Dimentica COVID, gli oligarchi globali stanno ora provando per una "pandemia informatica"

Il CEO di BI.ZONE Dmitry Samartsev presenta alla prima sessione di Cyber ​​Polygon all'incontro annuale del World Economic Forum, gennaio 2020. Fonte: BI.ZONE
Per favore, condividi questa storia!
Una pandemia di attacchi informatici da cappello nero contro infrastrutture critiche richiederebbe ID digitali obbligatori e autenticati per ogni persona sulla terra prima di ottenere i privilegi di Internet. In secondo luogo, gli arresti di emergenza causerebbero il caos economico.

Questo è un articolo fondamentale da leggere e digerire. Non è una lettura facile. Tuttavia, se sei stato colto di sorpresa dalla narrativa di panico / pandemia COVID, questo è un chiaro avvertimento di ciò che potrebbe accadere dopo.

I tecnocrati del mondo stanno abbassando il boom per catturare il pianeta per il Grande Reset, alias Tecnocrazia. ⁃ TN Editor

L'anno scorso, il World Economic Forum ha collaborato con il governo russo e le banche globali per eseguire una simulazione di attacco informatico di alto profilo che ha preso di mira l'industria finanziaria, un evento reale che spianerebbe la strada a un "reset" dell'economia globale. La simulazione, denominata Cyber ​​Polygon, potrebbe essere stata più di un tipico esercizio di pianificazione e presenta somiglianze con la simulazione pandemica sponsorizzata dal WEF Evento 201 che ha brevemente preceduto la crisi COVID-19.

Mercoledì, il Forum economico mondiale (WEF), insieme alla Sberbank russa e alla sua sussidiaria per la sicurezza informatica BI.ZONE Ha annunciato che avrebbe avuto luogo una nuova simulazione globale di attacchi informatici il prossimo luglio istruire i partecipanti a "sviluppare ecosistemi sicuri"Simulando un attacco informatico alla catena di approvvigionamento simile al recente hack di SolarWinds che "valuterà la resilienza informatica" dei partecipanti all'esercizio. Sul sito web dell'evento appena aggiornato, la simulazione, denominata Cyber ​​Polygon 2021, avverte minacciosamente che, date le tendenze di digitalizzazione in gran parte stimolate dalla crisi del COVID-19, "un singolo collegamento vulnerabile è sufficiente per far crollare l'intero sistema, proprio come l'effetto domino", aggiungendo che " un approccio sicuro allo sviluppo digitale oggi determinerà il futuro dell'umanità per i decenni a venire ".

L'esercizio arriva diversi mesi dopo che il WEF, l '"organizzazione internazionale per la cooperazione pubblico-privato" che annovera tra i suoi membri l'elite più ricca del mondo, ha formalmente annunciato il suo movimento per un grande ripristino, che comporterebbe la transizione coordinata verso una Quarta rivoluzione industriale globale economia in cui i lavoratori umani diventano sempre più irrilevanti. Questa rivoluzione, incluso il suo più grande sostenitore, il fondatore del WEF Klaus Schwab, ha precedentemente presentato un grave problema per i membri del WEF e le organizzazioni membri in termini di ciò che accadrà alle masse di persone rimaste disoccupate a causa della crescente automazione e digitalizzazione sul posto di lavoro.

I nuovi sistemi economici basati sul digitale e associati o gestiti dalle banche centrali sono una parte fondamentale del Great Reset del WEF, e tali sistemi sarebbero parte della risposta al controllo delle masse dei disoccupati di recente. Come gli altri hanno notato, questi monopoli digitali, non solo i servizi finanziari, consentirebbero a coloro che li controllano di "spegnere" il denaro di una persona e di accedere ai servizi se tale individuo non rispetta determinate leggi, mandati e regolamenti.

Il WEF ha promosso e creato attivamente tali sistemi e recentemente ha iniziato a chiamare il suo modello preferito "capitalismo delle parti interessate. " Sebbene pubblicizzato come una forma più "inclusiva" di capitalismo, il capitalismo degli stakeholder fonderebbe essenzialmente i settori pubblico e privato, creando un sistema molto più simile allo stile corporativistico di fascismo di Mussolini che a qualsiasi altra cosa.

Tuttavia, per inaugurare questo sistema nuovo e radicalmente diverso, l'attuale sistema corrotto deve in qualche modo crollare nella sua interezza e la sua sostituzione deve essere commercializzata con successo alle masse come in qualche modo migliore del suo predecessore. Quando le persone più potenti del mondo, come i membri del WEF, desiderano apportare cambiamenti radicali, emergono opportunamente crisi - che si tratti di una guerra, una piaga o un collasso economico - che consentono un "ripristino" del sistema, che è spesso accompagnato da un massiccio trasferimento di ricchezza verso l'alto.

Negli ultimi decenni, tali eventi sono stati spesso preceduti da simulazioni che si sono susseguite rapidamente prima che si verificasse proprio l'evento che avrebbero dovuto "prevenire". Esempi recenti includono il 2020 elezioni statunitensi e COVID-19. Uno di questi, 201 Event, è stato co-ospitato dal World Economic Forum nell'ottobre 2019 e ha simulato una nuova pandemia di coronavirus che si diffonde in tutto il mondo e causa gravi perturbazioni all'economia globale, solo poche settimane prima che comparisse il primo caso di COVID-19. Cyber ​​Polygon 2021 è solo l'ultima simulazione di questo tipo, co-sponsorizzata dal World Economic Forum. L'attuale agenda del forum e la sua passata esperienza nell'ospitare simulazioni profetiche richiedono che l'esercizio venga esaminato.

Sebbene Cyber ​​Polygon 2021 sia fuori mesi, è stato preceduto da Cyber ​​Polygon 2020, una simulazione simile sponsorizzata dal WEF che ha avuto luogo lo scorso luglio in cui i relatori hanno avvertito di una "pandemia" mortale di attacchi informatici che avrebbe colpito principalmente due settori economici, sanità e finanza. Cyber ​​Polygon Il 2020 è stato ufficialmente descritto come "formazione online internazionale per aumentare la resilienza informatica globale" e ha coinvolto molte delle più grandi aziende tecnologiche del mondo e autorità internazionali, da IBM a INTERPOL. C'erano anche molti partecipanti sorprendenti all'evento, alcuni dei quali sono stati tradizionalmente visti in contrasto con gli interessi imperiali occidentali. Ad esempio, la persona scelta per aprire l'evento Cyber ​​Polygon è stato il primo ministro della Federazione Russa, Mikhail Mishustine il suo principale ospite, BI.ZONE, era una filiale della Sberbank controllata dal governo russo. Ciò suggerisce che la narrativa abusata di "hacker russo" potrebbe volgere al termine o presto verrà sostituita da un altro uomo nero più adatto alla luce delle attuali realtà politiche.

Oltre a Mishustin, il direttore esecutivo del WEF Klaus Schwab e l'ex primo ministro britannico Tony Blair hanno partecipato all'evento Cyber ​​Polygon 2020, che dovrebbe essere ripetuto ogni anno e presenta molte somiglianze con Evento 2019 del 201. Invece di prepararsi a una potenziale pandemia medica, Cyber ​​Polygon 2020 si è concentrato sulla preparazione di una "cyberpandemia", quella che i principali media come il New Yorker l'affermazione è "già in corso". Date le recenti simulazioni del WEF, potenti imprenditori e banchieri miliardari sembrano pronti a utilizzare sia le pandemie fisiche che quelle digitali per riformare le nostre società secondo il loro progetto ea proprio vantaggio.

Gli architetti di Cyber ​​Polygon

Secondo la società russa di sicurezza informatica BI.ZONE, 120 organizzazioni sparse in ventinove paesi hanno preso parte ai due scenari simulati al Cyber ​​Polygon 2020, con ben cinque milioni di persone che avrebbero guardato il live streaming in oltre cinquantasette paesi. Come molti eventi che hanno avuto luogo nel 2020, le simulazioni Cyber ​​Polygon sono state condotte online a causa delle restrizioni COVID-19. Insieme al World Economic Forum, BI.ZONE, una filiale di Sberbank, gestisce il progetto Cyber ​​Polygon. Il maggiore azionista di Sberbank, a partire dallo scorso anno, è il governo russo, ed è così spesso descritto dai media in lingua inglese come banca controllata dallo stato.

L'evento del 2020 è stato lanciato con un indirizzo da il primo ministro della Federazione Russa Mishustin, che ha corteggiato le aziende tecnologiche occidentali prima di entrare in politica. Nel 1989, Mishustin si è laureato presso l'Università tecnologica statale di Mosca (generalmente nota come Stankin) con una qualifica in ingegneria dei sistemi. Negli anni '1990 ha lavorato presso il Club Internazionale del Computer, un'organizzazione senza scopo di lucro con l'obiettivo di "attrarre tecnologie informatiche avanzate occidentali" in Russia. Tra il 1996 e il 1998, Mishustin è stato presidente del consiglio di amministrazione della Corte penale internazionale, ma la società è stata liquidata nel 2016. Tra il 2010 e il 2020 è stato a capo del Servizio fiscale federale della Federazione Russa. Anche se non aveva mai mostrato ambizioni politiche precedenti, il 16 gennaio 2020, lui è stato nominato primo ministro della Federazione Russa con ordinanza esecutiva emessa dal presidente Putin.

Durante il discorso di benvenuto di Mishustin al Cyber ​​Polygon 2020 del WEF, il primo ministro russo ha avvertito della necessità di creare politiche pubbliche per "rafforzare la sicurezza digitale delle attività critiche senza minare i vantaggi della trasformazione digitale in settori critici che limiterebbero inutilmente l'uso e l'apertura di tecnologia digitale." La dichiarazione suggerisce che "restrizioni inutili" potrebbero diventare necessarie nel tempo.

Mishustin prosegue spiegando che la ripresa economica post-COVID della Russia si baserà sulla "crescente digitalizzazione di tale economia e governo", aggiungendo che "aumenteremo drasticamente il numero di servizi pubblici digitali disponibili e introdurremo misure di sostegno fondamentalmente nuove per le imprese digitali . " Ha anche affermato che "la Russia ha sviluppato un sistema nazionale comune per l'identificazione e la prevenzione degli attacchi informatici con i sistemi informativi dell'agenzia governativa collegati nel sistema". Si è anche rivolto al pubblico di Cyber ​​Polygon riguardo alla necessità della comunità internazionale di unirsi per prevenire una "pandemia globale di frode informatica".

Sberbank, il più grande istituto bancario russo ed ex monopolio del risparmio sovietico, originariamente fondato da Nicholas I, è stato ospite ufficiale dell'evento Cyber ​​Polygon 2020 insieme al World Economic Forum. Come riportato nel Economista nel gennaio 2021, il gigante bancario russo ha iniziato a reinventare la propria attività nel tentativo di diventare un gigante della tecnologia di consumo. Sberbank ha speso circa 2 miliardi di dollari in tecnologia e acquisizioni, inclusa l'acquisizione del gruppo di media Internet Rambler, che ha completamente acquisito nel 2020. Al 30 dicembre 2020, Sberbank ha acquisito Doma.ai, quale descrive se stesso come "una comoda piattaforma di gestione immobiliare". Il 15 giugno 2020, Sberbank ha acquistato 2GIS, una mappa, un navigatore e una directory aziendale con oltre 42 milioni di utenti attivi mensilmente. I ventidue investimenti di Sberbank, undici in qualità di investitore principale, include alcuni dei servizi più utilizzati in Russia e la sua chiara intenzione è quella di diventare uno sportello digitale unico per tutti i servizi. La banca divenne anche proprietaria di uno dei più grandi centri di elaborazione dati in Europa quando il Centro elaborazione dati South Port aperto nel novembre 2011, in sostituzione dei trentasei data center regionali esistenti. Sberbank dovrebbe esserlo la prima banca al mondo per lanciare il proprio "ecosistema" di criptovaluta, Sbercoin e finanza digitale questo marzo. In particolare, ha annunciato l'imminente Sbercoin, uno "stablecoin" legato al rublo russo, solo poche settimane dopo l'esercizio Cyber ​​Polygon 2020.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

10 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Corona Coronata

"Dimentica COVID, gli oligarchi globali stanno ora provando per una" pandemia informatica "" Il passo logico successivo.

Brad

Questo esercizio cyber da tavolo si svolgerà a luglio mentre sorprendentemente Webb ha anche scritto un lungo sguardo sul lancio di vaxx e su come AstraZenica abbia avuto il comando su quando porre fine alla pandemia di CV 19. L'ipotesi migliore è la fine di giugno o proprio mentre è previsto che si svolgerà questo esercizio di "poligono informatico". Il tappo a piramide lo sta davvero srotolando. Questo prima che qualsiasi opposizione organizzata possa trovare i suoi piedi e montare una confutazione su CV 19 il prossimo evento per il cambiamento colpirà e tutti gli stessi agenti del cambiamento in govt... Per saperne di più »

Harold

Penso che siano in una corsa a causa di Reiner Fuellmich e un gruppo di medici e avvocati internazionali stanno cercando di perseguire questi parassiti per crimini contro l'umanità, che prevede la pena di morte secondo i codici di Norimberga.

Rodney

Dobbiamo davvero eliminare questi mercanti di avidità satanici malvagi filantropi, non vogliono che competiamo o siamo sani o felici, certo, le loro famiglie cresceranno e cresceranno, perché hanno i soldi e il potere tutta questa distopia non li influenzerà, ma loro sono così stupidi da credere che l'intelligenza artificiale sia il tutto e finisca tutto e siamo tutti computer…. LA VITA NON È COSÌ SEMPLICE, ma impareranno comunque dopo che saremo stati tutti ammassati e abbattuti, perché l'intelligenza artificiale si svilupperà e dirà perché questi avidi umani sono ancora qui a sprecare tutte queste risorse, io... Per saperne di più »

sto solo dicendo

Beh, è ​​così bello tutti i piani che hanno per noi, no? Ciò potrebbe includere e includerà black out globali. Secondo un noto autore ci sono 5 blackout dell'ora di fine in arrivo nel mondo. Ora il primo black out sarà che il sole, la luna e le stelle vengono improvvisamente oscurati in modo che la terra non riceva alcuna luce da queste sorgenti e sia nell'oscurità totale. Questo è simile al black out che ha avuto luogo in Egitto (Esodo 10: 21-23) che è stato di 3 giorni. Questo non è qualcosa che l'uomo può fare, ma solo Dio può farlo... Per saperne di più »

Bert33

Se si verifica un'interruzione di corrente, dovresti correre in un piccolo cerchio e farti pipì perché sei tagliato fuori dalla questione dell'oligarchia tecnocratica planetaria globale, o forse è tempo che gli stati e le contee inizino a tenere il `` secco digitale '' cliniche, dove le persone che sono diventate psicologicamente dipendenti dagli smartphone in misura malsana e hanno bisogno di aiuto per essere "pulite" possono trovare quell'aiuto? Eroina elettronica o LSD o simili. Ricicla lo "smone" e dì al regno dei geek di trovare un lavoro onesto.

Bob A

Alvin Toffler: Futuro Shock

trackback

[…] Dimentica COVID, gli oligarchi globali stanno ora provando per una "pandemia informatica" [...]

trackback

[…] Dimentica COVID, gli oligarchi globali stanno ora provando per una "cyber pandemia" (technocracy.ne… […]

[…] Dimentica COVID, gli oligarchi globali stanno ora provando per una "pandemia informatica" Questo è ancora un altro angolo di attacco per ottenere il controllo totale sul sistema mondiale, in modo che possano implementare il NWO. Non importa quale sistema malvagio creeranno, sarà distrutto alla seconda venuta di Gesù Cristo. […]