "Ma la nostra richiesta è ristretta e diretta: è tempo che la FDA parli al pubblico dei possibili effetti ambientali ed ecologici del salmone geneticamente modificato, compresi gli effetti sulle specie di salmone selvatico in via di estinzione".

Il salmone AquAdvantage GE di AquaBounty è prodotta con DNA di salmone atlantico, salmone reale del Pacifico e anguilla dell'Oceano Artico. Nel 2016, CFS e Earthjustice, che rappresentano un'ampia coalizione di clienti di organizzazioni di pesca ambientale, di consumo, commerciale e ricreativa e la nazione indiana Quinault,citato in giudizio FDA sull'approvazione da parte dell'agenzia del salmone GM, citando valutazioni ambientali inadeguate e ampi rischi per gli ecosistemi.

Nel 2020, in una vittoria di CFS e alleati, un tribunale distrettuale della California governato la FDA ha violato le principali leggi ambientali federali nell'approvazione del salmone GM, inclusa la mancata valutazione completa delle gravi conseguenze ambientali dell'approvazione di un salmone GM e l'intera portata dei piani per coltivare e commercializzare il salmone negli Stati Uniti e in tutto il mondo. La corte ha rinviato l'approvazione alla FDA per intraprendere analisi ambientali più approfondite per informare il pubblico sui potenziali rischi.

Dopo quella sentenza, AquaBounty ha annunciato prevede di costruire una struttura da 200 milioni di dollari, ampliando la produzione di salmone geneticamente modificato di 10,000 tonnellate. Questa operazione sarà otto volte più grande della sua struttura esistente nell'Indiana. Con l'azione in gioco per produrre salmone GM su scala ancora più ampia, è ancora più importante comprendere i rischi ambientali ed ecologici della produzione e della commercializzazione di salmone GM per il consumo umano.

Nell'ottobre 2021, CFS ha presentato una richiesta FOIA alla FDA, cercando tutti i documenti relativi alle valutazioni ambientali della FDA del salmone AquAdvantage di AquaBounty e della prevista struttura dell'Ohio, ai sensi della sentenza del tribunale distrettuale. La FDA deve ancora produrre i record, spingendo la CFS a citare in giudizio la FDA ai sensi del FOIA.

"Siamo preoccupati che la FDA non stia prestando particolare attenzione all'espansione pianificata di AquaBounty in Ohio", ha affermato Jaydee Hanson, direttore delle politiche presso il Center for Food Safety. “Dopo anni di propaganda per coltivare i suoi pesci in vasche che riciclano l'acqua, l'azienda ora prevede di pompare l'acqua dalla falda acquifera che fornisce acqua potabile alla comunità e scaricare le acque reflue in un ruscello vicino. Senza i documenti richiesti, non abbiamo modo di sapere se la FDA ha considerato appieno gli effetti che questa struttura avrà sull'ambiente locale".

CFS si impegna a garantire che il pubblico abbia accesso alle informazioni relative alla regolamentazione governativa della produzione alimentare e etichettatura. CFS Programma FOIA si impegna a sostenere i principi contenuti nella FOIA, come il mantenimento di un governo aperto e trasparente.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Lutero

È interessante notare che Janet Woodcock, commissario ad interim della Food and Drug Administration (FDA) ha rifiutato queste informazioni fino a quando non è stato necessario presentare la richiesta FOIA. ha anche se il pubblico non ha bisogno di sapere cosa viene nutrito quotidianamente. Che cosa viene nutrito il pubblico in questa nuova campagna a base vegetale per produrre alimenti sostanzialmente più geneticamente modificati? Questi vengono costantemente immessi sul mercato!

coronistan.blogspot.com

Non hanno alcun diritto. Devono essere fermati.

Karen Gevaert

Questi sono gli scienziati "pazzi" dei film di fantascienza che sono passati dalla finzione alla realtà. Sono diventati "pazzi" e malvagi, la loro ricerca è cambiare il mondo e tutto ciò che contiene.

[…] 11, 2022 | INSERITO DA: CENTRO PER LA SICUREZZA ALIMENTARE | Notizie sulla tecnocrazia| […]

[…] Pesci geneticamente modificati sfidati dalla richiesta FOIA […]