Flashback: perché il coronavirus accelererà il grande reset?

Concesso in licenza tramite Adobe Stock
Per favore, condividi questa storia!
Questo agghiacciante articolo è una lettura obbligata per capire perché la pandemia è la bacchetta per il Grande Reset. Un lato positivo, afferma, “è la possibilità di sperimentare tecnologie e approcci cooperativi oltre confine”. Pertanto, l'intera razza umana è vista come il loro laboratorio sperimentale per provare nuove tecnologie come l'ingegneria genetica, l'ID universale, ecc.

Questo articolo è apparso originariamente su The Economist, una delle pubblicazioni più importanti al mondo sulla globalizzazione. Editor TN

Il lato positivo della pandemia è la possibilità di sperimentare tecnologie e approcci cooperativi transfrontalieri che potrebbero portare a futuri globali più sicuri, più sostenibili e più inclusivi.

La teoria dell'equilibrio punteggiato, proposta nel 1972 dai biologi Stephen Jay Gould e Niles Eldredge, sostiene che le popolazioni di organismi viventi tendono a sperimentare una quantità significativa di cambiamenti evolutivi in ​​brevi periodi di tempo stressanti. 1Gould ed Eldredge hanno sostenuto che l'evoluzione non è un processo costante e graduale: si verifica durante episodi in cui le specie si trovano in ambienti di alta tensione o soprattutto di crisi.

La specie umana sta attraversando un periodo del genere in questo momento: la pandemia di covid-19. Le profonde pressioni che gli individui, le organizzazioni e le società affrontano in questa crisi stanno accelerando la quarta rivoluzione industriale (4IR), confondendo i confini tra il mondo fisico, digitale e biologico.2 L'attuale stato di emergenza ci costringe a considerare la necessità di cambiamenti strutturali nel nostro rapporto con l'ambiente e come ci comportiamo come comunità globale.

La pandemia sta costringendo tutti noi ad apprezzare quanto ci affidiamo alle tecnologie del 21° secolo (intelligenza artificiale, Internet delle cose, social media, piattaforme di apprendimento digitale, realtà aumentata e virtuale, droni, stampa 3D e molto altro ancora) per mantenere sani e per trasformare le economie. Il contesto senza precedenti ci sta contemporaneamente spingendo a diventare molto più dipendenti dalle rivoluzionarie tecnologie digitali, biologiche e fisiche e molto più fantasiose su come utilizzare queste tecnologie emergenti per creare valore in modi nuovi.

Più di 7 miliardi di persone vivono in paesi che hanno implementato restrizioni straordinarie alla circolazione delle persone3 e più di un terzo del mondo è sotto stretto isolamento.4 In risposta, i sistemi che hanno resistito al cambiamento per decenni sono diventati virtuali. La videoconferenza come mezzo principale di co-working? Vecchie notizie. Didattica a distanza? Più di 1.5 miliardi di studenti lo stanno facendo oggi.5 Le organizzazioni di tutti i settori stanno costruendo nuove capacità tecniche, sfruttando le tecnologie digitali e evolvendo i loro modelli di business a un ritmo inimmaginabile solo pochi mesi fa.

Il virus sta affollando i nuovi paradigmi tecnologici nell'assistenza sanitaria ovunque. Le reti di epidemiologi stanno monitorando il coronavirus utilizzando tecnologie di sequenziamento genico a basso costo6 che stanno anche guidando alcuni dei candidati vaccini più promettenti.7 Ricercatori e medici stanno utilizzando l'apprendimento automatico per cercare archivi di articoli accademici pubblicati su covid-19, come il 47,000 articoli indicizzati dal covid-19 Open Research Dataset (CORD-19) Explorer.8 Reti informali di hobbisti e aziende manifatturiere utilizzano stampanti 3D per realizzare decine di migliaia di schermi facciali per aiutare a proteggere gli operatori sanitari in prima linea.9 E in una mossa senza precedenti, Apple e Google hanno collaborato per inventare un'applicazione di tracciamento dei contatti incorporata nei sistemi operativi per smartphone.10

Questa esplosione di innovazione è iniziata quando il covid-19 ha gettato l'umanità in acque inesplorate. Durante i periodi storici in cui l'equilibrio è stato drammaticamente disturbato, le organizzazioni e le economie hanno lottato per sopravvivere.

Ma noi siamo esseri tecnologici che intenzionalmente, e su larga scala, adattano l'ambiente ai nostri bisogni. Gli scienziati hanno chiamato la nostra epoca attuale "Antropocene" perché gli esseri umani sono la forza schiacciante che modella gli ecosistemi del pianeta. Quindi, coloro che si adatteranno con successo non solo prospereranno nel 4IR accelerato, ma lo modelleranno.

La domanda è: in cosa?

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti