Flashback: come e perché la CIA ha creato Google

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Questo magistrale white paper documenta gli eventi e le persone che circondano la fondazione di Google. Dovrebbe essere letto e compreso da ogni americano perché rappresenta il più grande programma di ingegneria sociale di tutti i tempi. Google non è stato casuale, né stava semplicemente soddisfacendo le esigenze di un nuovo mercato. ⁃ TN Editor

Parte I

Sulla scia degli attacchi di Charlie Hebdo a Parigi, i governi occidentali si stanno muovendo rapidamente per legittimare poteri estesi di sorveglianza e controllo di massa su Internet, il tutto in nome della lotta al terrorismo.

Stati Uniti ed Europa politici hanno chiesto di proteggere lo spionaggio in stile NSA e di aumentare la capacità di intromettersi nella privacy di Internet mettendo al bando la crittografia. Un'idea è quella di stabilire una partnership per le telecomunicazioni che elimini unilateralmente i contenuti ritenuti "alimentano l'odio e la violenza" in situazioni considerate "appropriate". Sono in corso accese discussioni a livello di governo e parlamentare per esplorare la repressione avvocato-cliente riservatezza.

Ciò che tutto questo avrebbe fatto per prevenire gli attacchi di Charlie Hebdo rimane a mistero, soprattutto dato che sappiamo già che i terroristi sono stati nel radar dell'intelligence francese per un massimo di un decennio.

C'è poco di nuovo in questa storia. L'atrocità dell'9 settembre è stata il primo di molti attacchi terroristici, ciascuno seguito dalla drammatica estensione dei poteri statali draconiani a scapito delle libertà civili, sostenuta dalla proiezione della forza militare nelle regioni identificate come hotspot che ospitano i terroristi. Eppure ci sono poche indicazioni che questa formula collaudata abbia fatto qualcosa per ridurre il pericolo. Semmai, sembra che siamo bloccati in un ciclo di violenza sempre più profondo senza una chiara fine in vista.

Mentre i nostri governi spingono per aumentare i loro poteri, ASSICURARE L'INTELLIGENZA può ora rivelare la vasta misura in cui la comunità dell'intelligence statunitense è implicata nel coltivare le piattaforme web che conosciamo oggi, al preciso scopo di utilizzare la tecnologia come meccanismo per combattere la `` guerra dell'informazione '' globale - una guerra per legittimare il potere del pochi sul resto di noi. Il fulcro di questa storia è l'azienda che in molti modi definisce il 21 ° secolo con la sua onnipresenza discreta: Google.

Google si definisce un'azienda tecnologica amichevole, originale e di facile utilizzo che è salita alla ribalta grazie a una combinazione di abilità, fortuna e innovazione genuina. Questo è vero. Ma è solo un frammento della storia. In realtà, Google è una cortina fumogena dietro la quale si annida il complesso militare-industriale statunitense.

La storia interna dell'ascesa di Google, rivelata qui per la prima volta, apre una scatola di worm che va ben oltre Google, facendo luce inaspettatamente sull'esistenza di una rete parassitaria che guida l'evoluzione dell'apparato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, e traendone oscenamente profitto il suo funzionamento.

Negli ultimi due decenni, le strategie estere e di intelligence degli Stati Uniti hanno portato a una "guerra al terrorismo" globale composta da invasioni militari prolungate nel mondo musulmano e da una sorveglianza globale delle popolazioni civili. Queste strategie sono state incubate, se non dettate, da una rete segreta dentro e fuori il Pentagono.

Fondata sotto l'amministrazione Clinton, consolidata sotto Bush e saldamente radicata sotto Obama, questa rete bipartisan di ideologi per lo più neoconservatori ha sigillato il suo dominio all'interno del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) all'alba del 2015, attraverso l'operazione di un'oscura entità aziendale all'esterno il Pentagono, ma gestito dal Pentagono.

Nel 1999, la CIA ha creato la propria società di investimenti in capitale di rischio, In-Q-Tel, per finanziare promettenti start-up che potrebbero creare tecnologie utili per le agenzie di intelligence. Ma l'ispirazione per In-Q-Tel è arrivata prima, quando il Pentagono ha creato il proprio gruppo per il settore privato.

Conosciuta come "Highlands Forum", questa rete privata funge da ponte tra il Pentagono e le potenti élite americane al di fuori dell'esercito sin dalla metà degli anni '1990. Nonostante i cambiamenti nelle amministrazioni civili, la rete attorno all'Highlands Forum ha avuto sempre più successo nel dominare la politica di difesa degli Stati Uniti.

Gli appaltatori giganti della difesa come Booz Allen Hamilton e Science Applications International Corporation sono talvolta indicati come la "comunità dell'intelligence ombra" a causa delle porte girevoli tra loro e del governo e della loro capacità di influenzare e trarre profitto contemporaneamente dalla politica di difesa. Ma mentre questi appaltatori competono per potere e denaro, collaborano anche dove conta. L'Highlands Forum ha fornito per 20 anni uno spazio non registrato per alcuni dei membri più importanti della comunità dell'intelligence ombra per riunirsi con alti funzionari del governo degli Stati Uniti, insieme ad altri leader nei settori pertinenti.

Mi sono imbattuto per la prima volta nell'esistenza di questa rete nel novembre 2014, quando ho segnalato per VICE Scheda madre che la "Iniziativa per l'innovazione della difesa" appena annunciata dal segretario alla Difesa degli Stati Uniti Chuck Hagel riguardava davvero costruire Skynet - o qualcosa di simile, essenzialmente per dominare un'era emergente di guerra robotica automatizzata.

Quella storia era basata su un poco noto `` white paper '' finanziato dal Pentagono pubblicato due mesi prima dalla National Defense University (NDU) di Washington DC, una delle principali istituzioni militari statunitensi che, tra le altre cose, genera ricerca per sviluppare gli Stati Uniti. politica di difesa ai massimi livelli. Il libro bianco ha chiarito il pensiero alla base della nuova iniziativa e gli sviluppi scientifici e tecnologici rivoluzionari che sperava di trarre vantaggio.

Il coautore di quel white paper dell'NDU è Linton Wells, un funzionario della difesa statunitense veterano di 51 anni che ha prestato servizio nell'amministrazione Bush come chief information officer del Pentagono, sovrintendendo alla National Security Agency (NSA) e ad altre agenzie di spionaggio. Lui tiene ancora autorizzazioni di sicurezza top-secret attive e, secondo un rapporto di Dirigente governativo rivista nel 2006 lui ha presieduto l '"Highlands Forum"', fondata dal Pentagono nel 1994.

Linton Wells II (a destra), ex chief information officer del Pentagono e assistente segretario alla difesa per le reti, in una recente sessione del Pentagon Highlands Forum. Rosemary Wenchel, un alto funzionario del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti, è seduta accanto a lui

New Scientist magazine (paywall) ha paragonato l'Highlands Forum a riunioni d'élite come "Davos, Ditchley e Aspen", descrivendolo come "molto meno conosciuto, ma ... probabilmente altrettanto influente come un negozio di discorsi". Riunioni periodiche del forum riuniscono “persone innovative per considerare le interazioni tra politica e tecnologia. I suoi maggiori successi sono stati nello sviluppo della guerra basata su reti ad alta tecnologia ".

Dato il ruolo di Wells in un simile Forum, forse non sorprende che il suo white paper sulla trasformazione della difesa sia stato in grado di avere un impatto così profondo sull'attuale politica del Pentagono. Ma se era così, perché nessuno se n'era accorto?

Nonostante sia sponsorizzato dal Pentagono, non sono riuscito a trovare alcuna pagina ufficiale sul sito web del DoD sul Forum. Fonti attive ed ex militari e di intelligence statunitensi non ne avevano mai sentito parlare, e nemmeno i giornalisti della sicurezza nazionale. Ero sconcertato.

Nel prologo al suo libro del 2007, Una folla di uno: il futuro dell'identità individuale, John Clippinger, uno scienziato del MIT del Media Lab Human Dynamics Group, ha descritto come ha partecipato a un raduno "Highlands Forum", un "incontro su invito finanziato dal Dipartimento della Difesa e presieduto dall'assistente per le reti e l'integrazione delle informazioni. " Questo era un incarico senior del DoD che sovrintendeva alle operazioni e alle politiche per le più potenti agenzie di spionaggio del Pentagono, tra cui la NSA, la Defense Intelligence Agency (DIA), tra le altre. A partire dal 2003 la carica è passata a quello che è oggi il sottosegretario alla Difesa per l'intelligence. L'Highlands Forum, scrive Clippinger, è stato fondato da un capitano della Marina degli Stati Uniti in pensione di nome Dick O'Neill. I delegati includono alti funzionari militari statunitensi in numerose agenzie e divisioni: "capitani, contrammiragli, generali, colonnelli, maggiori e comandanti", nonché "membri della leadership del DoD".

Quello che a prima vista sembrava essere il principale del Forum portale dedicato descrive Highlands come "una rete interdisciplinare informale sponsorizzata dal governo federale", incentrata su "informazione, scienza e tecnologia". La spiegazione è scarsa, al di là di un singolo logo "Dipartimento della Difesa".

Ma anche Highlands lo ha fatto un altro sito web che si descrive come una "società di venture capital intellettuale" con "una vasta esperienza nell'assistenza a società, organizzazioni e leader di governo". L'azienda fornisce una "vasta gamma di servizi, tra cui: pianificazione strategica, creazione di scenari e giochi per espandere i mercati globali", nonché "lavorare con i clienti per costruire strategie di esecuzione". "The Highlands Group Inc.", dice il sito web, organizza tutta una serie di forum su questi temi.

Ad esempio, oltre all'Highlands Forum, dall'9 settembre il Gruppo gestisce l '"Island Forum", un evento internazionale tenuto in associazione con il Ministero della Difesa di Singapore, che O'Neill supervisiona come "consulente principale". Il sito web del Ministero della Difesa di Singapore descrive l'Island Forum come "modellato dopo l'Highlands Forum organizzato per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ". Documenti trapelati dall'informatore della NSA Edward Snowden hanno confermato che Singapore ha svolto un ruolo chiave nel consentire agli Stati Uniti e all'Australia di intercettare cavi sottomarini per spiare potenze asiatiche come l'Indonesia e la Malesia.

Il sito web di Highlands Group rivela anche che Highlands è partner di uno dei più potenti appaltatori della difesa negli Stati Uniti. Highlands è “supportato da una rete di aziende e ricercatori indipendenti”, inclusi “i nostri partner dell'Highlands Forum negli ultimi dieci anni al SAIC; e la vasta rete di partecipanti delle Highlands all'Highlands Forum ".

SAIC sta per la società di difesa statunitense, Science Applications International Corporation, che ha cambiato il suo nome in Leidos nel 2013, operando SAIC come sussidiaria. SAIC / Leidos è tra i top 10 più grandi appaltatori della difesa negli Stati Uniti e lavora a stretto contatto con la comunità dell'intelligence statunitense, in particolare la NSA. Secondo il giornalista investigativo Tim Shorrock, il primo a rivelare la vasta portata della privatizzazione dell'intelligence americana con il suo libro fondamentale Spie a noleggio, SAIC ha un "rapporto simbiotico con la NSA: l'agenzia è il più grande cliente singolo dell'azienda e SAIC è il più grande appaltatore della NSA".

Richard "Dick" Patrick O'Neill, presidente fondatore dell'Highlands Forum del Pentagono

Il nome completo del Capitano "Dick" O'Neill, presidente fondatore dell'Highlands Forum, è Richard Patrick O'Neill, che dopo il suo lavoro nella Marina si è unito al DoD. Ha servito il suo ultimo incarico come vice per la strategia e la politica presso l'Ufficio del sottosegretario alla Difesa per il comando, il controllo, le comunicazioni e l'intelligence, prima di fondare Highlands.

Ma Clippinger si riferiva anche a un altro misterioso individuo venerato dai partecipanti al Forum:

«Sedeva in fondo alla stanza, inespressivo dietro spessi occhiali cerchiati di nero. Non l'ho mai sentito pronunciare una parola ... Andrew (Andy) Marshall è un'icona all'interno del Dipartimento della Difesa. Alcuni lo chiamano Yoda, indicativo del suo status mitico imperscrutabile ... Aveva servito molte amministrazioni ed era ampiamente considerato al di sopra della politica di parte. Era un sostenitore dell'Highlands Forum e un appuntamento fisso sin dall'inizio ".

Dal 1973, Marshall è a capo di una delle agenzie più potenti del Pentagono, l'Office of Net Assessment (ONA), il `` think tank '' interno del segretario alla difesa degli Stati Uniti che conduce ricerche altamente classificate sulla pianificazione futura della politica di difesa tra le forze armate e l'intelligence statunitensi. Comunità. L'ONA ha svolto un ruolo chiave nelle principali iniziative strategiche del Pentagono, tra cui la strategia marittima, l'iniziativa di difesa strategica, l'iniziativa di strategie competitive e la rivoluzione negli affari militari.

Andrew 'Yoda' Marshall, capo dell'Office of Net Assessment (ONA) del Pentagono e co-presidente dell'Highlands Forum, in uno dei primi eventi delle Highlands nel 1996 presso il Santa Fe Institute. Marshall andrà in pensione a partire da gennaio 2015

In un raro profilo del 2002 in formato Wired, il giornalista Douglas McGray ha descritto Andrew Marshall, che ora ha 93 anni, come "il più sfuggente" ma "uno dei suoi funzionari più influenti". McGray ha aggiunto che "il vicepresidente Dick Cheney, il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld e il vice segretario Paul Wolfowitz" - ampiamente considerati i falchi del movimento neoconservatore nella politica americana - erano tra le "star protégé" di Marshall.

Parlando in tono basso Seminario dell'Università di Harvard pochi mesi dopo l'9 settembre, il presidente fondatore dell'Highlands Forum Richard O'Neill disse che Marshall era molto più di un "appuntamento fisso" al Forum. "Andy Marshall è il nostro co-presidente, quindi indirettamente tutto ciò che facciamo torna nel sistema di Andy", ha detto al pubblico. "Direttamente, le persone che partecipano alle riunioni del Forum potrebbero tornare per tenere briefing ad Andy su una varietà di argomenti e per sintetizzare le cose." Ha anche detto che il Forum aveva un terzo copresidente: il direttore della Defense Advanced Research and Projects Agency (DARPA), che a quel tempo era un incaricato di Rumsfeld, Anthony J. Tether. Prima di entrare in DARPA, Tether è stato vicepresidente del settore delle tecnologie avanzate di SAIC.

Anthony J. Tether, direttore della DARPA e co-presidente dell'Highlands Forum del Pentagono da giugno 2001 a febbraio 2009

L'influenza dell'Highlands Forum sulla politica di difesa degli Stati Uniti ha quindi operato attraverso tre canali principali: la sua sponsorizzazione da parte dell'Ufficio del Segretario alla Difesa (intorno alla metà dell'ultimo decennio questo è stato trasferito specificamente al Ufficio del Sottosegretario alla Difesa per l'Intelligence, responsabile delle principali agenzie di sorveglianza); il suo collegamento diretto con ONA di Andrew "Yoda" Marshall; e il suo collegamento diretto a DARPA.

Una diapositiva della presentazione di Richard O'Neill all'Università di Harvard nel 2001

Secondo Clippinger in Una folla di uno, "Ciò che accade a riunioni informali come l'Highlands Forum potrebbe, nel tempo e attraverso percorsi di influenza curiosi e imprevisti, avere un impatto enorme, non solo all'interno del DoD ma in tutto il mondo". Ha scritto che le idee del Forum sono “passate dall'essere eretiche al mainstream. Idee che erano un anatema nel 1999 sono state adottate come politica solo tre anni dopo ".

Sebbene il Forum non produca "raccomandazioni di consenso", il suo impatto è più profondo di un tradizionale comitato consultivo del governo. "Le idee che emergono dalle riunioni possono essere utilizzate dai responsabili delle decisioni e dalle persone dei think tank", secondo O'Neill:

"Includeremo persone di Booz, SAIC, RAND o altri ai nostri incontri ... Accogliamo con favore questo tipo di cooperazione, perché, sinceramente, hanno la gravità. Sono lì per un lungo periodo e sono in grado di influenzare le politiche del governo con un vero lavoro accademico ... Produciamo idee, interazioni e reti che queste persone possono prendere e utilizzare quando ne hanno bisogno ".

Le mie ripetute richieste a O'Neill di informazioni sul suo lavoro all'Highlands Forum furono ignorate. Il Dipartimento della Difesa, inoltre, non ha risposto a molteplici richieste di informazioni e commenti sul Forum.

L'Highlands Forum è servito da "ponte di influenza" a due vie: da un lato, per la rete ombra di appaltatori privati ​​per influenzare la formulazione della politica delle operazioni di informazione attraverso l'intelligence militare statunitense; e dall'altra, che il Pentagono influenzi ciò che sta accadendo nel settore privato. Non c'è prova più chiara di ciò del ruolo veramente strumentale del Forum nell'incubare l'idea della sorveglianza di massa come meccanismo per dominare l'informazione su scala globale.

Nel 1989, Richard O'Neill, allora criptologo della Marina degli Stati Uniti, scrisse un articolo per l'US Naval War College, "Verso una metodologia per la gestione della percezione." Nel suo libro, future Wars, Il colonnello John Alexander, allora un alto ufficiale dell'Intelligence and Security Command (INSCOM) dell'esercito americano, registra che il documento di O'Neill per la prima volta delineava una strategia per la "gestione della percezione" come parte della guerra dell'informazione (IW). La strategia proposta da O'Neill ha identificato tre categorie di obiettivi per IW: avversari, quindi credono di essere vulnerabili; potenziali partner, "così percepiscono la causa [della guerra] come giusta"; e, infine, le popolazioni civili e la leadership politica in modo che "percepiscano il costo come degno dello sforzo". Un briefing segreto basato sul lavoro di O'Neill "è arrivato ai vertici della dirigenza" al DoD. “Hanno riconosciuto che O'Neill aveva ragione e gli hanno detto di seppellirlo.

A parte il fatto che il Dipartimento della Difesa non l'ha seppellito. intorno 1994, l'Highlands Group è stato fondato da O'Neill come progetto ufficiale del Pentagono alla nomina dell'allora segretario alla difesa di Bill Clinton William Perry - che è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di SAIC dopo il ritiro dal governo nel 2003.

Nelle stesse parole di O'Neill, il gruppo avrebbe funzionato come illaboratorio di idee'. Secondo Dirigente governativo, esperti di tecnologia militare e informatica si sono riuniti al primo incontro del Forum “per considerare gli impatti dell'IT e della globalizzazione sugli Stati Uniti e sulla guerra. In che modo Internet e le altre tecnologie emergenti cambierebbero il mondo? " L'incontro ha contribuito a piantare l'idea di "guerra incentrata sulla rete" nelle menti dei "massimi pensatori militari della nazione".

I registri ufficiali del Pentagono confermano che l'obiettivo principale dell'Highlands Forum era quello di supportare le politiche del DoD sulla specializzazione di O'Neill: la guerra dell'informazione. Secondo il Pentagono del 1997 Rapporto annuale al Presidente e al Congresso in una sezione intitolata "Operazioni informative" (IO), l'Ufficio del Segretario alla Difesa (OSD) aveva autorizzato la "creazione del gruppo delle Highlands di esperti chiave del Dipartimento della Difesa, dell'industria e accademico" per coordinare l'IO tra le agenzie di intelligence militare federale .

L'anno successivo Rapporto annuale DoD ha ribadito la centralità del Forum per le operazioni di informazione: "Per esaminare le questioni relative all'IO, DoD sponsorizza l'Highlands Forum, che riunisce il governo, l'industria e professionisti accademici di vari settori".

Si noti che nel 1998 il "Gruppo" delle Highlands è diventato un "Forum". Secondo O'Neill, questo era per evitare di sottoporre le riunioni degli Highlands Forum a "restrizioni burocratiche". Ciò a cui alludeva era il Federal Advisory Committee Act (FACA), che regola il modo in cui il governo degli Stati Uniti può sollecitare formalmente il consiglio di interessi speciali.

Conosciuta come la legge del "governo aperto", la FACA richiede che i funzionari del governo degli Stati Uniti non possano tenere consultazioni a porte chiuse o segrete con persone esterne al governo per sviluppare la politica. Tutte queste consultazioni dovrebbero avvenire tramite comitati consultivi federali che consentano il controllo pubblico. La FACA richiede che le riunioni si tengano in pubblico, annunciate tramite il registro federale, che i gruppi consultivi siano registrati presso un ufficio presso l'Amministrazione dei servizi generali, tra gli altri requisiti intesi a mantenere la responsabilità nei confronti dell'interesse pubblico.

Ma Dirigente governativo ha riferito che "O'Neill e altri credevano" tali questioni normative "avrebbero represso il libero flusso di idee e le discussioni senza esclusione di colpi che cercavano". Gli avvocati del Pentagono avevano avvertito che la parola 'gruppo' avrebbe potuto richiedere determinati obblighi e consigliato di gestire l'intera faccenda privatamente: "Così O'Neill lo ha ribattezzato Highlands Forum e si è trasferito nel settore privato per gestirlo come consulente del Pentagono". Il Pentagon Highlands Forum corre quindi sotto il mantello della "società di capitali intellettuali" di O'Neill, "Highlands Group Inc."

Nel 1995, un anno dopo che William Perry aveva nominato O'Neill a capo dell'Highlands Forum, SAIC - l'organizzazione "partner" del Forum - lanciato un nuovo Centro per la strategia e la politica dell'informazione sotto la direzione di "Jeffrey Cooper, un membro dell'Highlands Group che fornisce consulenza agli alti funzionari del Dipartimento della Difesa su questioni relative alla guerra dell'informazione". Il Centro aveva esattamente lo stesso obiettivo del Forum, funzionare come "un centro di smistamento per riunire le menti migliori e più brillanti nella guerra dell'informazione sponsorizzando una serie continua di seminari, documenti e simposi che esplorano in profondità le implicazioni della guerra dell'informazione". L'obiettivo era "consentire ai leader e ai responsabili politici del governo, dell'industria e del mondo accademico di affrontare le questioni chiave che circondano la guerra dell'informazione per garantire che gli Stati Uniti mantengano il loro vantaggio su tutti i potenziali nemici".

Nonostante i regolamenti FACA, i comitati consultivi federali sono già fortemente influenzati, se non lo sono catturato, dal potere aziendale. Quindi, aggirando la FACA, il Pentagono ha annullato anche le restrizioni vaghe della FACA, escludendo permanentemente ogni possibilità di impegno pubblico.

L'affermazione di O'Neill secondo cui non ci sono rapporti o raccomandazioni è falsa. Per sua stessa ammissione, le consultazioni segrete del Pentagono con l'industria che hanno avuto luogo attraverso l'Highlands Forum dal 1994 sono state accompagnate da presentazioni regolari di documenti accademici e politici, registrazioni e note di riunioni e altre forme di documentazione che sono bloccate dietro un accesso accessibile solo dai delegati del Forum. Ciò viola lo spirito, se non la lettera, della FACA, in un modo che è chiaramente inteso a eludere la responsabilità democratica e lo stato di diritto.

L'Highlands Forum non ha bisogno di produrre raccomandazioni di consenso. Il suo scopo è fornire al Pentagono un meccanismo di social networking ombra per cementare relazioni durature con il potere aziendale e per identificare nuovi talenti, che possono essere utilizzati per mettere a punto le strategie di guerra dell'informazione in assoluta segretezza.

I partecipanti totali all'Highlands Forum del DoD sono più di mille, sebbene le sessioni consistano principalmente in piccoli incontri chiusi in stile workshop di massimo 25-30 persone, che riuniscono esperti e funzionari a seconda dell'argomento. I delegati hanno incluso personale senior di SAIC e Booz Allen Hamilton, RAND Corp., Cisco, Human Genome Sciences, eBay, PayPal, IBM, Google, Microsoft, AT&T, BBC, Disney, General Electric, Enron, tra innumerevoli altri; Membri democratici e repubblicani del Congresso e del Senato; dirigenti senior dell'industria energetica statunitense come Daniel Yergin di IHS Cambridge Energy Research Associates; e le persone chiave coinvolte in entrambi i lati delle campagne presidenziali.

Altri partecipanti hanno incluso professionisti senior dei media: David Ignatius, editore associato del Il Washington Post e all'epoca direttore esecutivo del International Herald Tribune; Thomas Friedman, da lungo tempo New York Times editorialista; Arnaud de Borchgrave, redattore di Washington Times e  United Press International; Steven Levy, un ex Newsweek editore, scrittore senior per Wired e ora capo redattore tecnico presso Medium; Lawrence Wright, scrittore del personale presso il New Yorker; Noah Shachtmann, direttore esecutivo di Daily Beast; Rebecca McKinnon, co-fondatrice di Global Voices Online; Nik Gowing della BBC; e John Markoff del New York Times.

Grazie alla sua attuale sponsorizzazione da parte del sottosegretario alla difesa per l'intelligence dell'OSD, il Forum ha accesso interno ai capi delle principali agenzie di sorveglianza e ricognizione statunitensi, nonché ai direttori e ai loro assistenti presso le agenzie di ricerca del DoD, dalla DARPA, all'ONA . Ciò significa anche che il Forum è profondamente collegato alle task force di ricerca politica del Pentagono.

Nel 1994, lo stesso anno in cui fu fondato l'Highlands Forum sotto la guida dell'Ufficio del Segretario alla Difesa, ONA e DARPA, due giovani dottorandi della Stanford University, Sergey Brin e Larry Page, fecero la loro svolta sul primo applicazione di web crawling e page ranking. Quell'applicazione rimane il componente principale di quello che alla fine è diventato il servizio di ricerca di Google. Brin e Page avevano svolto il loro lavoro con i finanziamenti del Iniziativa per la biblioteca digitale (DLI), un programma multi-agenzia della National Science Foundation (NSF), NASA e DARPA.

Ma questo è solo un lato della storia.

Durante lo sviluppo del motore di ricerca, Sergey Brin ha riferito regolarmente e direttamente a due persone che non erano affatto docenti di Stanford: il dottor Bhavani Thuraisingham e il dottor Rick Steinheiser. Entrambi erano rappresentanti di un sensibile programma di ricerca della comunità dell'intelligence statunitense sulla sicurezza delle informazioni e il data mining.

Thuraisingham è attualmente l'illustre professore di Louis A. Beecherl e direttore esecutivo del Cyber ​​Security Research Institute presso l'Università del Texas, Dallas, nonché un ricercato esperto di data mining, gestione dei dati e questioni di sicurezza delle informazioni. Ma negli anni '1990 ha lavorato per MITRE Corp., uno dei principali appaltatori della difesa degli Stati Uniti, dove ha gestito l'iniziativa Massive Digital Data Systems, un progetto sponsorizzato da NSA, CIA e il Direttore della Central Intelligence, per promuovere la ricerca innovativa in tecnologie dell'informazione.

"Abbiamo finanziato la Stanford University tramite lo scienziato informatico Jeffrey Ullman, che aveva diversi promettenti studenti laureati che lavoravano in molte aree interessanti", mi ha detto il prof. Thuraisingham. "Uno di loro era Sergey Brin, il fondatore di Google. Il programma MDDS della comunità dell'intelligence ha essenzialmente fornito il finanziamento del seme Brin, che è stato integrato da molte altre fonti, incluso il settore privato ".

Questo tipo di finanziamento non è certamente insolito e il fatto che Sergey Brin sia stato in grado di riceverlo essendo uno studente laureato a Stanford sembra essere stato accidentale. In quel periodo il Pentagono era impegnato nella ricerca informatica. Ma illustra quanto sia profondamente radicata la cultura della Silicon Valley nei valori della comunità dell'intelligence statunitense.

In uno straordinario documento ospitato dal sito web dell'Università del Texas, Thuraisingham racconta che dal 1993 al 1999, "la Intelligence Community [IC] ha avviato un programma chiamato Massive Digital Data Systems (MDDS) che gestivo per la Intelligence Community quando ero al MITRE Società." Il programma ha finanziato 15 attività di ricerca in varie università, tra cui Stanford. Il suo obiettivo era sviluppare "tecnologie di gestione dei dati per gestire da diversi terabyte a petabyte di dati", inclusi "elaborazione di query, gestione delle transazioni, gestione dei metadati, gestione dell'archiviazione e integrazione dei dati".

A quel tempo, Thuraisingham era chief scientist per la gestione dei dati e delle informazioni presso MITRE, dove guidava gli sforzi di ricerca e sviluppo del team per la NSA, CIA, US Air Force Research Laboratory, nonché per lo Space and Naval Warfare Systems Command della US Navy (SPAWAR ) e comunicazioni e comando elettronico (CECOM). Ha continuato a tenere corsi per funzionari del governo degli Stati Uniti e appaltatori della difesa sul data mining nell'antiterrorismo.

Nel suo articolo dell'Università del Texas, allega la copia di un abstract del programma MDDS della comunità dell'intelligence statunitense che era stato presentato all '"Annual Intelligence Community Symposium" nel 1995. L'abstract rivela che gli sponsor principali del programma MDDS erano tre agenzie : la NSA, l'Ufficio di ricerca e sviluppo della CIA e il Community Management Staff (CMS) della comunità dell'intelligence che opera sotto il Direttore della Central Intelligence. Gli amministratori del programma, che ha fornito finanziamenti per circa 3-4 milioni di dollari all'anno per 3-4 anni, sono stati identificati come Hal Curran (NSA), Robert Kluttz (CMS), Dr. Claudia Pierce (NSA), Dr. Rick Steinheiser (ORD - sta per Office of Research and Devepment della CIA), e la stessa dottoressa Thuraisingham.

Thuraisingham prosegue nel suo articolo ribadendo che questo programma congiunto CIA-NSA ha in parte finanziato Sergey Brin per sviluppare il nucleo di Google, attraverso una sovvenzione a Stanford gestita dal supervisore di Brin, il Prof. Jeffrey D.Ullman:

"In effetti, il fondatore di Google, Sergey Brin, è stato in parte finanziato da questo programma mentre era uno studente di dottorato a Stanford. Insieme al suo consulente Prof. Jeffrey Ullman e al mio collega di MITRE, il Dr. Chris Clifton [scienziato capo di Mitre in IT], ha sviluppato il Query Flocks System che ha prodotto soluzioni per l'estrazione di grandi quantità di dati archiviati nei database. Ricordo di aver visitato Stanford con il dottor Rick Steinheiser della comunità dei servizi segreti e il signor Brin si precipitava a bordo dei roller, faceva la sua presentazione e si precipitava fuori. In effetti, l'ultima volta che ci siamo incontrati nel settembre 1998, il signor Brin ci ha mostrato il suo motore di ricerca che poco dopo è diventato Google. "

Brin e Page hanno ufficialmente incorporato Google come azienda nel settembre 1998, lo stesso mese in cui hanno riferito l'ultima volta a Thuraisingham e Steinheiser. Anche "Query Flocks" faceva parte del programma brevettato di Google "PageRank'sistema di ricerca, che Brin ha sviluppato a Stanford nell'ambito del programma CIA-NSA-MDDS, nonché con finanziamenti da NSF, IBM e Hitachi. Quell'anno, il Dr. Chris Clifton del MITRE, che ha lavorato sotto Thuraisingham per sviluppare il sistema "Query Flocks", ha scritto un articolo con il supervisore di Brin, il Prof. Ullman, e Rick Steinheiser della CIA. Intitolato "Knowledge Discovery in Text", il file carta è stato presentato in una conferenza accademica.

"Il finanziamento MDDS che ha sostenuto Brin è stato significativo per quanto riguarda il finanziamento iniziale, ma probabilmente è stato superato dagli altri flussi di finanziamento", ha detto Thuraisingham. “La durata del finanziamento di Brin era di circa due anni. In quel periodo, io ei miei colleghi del MDDS visitavamo Stanford per vedere Brin e monitorare i suoi progressi ogni tre mesi circa. Non abbiamo supervisionato esattamente, ma volevamo controllare i progressi, segnalare potenziali problemi e suggerire idee. In quei briefing, Brin ci ha presentato la ricerca sui gruppi di query e ci ha anche mostrato le versioni del motore di ricerca Google ".

Brin ha quindi riferito regolarmente a Thuraisingham e Steinheiser del suo lavoro nello sviluppo di Google.

==

AGGIORNAMENTO 2.05PM GMT [2 febbraio 2015]:

Dalla pubblicazione di questo articolo, il Prof. Thuraisingham ha modificato il suo articolo a cui si fa riferimento sopra. La versione modificata include una nuova dichiarazione modificata, seguita da una copia della versione originale del suo resoconto del MDDS. In questa versione modificata, Thuraisingham rifiuta l'idea che la CIA abbia finanziato Google e afferma invece:

“In effetti, il Prof. Jeffrey Ullman (a Stanford) e il mio collega di MITRE, il Dr. Chris Clifton, insieme ad altri hanno sviluppato il Query Flocks System, come parte di MDDS, che ha prodotto soluzioni per l'estrazione di grandi quantità di dati archiviati nei database. Inoltre, il signor Sergey Brin, il cofondatore di Google, faceva parte del gruppo di ricerca del Prof. Ullman in quel momento. Ricordo che visitavo periodicamente Stanford con il dottor Rick Steinheiser della comunità dei servizi segreti e il signor Brin si precipitava a bordo delle pale, faceva la sua presentazione e si precipitava fuori. Durante la nostra ultima visita a Stanford nel settembre 1998, il signor Brin ci ha mostrato il suo motore di ricerca che credo sia diventato Google subito dopo ...

Ci sono anche diverse imprecisioni nell'articolo del Dr. Ahmed (datato 22 gennaio 2015). Ad esempio, il programma MDDS non era un programma "sensibile" come affermato dal Dr. Ahmed; era un programma non classificato che finanziava le università negli Stati Uniti. Inoltre, Sergey Brin non ha mai fatto rapporto a me o al dottor Rick Steinheiser; ci ha fatto solo presentazioni durante le nostre visite al Dipartimento di Informatica a Stanford negli anni '1990. Inoltre, MDDS non ha mai finanziato Google; ha finanziato la Stanford University. "

In questo caso, non vi è alcuna differenza sostanziale nei resoconti di Thuraisingham, se non per affermare che la sua affermazione che associa Sergey Brin allo sviluppo di "gruppi di domande" è errata. In particolare, questo riconoscimento deriva non dalla sua conoscenza, ma da questo stesso articolo che cita un commento di un portavoce di Google.

Tuttavia, il bizzarro tentativo di dissociare Google dal programma MDDS manca il bersaglio. In primo luogo, l'MDDS non ha mai finanziato Google, perché durante lo sviluppo dei componenti principali del motore di ricerca di Google, non esisteva alcuna società costituita con quel nome. La borsa di studio è stata invece fornita alla Stanford University tramite il Prof. Ullman, attraverso il quale sono stati utilizzati alcuni finanziamenti MDDS per sostenere Brin, che all'epoca stava co-sviluppando Google. In secondo luogo, Thuraisingham aggiunge poi che Brin non ha mai "riferito" a lei o allo Steinheiser della CIA, ma ammette di "averci fatto delle presentazioni durante le nostre visite al Dipartimento di Informatica a Stanford negli anni '1990". Non è chiaro, tuttavia, quale sia la distinzione qui tra riferire e fornire una presentazione dettagliata - in entrambi i casi, Thuraisingham conferma che lei e la CIA si erano interessati allo sviluppo di Google da parte di Brin. In terzo luogo, Thuraisingham descrive il programma MDDS come "non classificato", ma questo non contraddice la sua natura "sensibile". Come persona che ha lavorato per decenni come appaltatore e consulente dell'intelligence, Thuraisingham è sicuramente consapevole che ci sono molti modi per classificare l'intelligenza, incluso "sensibile ma non classificato". Un certo numero di ex funzionari dell'intelligence statunitense con cui ho parlato ha affermato che la quasi totale mancanza di informazioni pubbliche sull'iniziativa MDDS della CIA e della NSA suggerisce che, sebbene il programma non fosse classificato, è probabile invece che il suo contenuto sia stato considerato sensibile, il che spiegherebbe gli sforzi per ridurre al minimo la trasparenza sul programma e il modo in cui ha contribuito allo sviluppo di strumenti per la comunità dell'intelligence statunitense. In quarto luogo, e infine, è importante sottolineare che l'abstract dell'MDDS che Thuraisingham include nel suo documento dell'Università del Texas afferma chiaramente non solo che il direttore del CMS, la CIA e l'NSA della Central Intelligence erano i supervisori dell'iniziativa MDDS, ma che il i clienti previsti del progetto erano "DoD, IC e altre organizzazioni governative": il Pentagono, la comunità dell'intelligence statunitense e altre agenzie governative statunitensi pertinenti.

In altre parole, la fornitura di finanziamenti MDDS a Brin attraverso Ullman, sotto la supervisione di Thuraisingham e Steinheiser, è stata fondamentalmente perché hanno riconosciuto la potenziale utilità del lavoro di Brin nello sviluppo di Google per il Pentagono, la comunità dell'intelligence e il governo federale in generale.

==

Il programma MDDS è effettivamente citato in diversi documenti co-autore di Brin e Page mentre si trovava a Stanford, sottolineando in particolare il suo ruolo nella sponsorizzazione finanziaria di Brin nello sviluppo di Google. Nel loro 1998 carta pubblicato nella Bollettino dell'IEEE Computer Society Technical Committee on Data Engineering, descrivono l'automazione dei metodi per estrarre informazioni dal Web tramite "Dual Iterative Pattern Relation Extraction", lo sviluppo di "un ranking globale delle pagine Web chiamato PageRank" e l'uso del PageRank "per sviluppare un nuovo motore di ricerca chiamato Google . " Attraverso una nota di apertura, Sergey Brin conferma di essere stato "parzialmente supportato dal programma Massive Digital Data Systems del Community Management Staff, sovvenzione NSF IRI-96–31952", confermando che il lavoro di Brin nello sviluppo di Google è stato effettivamente finanziato in parte dalla CIA-NSA- Programma MDDS.

Questa sovvenzione NSF identificata insieme al MDDS, il cui rapporto di progetto elenca Brin tra gli studenti sostenuti (senza menzionare il MDDS), era diverso dalla sovvenzione NSF a Larry Page che includeva finanziamenti da DARPA e NASA. Il rapporto del progetto, scritto dal supervisore di Brin, il Prof. Ullman, prosegue nella sezione "Indicazioni di successo" che "ci sono alcune nuove storie di startup basate sulla ricerca supportata dalla NSF". In "Project Impact", il rapporto osserva: "Infine, anche il progetto Google è diventato commerciale come Google.com".

L'account di Thuraisingham, inclusa la sua nuova versione modificata, dimostra quindi che il programma CIA-NSA-MDDS non solo finanziava in parte Brin durante il suo lavoro con Larry Page per lo sviluppo di Google, ma che i rappresentanti dei servizi segreti statunitensi, incluso un funzionario della CIA, hanno supervisionato l'evoluzione di Google in questa fase di pre-lancio, fino a quando la società non era pronta per essere ufficialmente fondata. Google, quindi, era stato abilitato con una quantità "significativa" di finanziamenti iniziali e supervisione da parte del Pentagono: vale a dire, CIA, NSA e DARPA.

Non è stato possibile raggiungere il DoD per un commento.

Quando ho chiesto al prof. : “Posso sapere chi rappresenti e perché sei interessato a questi temi? Chi sono le tue "fonti"? " Ha anche negato che Brin abbia svolto un ruolo significativo nello sviluppo del sistema "query flocks", sebbene sia chiaro dagli articoli di Brin che ha attinto a quel lavoro nello sviluppo congiunto del sistema PageRank con Page.

Quando ho chiesto a Ullman se stesse negando il ruolo della comunità dell'intelligence statunitense nel supportare Brin durante lo sviluppo di Google, ha detto: “Non ho intenzione di dare dignità a questa assurdità con una negazione. Se non spiegherai qual è la tua teoria e quale punto stai cercando di fare, non ti aiuterò minimamente. "

Il progetto Estratto di MDDS pubblicato online presso l'Università del Texas conferma che la logica del progetto CIA-NSA era di "fornire denaro iniziale per sviluppare tecnologie di gestione dei dati ad alto rischio e ad alto rendimento", comprese tecniche per "interrogare, navigare, e filtraggio; transazione in corso; accede ai metodi e all'indicizzazione; gestione dei metadati e modellazione dei dati; e l'integrazione di database eterogenei; così come lo sviluppo di architetture appropriate. " La visione finale del programma era quella di "fornire l'accesso senza interruzioni e la fusione di enormi quantità di dati, informazioni e conoscenze in un ambiente eterogeneo e in tempo reale" per l'uso da parte del Pentagono, della comunità dell'intelligence e potenzialmente attraverso il governo.

Queste rivelazioni confermano le affermazioni di Robert Steele, ex alto ufficiale della CIA e vicedirettore civile fondatore della Marine Corps Intelligence Activity, per il quale ho intervistato Il guardiano l'anno scorso sull'intelligence open source. Citando fonti della CIA, Steele lo aveva fatto disse nel 2006 Steinheiser, un suo vecchio collega, era il principale collegamento della CIA con Google e aveva organizzato i primi finanziamenti per la pionieristica azienda IT. Al tempo, Wired il fondatore John Batelle è riuscito a ottenere questo ufficiale negazione da un portavoce di Google in risposta alle affermazioni di Steele:

"Le dichiarazioni relative a Google sono completamente false."

Questa volta, nonostante le molteplici richieste e conversazioni, un portavoce di Google ha rifiutato di commentare.

AGGIORNAMENTO: alle 5.41 GMT [22 gennaio 2015], il direttore della comunicazione aziendale di Google si è messo in contatto e mi ha chiesto di includere la seguente dichiarazione:

"Sergey Brin non faceva parte del Query Flocks Program a Stanford, né i suoi progetti sono stati finanziati da organismi di intelligence degli Stati Uniti."

Questo è quello che ho scritto in risposta:

La mia risposta a questa affermazione sarebbe la seguente: lo stesso Brin nel suo documento riconosce il finanziamento del Community Management Staff dell'iniziativa Massive Digital Data Systems (MDDS), che è stato fornito attraverso la NSF. L'MDDS era un programma della comunità di intelligence istituito dalla CIA e dalla NSA. Ho anche registrato, come notato nel pezzo, dal Prof.Thuraisingham dell'Università del Texas che ha gestito il programma MDDS per conto della comunità dell'intelligence statunitense e che lei e Rick Steinheiser della CIA hanno incontrato Brin ogni tre mesi circa. per due anni per essere informato sui suoi progressi nello sviluppo di Google e PageRank. Il fatto che Brin abbia lavorato o meno su gruppi di query non è né qui né là.

In quel contesto, potresti prendere in considerazione le seguenti domande:

1) Google nega che il lavoro di Brin sia stato parzialmente finanziato dall'MDDS tramite una sovvenzione NSF?

2) Google nega che Brin abbia fatto regolarmente rapporti a Thuraisingham e Steinheiser dal 1996 al 1998 circa fino a settembre di quell'anno quando ha presentato loro il motore di ricerca Google?

Una chiamata a presentare documenti per il MDDS è stata inviata tramite lista e-mail il 3 novembre 1993 da un alto funzionario dell'intelligence statunitense David Charvonia, direttore dell'ufficio di coordinamento della ricerca e sviluppo del CMS della comunità dell'intelligence. La reazione di Tatu Ylonen (celebre inventore del protocollo di protezione dei dati [SSH] ampiamente utilizzato di secure shell) ai suoi colleghi sulla mailing list è: “Rilevanza crittografica? Ti fa pensare se dovresti proteggere i tuoi dati ". L'e-mail conferma anche che l'appaltatore della difesa e partner dell'Highlands Forum, SAIC, gestiva l'MDDS sottomissione processo, con abstract da inviare a Jackie Booth dell'ufficio di ricerca e sviluppo della CIA tramite un indirizzo di posta elettronica SAIC.

Nel 1997, rivela Thuraisingham, poco prima che Google venisse incorporata e mentre stava ancora supervisionando lo sviluppo del suo software per il motore di ricerca a Stanford, i suoi pensieri si sono rivolti alle applicazioni di sicurezza nazionale del programma MDDS. Nei ringraziamenti al suo libro, Web Data Mining e Applicazioni in Business Intelligence e Antiterrorismo (2003), Thuraisingham scrive che lei e "Dr. Rick Steinheiser della CIA, ha avviato discussioni con la Defense Advanced Research Projects Agency sull'applicazione del data mining per l'antiterrorismo ”, un'idea che è nata direttamente dal programma MDDS che ha in parte finanziato Google. "Queste discussioni alla fine si sono sviluppate nell'attuale programma EELD (Evidence Extraction and Link Detection) presso DARPA".

Quindi lo stesso alto funzionario della CIA e l'appaltatore CIA-NSA coinvolti nel fornire il finanziamento iniziale per Google stavano contemporaneamente contemplando il ruolo del data mining per scopi antiterrorismo e stavano sviluppando idee per strumenti effettivamente avanzati dalla DARPA.

Oggi, come illustrato dal suo recente intervento nel New York Times, Thuraisingham rimane un convinto sostenitore del data mining per scopi antiterrorismo, ma insiste anche sul fatto che questi metodi devono essere sviluppati dal governo in collaborazione con gli avvocati delle libertà civili e i sostenitori della privacy per garantire che siano in atto procedure solide per prevenire potenziali abusi. Sottolinea, dannatamente, che con la quantità di informazioni raccolte, c'è un alto rischio di falsi positivi.

Nel 1993, quando il programma MDDS è stato lanciato e gestito da MITRE Corp. per conto della comunità dell'intelligence statunitense, la dottoressa Anita K. Jones, scienziata informatica dell'Università della Virginia - un fiduciario del MITRE - ha ottenuto il lavoro di direttore della DARPA e capo della ricerca e ingegneria in tutto il Pentagono. È stata nel consiglio di MITRE dal 1988. Dal 1987 al 1993, Jones contemporaneamente ha fatto parte del consiglio di amministrazione di SAIC. Come nuovo capo della DARPA dal 1993 al 1997, ha anche co-presieduto l'Highlands Forum del Pentagono durante il periodo di sviluppo pre-lancio di Google a Stanford sotto l'MDSS.

Così, quando Thuraisingham e Steinheiser stavano parlando con DARPA delle applicazioni antiterrorismo della ricerca MDDS, Jones era il direttore del DARPA e co-presidente del Forum Highlands. Quell'anno, Jones lasciò il DARPA per tornare al suo posto presso l'Università della Virginia. L'anno successivo, è entrata a far parte del consiglio della National Science Foundation, che ovviamente aveva anche appena finanziato Brin e Page, ed è anche tornata nel consiglio di SAIC. Quando ha lasciato il DoD, il senatore Chuck Robb ha pagato Jones quanto segue omaggio : "Ha riunito la tecnologia e le comunità militari operative per progettare piani dettagliati per sostenere il dominio degli Stati Uniti sul campo di battaglia nel prossimo secolo."

La dott.ssa Anita Jones, capo del DARPA dal 1993 al 1997 e co-presidente del Pentagon Highlands Forum dal 1995 al 1997, durante il quale i funzionari responsabili del programma CIA-NSA-MDSS stavano finanziando Google e in comunicazione con la DARPA riguardo data mining per l'antiterrorismo

Sulla tavola della National Science Foundation dal 1992 al 1998 (incluso un incarico come presidente dal 1996) è stato Richard N. Zare. Questo è stato il periodo in cui la NSF ha sponsorizzato Sergey Brin e Larry Page in associazione con DARPA. Nel giugno 1994, il Prof.Zare, un chimico di Stanford, ha partecipato con il Prof. Jeffrey Ullman (che ha supervisionato la ricerca di Sergey Brin), a un pannello di eventi sponsorizzato da Stanford e dal National Research Council per discutere la necessità per gli scienziati di mostrare come il loro lavoro "si lega alle esigenze nazionali". Il panel ha riunito scienziati e responsabili politici, inclusi "addetti ai lavori di Washington".

Il programma EELD della DARPA, ispirato al lavoro di Thuraisingham e Steinheiser sotto la supervisione di Jones, è stato rapidamente adattato e integrato con una suite di strumenti per condurre una sorveglianza completa sotto l'amministrazione Bush.

Secondo il funzionario della DARPA Ted Senator, che ha guidato il programma EELD per l'ufficio di sensibilizzazione alle informazioni di breve durata dell'agenzia, EELD era tra una serie di "tecniche promettenti" in fase di preparazione per l'integrazione "nel sistema TIA prototipo". TIA stava per Total Information Awareness ed era il principale globale programma di intercettazione elettronica e di data mining schierato dall'amministrazione Bush dopo l'9 settembre. Il TIA era stato istituito dall'ammiraglio John Poindexter, cospiratore Iran-Contra, nominato nel 11 da Bush a guidare il nuovo Ufficio di sensibilizzazione sull'informazione della DARPA.

Lo Xerox Palo Alto Research Center (PARC) è stato un altro appaltatore tra 26 società (inclusa anche SAIC) che hanno ricevuto contratti da milioni di dollari da DARPA (le quantità specifiche sono rimaste classificate) sotto Poindexter, per portare avanti il ​​programma di sorveglianza TIA nel 2002 in poi. La ricerca ha incluso "profilazione basata sul comportamento", "rilevamento, identificazione e tracciamento automatizzati" di attività terroristiche, tra gli altri progetti di analisi dei dati. A quel tempo, il direttore e capo scienziato del PARC era John Seely Brown. Sia Brown che Poindexter partecipavano regolarmente al Pentagon Highlands Forum - Brown fino a poco tempo fa.

TIA è stato presumibilmente chiuso nel 2003 a causa dell'opposizione pubblica dopo che il programma è stato esposto ai media, ma l'anno successivo Poindexter ha partecipato a una sessione del Pentagon Highlands Group a Singapore, insieme a funzionari della difesa e della sicurezza di tutto il mondo. Nel frattempo, Ted Senator ha continuato a gestire il programma EELD tra gli altri progetti di data mining e analisi alla DARPA fino al 2006, quando ha lasciato per diventare vicepresidente della SAIC. Ora è un membro tecnico della SAIC / Leidos.

Molto prima della comparsa di Sergey Brin e Larry Page, il dipartimento di informatica della Stanford University aveva uno stretto rapporto di lavoro con l'intelligence militare statunitense. UN lettera datato 5 novembre 1984 dall'ufficio del rinomato esperto di intelligenza artificiale (AI), il Prof.Edward Feigenbaum, indirizzato a Rick Steinheiser, fornisce a quest'ultimo indicazioni per il progetto di programmazione euristica di Stanford, rivolgendosi a Steinheiser come membro del "Comitato direttivo AI". UN stratagemma dei partecipanti a una conferenza di appaltatori in quel periodo, sponsorizzata dall'Office of Naval Research (ONR) del Pentagono, include Steinheiser come delegato con la designazione "OPNAV Op-115" - che si riferisce al programma Office of the Chief of Naval Operations ' sulla prontezza operativa, che ha svolto un ruolo importante nell'avanzamento dei sistemi digitali per i militari.

Dagli anni '1970, il Prof. Feigenbaum ei suoi colleghi gestivano il progetto di programmazione euristica di Stanford sotto contract con DARPA, continua fino agli anni '1990. Solo Feigenbaum aveva ricevuto in giro oltre $ 7 milioni in questo periodo per il suo lavoro da DARPA, insieme ad altri finanziamenti da NSF, NASA e ONR.

Il supervisore di Brin a Stanford, il Prof.Jeffrey Ullman, nel 1996 faceva parte di un progetto di finanziamento congiunto dell'Intelligent Integration of Information di DARPA <font style="vertical-align: inherit;" class="">Programma</font>. Quell'anno, Ullman ha co-presieduto le riunioni sponsorizzate dalla DARPA sullo scambio di dati tra più sistemi.

Nel settembre 1998, lo stesso mese in cui Sergey Brin ha informato i rappresentanti dell'intelligence statunitense Steinheiser e Thuraisingham, gli imprenditori tecnologici Andreas Bechtolsheim e David Cheriton hanno investito $ 100,000 ciascuno in Google. Entrambi gli investitori erano collegati a DARPA.

Come studente di dottorato di ricerca in ingegneria elettrica a Stanford negli anni '1980, il progetto pionieristico della stazione di lavoro SUN di Bechtolsheim era stato finanziati da DARPA e dal dipartimento di informatica di Stanford - questa ricerca è stata la base della fondazione di Sun Microsystems da parte di Bechtolsheim, che ha co-fondato con William Joy.

Per quanto riguarda il co-investitore di Bechtolsheim in Google, David Cheriton, quest'ultimo è un professore di informatica di Stanford di lunga data che ha un rapporto ancora più radicato con DARPA. Il suo bio dell'Università di Alberta, che nel novembre 2014 gli ha conferito un dottorato in scienze honoris causa, afferma che "la ricerca di Cheriton ha ricevuto il sostegno della DARPA) da oltre 20 anni".

Nel frattempo, Bechtolsheim ha lasciato Sun Microsystems nel 1995, co-fondando Granite Systems con il suo collega investitore di Google Cheriton come partner. Hanno venduto Granite a Cisco Systems nel 1996, conservando una significativa proprietà di Granite e diventando dirigenti senior di Cisco.

Un'e-mail ottenuta da Enron Corpus (un database di 600,000 e-mail acquisite dalla Federal Energy Regulatory Commission e successivamente rilasciata al pubblico) da Richard O'Neill, che invita i dirigenti di Enron a partecipare all'Highlands Forum, mostra che i dirigenti di Cisco e Granite sono intimamente connesso al Pentagono. L'e-mail rivela che nel maggio 2000, il partner di Bechtolsheim e co-fondatore di Sun Microsystems, William Joy - che allora era capo scienziato e funzionario esecutivo aziendale - aveva partecipato al Forum per discutere di nanotecnologia e calcolo molecolare.

Nel 1999, Joy aveva anche co-presieduto il Comitato consultivo per la tecnologia dell'informazione del presidente, sovrintendendo a un rapporto in cui si riconosceva che DARPA aveva:

"... ha rivisto le sue priorità negli anni '90 in modo che tutti i finanziamenti per la tecnologia dell'informazione fossero giudicati in termini di benefici per il combattente."

Per tutti gli anni '1990, quindi, il finanziamento della DARPA a Stanford, incluso Google, riguardava esplicitamente lo sviluppo di tecnologie che potessero aumentare le operazioni di intelligence militare del Pentagono nei teatri di guerra.

Il rapporto Joy raccomandava maggiori finanziamenti del governo federale dal Pentagono, dalla NASA e da altre agenzie al settore IT. Greg Papadopoulos, un altro dei colleghi di Bechtolsheim come allora chief technology officer di Sun Microsystems, partecipò anche a una riunione del Pentagon Highlands 'Forum nel settembre 2000.

A novembre, il Forum delle Highlands del Pentagono ha ospitato Sue Bostrom, vicepresidente per Internet di Cisco, nel consiglio di amministrazione della società insieme ai co-investitori di Google Bechtolsheim e Cheriton. Il Forum ha ospitato anche Lawrence Zuriff, allora un managing partner di Granite, che Bechtolsheim e Cheriton avevano venduto a Cisco. Zuriff era stato in precedenza un appaltatore SAIC dal 1993 al 1994, lavorando con il Pentagono su questioni di sicurezza nazionale, in particolare per l'Office of Net Assessment di Marshall. Nel 1994, sia il SAIC che l'ONA furono, ovviamente, coinvolti nella co-costituzione del Pentagon Highlands Forum. Tra i risultati di Zuriff durante il suo mandato in SAIC c'era un articolo intitolato 'Capire la guerra dell'informazione', pronunciato in una tavola rotonda dell'esercito americano sponsorizzata dalla SAIC sulla rivoluzione negli affari militari.

Dopo l'incorporazione di Google, la società ha ricevuto 25 milioni di dollari in finanziamenti azionari nel 1999 guidata da Sequoia Capital e Kleiner Perkins Caufield & Byers. Secondo Sicurezza nazionale oggi, "Un certo numero di start-up finanziate da Sequoia hanno stipulato un contratto con il Dipartimento della Difesa, specialmente dopo l'9 settembre, quando Mark Kvamme di Sequoia ha incontrato il Segretario alla Difesa Donald Rumsfeld per discutere l'applicazione delle tecnologie emergenti alla guerra e alla raccolta di informazioni". Allo stesso modo, Kleiner Perkins aveva sviluppato "uno stretto rapporto" con In-Q-Tel, la società di venture capitalist della CIA che finanzia le start-up "per promuovere tecnologie di valore" prioritarie "per la comunità dell'intelligence.

John Doerr, che ha guidato l'investimento di Kleiner Perkins in Google ottenendo una posizione nel consiglio di amministrazione, è stato uno dei primi investitori principali in Sun Microsystems di Becholshtein al suo lancio. Lui e sua moglie Anne sono i principali finanziatori del Center for Engineering Leadership (RCEL) della Rice University, che nel 2009 ricevuto $ 16 milioni da DARPA per il suo programma di ricerca e sviluppo di elaborazione onnipresente PACE (platform-aware-compilation-environment). Doerr ha anche uno stretto rapporto con l'amministrazione Obama, di cui ha consigliato poco dopo che ha preso il potere rampa Finanziamenti del Pentagono all'industria tecnologica. Nel 2013, al Fortune Brainstorm TECH conferenza, Doerr ha applaudito "come il DARPA del Dipartimento della Difesa ha finanziato GPS, CAD, la maggior parte dei principali dipartimenti di informatica e, naturalmente, Internet".

Fin dall'inizio, in altre parole, Google è stato incubato, nutrito e finanziato da interessi che erano direttamente affiliati o strettamente allineati con la comunità dell'intelligence militare statunitense: molti dei quali erano incorporati nel Pentagon Highlands Forum.

Nel 2003, Google ha iniziato a personalizzare il proprio motore di ricerca sotto contratto speciale con la CIA per il suo Intelink Management Office, "supervisionando intranet top-secret, segrete e sensibili ma non classificate per la CIA e altre agenzie IC", secondo Homeland Security Today. Quell'anno, i finanziamenti della CIA furono anche "silenziosamente" incanalati attraverso la National Science Foundation a progetti che avrebbero potuto aiutare a creare "nuove capacità per combattere il terrorismo attraverso la tecnologia avanzata".

L'anno successivo, Google ha acquistato l'azienda Buco della serratura, che era stato originariamente finanziato da In-Q-Tel. Utilizzando Keyhole, Google ha iniziato a sviluppare il software avanzato di mappatura satellitare dietro Google Earth. L'ex direttrice del DARPA e co-presidente dell'Highlands Forum Anita Jones aveva partecipato al tavola di In-Q-Tel in questo momento, e lo è ancora oggi.

Poi, nel novembre 2005, In-Q-Tel ha emesso avvisi di vendita di $ 2.2 milioni di azioni Google. Il rapporto di Google con l'intelligence statunitense è stato ulteriormente portato alla luce quando un Appaltatore IT ha dichiarato a una conferenza chiusa di professionisti dell'intelligence a Washington DC senza attribuzione che almeno un'agenzia di intelligence degli Stati Uniti stava lavorando per "sfruttare la capacità di monitoraggio dei dati [dell'utente] di Google" come parte di uno sforzo per acquisire dati di "intelligence di sicurezza nazionale interesse."

foto su Flickr datato marzo 2007 rivela che il direttore della ricerca di Google ed esperto di intelligenza artificiale Peter Norvig ha partecipato a una riunione del Pentagon Highlands Forum quell'anno a Carmel, in California. L'intimo legame di Norvig con il Forum a partire da quell'anno è anche corroborato dal suo ruolo in editing degli ospiti l'elenco di letture del Forum 2007.

La foto sotto mostra Norvig in una conversazione con Lewis Shepherd, che a quel tempo era ufficiale tecnologico senior presso la Defense Intelligence Agency, responsabile di indagare, approvare e progettare "tutti i nuovi sistemi e acquisizioni hardware / software per l'impresa IT Global Defense Intelligence", comprese le "tecnologie dei big data". Shepherd ora lavora in Microsoft. Norvig era un ricercatore informatico presso la Stanford University nel 1991 prima di entrare a far parte della Sun Microsystems di Bechtolsheim come scienziato senior fino al 1994, e poi dirigere la divisione informatica della NASA.

Lewis Shepherd (a sinistra), allora un alto funzionario tecnologico presso la Defense Intelligence Agency del Pentagono, parlando con Peter Norvig (a destra), rinomato esperto di intelligenza artificiale e direttore della ricerca presso Google. Questa foto proviene da una riunione del Forum delle Highlands nel 2007.

Norvig si presenta da O'Neill's Profilo Google Plus come uno dei suoi stretti legami. Analizzare il resto delle connessioni Google Plus di O'Neill dimostra che è direttamente collegato non solo a una vasta gamma di dirigenti di Google, ma anche ad alcuni dei più grandi nomi della comunità tecnologica statunitense.

Queste connessioni includono Michele Weslander Quaid, un ex appaltatore della CIA ed ex alto funzionario dell'intelligence del Pentagono, che ora è chief technology officer di Google dove sta sviluppando programmi per "soddisfare al meglio le esigenze delle agenzie governative"; Elizabeth Churchill, direttore dell'esperienza utente di Google; James Kuffner, un esperto di robotica umanoide che ora è a capo della divisione robotica di Google e che ha introdotto il termine "robotica cloud"; Mark Drapeau, direttore dell'impegno per l'innovazione per le attività del settore pubblico di Microsoft; Lili Cheng, direttore generale dei laboratori FUSE (Future Social Experiences) di Microsoft; Jon Udell, "evangelista" di Microsoft; Cory Ondrejka, vice presidente dell'ingegneria di Facebook; per citarne solo alcuni.

Nel 2010, Google ha firmato un multimiliardario di dollari contratto senza offerta con l'agenzia sorella della NSA, la National Geospatial-Intelligence Agency (NGA). Il contratto prevedeva l'utilizzo di Google Earth per i servizi di visualizzazione per NGA. Google aveva sviluppato il software dietro Google Earth acquistando Keyhole dalla società di venture capital della CIA In-Q-Tel.

Poi un anno dopo, nel 2011, un'altra delle connessioni Google Plus di O'Neill, Michele Quaid - che aveva ricoperto posizioni dirigenziali presso l'NGA, National Reconnaissance Office e Office of the Director of National Intelligence - lasciò il suo ruolo di governo per diventare Google "evangelizzatore dell'innovazione" e persona di riferimento per la ricerca di contratti con il governo. L'ultimo ruolo di Quaid prima del suo passaggio a Google è stato quello di rappresentante senior del Director of National Intelligence per l'Intelligence, Surveillance, and Reconnaissance Task Force e un consulente senior del sottosegretario alla difesa per il direttore dell'intelligence del Joint and Coalition Warfighter Support (J & CWS ). Entrambi i ruoli hanno coinvolto le operazioni di informazione al centro. Prima del suo passaggio a Google, in altre parole, Quaid ha lavorato a stretto contatto con l'Ufficio del Sottosegretario alla Difesa per l'Intelligence, a cui è subordinato l'Highlands Forum del Pentagono. La stessa Quaid ha partecipato al Forum, anche se precisamente quando e quanto spesso non ho potuto confermare.

Nel marzo 2012, allora direttore della DARPA Regina Dugan - che in tale veste era anche co-presidente del Pentagon Highlands Forum - ha seguito il suo collega Quaid in Google per guidare il nuovo gruppo di progetti e tecnologie avanzate dell'azienda. Durante il suo mandato al Pentagono, Dugan ha guidato, tra le altre iniziative, la sicurezza informatica strategica e i social media. Era responsabile di concentrare "una parte crescente" del lavoro della DARPA "sull'indagine sulle capacità offensive per soddisfare esigenze specifiche militari", assicurando 500 milioni di dollari di finanziamenti governativi per DARPA ricerca informatica da 2012 a 2017.

Regina Dugan, ex capo del DARPA e co-presidente dell'Highlands Forum, ora dirigente senior di Google - sta facendo del suo meglio per interpretare la parte

A novembre 2014, il capo esperto di intelligenza artificiale e robotica di Google James Kuffner era un delegato insieme a O'Neill nelle Highlands Isola Forum 2014 a Singapore, per esplorare "Advancement in Robotics and Artificial Intelligence: Implications for Society, Security and Conflict". L'evento ha incluso 26 delegati da Austria, Israele, Giappone, Singapore, Svezia, Gran Bretagna e Stati Uniti, sia dall'industria che dal governo. L'associazione di Kuffner con il Pentagono, tuttavia, è iniziata molto prima. Nel 1997, Kuffner era un ricercatore durante il suo dottorato di ricerca a Stanford per a Finanziato dal Pentagono progetto su robot mobili autonomi collegati in rete, sponsorizzato da DARPA e US Navy.

In sintesi, molti dei dirigenti più anziani di Google sono affiliati al Pentagon Highlands Forum, che durante il periodo di crescita di Google nell'ultimo decennio, è emerso ripetutamente come forza di collegamento e di convocazione. L'incubazione di Google da parte della comunità dell'intelligence statunitense sin dall'inizio è avvenuta attraverso una combinazione di sponsorizzazioni dirette e reti informali di influenza finanziaria, a loro volta strettamente allineate con gli interessi del Pentagono.

Lo stesso Highlands Forum ha utilizzato la costruzione di relazioni informali di tali reti private per riunire i settori della difesa e dell'industria, consentendo la fusione degli interessi aziendali e militari nell'espansione dell'apparato di sorveglianza segreta in nome della sicurezza nazionale. Il potere esercitato dalla rete ombra rappresentata nel Forum può, tuttavia, essere misurato più chiaramente dal suo impatto durante l'amministrazione Bush, quando ha svolto un ruolo diretto nello scrivere letteralmente le strategie e le dottrine dietro gli sforzi degli Stati Uniti per raggiungere la "superiorità dell'informazione".

Nel dicembre 2001, O'Neill confermato che le discussioni strategiche all'Highlands Forum stavano alimentando direttamente la revisione strategica a livello di DoD di Andrew Marshall ordinata dal presidente Bush e Donald Rumsfeld per aggiornare le forze armate, inclusa la revisione quadriennale della difesa - e che alcune delle prime riunioni del Forum "hanno portato alla scrittura di un gruppo di politiche, strategie e dottrine del DoD per i servizi sulla guerra dell'informazione ". Quel processo di "scrittura" delle politiche di guerra dell'informazione del Pentagono "è stato fatto insieme a persone che hanno capito l'ambiente in modo diverso - non solo i cittadini statunitensi, ma anche i cittadini stranieri e le persone che stavano sviluppando l'IT aziendale".

Le dottrine della guerra dell'informazione del Pentagono dopo l'9 settembre furono, quindi, scritte non solo da funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti e dall'estero, ma anche da potenti entità aziendali nei settori della difesa e della tecnologia.

Nell'aprile dello stesso anno, il generale James McCarthy aveva completato la sua trasformazione in difesa rivedere ordinato da Rumsfeld. Il suo rapporto ha ripetutamente evidenziato la sorveglianza di massa come parte integrante della trasformazione del DoD. Per quanto riguarda Marshall, il suo seguito rapporto perché Rumsfeld avrebbe sviluppato un progetto per determinare il futuro del Pentagono nell'era dell'informazione.

O'Neill ha anche affermato che per sviluppare la dottrina della guerra dell'informazione, il Forum aveva tenuto discussioni approfondite sulla sorveglianza elettronica e "cosa costituisce un atto di guerra in un ambiente di informazione". Documenti che alimentano la politica di difesa degli Stati Uniti scritti alla fine degli anni '1990 dai consulenti RAND John Arquilla e David Rondfeldt, entrambi membri di lunga data dell'Highlands Forum, sono stati prodotti "come risultato di quegli incontri", esplorando i dilemmi politici su quanto lontano raggiungere l'obiettivo dell'informazione Superiorità.' "Una delle cose che è stata scioccante per il pubblico americano è stata che non stavamo rubando elettronicamente i conti di Milosevic quando in realtà potevamo", ha commentato O'Neill.

Sebbene il processo di ricerca e sviluppo intorno alla strategia di trasformazione del Pentagono rimanga classificato, un suggerimento alle discussioni del DoD in corso in questo periodo può essere raccolto da una monografia di ricerca della US Army School of Advanced Military Studies del 2005 nella rivista DoD, Revisione militare, scritto da un ufficiale dell'intelligence dell'esercito attivo.

"L'idea di Persistent Surveillance come capacità di trasformazione è circolata all'interno della National Intelligence Community (IC) e del Dipartimento della Difesa (DoD) per almeno tre anni", ha detto il documento, facendo riferimento allo studio di trasformazione commissionato da Rumsfeld.

Il documento dell'Esercito ha proseguito esaminando una serie di documenti militari ufficiali di alto livello, tra cui uno dell'Ufficio del Presidente del Joint Chiefs of Staff, mostrando che la "sorveglianza persistente" era un tema fondamentale della visione incentrata sull'informazione per la difesa politica in tutto il Pentagono.

Ora sappiamo che solo due mesi prima del discorso di O'Neill ad Harvard nel 2001, nell'ambito del programma TIA, il presidente Bush aveva segretamente autorizzato la sorveglianza interna della NSA sugli americani senza mandati approvati dal tribunale, in quella che sembra essere stata una modifica illegale del progetto di data mining ThinThread - come più tardi esposto dagli informatori della NSA William Binney e Thomas Drake.

Da qui in poi, il partner SAIC dell'Highlands Forum ha svolto un ruolo chiave nel lancio della NSA sin dall'inizio. Poco dopo l'9 settembre, Brian Sharkey, chief technology officer del settore ELS11 di SAIC (concentrandosi sui sistemi IT per i soccorritori), ha collaborato con John Poindexter per proporre il programma di sorveglianza TIA. SAIC's Sharkey era stato in precedenza vicedirettore del Ufficio Sistemi Informativi alla DARPA negli anni '1990.

Nel frattempo, nello stesso periodo, vicepresidente SAIC per lo sviluppo aziendale, Samuel Visner, divenne capo dei programmi di intelligence dei segnali della NSA. SAIC faceva parte di un consorzio che riceveva un contratto da 280 milioni di dollari per sviluppare uno dei sistemi di intercettazione segreti della NSA. Nel 2003, Visner è tornato in SAIC per diventare direttore della pianificazione strategica e dello sviluppo aziendale del gruppo di intelligence dell'azienda.

Quell'anno, la NSA ha consolidato la sua TIA programma di sorveglianza elettronica senza mandato, per tenere “traccia degli individui” e capire “come si inseriscono nei modelli” attraverso i profili di rischio dei cittadini americani e degli stranieri. TIA lo stava facendo integrando database su documenti finanziari, di viaggio, medici, educativi e di altro tipo in un "grande database virtuale e centralizzato".

Questo è stato anche l'anno in cui l'amministrazione Bush ha redatto il suo famigerato Roadmap delle operazioni di informazione. Descrivendo Internet come un "sistema d'arma vulnerabile", la roadmap dell'IO di Rumsfeld aveva sostenuto che la strategia del Pentagono "dovrebbe essere basata sulla premessa che il Dipartimento [della Difesa]" combatterà la rete "come farebbe un sistema d'arma nemico". Gli Stati Uniti dovrebbero cercare il "massimo controllo" dell '"intero spettro di sistemi di comunicazione, sensori e sistemi d'arma emergenti a livello globale", sostiene il documento.

L'anno successivo, John Poindexter, che aveva proposto e gestito il programma di sorveglianza TIA tramite il suo incarico alla DARPA, era a Singapore per partecipare alle Highlands 2004 Forum dell'isola. Altri delegati includevano l'allora co-presidente dell'Highlands Forum e il CIO del Pentagono Linton Wells; presidente del famigerato appaltatore per la guerra dell'informazione del Pentagono, John Rendon; Karl Lowe, direttore della divisione Joint Advanced Warfighting Command (JFCOM); Il vice maresciallo dell'aeronautica Stephen Dalton, responsabile della capacità di superiorità informatica presso il ministero della Difesa britannico; Il tenente generale Johan Kihl, capo di stato maggiore del quartier generale del comandante supremo dell'esercito svedese; tra gli altri.

A partire dal 2006, SAIC aveva ottenuto un contratto NSA multimilionario per sviluppare un grande progetto di data mining chiamato ExecuteLocus, nonostante il colossale fallimento di 1 miliardo di dollari del suo precedente contratto, noto come "Trailblazer". I componenti principali di TIA venivano "continuati silenziosamente" sotto "nuovi nomi in codice", secondo La politica estera Shane Harris, ma era stato nascosto "dietro il velo del bilancio segreto dell'intelligence". Il nuovo programma di sorveglianza era ormai stato completamente trasferito dalla giurisdizione della DARPA alla NSA.

Questo è stato anche l'anno dell'ennesimo Forum dell'isola di Singapore guidato da Richard O'Neill per conto del Pentagono, che includeva alti funzionari della difesa e dell'industria di Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Francia, India e Israele. I partecipanti includevano anche tecnologi senior di Microsoft, IBM e Gilman Louie, partner della società di investimenti tecnologici Alsop Louie Partners.

Gilman Louie è un ex CEO di In-Q-Tel, la società della CIA che investe soprattutto nelle start-up che sviluppano la tecnologia di data mining. In-Q-Tel è stata fondata nel 1999 dalla Direzione della scienza e della tecnologia della CIA, sotto la quale aveva operato l'Ufficio di ricerca e sviluppo (ORD), che faceva parte del programma MDSS finanziato da Google. L'idea era essenzialmente di sostituire le funzioni un tempo svolte dall'ORD, mobilitando il settore privato per sviluppare soluzioni di tecnologia dell'informazione per l'intera comunità dell'intelligence.

Louie ha guidato In-Q-Tel dal 1999 fino al gennaio 2006, compreso quando Google ha acquistato Keyhole, il software di mappatura satellitare finanziato da In-Q-Tel. Tra i suoi colleghi nel consiglio di amministrazione di In-Q-Tel in questo periodo c'erano l'ex direttore del DARPA e co-presidente dell'Highlands Forum Anita Jones (che è ancora lì), nonché membro fondatore del consiglio William Perry: l'uomo che aveva incaricato O'Neill di fondare l'Highlands Forum in primo luogo. John Seely Brown, allora chief scientist di Xerox Corp e direttore del Palo Alto Research Center (PARC) dal 1990 al 2002, è entrato a far parte di Perry come membro fondatore del consiglio di In-Q-Tel, che è anche membro senior dell'Highlands Forum di lunga data. sin dall'inizio.

Oltre alla CIA, In-Q-Tel è stato sostenuto anche dall'FBI, dalla NGA e dalla Defense Intelligence Agency, tra le altre agenzie. Secondo la Medill School of Journalism, oltre il 60% degli investimenti di In-Q-Tel sotto la sorveglianza di Louie erano "in aziende specializzate nella raccolta, vagliatura e comprensione automatica di oceani di informazioni". News21, che ha anche osservato che Louie stesso aveva riconosciuto che non era chiaro "se la privacy e le libertà civili saranno protette" dall'uso di queste tecnologie da parte del governo "per la sicurezza nazionale".

Il progetto trascrizione del seminario di Richard O'Neill ad Harvard alla fine del 2001 mostra che il Pentagon Highlands Forum aveva coinvolto Gilman Louie molto prima dell'Island Forum, in effetti, poco dopo l'9 settembre, per esplorare "cosa sta succedendo con In-Q-Tel". Quella sessione del Forum si è concentrata su come "sfruttare la velocità del mercato commerciale che non era presente nella comunità scientifica e tecnologica di Washington" e comprendere "le implicazioni per il DoD in termini di revisione strategica, QDR, Hill action e le parti interessate. " I partecipanti all'incontro includevano "militari anziani", comandanti combattenti, "diversi ufficiali di bandiera", alcuni "addetti dell'industria della difesa" e vari rappresentanti degli Stati Uniti tra cui il membro del Congresso repubblicano William Mac Thornberry e il senatore democratico Joseph Lieberman.

Sia Thornberry che Lieberman sono convinti sostenitori della sorveglianza della NSA e hanno costantemente agito per raccogliere sostegno per la legislazione a favore della guerra e della sorveglianza. I commenti di O'Neill indicano che il ruolo del Forum non è solo quello di consentire agli appaltatori aziendali di scrivere la politica del Pentagono, ma di raccogliere il sostegno politico per le politiche governative adottate attraverso il marchio informale di reti ombra del Forum.

Più volte, O'Neill ha detto al suo pubblico di Harvard che il suo lavoro come presidente del Forum era quello di esaminare casi di studio di società reali in tutto il settore privato, come eBay e Human Genome Sciences, per capire le basi della "superiorità dell'informazione" degli Stati Uniti - "come dominare "il mercato dell'informazione - e sfruttarlo per" ciò che il presidente e il segretario alla difesa volevano fare per quanto riguarda la trasformazione del DoD e la revisione strategica ".

Nel 2007, un anno dopo la riunione del Forum dell'isola che includeva Gilman Louie, Facebook ha ricevuto il suo secondo round di 12.7 milioni di dollari di finanziamenti da Accel Partners. Accel era guidato da James Breyer, ex presidente della National Venture Capital Association (NVCA) dove Anche Louie ha servito nel consiglio di amministrazione mentre era ancora amministratore delegato di In-Q-Tel. Sia Louie che Breyer avevano precedentemente prestato servizio insieme nel consiglio di amministrazione di BBN Technologies - che aveva reclutato l'ex capo della DARPA e fiduciaria di In-Q-Tel Anita Jones.

Il round di finanziamento di Facebook del 2008 è stato guidato da Greylock Venture Capital, che ha investito 27.5 milioni di dollari. I partner senior dell'azienda includono Howard Cox, un altro ex presidente di NVCA che è anche lui siede sul tabellone di In-Q-Tel. Oltre a Breyer e Zuckerberg, l'unico altro membro del consiglio di Facebook è Peter Thiel, co-fondatore dell'appaltatore per la difesa Palantir che fornisce tutti i tipi di tecnologie di data mining e visualizzazione al governo degli Stati Uniti, alle agenzie militari e di intelligence, incluso il NSA e FBI, e che a sua volta è stato alimentato per la sostenibilità finanziaria dai membri dell'Highlands Forum.

I co-fondatori di Palantir, Thiel e Alex Karp, si sono incontrati con John Poindexter nel 2004, secondo Wired, lo stesso anno Poindexter aveva partecipato all'Highlands Island Forum di Singapore. Si sono incontrati a casa di Richard Perle, un altro accolito di Andrew Marshall. Poindexter ha aiutato Palantir ad aprire le porte e a riunire "una legione di sostenitori degli strati più influenti del governo". Thiel aveva anche incontrato Gilman Louie di In-Q-Tel, assicurandosi l'appoggio della CIA in questa prima fase.

E così torniamo al punto di partenza. Programmi di data mining come ExecuteLocus e progetti ad esso collegati, che sono stati sviluppati durante questo periodo, apparentemente hanno gettato le basi per i nuovi programmi NSA alla fine divulgati da Edward Snowden. Nel 2008, quando Facebook ha ricevuto il suo prossimo round di finanziamento da Greylock Venture Capital, i documenti e le testimonianze degli informatori hanno confermato che la NSA era effettivamente resuscitare il progetto TIA con particolare attenzione al data mining di Internet tramite il monitoraggio completo di e-mail, messaggi di testo e navigazione Web.

Ora sappiamo anche grazie a Snowden che l'NSA xkeyscore Il sistema di sfruttamento della 'Digital Network Intelligence' è stato progettato per consentire agli analisti di cercare non solo database Internet come e-mail, chat online e cronologia di navigazione, ma anche servizi telefonici, audio di telefoni cellulari, transazioni finanziarie e comunicazioni di trasporto aereo globale, essenzialmente l'intera rete di telecomunicazioni globale . Il partner SAIC dell'Highlands Forum ha svolto un ruolo chiave, tra gli altri appaltatori, in produzione e  Amministrazione XKeyscore della NSA, ed è stato recentemente implicato in Hacking NSA della rete privacy Tor.

Il Pentagon Highlands Forum è stato quindi intimamente coinvolto in tutto questo come rete di convocazione, ma anche in modo abbastanza diretto. Confermando il suo ruolo fondamentale nell'espansione dell'apparato di sorveglianza globale guidato dagli Stati Uniti, l'allora co-presidente del Forum, il CIO del Pentagono Linton Wells, ha detto Rivista FedTech nel 2009 che aveva supervisionato il lancio da parte della NSA di "un'impressionante architettura a lungo termine la scorsa estate che fornirà una sicurezza sempre più sofisticata fino al 2015 circa".

Quando ho chiesto a Wells del ruolo del Forum nell'influenzare la sorveglianza di massa degli Stati Uniti, ha risposto solo per dire che avrebbe preferito non commentare e che non guida più il gruppo.

Dato che Wells non è più al governo, c'è da aspettarselo, ma è ancora connesso alle Highlands. A partire da settembre 2014, dopo aver consegnato il suo influente white paper sulla trasformazione del Pentagono, è entrato a far parte della Cyber ​​Security Initiative (CySec) del Monterey Institute for International Studies (MIIS) come illustre senior fellow.

Purtroppo, questa non era una forma per cercare di tenersi occupati durante la pensione. La mossa di Wells ha sottolineato che la concezione del Pentagono della guerra dell'informazione non riguarda solo la sorveglianza, ma lo sfruttamento della sorveglianza per influenzare sia il governo che l'opinione pubblica.

L'iniziativa MIIS CySec è ora formalmente collaborato con il Pentagon Highlands Forum attraverso a Memorandum d'intesa firmato con il preposto MIIS Dott.ssa Amy Sands, che fa parte del Comitato consultivo per la sicurezza internazionale del Segretario di Stato. Il sito web MIIS CySec afferma che il MoU firmato con Richard O'Neill:

“… Apre la strada a future sessioni congiunte MIIS CySec-Highlands Group che esploreranno l'impatto della tecnologia sulla sicurezza, la pace e l'impegno nell'informazione. Per quasi 20 anni l'Highlands Group ha coinvolto i leader del settore privato e del governo, tra cui il Direttore dell'intelligence nazionale, DARPA, l'Ufficio del Segretario della Difesa, l'Ufficio del Segretario della Sicurezza interna e il Ministro della Difesa di Singapore, in conversazioni creative per inquadrare aree di ricerca politica e tecnologica. "

Chi è il benefattore finanziario della nuova iniziativa MIIS CySec, partner del Pentagono Highlands? Secondo il MIIS CySec sito web, l'iniziativa è stata lanciata "attraverso una generosa donazione di finanziamenti di seed da parte di George Lee". George C. Lee è senior partner di Goldman Sachs, dove è chief information officer della divisione investment banking e presidente del gruppo Global Technology, Media and Telecom (TMT).

Ma ecco il kicker. Nel 2011 è stato Lee a progettare i 50 miliardi di dollari di Facebook valutazionee in precedenza gestiva accordi per altri giganti della tecnologia connessi alle Highlands come Google, Microsoft ed eBay. L'allora capo di Lee, Stephen Friedman, ex CEO e presidente di Goldman Sachs, e in seguito senior partner nel consiglio di amministrazione dell'azienda, fu anche un fondatore membro del consiglio di In-Q-Tel insieme a William Perry, signore dell'Highlands Forum, e John Seely Brown, membro del Forum.

Nel 2001, Bush ha nominato Stephen Friedman al President's Intelligence Advisory Board, e poi a presiedere quel consiglio dal 2005 al 2009. Friedman ha precedentemente prestato servizio insieme a Paul Wolfowitz e altri nella commissione presidenziale di inchiesta sulle capacità di intelligence degli Stati Uniti nel 1995-6, e nel 1996 sul Geremia Panel che ha prodotto un rapporto al direttore del National Reconnaisance Office (NRO), una delle agenzie di sorveglianza collegata all'Highlands Forum. Friedman faceva parte del gruppo Jeremiah con Martin Faga, allora vicepresidente senior e direttore generale del Center for Integrated Intelligence Systems di MITRE, dove era anche Thuraisingham, che gestiva il programma CIA-NSA-MDDS che ha ispirato il data mining antiterrorismo DARPA un ingegnere capo.

Nelle note a piè di pagina di un capitolo del libro, Cyberspazio e sicurezza nazionale (Georgetown University Press), il dirigente di SAIC / Leidos Jeff Cooper rivela che un altro senior partner di Goldman Sachs, Philip J. Venables, che in qualità di chief information risk officer guida i programmi dell'azienda sulla sicurezza delle informazioni, ha tenuto una presentazione dell'Highlands Forum nel 2008 in quello che è stato chiamato un ' Sessione di arricchimento sulla deterrenza. " Il capitolo di Cooper si ispira alla presentazione di Venables alle Highlands "con il permesso". Nel 2010, Venables ha partecipato con il suo allora capo Friedman a un Aspen Institute incontro sull'economia mondiale. Negli ultimi anni Venables si è anche seduto vari premi NSA per la sicurezza informatica schede di revisione.

In sintesi, la società di investimento responsabile della creazione delle fortune da miliardi di dollari delle sensazioni tecnologiche del 21 ° secolo, da Google a Facebook, è intimamente legata alla comunità dell'intelligence militare statunitense; con Venables, Lee e Friedman o direttamente collegati al Pentagon Highlands Forum, o ai membri senior del Forum.

La convergenza di questi potenti interessi finanziari e militari attorno all'Highlands Forum, attraverso la sponsorizzazione di George Lee del nuovo partner del Forum, l'iniziativa MIIS Cysec, si sta rivelando di per sé.

Il direttore del MIIS Cysec, il dottor, Itamara Lochard, è stato a lungo incorporato nelle Highlands. Secondo lei, regolarmente "presenta le ricerche in corso su gruppi non statali, governance, tecnologia e conflitti all'ufficio del Segretario della Difesa degli Stati Uniti Highlands Forum". Tufts University bio. Ha, "Consiglia regolarmente i comandanti combattenti statunitensi" ed è specializzato nello studio dell'uso della tecnologia dell'informazione da parte di "gruppi sub-statali violenti e non violenti".

La dott.ssa Itamara Lochard è un membro senior dell'Highlands Forum ed esperta delle operazioni di informazione del Pentagono. Dirige l'iniziativa MIIS CyberSec che ora supporta il Pentagon Highlands Forum con il finanziamento del partner di Goldman Sachs George Lee, che ha guidato le valutazioni di Facebook e Google.

Il dottor Lochard mantiene un completo banca dati di 1,700 gruppi non statali tra cui "ribelli, milizie, terroristi, organizzazioni criminali complesse, bande organizzate, cyber attori maligni e attori strategici non violenti", per analizzare i loro "modelli organizzativi, aree di cooperazione, strategie e tattiche". Notare, qui, la menzione di "attori strategici non violenti" - che forse copre le ONG e altri gruppi o organizzazioni impegnati in attività politiche sociali o campagne, a giudicare dal focus di Altro Programmi di ricerca DoD.

Dal 2008, Lochard è professore a contratto presso la US Joint Special Operations University, dove insegna a corso avanzato top secret in "Irregular Warfare" che ha progettato per alti ufficiali delle forze speciali statunitensi. In precedenza ha tenuto corsi sulla "Guerra interna" per alti "ufficiali politico-militari" di vari regimi del Golfo.

Le sue opinioni rivelano quindi molto di ciò che l'Highlands Forum ha sostenuto in tutti questi anni. Nel 2004, Lochard è stato coautore di uno studio per il Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale dell'aeronautica degli Stati Uniti sulla strategia degli Stati Uniti nei confronti dei "gruppi armati non statali". Lo studio da un lato ha sostenuto che i gruppi armati non statali dovrebbero essere urgentemente riconosciuti come una "priorità di sicurezza di primo livello" e, dall'altro, che la proliferazione di gruppi armati "fornisce opportunità strategiche che possono essere sfruttate per aiutare a raggiungere gli obiettivi politici. Ci sono e ci saranno casi in cui gli Stati Uniti potrebbero scoprire che collaborare con un gruppo armato è nei suoi interessi strategici ". Ma devono essere sviluppati "strumenti sofisticati" per differenziare tra diversi gruppi e comprendere le loro dinamiche, per determinare quali gruppi dovrebbero essere contrastati e quali potrebbero essere sfruttati per gli interessi degli Stati Uniti. "Allo stesso modo, i profili dei gruppi armati possono essere utilizzati per identificare i modi in cui gli Stati Uniti possono assistere alcuni gruppi armati il ​​cui successo sarà vantaggioso per gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti".

In 2008, Wikileaks ha pubblicato un manuale sul campo delle operazioni speciali dell'esercito americano, trapelato, che ha dimostrato che il tipo di pensiero sostenuto da artisti come Lochard, esperto delle Highlands, era stato esplicitamente adottato dalle forze speciali statunitensi.

Il lavoro di Lochard dimostra quindi che l'Highlands Forum si trovava all'intersezione della strategia avanzata del Pentagono in materia di sorveglianza, operazioni segrete e guerra irregolare: mobilitare la sorveglianza di massa per sviluppare informazioni dettagliate su gruppi violenti e non violenti percepiti come potenzialmente minacciosi per gli interessi degli Stati Uniti o che offrivano opportunità. per lo sfruttamento, alimentando così direttamente le operazioni segrete degli Stati Uniti.

Questo, in definitiva, è il motivo per cui la CIA, la NSA, il Pentagono hanno generato Google. Così potevano condurre le loro sporche guerre segrete con un'efficienza ancora maggiore che mai.

Seconda parte

La sorveglianza di massa riguarda il controllo. I suoi promulgatori potrebbero affermare, e persino credere, che si tratta di controllo per il bene superiore, un controllo necessario per mantenere un limite al disordine, per essere completamente vigili alla prossima minaccia. Ma in un contesto di corruzione politica dilagante, aumento delle disuguaglianze economiche e aumento dello stress delle risorse dovuto ai cambiamenti climatici e alla volatilità energetica, la sorveglianza di massa può diventare uno strumento di potere per semplicemente perpetuare se stessa, a spese del pubblico.

Una delle principali funzioni della sorveglianza di massa che viene spesso trascurata è quella di conoscere l'avversario a tal punto da poterlo manipolare fino alla sconfitta. Il problema è che l'avversario non sono solo i terroristi. Siamo io e te. Fino ad oggi, il ruolo della guerra dell'informazione come propaganda è stato in pieno svolgimento, sebbene sistematicamente ignorato da gran parte dei media.

Qui, ASSICURARE L'INTELLIGENZA espone come la cooptazione da parte del Pentagono Highlands Forum di giganti della tecnologia come Google per perseguire la sorveglianza di massa, abbia svolto un ruolo chiave negli sforzi segreti per manipolare i media come parte di una guerra dell'informazione contro il governo americano, il popolo americano e il resto del il mondo: per giustificare la guerra senza fine e l'espansionismo militare incessante.

A settembre 2013, il sito web del Montery Institute for International Studies 'Cyber ​​Security Initiative (MIIS CySec) ha pubblicato una versione finale di un file carta sulla "cyber-deterrenza" del consulente della CIA Jeffrey Cooper, vicepresidente dell'appaltatore per la difesa degli Stati Uniti SAIC e un membro fondatore dell'Highlands Forum del Pentagono. Il documento è stato presentato all'allora direttore della NSA, il generale Keith Alexander, in una sessione del Forum dell'Highlands intitolata "Cyber ​​Commons, impegno e deterrenza" nel 2010.

Il generale Keith Alexander (al centro), che è stato direttore della NSA e capo del Central Security Service dal 2005 al 2014, nonché comandante del Cyber ​​Command degli Stati Uniti dal 2010 al 2014, alla sessione 2010 del Forum Highlands sul cyber- deterrenza

MIIS CySec è formalmente partner dell'Highlands Forum del Pentagono attraverso un protocollo d'intesa firmato tra il rettore e il presidente del Forum Richard O'Neill, mentre l'iniziativa stessa è finanziata da George C. Lee: l'esecutivo di Goldman Sachs che ha guidato le valutazioni da miliardi di dollari di Facebook, Google, eBay e altre società tecnologiche.

Il documento illuminante di Cooper non è più disponibile sul sito MIIS, ma una versione finale è disponibile tramite i log di un pubblico conferenza sulla sicurezza nazionale ospitato dall'American Bar Association. Attualmente, Cooper è chief innovation officer presso SAIC / Leidos, che fa parte di un consorzio di aziende di tecnologia della difesa tra cui Booz Allen Hamilton e altri incaricati di sviluppare capacità di sorveglianza della NSA.

Fu commissionato il briefing dell'Highlands Forum per il capo della NSA sotto contratto dal sottosegretario alla Difesa per l'intelligence e sulla base di concetti sviluppati in precedenti riunioni del Forum. È stato presentato al generale Alexander in una "sessione chiusa" dell'Highlands Forum moderata dal direttore del MIIS Cysec, la dott.ssa Itamara Lochard, presso il Center for Strategic and International Studies (CSIS) a Washington DC.

Jeffrey Cooper di SAIC / Leidos (al centro), membro fondatore dell'Highlands Forum del Pentagono, ascoltando Phil Venables (a destra), senior partner di Goldman Sachs, alla sessione del Forum 2010 sulla cyber-deterrenza al CSIS

Come la roadmap IO di Rumsfeld, il briefing della NSA di Cooper ha descritto i "sistemi di informazione digitale" sia come una "grande fonte di vulnerabilità" che come "potenti strumenti e armi" per la "sicurezza nazionale". Ha sostenuto la necessità per l'intelligence informatica degli Stati Uniti di massimizzare la "conoscenza approfondita" degli avversari potenziali ed effettivi, in modo che possano identificare "ogni potenziale punto di leva" che può essere sfruttato per deterrenza o ritorsione. La "deterrenza in rete" richiede che la comunità dell'intelligence statunitense sviluppi "una comprensione profonda e una conoscenza specifica delle particolari reti coinvolte e dei loro modelli di collegamenti, inclusi i tipi e i punti di forza dei legami", nonché l'utilizzo della scienza cognitiva e comportamentale per aiutare a prevedere i modelli. Il suo articolo ha continuato essenzialmente a definire un'architettura teorica per modellare i dati ottenuti dalla sorveglianza e dall'estrazione di social media su potenziali "avversari" e "controparti".

Un anno dopo questo briefing con il capo della NSA, Michele Weslander Quaid - un altro delegato dell'Highlands Forum - si è unito a Google per diventare chief technology officer, lasciando il suo ruolo di alto livello nel Pentagono come consigliere del sottosegretario alla difesa per l'intelligence. Due mesi prima, il Defense Science Board (DSB) Task Force sull'intelligence per la difesa pubblicato il suo rapporto on Operazioni di Counterinsurgency (COIN), Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (IRS). Quaid era tra gli esperti dell'intelligence governativa che hanno consigliato e informato la Task Force del Defense Science Board nella preparazione del rapporto. Un altro esperto che ha informato la Task Force è stato il veterano dell'Highlands Forum Linton Wells. Lo stesso rapporto del DSB era stato commissionato dall'incaricato di Bush James Clapper, allora sottosegretario alla Difesa per l'intelligence - che aveva anche commissionato il briefing del Cooper's Highlands Forum al generale Alexander. Clapper è ora il direttore dell'intelligence nazionale di Obama, in cui ha mentito sotto giuramento al Congresso affermando nel marzo 2013 che la NSA non raccoglie alcun dato sui cittadini americani.

Il track record di Michele Quaid nella comunità dell'intelligence militare statunitense consisteva nel far passare le agenzie all'utilizzo di strumenti web e tecnologia cloud. L'impronta delle sue idee è evidente nelle parti chiave del rapporto della DSB Task Force, che descriveva il suo scopo come quello di "influenzare le decisioni di investimento" al Pentagono "raccomandando adeguate capacità di intelligence per valutare le insurrezioni, comprendere una popolazione nel loro ambiente e supportare le operazioni COIN. "

Il rapporto nominava 24 paesi dell'Asia meridionale e sud-orientale, dell'Africa settentrionale e occidentale, del Medio Oriente e del Sud America, che rappresenterebbero "possibili sfide COIN" per le forze armate statunitensi nei prossimi anni. Questi includevano Pakistan, Messico, Yemen, Nigeria, Guatemala, Gaza / Cisgiordania, Egitto, Arabia Saudita, Libano, tra gli altri "regimi autocratici". Il rapporto sosteneva che "crisi economiche, cambiamenti climatici, pressioni demografiche, scarsità di risorse o cattiva governance potrebbero causare il fallimento di questi stati (o altri) o diventare così deboli da diventare bersaglio di aggressori / insorti". Da lì, l '"infrastruttura informatica globale" e i "social media" possono rapidamente "amplificare la velocità, l'intensità e lo slancio degli eventi" con implicazioni regionali. "Tali aree potrebbero diventare santuari da cui lanciare attacchi alla patria degli Stati Uniti, reclutare personale e operazioni finanziarie, formative e di approvvigionamento".

L'imperativo in questo contesto è aumentare la capacità dei militari per le operazioni "a sinistra" - prima della necessità di un importante impegno delle forze armate - per evitare le insurrezioni, o prevenirle mentre sono ancora nella fase incipiente. Il rapporto prosegue concludendo che "Internet e i social media sono fonti critiche di dati di analisi dei social network in società non solo alfabetizzate, ma anche connesse a Internet". Ciò richiede "il monitoraggio della blogosfera e di altri social media in molte culture e lingue diverse" per prepararsi a "operazioni incentrate sulla popolazione".

Il Pentagono deve anche aumentare la sua capacità di "modellazione e simulazione comportamentale" per "comprendere e anticipare meglio le azioni di una popolazione" sulla base di "dati fondamentali su popolazioni, reti umane, geografia e altre caratteristiche economiche e sociali". Tali “operazioni incentrate sulla popolazione” saranno anche “sempre più necessarie” nei “nascenti conflitti di risorse, sia basati su crisi idriche, stress agricolo, stress ambientale o rendite” da risorse minerarie. Ciò deve includere il monitoraggio "dei dati demografici della popolazione come parte organica del quadro delle risorse naturali".

Altre aree di potenziamento sono la "videosorveglianza aerea", "dati del terreno ad alta risoluzione", "capacità di cloud computing", "fusione dei dati" per tutte le forme di intelligenza in un "quadro spazio-temporale coerente per l'organizzazione e l'indicizzazione dei dati", sviluppando "Quadri di scienze sociali" in grado di "supportare la codifica e l'analisi spazio-temporale", "la distribuzione di tecnologie di autenticazione biometrica multiforme [" come impronte digitali, scansioni della retina e campioni di DNA "] al punto di servizio dei processi amministrativi più elementari" al fine di "legare l'identità a tutte le transazioni di un individuo". Inoltre, l'accademia deve essere coinvolta per aiutare il Pentagono a sviluppare "dati e informazioni antropologici, socioculturali, storici, geografici umani, educativi, di salute pubblica e molti altri tipi di scienza sociale e comportamentale" per sviluppare "una profonda comprensione delle popolazioni. "

Pochi mesi dopo essere entrato a far parte di Google, Quaid ha rappresentato la società nell'agosto 2011 presso il cliente e l'industria della DISA (Agenzia per i sistemi informativi della difesa) del Pentagono Forum. Il forum fornirebbe "ai servizi, ai comandi di combattimento, alle agenzie, alle forze della coalizione" "l'opportunità di impegnarsi direttamente con l'industria su tecnologie innovative per abilitare e garantire capacità a sostegno dei nostri combattenti". I partecipanti all'evento sono stati parte integrante degli sforzi per creare un "ambiente di informazione aziendale di difesa", definito come "una piattaforma integrata che include la rete, l'elaborazione, l'ambiente, i servizi, la garanzia delle informazioni e le capacità di NetOps", consentendo ai combattenti di guerra di "connettersi, identificarsi, scoprire e condividere informazioni e collaborare attraverso l'intero spettro delle operazioni militari ". La maggior parte dei partecipanti al forum erano funzionari del DoD, ad eccezione di solo quattro esperti del settore, tra cui Quaid di Google.

Anche i funzionari DISA hanno partecipato all'Highlands Forum, come Paul Friedrichs, un direttore tecnico e ingegnere capo dell'Ufficio DISA del Chief Information Assurance Executive.

Alla luce di tutto ciò, non sorprende che nel 2012, pochi mesi dopo la co-presidente dell'Highlands Forum, Regina Dugan abbia lasciato la DARPA per entrare a far parte di Google come dirigente, allora capo della NSA Gen. Keith Alexander stava inviando un'email al dirigente fondatore di Google, Sergey Brin, per discutere della condivisione delle informazioni per la sicurezza nazionale. In quelle e-mail, ottenute sotto Freedom of Information dal giornalista investigativo Jason Leopold, il generale Alexander ha descritto Google come un "membro chiave della Base industriale della difesa [dell'esercito americano]", una posizione che Michele Quaid stava apparentemente consolidando. Il rapporto gioviale di Brin con l'ex capo della NSA ora ha perfettamente senso dato che Brin era in contatto con rappresentanti della CIA e della NSA, che in parte hanno finanziato e supervisionato la sua creazione del motore di ricerca Google, dalla metà degli anni '1990.

Nel luglio 2014, Quaid ha parlato a un panel dell'esercito americano sulla creazione di una "cellula di acquisizione rapida" per far avanzare le "capacità cibernetiche" dell'esercito statunitense come parte del Forza 2025 iniziativa di trasformazione. Lei detto Funzionari del Pentagono che "molti degli obiettivi tecnologici dell'esercito per il 2025 possono essere realizzati con la tecnologia commerciale disponibile o in fase di sviluppo oggi", riaffermando che "l'industria è pronta a collaborare con l'esercito nel sostenere il nuovo paradigma". Più o meno nello stesso periodo, la maggior parte dei media stava strombazzando l'idea che Google stesse cercando di farlo distanza stessa dai finanziamenti del Pentagono, ma in realtà Google ha cambiato tattica per sviluppare in modo indipendente tecnologie commerciali che avrebbero applicazioni militari per gli obiettivi di trasformazione del Pentagono.

Eppure Quaid non è certo l'unico punto di riferimento nel rapporto di Google con la comunità dell'intelligence militare statunitense.

Un anno dopo che Google ha acquistato il software di mappatura satellitare Keyhole dalla società di venture capital della CIA In-Q-Tel nel 2004, il direttore della valutazione tecnica di In-Q-Tel Rob Painter, che ha svolto un ruolo chiave nell'investimento di Keyhole di In-Q-Tel nel primo posto - trasferito su Google. In In-Q-Tel, il lavoro di Painter si è concentrato sull'identificazione, la ricerca e la valutazione di "nuove imprese tecnologiche in fase di avviamento che si riteneva offrissero un enorme valore alla CIA, alla National Geospatial-Intelligence Agency e alla Defense Intelligence Agency". In effetti, la NGA aveva confermato che la sua intelligence ottenuta tramite Keyhole era stata utilizzata dalla NSA per supportare le operazioni statunitensi in Iraq dal 2003 avanti.

Ex ufficiale dell'intelligence per le operazioni speciali dell'esercito americano, il nuovo lavoro di Painter in Google dal luglio 2005 era il manager federale di quello che Keyhole doveva diventare: Google Earth Enterprise. Nel 2007, Painter era diventato il capo tecnologo federale di Google.

Quell'anno, Painter disse al Il Washington Post che Google era "nelle fasi iniziali" della vendita avanzata versioni segrete dei suoi prodotti al governo degli Stati Uniti. "Google ha incrementato la sua forza vendita nell'area di Washington lo scorso anno per adattare i suoi prodotti tecnologici alle esigenze delle forze armate, delle agenzie civili e della comunità dell'intelligence", Inviare segnalato. Il Pentagono stava già utilizzando una versione di Google Earth sviluppata in collaborazione con Lockheed Martin per "visualizzare le informazioni per i militari sul terreno in Iraq", tra cui "mappare le visualizzazioni delle regioni chiave del paese" e delineare i "quartieri sunniti e sciiti in Baghdad, così come le basi militari statunitensi e irachene nella città. Né Lockheed né Google direbbero come l'agenzia geospaziale utilizza i dati ". Google mirava a vendere al governo nuove "versioni migliorate di Google Earth" e "motori di ricerca che possono essere utilizzati internamente dalle agenzie".

Casa Bianca record trapelato nel 2010 ha mostrato che i dirigenti di Google avevano tenuto diversi incontri con alti funzionari del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Alan Davidson, direttore degli affari governativi di Google, ha avuto almeno tre incontri con funzionari del Consiglio di sicurezza nazionale nel 2009, tra cui il direttore senior per gli affari russi della Casa Bianca Mike McFaul e il consigliere per il Medio Oriente Daniel Shapiro. È emerso anche da una domanda di brevetto di Google che la società aveva deliberatamente raccolto dati di "carico utile" da reti wifi private che avrebbero consentito l'identificazione di "geolocalizzazione". Nello stesso anno, ora sappiamo, Google aveva firmato un accordo con la NSA che dava all'agenzia un accesso illimitato alle informazioni personali dei suoi utenti, e al suo hardware e software, in nome della sicurezza informatica - accordi che il Gen.Alexander era impegnato a replicare con centinaia di amministratori delegati delle telecomunicazioni in tutto il paese.

Pertanto, non è solo Google che contribuisce e fonda il complesso militare-industriale degli Stati Uniti: è l'intera Internet e l'ampia gamma di società del settore privato - molte nutrite e finanziate sotto il manto della comunità dell'intelligence statunitense ( o potenti finanziatori incorporati in quella comunità) - che sostengono Internet e l'infrastruttura delle telecomunicazioni; è anche la miriade di start-up vendita di tecnologie all'avanguardia alla società di venture capital della CIA In-Q-Tel, dove possono essere adattate e avanzate per applicazioni nella comunità dell'intelligence militare. In definitiva, l'apparato di sorveglianza globale e gli strumenti classificati utilizzati da agenzie come la NSA per amministrarlo, sono stati quasi interamente realizzati da ricercatori esterni e appaltatori privati ​​come Google, che operano al di fuori del Pentagono.

Questa struttura, rispecchiata nel funzionamento dell'Highlands Forum del Pentagono, consente al Pentagono di capitalizzare rapidamente le innovazioni tecnologiche che altrimenti perderebbe, mantenendo al contempo il settore privato a debita distanza, almeno apparentemente, per evitare domande scomode su cosa sia tale tecnologia. effettivamente utilizzato per.

Ma non è ovvio, davvero? Il Pentagono parla di guerra, palese o nascosta. Aiutando a costruire l'infrastruttura di sorveglianza tecnologica della NSA, aziende come Google sono complici di ciò che il complesso militare-industriale sa fare meglio: uccidere per soldi.

Come suggerisce la natura della sorveglianza di massa, il suo obiettivo non sono solo terroristi, ma per estensione, "sospetti di terrorismo" e "potenziali terroristi", il risultato è che intere popolazioni, in particolare attivisti politici, devono essere prese di mira dalla sorveglianza dell'intelligence statunitense per identificare e minacce future, e di essere vigili contro ipotetici insurrezioni populiste sia in patria che all'estero. L'analisi predittiva e i profili comportamentali giocano un ruolo fondamentale qui.

Anche la sorveglianza di massa e il data mining ora hanno un aspetto distintivo scopo operativo nell'assistere nell'esecuzione letale di operazioni speciali, selezionando obiettivi per le liste di uccisioni di attacchi di droni della CIA tramite algoritmi dubbi, ad esempio, oltre a fornire informazioni geospaziali e di altro tipo per i comandanti combattenti su terra, aria e mare, tra molte altre funzioni. Un singolo post sui social media su Twitter o Facebook è sufficiente per innescare l'inserimento in liste di controllo segrete del terrorismo unicamente a causa di un'intuizione o di un sospetto vagamente definiti; e può potenzialmente anche far atterrare un sospetto su una lista di uccisioni.

La spinta per una sorveglianza di massa indiscriminata e globale da parte del complesso militare-industriale - che comprende il Pentagono, agenzie di intelligence, appaltatori della difesa e giganti tecnologici apparentemente amichevoli come Google e Facebook - non è quindi un fine in sé, ma uno strumento di potere, il cui l'obiettivo è l'auto-perpetuazione. Ma c'è anche una giustificazione auto-razionalizzante per questo obiettivo: pur essendo ottimo per il complesso militare-industriale, è anche, presumibilmente, ottimo per tutti gli altri.

Nessun esempio migliore dell'ideologia del potere veramente sciovinista, narcisista e autocompiacente nel cuore del complesso militare-industriale è un libro del delegato di lunga data dell'Highlands Forum, il dottor Thomas Barnett, La nuova mappa del Pentagono. Barnett è stato assistente per i futuri strategici nell'Office of Force Transformation del Pentagono dal 2001 al 2003 ed era stato consigliato a Richard O'Neill dal suo capo, il vice ammiraglio Arthur Cebrowski. Oltre a diventare un New York Times bestseller, il libro di Barnett era stato letto in lungo e in largo nelle forze armate statunitensi, da alti funzionari della difesa a Washington e da comandanti combattenti che operavano sul terreno in Medio Oriente.

Barnett ha partecipato per la prima volta al Pentagono Highlands Forum nel 1998, poi è stato invitato a tenere un briefing sul suo lavoro al Forum il 7 dicembre 2004, a cui hanno partecipato alti funzionari del Pentagono, esperti di energia, imprenditori di Internet e giornalisti. Barnett ha ricevuto un bagliore rivedere nei Il Washington Post dal suo amico del Forum delle Highlands, David Ignatius, una settimana dopo, e l'approvazione di un altro amico del Forum, Thomas Friedman, che hanno entrambi contribuito a rafforzare enormemente la sua credibilità e il suo numero di lettori.

La visione di Barnett è neoconservatrice alla radice. Vede il mondo essenzialmente diviso in due regni: The Core, che consiste in paesi avanzati che giocano secondo le regole della globalizzazione economica (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Europa e Giappone) insieme a paesi in via di sviluppo impegnati ad arrivarci (Brasile, Russia, India, Cina e altri); e il resto del mondo, che è The Gap, una landa desolata disparata di paesi pericolosi e senza legge definiti fondamentalmente dall'essere "scollegati" dalle meraviglie della globalizzazione. Ciò include la maggior parte del Medio Oriente e dell'Africa, vaste aree del Sud America, così come gran parte dell'Asia centrale e dell'Europa orientale. È compito degli Stati Uniti "ridurre il divario", diffondendo le "regole" culturali ed economiche della globalizzazione che caratterizzano The Core, e rafforzando la sicurezza in tutto il mondo per consentire a quel "insieme di regole" di diffondersi.

Queste due funzioni del potere degli Stati Uniti sono catturate dai concetti di Barnett di "Leviatano" e "Amministratore di sistema". Il primo riguarda la definizione di regole per facilitare la diffusione dei mercati capitalisti, regolati tramite leggi militari e civili. Quest'ultimo riguarda la proiezione della forza militare in The Gap in una missione globale a tempo indeterminato per rafforzare la sicurezza e impegnarsi nella costruzione della nazione. Non "ricostruire", desidera sottolineare, ma costruire "nuove nazioni".

Per Barnett, l'introduzione del Patriot Act nel 2002 da parte dell'amministrazione Bush in patria, con il suo schiacciamento dell'habeas corpus, e la Strategia di sicurezza nazionale all'estero, con l'apertura di una guerra unilaterale e preventiva, rappresentarono l'inizio della necessaria riscrittura. di regole in The Core per intraprendere questa nobile missione. Questo è il - esclusivamente. modo per gli Stati Uniti di raggiungere la sicurezza, scrive Barnett, perché finché esisterà The Gap, sarà sempre una fonte di violenza e disordine illegali. Un paragrafo in particolare riassume la sua visione:

“L'America come poliziotto globale crea sicurezza. La sicurezza crea regole comuni. Le regole attirano gli investimenti stranieri. L'investimento crea infrastrutture. L'infrastruttura crea l'accesso alle risorse naturali. Le risorse creano crescita economica. La crescita crea stabilità. La stabilità crea mercati. E una volta che sei una parte stabile e in crescita del mercato globale, fai parte del Core. Missione compiuta."

Molto di ciò che Barnett aveva previsto sarebbe dovuto accadere per realizzare questa visione, nonostante la sua inclinazione neoconservatrice, è ancora perseguito sotto Obama. Nel prossimo futuro, aveva previsto Barnett, le forze militari statunitensi saranno inviate oltre l'Iraq e l'Afghanistan in luoghi come l'Uzbekistan, Gibuti, l'Azerbaigian, l'Africa nord-occidentale, l'Africa meridionale e il Sud America.

Il briefing di Barnett al Pentagono è stato accolto con entusiasmo quasi universale. Il Forum aveva persino acquistato copie del suo libro e le aveva distribuite a tutti i delegati del Forum, e nel maggio 2005 Barnett è stato invitato di nuovo a partecipare a un intero Forum a tema attorno al suo concetto di "SysAdmin".

L'Highlands Forum ha quindi svolto un ruolo di primo piano nella definizione dell'intera concettualizzazione del Pentagono della "guerra al terrorismo". Irving Wladawsky-Berger, un vice presidente in pensione dell'IMB che ha co-presieduto il Comitato consultivo per la tecnologia dell'informazione del presidente dal 1997 al 2001, descritta la sua esperienza di una riunione del Forum 2007 in termini significativi:

“Poi c'è la Guerra al Terrore, che il Dipartimento della Difesa ha iniziato a chiamare la Guerra Lunga, un termine che ho sentito per la prima volta al Forum. Sembra molto appropriato descrivere il conflitto generale in cui ci troviamo ora. Questo è un vero conflitto globale ... i conflitti in cui ci troviamo ora hanno molto più la sensazione di una battaglia di civiltà o culture che cercano di distruggere il nostro stesso modo di vivere e imporre il proprio. "

Il problema è che al di fuori di questa potente cricca ospitata dal Pentagono, non tutti gli altri sono d'accordo. "Non sono convinto che la cura di Barnett sarebbe migliore della malattia", ha scritto La dottoressa Karen Kwiatowski, ex analista senior del Pentagono nella sezione del Vicino Oriente e dell'Asia meridionale, che ha denunciato come il suo dipartimento abbia deliberatamente prodotto false informazioni nel periodo precedente la guerra in Iraq. "Sicuramente costerebbe molto di più nella libertà americana, nella democrazia costituzionale e nel sangue di quanto varrebbe".

Eppure l'equazione di "ridurre il divario" con il sostegno della sicurezza nazionale di The Core porta a un terreno scivoloso. Significa che se agli Stati Uniti viene impedito di svolgere questo ruolo di leadership come "poliziotto globale", The Gap si allargherà, The Core si ridurrà e l'intero ordine globale potrebbe sgretolarsi. In base a questa logica, gli Stati Uniti semplicemente non possono permettersi al governo o all'opinione pubblica di rifiutare la legittimità della loro missione. Se lo facesse, permetterebbe a The Gap di crescere senza controllo, minando The Core e potenzialmente distruggendolo, insieme al protettore di The Core, l'America. Pertanto, “shrinking The Gap” non è solo un imperativo di sicurezza: è una priorità così esistenziale, che deve essere sostenuta con la guerra dell'informazione per dimostrare al mondo la legittimità dell'intero progetto.

Basato sui principi di O'Neill della guerra dell'informazione così come articolati nel suo brief della US Navy del 1989, gli obiettivi della guerra dell'informazione non sono solo le popolazioni di The Gap, ma anche le popolazioni domestiche di The Core e i loro governi: incluso il governo degli Stati Uniti. Quel brief segreto, che secondo l'ex alto funzionario dell'intelligence statunitense John Alexander è stato letto dai massimi vertici del Pentagono, sosteneva che la guerra dell'informazione doveva essere mirata a: avversari per convincerli della loro vulnerabilità; potenziali partner in tutto il mondo in modo che accettino "la causa come giusta"; e infine, le popolazioni civili e la leadership politica credono che ne valga la pena "il costo" in sangue e in tesori.

Il lavoro di Barnett è stato bloccato dall'Highlands Forum del Pentagono perché si adattava al disegno di legge, fornendo un'ideologia convincente del "sentirsi bene" per il complesso militare-industriale degli Stati Uniti.

Ma l'ideologia neoconservatrice, ovviamente, difficilmente ebbe origine con Barnett, lui stesso un attore relativamente piccolo, anche se il suo lavoro fu estremamente influente in tutto il Pentagono. Il pensiero regressivo degli alti funzionari coinvolti nell'Highlands Forum è visibile da molto prima dell'9 settembre, che è stato interrotto da attori legati al Forum come una potente forza abilitante che legittimava la direzione sempre più aggressiva delle politiche estere e di intelligence degli Stati Uniti.

L'ideologia rappresentata dall'Highlands Forum può essere raccolta molto prima della sua istituzione nel 1994, in un momento in cui l'ONA di Andrew "Yoda" Marshall era il luogo principale dell'attività del Pentagono sulla pianificazione futura.

Un mito ampiamente diffuso promulgato dai giornalisti della sicurezza nazionale nel corso degli anni è che la reputazione dell'ONA come macchina oracolare residente del Pentagono era dovuta alla misteriosa previsione analitica del suo direttore Marshall. Presumibilmente, era tra i pochi a riconoscere in modo preveggente che la minaccia sovietica era stata sopraffatta dalla comunità dell'intelligence statunitense. Era stato, si racconta, una voce solitaria ma implacabile all'interno del Pentagono, che invitava i responsabili politici a rivalutare le loro proiezioni sulla potenza militare dell'URSS.

Solo che la storia non è vera. L'ONA non si occupava di una sobria analisi delle minacce, ma di una proiezione paranoica della minaccia che giustificava l'espansionismo militare. La politica estera Jeffrey Lewis sottolinea che, lungi dall'offrire una ragione per invocare una valutazione più equilibrata delle capacità militari sovietiche, Marshall ha cercato di minimizzare i risultati dell'ONA che hanno respinto l'hype intorno a un'imminente minaccia sovietica. Avendo commissionato uno studio in cui concludeva che gli Stati Uniti avevano sovrastimato l'aggressività sovietica, Marshall lo fece circolare con una nota di copertina dichiarandosi "non convinto" dalle sue scoperte. Lewis traccia il modo in cui la mentalità di Marshall sulla proiezione delle minacce si è estesa a commissionare ricerche assurde a sostegno delle narrazioni neocon di base sul collegamento (inesistente) Saddam-al-Qaeda, e persino il famigerato rapporto di un consulente RAND che chiede di ridisegnare la mappa del Medio Oriente, presentato al Consiglio per la politica di difesa del Pentagono su invito di Richard Perle nel 2002.

Giornalista investigativo Jason Vest allo stesso modo scoperto da fonti del Pentagono che durante la Guerra Fredda, Marshall aveva a lungo sostenuto la minaccia sovietica e ha svolto un ruolo chiave nel fornire al gruppo di pressione neoconservatore, il Comitato sul pericolo attuale, l'accesso ai dati segreti dell'intelligence della CIA per riscrivere Stima dell'intelligence nazionale sulle intenzioni militari sovietiche. Questo è stato un precursore della manipolazione dell'intelligence dopo l'9 settembre per giustificare l'invasione e l'occupazione dell'Iraq. Gli ex membri dello staff ONA hanno confermato che Marshall era stato belligerante su un'imminente minaccia sovietica "fino alla fine". L'ex sovietologo della CIA Melvin Goodman, ad esempio, ha ricordato che Marshall è stato anche determinante nello spingere affinché i mujaheddin afghani ricevessero missili Stinger, una mossa che ha reso la guerra ancora più brutale, incoraggiando i russi a usare tattiche di terra bruciata.

Il periodo successivo alla Guerra Fredda ha visto la creazione da parte del Pentagono dell'Highlands Forum nel 1994 sotto l'ala dell'ex segretario alla Difesa William Perry - un ex direttore della CIA e primo sostenitore di idee neocon come la guerra preventiva. Sorprendentemente, il dubbio ruolo del Forum come ponte tra governo e industria può essere chiaramente individuato in relazione ai flirt della Enron con il governo degli Stati Uniti. Proprio come il Forum aveva elaborato l'intensificarsi delle politiche del Pentagono sulla sorveglianza di massa, allo stesso tempo si è alimentato direttamente nel pensiero strategico che è culminato nelle guerre in Afghanistan e Iraq.

Il 7 novembre 2000, George W. Bush 'ha vinto'le elezioni presidenziali statunitensi. La Enron ei suoi dipendenti avevano dato oltre $ 1 milioni alla campagna di Bush in totale. Ciò includeva il contributo di 10,500 dollari al comitato di riconteggio di Bush in Florida e altri 300,000 dollari per le celebrazioni inaugurali successive. Enron ha anche fornito jet aziendali spingere gli avvocati repubblicani in giro per la Florida e Washington facendo pressioni per conto di Bush per il riconteggio di dicembre. I documenti delle elezioni federali in seguito hanno mostrato che dal 1989 la Enron aveva fatto un totale di 5.8 milioni di dollari in donazioni elettorali, il 73% ai repubblicani e il 27% ai democratici - con ben 15 alti funzionari dell'amministrazione Bush possedere azioni a Enron, tra cui il segretario alla difesa Donald Rumsfeld, il consigliere senior Karl Rove e il segretario dell'esercito Thomas White.

Eppure, solo un giorno prima di quelle controverse elezioni, il presidente fondatore del Pentagono Highlands Forum Richard O'Neill ha scritto al CEO di Enron, Kenneth Lay, invitandolo a tenere una presentazione al Forum sulla modernizzazione del Pentagono e dell'esercito. L'email da O'Neill a Lay è stata rilasciata come parte dell'Enron Corpus, le email ottenute dalla Federal Energy Regulatory Commission, ma è rimasta sconosciuta fino ad ora.

L'e-mail iniziava con "Per conto dell'Assistente Segretario alla Difesa (C3I) e del CIO del Dipartimento della Difesa Arthur Money" e invitava Lay "a partecipare all'Highlands Forum del Segretario della Difesa", che O'Neill ha definito "un gruppo interdisciplinare di eminenti studiosi, ricercatori, CEO / CIO / CTO dell'industria e leader dei media, delle arti e delle professioni, che si sono incontrati negli ultimi sei anni per esaminare aree di interesse emergente per tutti noi ". Ha aggiunto che le sessioni del Forum includono "anziani della Casa Bianca, della Difesa e di altre agenzie governative (limitiamo la partecipazione del governo a circa il 25%)".

Qui, O'Neill rivela che il Forum delle Highlands del Pentagono era, fondamentalmente, sull'esplorazione non solo degli obiettivi del governo, ma anche degli interessi dei leader industriali partecipanti come Enron. Il Pentagono, ha proseguito O'Neill, voleva che Lay alimentasse “la ricerca di strategie di informazione / trasformazione per il Dipartimento della Difesa (e il governo in generale)”, in particolare “da una prospettiva di business (trasformazione, produttività, vantaggio competitivo). " Ha elogiato Enron come "un notevole esempio di trasformazione in un settore altamente rigido e regolamentato, che ha creato un nuovo modello e nuovi mercati".

O'Neill ha chiarito che il Pentagono voleva che Enron giocasse un ruolo fondamentale nel futuro del DoD, non solo nella creazione di "una strategia operativa che ha la superiorità delle informazioni", ma anche in relazione all '"enorme impresa globale del DoD che può trarre vantaggio da molte delle migliori pratiche e idee del settore ".

"ENRON è di grande interesse per noi", ha ribadito. “Quello che apprendiamo da te potrebbe aiutare molto il Dipartimento della Difesa mentre lavora per costruire una nuova strategia. Spero che tu abbia tempo nel tuo programma fitto di appuntamenti per unirti a noi per il maggior numero possibile di partecipanti all'Highlands Forum e parlare con il gruppo ".

A quell'incontro dell'Highlands Forum parteciparono alti funzionari della Casa Bianca e dell'intelligence statunitense, tra cui il vicedirettore della CIA Joan A. Dempsey, che in precedenza era stato assistente segretario alla difesa per l'intelligence, e nel 2003 fu nominato da Bush direttore esecutivo del President's Foreign Intelligence. Advisory Board, in cui veste ha elogiato l'ampia condivisione di informazioni da parte della NSA e NGA dopo l'9 settembre. Ha continuato a diventare vicepresidente esecutivo a Booz Allen Hamilton, un importante appaltatore del Pentagono in Iraq e Afghanistan che, tra le altre cose, ha creato l'Autorità Provvisoria della Coalizione banca dati per tenere traccia di ciò che ora sappiamo essere altamente corrotto progetti di ricostruzione in Iraq.

Il rapporto della Enron con il Pentagono era già in pieno svolgimento l'anno precedente. Thomas White, allora vicepresidente dei servizi energetici Enron, aveva utilizzato i suoi ampi collegamenti militari statunitensi per assicurarsi un prototipo di accordo a Fort Hamilton per privatizzare l'alimentazione delle basi militari. Enron è stato l'unico offerente per l'affare. L'anno successivo, dopo che il CEO di Enron è stato invitato all'Highlands Forum, White ha dato il suo primo discorso a giugno, solo "due settimane dopo essere diventato segretario dell'esercito", dove "ha promesso di accelerare l'aggiudicazione di tali contratti", insieme a un'ulteriore "rapida privatizzazione" dei servizi energetici dell'esercito. "Potenzialmente, Enron potrebbe trarre vantaggio dall'accelerazione nell'aggiudicazione dei contratti, così come altri in cerca di affari", ha osservato USA Today.

Quel mese, sotto l'autorità del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld - che egli stesso deteneva quote significative in Enron - il Pentagono di Bush invitò un altro dirigente della Enron e uno dei consulenti finanziari esterni di Enron a partecipare a un'ulteriore sessione segreta del Forum Highlands.

Un'e-mail di Richard O'Neill datata 22 giugno, ottenuta tramite l'Enron Corpus, ha mostrato che Steven Kean, allora vicepresidente esecutivo e capo dello staff di Enron, avrebbe tenuto un'altra presentazione di Highlands lunedì 25. "Ci stiamo rivolgendo al Forum delle Highlands sponsorizzato dal Segretario della Difesa e attendiamo con impazienza la vostra partecipazione", ha scritto O'Neill, promettendo a Kean che sarebbe stato "il fulcro della discussione. L'esperienza di Enron è molto importante per noi poiché consideriamo seriamente un cambiamento trasformativo nel Dipartimento della Difesa ".

Steven Kean è ora presidente e COO (e CEO entrante) di Kinder Morgan, una delle più grandi società energetiche del Nord America, e uno dei principali sostenitori del controverso progetto del gasdotto Keystone XL.

A partecipare alla stessa sessione dell'Highlands Forum con Kean era Richard Foster, allora partner senior della società di consulenza finanziaria McKinsey. "Ho dato delle copie del nuovo libro di Dick Foster, Distruzione creativa, al Vice Segretario alla Difesa e al Sottosegretario aggiunto ", ha detto O'Neill nella sua e-mail," e il caso Enron che ha delineato costituisce una discussione importante. Abbiamo intenzione di distribuire copie ai partecipanti al Forum ".

L'azienda di Foster, McKinsey, aveva fornito servizi strategici consulenza finanziaria alla Enron dalla metà degli anni '1980. Joe Skilling, che nel febbraio 2001 è diventato CEO di Enron mentre Kenneth Lay è passato alla presidenza, era stato a capo dell'attività di consulenza energetica di McKinsey prima di entrare in Enron nel 1990.

McKinsey e poi il partner Richard Foster sono stati intimamente coinvolti nella creazione del nucleo Enron strategie di gestione finanziaria responsabile della crescita rapida, ma fraudolenta, dell'azienda. Mentre McKinsey ha sempre negato di essere a conoscenza della falsa contabilità che ha portato alla scomparsa di Enron, i documenti interni dell'azienda hanno mostrato che Foster aveva partecipato a una riunione del comitato finanziario di Enron un mese prima della sessione dell'Highlands Forum per discutere la "necessità di partnership private esterne per aiutare a guidare il crescita esplosiva dell'azienda ”- le stesse partnership di investimento responsabili del crollo di Enron.

McKinsey documenti ha mostrato che l'azienda era "pienamente consapevole dell'ampio uso da parte di Enron di fondi fuori bilancio". Come The Independentl'editore di economia di Ben Chu osserva, "McKinsey ha pienamente approvato i dubbi metodi contabili", che hanno portato all'inflazione della valutazione di mercato di Enron e "che hanno causato l'implosione dell'azienda nel 2001".

In effetti, lo stesso Foster aveva partecipato personalmente sei riunioni del consiglio di amministrazione della Enron dall'ottobre 2000 all'ottobre 2001. Quel periodo coincise più o meno con la crescente influenza della Enron sulle politiche energetiche dell'amministrazione Bush e con la pianificazione del Pentagono per l'Afghanistan e l'Iraq.

Ma Foster era anche un partecipante regolare al Forum delle Highlands del Pentagono - il suo LinkedIn tuo profilo lo descrive come membro del Forum dal 2000, anno in cui ha intensificato l'impegno con la Enron. Ha anche tenuto una presentazione all'inaugurale Island Forum di Singapore nel 2002.

Il coinvolgimento della Enron nella Cheney Energy Task Force sembra essere stato collegato alla pianificazione del 2001 dell'amministrazione Bush per entrambe le invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq, motivate dal controllo del petrolio. Come notato dal Prof. Richard Falk, ex membro del consiglio di Human Rights Watch ed ex investigatore delle Nazioni Unite, Kenneth Lay della Enron "è stato il principale consulente confidenziale su cui si è fatto affidamento il vicepresidente Dick Cheney durante il processo altamente segreto di redazione di un rapporto politica energetica, ampiamente considerata come un elemento chiave nell'approccio statunitense alla politica estera in generale e al mondo arabo in particolare ".

Gli intimi incontri segreti tra alti dirigenti Enron e alti funzionari del governo statunitense tramite il Pentagon Highlands Forum, dal novembre 2000 al giugno 2001, hanno svolto un ruolo centrale nello stabilire e cementare il legame sempre più simbiotico tra Enron e la pianificazione del Pentagono. Il ruolo del Forum è stato, come ha sempre affermato O'Neill, quello di funzionare come un laboratorio di idee per esplorare i reciproci interessi dell'industria e del governo.

Nel febbraio 2001, quando i dirigenti della Enron, incluso Kenneth Lay, iniziarono a partecipare di concerto al Cheney Energy Task Force, un documento classificato del Consiglio di sicurezza nazionale ha incaricato il personale dell'NSC di lavorare con la task force nella "fusione" di questioni precedentemente separate: "politiche operative verso stati canaglia" e "azioni riguardanti la cattura di giacimenti di petrolio e gas nuovi ed esistenti".

Secondo il segretario al tesoro di Bush Paul O'Neill, come citato da Ron Suskind in Il prezzo della lealtà (2004), i funzionari di gabinetto hanno discusso di un'invasione dell'Iraq nel loro primo incontro del NSC e avevano persino preparato una mappa per un'occupazione postbellica che segnava lo spartimento dei giacimenti petroliferi iracheni. Il messaggio a quel tempo dal presidente Bush era che i funzionari dovevano "trovare un modo per farlo".

Cheney Energy Task Force documenti ottenuto da Judicial Watch sotto Freedom of Information ha rivelato che entro marzo, con un ampio contributo dell'industria, la task force aveva preparato mappe dello stato del Golfo e in particolare dei giacimenti petroliferi, oleodotti e raffinerie iracheni, insieme a un elenco intitolato "Foreign Suitors for Iraqi Oilfield Contracts". ' Ad aprile, un rapporto del gruppo di esperti commissionato da Cheney, supervisionato dall'ex segretario di stato James Baker, e messo insieme da un comitato dell'industria energetica e di esperti di sicurezza nazionale, ha esortato il governo degli Stati Uniti "a condurre un'immediata revisione della politica nei confronti dell'Iraq, compresi i militari. , valutazioni energetiche, economiche e politico / diplomatiche ", per affrontare l '" influenza destabilizzante "dell'Iraq sui flussi di petrolio verso i mercati globali. Il rapporto includeva raccomandazioni del delegato dell'Highlands Forum e del presidente della Enron, Kenneth Lay.

Ma la Task Force per l'Energia di Cheney stava anche spingendo avanti i piani per l'Afghanistan che coinvolgevano Enron, che erano stati in movimento sotto Clinton. Fino alla fine degli anni '1990, Enron ha collaborato con la società energetica statunitense Unocal, con sede in California, per sviluppare un oleodotto e gasdotto ciò attingerebbe alle riserve del bacino del Caspio e trasporterebbe petrolio e gas attraverso l'Afghanistan, rifornendo Pakistan, India e potenzialmente altri mercati. Lo sforzo ha avuto la benedizione ufficiale dell'amministrazione Clinton, e successivamente dell'amministrazione Bush, che ha tenuto diversi incontri con i rappresentanti dei talebani per negoziare i termini per l'accordo sull'oleodotto per tutto il 2001. I talebani, la cui conquista dell'Afghanistan aveva ricevuto assistenza segreta sotto Clinton, dovevano ricevere un riconoscimento formale come legittimo governo dell'Afghanistan in cambio dell'autorizzazione all'installazione del gasdotto. La Enron ha pagato 400 milioni di dollari per uno studio di fattibilità per l'oleodotto, gran parte del quale è stata sottratta come tangente ai leader talebani, e ha persino assunto agenti della CIA per aiutare a facilitare.

Poi, nell'estate del 2001, mentre i funzionari della Enron erano in contatto con gli alti funzionari del Pentagono all'Highlands Forum, il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca gestiva un `` gruppo di lavoro '' interdipartimentale guidato da Rumsfeld e Cheney per aiutare a completare un progetto Enron in corso in India, una centrale elettrica da 3 miliardi di dollari a Dabhol. L'impianto doveva ricevere la sua energia dal Gasdotto trans-afghano. Il "Dabhol Working Group" del NSC, presieduto dal consigliere per la sicurezza nazionale di Bush Condoleeza Rice, ha generato una serie di tattiche per aumentare la pressione del governo statunitense sull'India per completare l'impianto di Dabhol - pressione che è continuata fino all'inizio di novembre. Il progetto Dabhol e l'oleodotto Trans-afghano erano di gran lunga di Enron più redditizio affare all'estero.

Per tutto il 2001, i funzionari della Enron, incluso Ken Lay, hanno partecipato all'Energy Task Force di Cheney, insieme a rappresentanti dell'industria energetica statunitense. A partire da febbraio, poco dopo l'insediamento dell'amministrazione Bush, Enron è stata coinvolta in circa una mezza dozzina di queste Riunioni della Task Force Energia. Dopo uno di questi incontri segreti, una bozza di proposta energetica è stata emendata per includere una nuova disposizione che propone di aumentare drasticamente la produzione di petrolio e gas naturale in India in un modo che si applicherebbe solo alla centrale elettrica di Dabhol di Enron. In altre parole, garantire il flusso di gas a buon mercato verso l'India attraverso il gasdotto transfghano era ora una questione di "sicurezza nazionale" degli Stati Uniti.

Un mese o due dopo, l'amministrazione Bush ha dato i talebani 43 milioni di dollari, giustificati dalla repressione della produzione di oppio, nonostante le sanzioni ONU imposte dagli Stati Uniti che impediscono gli aiuti al gruppo per non aver consegnato Osama bin Laden.

Poi, nel giugno 2001, il stesso mese che il vicepresidente esecutivo della Enron Steve Kean partecipasse al Pentagon Highlands Forum, le speranze della compagnia per il progetto Dabhol furono deluse quando il gasdotto transfghano non si materializzò e, di conseguenza, la costruzione della centrale di Dabhol fu chiusa. Il fallimento del progetto da 3 miliardi di dollari ha contribuito al fallimento della Enron a dicembre. Quel mese, i funzionari della Enron si sono incontrati con il segretario al commercio di Bush, Donald Evans, riguardo all'impianto, e Cheney ha fatto pressioni sul principale partito di opposizione indiano sul progetto Dhabol. Secondo quanto riferito, Ken Lay avrebbe anche contattato l'amministrazione Bush in questo periodo per informare i funzionari sui problemi finanziari dell'azienda.

Entro agosto, nel disperato tentativo di concludere l'accordo, i funzionari statunitensi minacciato Rappresentanti talebani con la guerra se si rifiutassero di accettare i termini americani: vale a dire, cessare i combattimenti e unirsi a un'alleanza federale con l'opposizione dell'Alleanza del Nord; e rinunciare alle richieste di consumo locale del gas. Il 15 di quel mese, il lobbista di Enron Pat Shortridge disse all'allora consigliere economico della Casa Bianca Robert McNally che Enron si stava dirigendo verso un crollo finanziario che potrebbe storpio mercati energetici del paese.

L'amministrazione Bush doveva aver anticipato il rifiuto dell'accordo da parte dei talebani, perché l'avevano fatto previsto una guerra in Afghanistan già a luglio. Secondo l'allora ministro degli esteri pakistano Niaz Naik, che aveva partecipato ai negoziati tra Stati Uniti e talebani, i funzionari statunitensi gli dissero che avevano in programma di invadere l'Afghanistan a metà ottobre 2001. Non appena era iniziata la guerra, l'ambasciatore di Bush in Pakistan, Wendy Chamberlain, chiamò Il ministro del petrolio pakistano Usman Aminuddin per discutere "il progetto del gasdotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan", secondo il Posta di frontiera, un broadsheet in lingua inglese pakistana. Secondo quanto riferito, hanno convenuto che il "progetto apre nuove strade di cooperazione regionale multidimensionale, in particolare in considerazione dei recenti sviluppi geopolitici nella regione".

Due giorni prima dell'9 settembre, Condoleeza Rice ha ricevuto la bozza di una direttiva presidenziale formale sulla sicurezza nazionale che Bush avrebbe dovuto firmare immediatamente. La direttiva conteneva un piano completo per lanciare un guerra globale ad al-Qaeda, inclusa una "imminente" invasione dell'Afghanistan per rovesciare i talebani. La direttiva è stata approvata dai massimi livelli della Casa Bianca e dai funzionari del Consiglio di sicurezza nazionale, compresi ovviamente Rice e Rumsfeld. Gli stessi funzionari dell'NSC gestivano simultaneamente il Dhabol Working Group per garantire l'accordo sulla centrale elettrica indiana per il progetto del gasdotto trans-afgano della Enron. Il giorno successivo, un giorno prima dell'9 settembre, l'amministrazione Bush formalmente concordato sul piano per attaccare i talebani.

Il legame di fondo del Pentagono Highlands Forum con gli interessi coinvolti in tutto questo, mostra che non erano unici per l'amministrazione Bush - motivo per cui, mentre Obama si stava preparando a ritirare le truppe dall'Afghanistan, ha riaffermato il suo governo l' assistenza di per il progetto del gasdotto Trans-afghano e il suo desiderio che un'impresa statunitense lo costruisca.

Durante questo periodo, la guerra dell'informazione ha svolto un ruolo centrale nel promuovere il sostegno pubblico alla guerra - e l'Highlands Forum ha aperto la strada.

Nel dicembre 2000, poco meno di un anno prima dell'9 settembre e poco dopo la vittoria elettorale di George W. Bush, i membri chiave del Forum hanno partecipato a un evento al Carnegie Endowment for International Peace per esplorare "l'impatto della rivoluzione dell'informazione, della globalizzazione e della fine della Guerra Fredda sul processo di elaborazione della politica estera degli Stati Uniti". Piuttosto che proporre "riforme incrementali", l'incontro era per i partecipanti "costruire da zero un nuovo modello che è ottimizzato per le proprietà specifiche del nuovo ambiente globale".

Tra i sicurezza Durante l'incontro è stata segnalata la "rivoluzione del controllo globale": la natura "distribuita" della rivoluzione dell'informazione stava alterando "le dinamiche chiave della politica mondiale sfidando il primato degli stati e delle relazioni interstatali". Ciò significava "creare nuove sfide alla sicurezza nazionale, ridurre la capacità degli stati guida di controllare i dibattiti politici globali, sfidare l'efficacia delle politiche economiche nazionali, ecc."

In altre parole, come può il Pentagono trovare un modo per sfruttare la rivoluzione dell'informazione per "controllare i dibattiti politici globali", in particolare sulle "politiche economiche nazionali"?

L'incontro è stato co-ospitato da Jamie Metzl, che all'epoca faceva parte del Consiglio di sicurezza nazionale di Bill Clinton, dove aveva appena guidato la stesura della direttiva 68 sulla decisione presidenziale di Clinton sull'informazione pubblica internazionale (IPI), un nuovo piano multiagenzia per coordinare gli Stati Uniti. diffusione di informazioni pubbliche all'estero. Metzl ha continuato a coordinare l'IPI presso il Dipartimento di Stato.

L'anno precedente, un alto funzionario della Clinton ha rivelato al Washington Times che l'IPI di Metz era davvero mirato a "far girare il pubblico americano", ed era "emerso dalla preoccupazione che il pubblico degli Stati Uniti si fosse rifiutato di sostenere la politica estera del presidente Clinton". L'IPI avrebbe piantato notizie favorevoli agli interessi statunitensi tramite TV, stampa, radio e altri media con sede all'estero, nella speranza che sarebbero stati raccolti dai media americani. Il pretesto era che "la copertura delle notizie è distorta a casa e hanno bisogno di combatterla a tutti i costi utilizzando risorse che hanno lo scopo di far girare la notizia". Metzl ha condotto le operazioni di propaganda all'estero dell'IPI per Iraq e Kosovo.

Altri partecipanti alla riunione della Carnegie nel dicembre 2000, inclusi due membri fondatori dell'Highlands Forum, Richard O'Neill e Jeff Cooper della SAIC, insieme a Paul Wolfowitz, un altro Andrew Marshall accolito che stava per entrare nell'amministrazione Bush entrante come vice segretario alla difesa di Rumsfelds. Era presente anche una figura che divenne presto particolarmente nota nella propaganda intorno all'Afghanistan e alla guerra in Iraq del 2003: John W. Rendon, Jr., presidente fondatore di Il Gruppo Rendon (TRG) e un altro membro di lunga data del Pentagon Highlands Forum.

John Rendon (a destra) all'Highlands Forum, accompagnato dal presentatore della BBC Nik Gowing (a sinistra) e Jeff Jonas, ingegnere capo di IBM Entity Analytics (al centro)

TRG è una nota azienda di comunicazioni che è stata per decenni un appaltatore del governo degli Stati Uniti. Rendon ha svolto un ruolo fondamentale nella gestione del Dipartimento di Stato campagne di propaganda in Iraq e Kosovo sotto Clinton e Metzl. Ciò includeva la ricezione di una sovvenzione del Pentagono per gestire un sito web di notizie, il Balkans Information Exchange e un contratto dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) per promuovere la "privatizzazione".

Il ruolo centrale di Rendon nell'aiutare l'amministrazione Bush a promuovere l'inesistente minaccia delle armi di distruzione di massa (WMD) per giustificare un'invasione militare statunitense è ora ben noto. Come James Bamford notoriamente ha esposto nel suo seminale Rolling Stone Rendon ha svolto un ruolo strumentale per conto dell'amministrazione Bush nel dispiegare la "gestione della percezione" per "creare le condizioni per la rimozione di Hussein dal potere" in base a contratti multimilionari della CIA e del Pentagono.

Tra le attività di Rendon c'era la creazione dell'Iraqi National Congress (INC) di Ahmed Chalabi per conto della CIA, un gruppo di esuli iracheni incaricati di diffondere propaganda, inclusa gran parte della falsa intelligence. sulle armi di distruzione di massa. Quel processo era iniziato in modo concertato sotto l'amministrazione di George H. Bush, poi proseguì sotto Clinton con poca fanfara, prima di intensificarsi dopo l'9 settembre sotto George W. Bush. Rendon ha quindi svolto un ruolo importante nella produzione di notizie false e imprecise relative all'Iraq in base a lucrosi contratti della CIA e del Pentagono - e lo ha fatto nel periodo che precede l'invasione del 11 come un consulente al Consiglio di sicurezza nazionale di Bush: lo stesso NSC, ovviamente, che pianificò le invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq, ottenute con il contributo dei dirigenti Enron che stavano contemporaneamente impegnando il Pentagon Highlands Forum.

Ma questa è la punta dell'iceberg. Documenti declassificati mostrano che l'Highlands Forum è stato intimamente coinvolto nei processi segreti attraverso i quali funzionari chiave hanno progettato la strada per la guerra in Iraq, sulla base della guerra dell'informazione.

Un 2007 redatto rapporto dall'ispettore generale del DoD rivela che uno degli appaltatori ampiamente utilizzati dal Pentagon Highlands Forum durante e dopo la guerra in Iraq non era altri che il Rendon Group. Il TRG è stato incaricato dal Pentagono di organizzare sessioni del Forum, determinare gli argomenti di discussione, nonché convocare e coordinare le riunioni del Forum. L'indagine dell'Ispettore Generale era stata sollecitata dalle accuse mosse al Congresso sul ruolo di Rendon nella manipolazione delle informazioni per giustificare l'invasione e l'occupazione dell'Iraq del 2003. Secondo il rapporto dell'ispettore generale:

“… L'Assistente Segretario alla Difesa per le reti e l'integrazione delle informazioni / Responsabile dell'informazione ha impiegato TRG per condurre forum che avrebbero fatto appello a un gruppo interdisciplinare di leader di fama nazionale. I forum erano in piccoli gruppi che discutevano di informazioni e tecnologie e dei loro effetti sulla scienza, sui processi organizzativi e commerciali, sulle relazioni internazionali, sull'economia e sulla sicurezza nazionale. TRG ha anche condotto un programma di ricerca e interviste per formulare e sviluppare argomenti per il focus group dell'Highlands Forum. L'Ufficio del sottosegretario alla Difesa per le reti e l'integrazione delle informazioni approverebbe gli argomenti e TRG faciliterebbe gli incontri ".

TRG, il braccio di propaganda privata del Pentagono, ha quindi svolto un ruolo centrale in letteralmente in esecuzione il processo del Pentagono Highlands Forum che ha riunito alti funzionari del governo con i dirigenti del settore per generare una strategia di guerra delle informazioni del Dipartimento della Difesa.

L'indagine interna del Pentagono ha assolto Rendon da ogni illecito. Ma questo non sorprende, visto il conflitto di interessi in gioco: l'ispettore generale all'epoca era Claude M. Kicklighter, un Candidato Bush che aveva supervisionato direttamente le principali operazioni militari dell'amministrazione. Nel 2003 è stato direttore dell'Iraq Transition Team del Pentagono e l'anno successivo è stato nominato al Dipartimento di Stato come consigliere speciale per le operazioni di stabilizzazione e sicurezza in Iraq e Afghanistan.

Ancora più significativo, i documenti del Pentagono ottenuti da Bamford per i suoi Rolling Stone la storia ha rivelato che Rendon aveva avuto accesso ai dati di sorveglianza top-secret della NSA per svolgere il suo lavoro per conto del Pentagono. TRG, affermano i documenti del DoD, è autorizzato "a ricercare e analizzare informazioni classificate fino a Top Secret / SCI / SI / TK / G / HCS".

"SCI" ​​indica informazioni a compartimenti sensibili, dati classificati più in alto rispetto al top secret, mentre "SI" designa l'intelligence speciale, ovvero le comunicazioni altamente segrete intercettate dalla NSA. "TK" si riferisce a Talent / Keyhole, nomi in codice per le immagini di aerei da ricognizione e satelliti spia, mentre "G" sta per Gamma, che comprende le intercettazioni delle comunicazioni da fonti estremamente sensibili, e "HCS" significa Humint Control System - informazioni da un molto sensibile fonte umana. Nelle parole di Bamford:

"Presi insieme, gli acronimi indicano che Rendon gode dell'accesso alle informazioni più segrete da tutte e tre le forme di raccolta di intelligence: intercettazioni, satelliti di imaging e spie umane".

Quindi il Pentagono aveva:

1. ha contratto Rendon, una società di propaganda;

2. dato a Rendon l'accesso alle informazioni più classificate della comunità dei servizi segreti, compresi i dati della sorveglianza della NSA;

3. ha incaricato Rendon di facilitare lo sviluppo della strategia delle operazioni di informazione da parte del DoD eseguendo il processo del Forum delle Highlands;

4. e inoltre, ha incaricato Rendon di sovrintendere all'esecuzione concreta di questa strategia sviluppata attraverso il processo dell'Highlands Forum, nelle effettive operazioni di informazione in tutto il mondo in Iraq, Afghanistan e oltre.

L'amministratore delegato di TRG John Rendon rimane strettamente coinvolto nel Pentagon Highlands Forum e nelle operazioni di informazione del DoD in corso nel mondo musulmano. Il suo novembre 2014 biografia per il corso 'Emerging Leaders' della Harvard Kennedy School lo descrive come "un partecipante a organizzazioni lungimiranti come l'Highlands Forum", "uno dei primi leader di pensiero a sfruttare il potere delle tecnologie emergenti a supporto della gestione delle informazioni in tempo reale , "E un esperto di" impatto delle tecnologie informatiche emergenti sul modo in cui le popolazioni pensano e si comportano ". La biografia di Rendon ad Harvard gli attribuisce anche la progettazione e l'esecuzione di "iniziative di comunicazione strategica e programmi di informazione relativi alle operazioni, Odyssey Dawn (Libia), Unified Protector (Libia), Global War on Terrorism (GWOT), Iraqi Freedom, Enduring Freedom (Afghanistan), Allied Force and Joint Guardian (Kosovo), Desert Shield, Desert Storm (Kuwait), Desert Fox (Iraq) e Just Cause (Panama), tra gli altri ".

Rendon's lavoro sulla gestione della percezione e le operazioni di informazione ha anche "assistito una serie di interventi militari statunitensi" altrove, oltre a condurre operazioni di informazione statunitensi in Argentina, Colombia, Haiti e Zimbabwe - in effetti, un totale di 99 paesi. In qualità di ex direttore esecutivo e direttore politico nazionale del Partito Democratico, John Rendon rimane una figura potente a Washington sotto l'amministrazione Obama.

Record del Pentagono Mostra che TRG ha ricevuto oltre 100 milioni di dollari dal DoD dal 2000. Nel 2009, il governo degli Stati Uniti ha annullato un contratto di "comunicazioni strategiche" con TRG dopo che le rivelazioni erano state utilizzate per eliminare i giornalisti che potevano scrivere storie negative sulle forze armate statunitensi in Afghanistan, e promuovere esclusivamente i giornalisti che sostengono la politica statunitense. Eppure, nel 2010, l'amministrazione Obama ha riacquistato Rendon per fornire servizi di "inganno militare" in Iraq.

Da allora, TRG ha fornito consulenza al comando di addestramento e dottrina dell'esercito americano, il comando di operazioni speciali, ed è tuttora contratto all'Ufficio del Segretario alla Difesa, il Comando Elettronico per le Comunicazioni dell'Esercito degli Stati Uniti, oltre a fornire "supporto per le comunicazioni" al Pentagono e alle ambasciate statunitensi per le operazioni antidroga.

TRG vanta anche sul suo portale dedicato che fornisce "Supporto per la guerra irregolare", incluso "supporto operativo e di pianificazione" che "assiste i nostri clienti governativi e militari nello sviluppo di nuovi approcci per contrastare ed erodere il potere, l'influenza e la volontà di un avversario". Gran parte di questo supporto è stato perfezionato negli ultimi dieci anni o più all'interno del Pentagon Highlands Forum.

L'intimo legame del Pentagon Highlands Forum, tramite Rendon, con le operazioni di propaganda condotte sotto Bush e Obama a sostegno della "Lunga Guerra", dimostra il ruolo fondamentale della sorveglianza di massa sia nella guerra irregolare che nelle "comunicazioni strategiche".

Uno dei principali fautori di entrambi è Prof John Arquilla della Naval Postgraduate School, il rinomato analista della difesa statunitense accreditato dello sviluppo del concetto di 'netwar', che oggi sostiene apertamente la necessità di sorveglianza di massa e big data mining per supportare preventivo operazioni per contrastare complotti terroristici. Accade così che Arquilla sia un altro “membro fondatore” dell'Highlands Forum del Pentagono.

Gran parte del suo lavoro sull'idea di "guerra in rete", "dissuasione in rete", "guerra dell'informazione" e "sciame", in gran parte prodotto per la RAND sotto contratto del Pentagono, è stato incubato dal Forum durante i suoi primi anni e quindi è diventato parte integrante del Strategia del Pentagono. Ad esempio, nello studio RAND di Arquilla del 1999, L'emergere di Noopolitik: verso una strategia di informazione americana, lui e il suo coautore David Ronfeldt esprimono la loro gratitudine a Richard O'Neill "per il suo interesse, sostegno e guida" e ai "membri dell'Highlands Forum" per i loro commenti anticipati sullo studio. La maggior parte del suo lavoro RAND accredita l'Highlands Forum e O'Neill per il loro sostegno.

Prof. John Arquilla della Naval Postgraduate School e membro fondatore del Pentagon Highlands Forum

Il lavoro di Arquilla è stato citato in uno studio della National Academy of Sciences del 2006 sul futuro della scienza delle reti commissionato dall'esercito degli Stati Uniti, che ha scoperto sulla base della sua ricerca che: "I progressi nelle tecnologie e nelle telecomunicazioni basate sui computer stanno abilitando i social network che facilitano le affiliazioni di gruppo, comprese le reti terroristiche. " Lo studio ha messo insieme i rischi del terrorismo e dei gruppi di attivisti: "Le implicazioni di questo fatto per le reti criminali, terroristiche, di protesta e di insurrezione sono state esplorate da Arquilla e Ronfeldt (2001) e sono un argomento comune di discussione da parte di gruppi come l'Highlands Forum, che percepire che gli Stati Uniti sono altamente vulnerabili all'interruzione di reti critiche ". Arquilla ha continuato a contribuire a sviluppare strategie di guerra dell'informazione "per le campagne militari in Kosovo, Afghanistan e Iraq", secondo lo storico militare Benjamin Shearer nel suo dizionario biografico, Home Front Heroes (2007) - illustrando ancora una volta il ruolo diretto svolto da alcuni membri chiave del Forum nell'esecuzione delle operazioni di informazione del Pentagono nei teatri di guerra.

Nel suo 2005 New Yorker Inchiesta, il vincitore del Premio Pulitzer Seymour Hersh ha fatto riferimento a una serie di articoli di Arquilla che elaborano una nuova strategia di "contrasto al terrore" con lo pseudo-terrore. "Ci vuole una rete per combattere una rete", ha detto Arquilla, attingendo alla tesi che aveva promosso al Pentagono attraverso l'Highlands Forum sin dalla sua fondazione:

“Quando le operazioni militari convenzionali e i bombardamenti non riuscirono a sconfiggere l'insurrezione Mau Mau in Kenya negli anni '1950, i britannici formarono squadre di amichevoli tribù Kikuyu che facevano finta di essere terroristi. Queste "pseudo gang", come venivano chiamate, gettarono rapidamente i Mau Mau sulla difensiva, facendo amicizia e poi tese imboscate a bande di combattenti o guidando i bombardieri nei campi dei terroristi ".

Arquilla ha continuato sostenendo che i servizi di intelligence occidentali dovrebbero utilizzare il caso britannico come modello per creare nuovi gruppi terroristici di "pseudo gang", come un modo per minare le reti terroristiche "reali":

“Ciò che ha funzionato in Kenya mezzo secolo fa ha una meravigliosa possibilità di minare la fiducia e il reclutamento tra le reti terroristiche odierne. Formare nuove pseudo gang non dovrebbe essere difficile. "

In sostanza, l'argomento di Arquilla era che poiché solo le reti possono combattere le reti, l'unico modo per sconfiggere i nemici che conducono una guerra irregolare è usare tecniche di guerra irregolare contro di loro. In definitiva, il fattore determinante per la vittoria non è la sconfitta militare convenzionale di per sé, ma fino a che punto la direzione del conflitto può essere calibrata per influenzare la popolazione e mobilitare la loro opposizione all'avversario. La strategia di "pseudo-gang" di Arquilla era, ha riferito Hersh, già implementata dal Pentagono:

“Secondo il nuovo approccio di Rumsfeld, mi è stato detto, agli agenti militari statunitensi sarebbe stato permesso di fingersi all'estero come uomini d'affari stranieri corrotti che cercano di acquistare articoli di contrabbando che potrebbero essere usati nei sistemi di armi nucleari. In alcuni casi, secondo i consiglieri del Pentagono, i cittadini locali potrebbero essere reclutati e invitati a unirsi a guerriglieri o terroristi ...

Le nuove regole consentiranno alla comunità delle forze speciali di creare ciò che chiama "squadre di azione" nei paesi di destinazione oltremare che possono essere utilizzati per trovare ed eliminare le organizzazioni terroristiche. "Ricordi le squadre di esecuzione di destra in El Salvador?" mi ha chiesto l'ex funzionario di alto livello dell'intelligence, riferendosi alle bande a guida militare che commisero atrocità all'inizio degli anni Ottanta. "Li abbiamo fondati e li abbiamo finanziati", ha detto. 'L'obiettivo ora è reclutare gente del posto in qualsiasi area desideriamo. E non ne parleremo al Congresso ”. Un ex ufficiale militare, che conosce le capacità di comando del Pentagono, ha detto: "Cavalcheremo con i cattivi ragazzi" ".

La conferma ufficiale che questa strategia è ora operativa è arrivata con la fuga di un manuale sul campo delle operazioni speciali dell'esercito americano del 2008. L'esercito americano, diceva il manuale, può condurre guerra irregolare e non convenzionale utilizzando gruppi non statali surrogati come "forze paramilitari, individui, imprese, organizzazioni politiche straniere, organizzazioni resistenti o ribelli, espatriati, avversari del terrorismo transnazionale, membri del terrorismo transnazionale disillusi, venditori neri e altri" indesiderabili "sociali o politici". Incredibilmente, il manuale riconosceva specificamente che le operazioni speciali degli Stati Uniti possono coinvolgere sia l'antiterrorismo che il "terrorismo", nonché: "Attività criminali transnazionali, tra cui narcotraffico, traffico illecito di armi e transazioni finanziarie illegali". Lo scopo di tali operazioni segrete è, essenzialmente, il controllo della popolazione - sono "specificamente focalizzate sul far leva su una parte della popolazione indigena per accettare lo status quo", o per accettare "qualunque risultato politico" venga imposto o negoziato.

In base a questa logica contorta, il terrorismo può in alcuni casi essere definito come uno strumento legittimo del governo degli Stati Uniti attraverso il quale indurre le popolazioni ad accettare un particolare "risultato politico" - tutto nel nome della lotta al terrorismo.

È questo ciò con cui stava facendo il Pentagono coordinamento i quasi 1 miliardo di dollari di finanziamenti dai regimi del Golfo ai ribelli anti-Assad, la maggior parte dei quali, secondo le valutazioni classificate della stessa CIA, sono finiti nelle casse di violenti estremisti islamici legati ad al-Qaeda, che ha poi generato lo `` Stato islamico '' ?

La motivazione della nuova strategia è stata ufficialmente esposta per la prima volta in un briefing dell'agosto 2002 per il Defense Science Board del Pentagono, che ha sostenuto la creazione di un "Gruppo operativo proattivo e preventivo'(P2OG) all'interno del Consiglio di sicurezza nazionale. Il P2OG, ha proposto il Consiglio, deve condurre operazioni clandestine per infiltrarsi e "stimolare reazioni" tra le reti terroristiche per provocarle in azione, e quindi facilitare il loro attacco.

Il Defense Science Board è, come altre agenzie del Pentagono, intimamente connesso con l'Highlands Forum, il cui lavoro alimenta la ricerca del Board, che a sua volta viene regolarmente presentato al Forum.

Secondo le fonti dell'intelligence statunitense che hanno parlato con Hersh, Rumsfeld aveva assicurato che il nuovo tipo di operazioni nere sarebbe stato condotto interamente sotto la giurisdizione del Pentagono, bloccato dalla CIA e dai comandanti militari regionali degli Stati Uniti, ed eseguito dal suo stesso comando segreto delle operazioni speciali. Quella catena di comando includerebbe, oltre allo stesso segretario alla Difesa, due dei suoi vice, compreso il sottosegretario alla Difesa per l'intelligence: la posizione che sovrintende all'Highlands Forum.

All'interno dell'Highlands Forum, le tecniche di operazioni speciali esplorate da Arquilla sono state riprese da molti altri in direzioni sempre più incentrate sulla propaganda - tra loro, il dottor Lochard, come visto in precedenza, e anche la dottoressa Amy Zalman, che si concentra in particolare sull'idea delle forze armate statunitensi che usano "narrazioni strategiche" per influenzare l'opinione pubblica e vincere le guerre.

Come il suo collega, il membro fondatore dell'Highlands Forum Jeff Cooper, Zalman è stato istruito nelle viscere di SAIC / Leidos. Dal 2007 al 2012, è stata una stratega senior SAIC, prima di diventare presidente del Dipartimento della Difesa per l'integrazione delle informazioni presso il National War College dell'esercito degli Stati Uniti, dove si è concentrata su come mettere a punto la propaganda per ottenere le risposte precise desiderate dai gruppi target, sulla base di comprensione completa di questi gruppi. Dall'estate dello scorso anno è diventata CEO della World Futures Society.

La dottoressa Amy Zalman, ex stratega SAIC, è CEO della World Futures Society e da lungo tempo delegata del Pentagono Highlands Forum consulente per il governo degli Stati Uniti sulle comunicazioni strategiche nella guerra irregolare

Nel 2005, lo stesso anno in cui Hersh riferì che era in corso la strategia del Pentagono di "stimolare le reazioni" tra i terroristi provocandoli, Zalman pronunciò un briefing al Pentagono Highlands Forum intitolato, "A sostegno di un approccio teorico narrativo alla comunicazione strategica degli Stati Uniti." Da allora, Zalman è passato molto tempo Delegato del Forum delle Highlands, e ha presentato il suo lavoro sulle comunicazioni strategiche a una serie di agenzie governative degli Stati Uniti, forum della NATO, oltre a insegnare corsi di guerra irregolare ai soldati presso la Joint Special Operations University degli Stati Uniti.

Il suo briefing dell'Highlands Forum del 2005 non è disponibile al pubblico, ma la spinta dell'input di Zalman nella componente informativa delle strategie delle operazioni speciali del Pentagono può essere raccolta da alcuni dei suoi lavori pubblicati. Nel 2010, quando era ancora attaccata a SAIC, lei Carta della NATO ha osservato che una componente chiave della guerra irregolare è "ottenere un certo grado di sostegno emotivo dalla popolazione influenzando le loro percezioni soggettive". Ha sostenuto che il modo migliore per ottenere tale influenza va ben oltre la propaganda tradizionale e le tecniche di messaggistica. Piuttosto, gli analisti devono "mettersi nella pelle delle persone sotto osservazione".

Zalman ne ha rilasciato un altro carta lo stesso anno tramite l'IO Journal, pubblicato dall'Information Operations Institute, che si definisce un “gruppo di interesse speciale” dell'Associaton of Old Crows. Quest'ultima è un'associazione professionale per teorici e professionisti della guerra elettronica e delle operazioni di informazione, presieduta da Kenneth Israel, vice presidente di Lockheed Martin, e vicepresidente da David Himes, che si è ritirato lo scorso anno dalla sua posizione di consulente senior in guerra elettronica presso il Laboratorio di ricerca dell'aeronautica degli Stati Uniti.

In questo documento, intitolato "La narrazione come fattore di influenza nelle operazioni di informazione", Zalman lamenta che le forze armate statunitensi abbiano "trovato difficile creare narrazioni o storie avvincenti, sia per esprimere i propri obiettivi strategici, sia per comunicare in situazioni discrete, come le morti di civili". Alla fine, conclude che "la complessa questione delle morti di civili" dovrebbe essere affrontata non solo con "scuse e risarcimenti" - che comunque si verifica a malapena - ma propagando narrazioni che ritraggono personaggi con cui il pubblico si connette (in questo caso, ' il pubblico "essendo" popolazioni in zone di guerra "). Questo per facilitare il pubblico a risolvere le lotte in un "modo positivo", definito, ovviamente, dagli interessi militari statunitensi. Impegnarsi emotivamente in questo modo con i "sopravvissuti ai morti" dall'azione militare statunitense potrebbe "rivelarsi una forma di influenza empatica". In tutto, Zalman è incapace di mettere in discussione la legittimità degli obiettivi strategici degli Stati Uniti, o di riconoscere che l'impatto di tali obiettivi nell'accumulo di morti civili, è precisamente il problema che deve cambiare - in contrasto con il modo in cui sono ideologicamente inquadrati per le popolazioni soggette all'azione militare.

"Empatia", qui, è solo uno strumento con cui manipolare.

Nel 2012, Zalman ha scritto un articolo per Il globalista cercando di dimostrare come fosse necessario superare la rigida delineazione di 'hard power' e 'soft power', per riconoscere che l'uso della forza richiede il giusto effetto simbolico e culturale per garantire il successo:

“Finché la difesa e la diplomazia economica resteranno in una scatola etichettata come 'hard power', non riusciamo a vedere quanto il loro successo dipenda dai loro effetti simbolici oltre che da quelli materiali. Finché gli sforzi diplomatici e culturali sono conservati in una scatola contrassegnata con "potere morbido", non riusciamo a vedere i modi in cui possono essere usati in modo coercitivo o produrre effetti simili a quelli prodotti dalla violenza ".

Dato il profondo coinvolgimento di SAIC nel Forum delle Highlands del Pentagono, e attraverso di esso lo sviluppo di strategie di informazione sulla sorveglianza, la guerra irregolare e la propaganda, non sorprende che SAIC fosse l'altra importante azienda di difesa privata incaricata di generare propaganda nel periodo precedente all'Iraq. War 2003, insieme a TRG.

"I dirigenti della SAIC sono stati coinvolti in ogni fase ... della guerra in Iraq", ha riferito Vanity Fair, ironia della sorte, in termini di divulgazione deliberata di false affermazioni sulle armi di distruzione di massa e quindi di indagare sul "fallimento dell'intelligence" intorno alle false affermazioni di armi di distruzione di massa. David Kay, ad esempio, che era stato assunto dalla CIA nel 2003 per dare la caccia alle armi di distruzione di massa di Saddam come capo dell'Iraq Survey Group, è stato fino all'ottobre 2002 un vicepresidente senior della SAIC che martellava "la minaccia rappresentata dall'Iraq" con il contratto del Pentagono. . Quando le armi di distruzione di massa non sono emerse, la commissione del presidente Bush per indagare su questo "fallimento dell'intelligence" degli Stati Uniti includeva tre dirigenti SAIC, tra i quali Jeffrey Cooper, membro fondatore dell'Highlands Forum. Lo stesso anno della nomina di Kay all'Iraq Survey Group, il segretario alla difesa di Clinton William Perry - l'uomo sotto i cui ordini è stato istituito l'Highlands Forum - è entrato a far parte del consiglio di SAIC. L'indagine condotta da Cooper e da tutti gli altri ha lasciato che l'amministrazione Bush si liberasse della produzione di propaganda per legittimare la guerra - non sorprende, dato il ruolo fondamentale di Cooper nella stessa rete del Pentagono che ha prodotto quella propaganda.

La SAIC era anche tra i tanti appaltatori che hanno profittato profumatamente dagli accordi di ricostruzione iracheni, e lo era contratta dopo la guerra per promuovere all'estero le narrazioni filoamericane. Allo stesso modo del lavoro di Rendon, l'idea era che le storie piantate all'estero sarebbero state raccolte dai media statunitensi per il consumo interno.

Delegati al 46 ° Forum delle Highlands del Pentagono nel dicembre 2011, da destra a sinistra: John Seely Brown, capo scienziato / direttore di Xerox PARC dal 1990 al 2002 e uno dei primi membri del consiglio di In-Q-Tel; Ann Pendleton-Jullian, coautrice con Brown di un manoscritto, Design Unbound; Antonio e Hanna Damasio, rispettivamente neurologo e neurobiologo che fanno parte di un progetto di propaganda finanziato dal DARPA

Ma la promozione da parte del Pentagon Highlands Forum di tecniche avanzate di propaganda non è esclusiva dei delegati centrali e di vecchia data come Rendon e Zalman. Nel 2011, il Forum ha ospitato due scienziati finanziati dalla DARPA, Antonio e Hanna Damasio, che sono i principali ricercatori del progetto "Neurobiology of Narrative Framing" presso l'Università della California meridionale. Evocando l'enfasi di Zalman sulla necessità che le operazioni psicologiche del Pentagono dispieghino "un'influenza empatica", il nuovo DARPA progetto mira a indagare come le narrazioni spesso si appellino "a valori sacri e forti per evocare una risposta emotiva", ma in modi diversi nelle diverse culture. L'elemento più inquietante della ricerca è il suo focus sul tentativo di capire come aumentare la capacità del Pentagono di dispiegare narrazioni che influenzano gli ascoltatori in un modo che prevale sul ragionamento convenzionale nel contesto di azioni moralmente discutibili.

Il progetto descrizione spiega che la reazione psicologica agli eventi narrati è "influenzata dal modo in cui il narratore inquadra gli eventi, facendo appello a diversi valori, conoscenze ed esperienze dell'ascoltatore". L'inquadramento narrativo che "prende di mira i valori sacri dell'ascoltatore, inclusi i valori fondamentali personali, nazionalistici e / o religiosi, è particolarmente efficace nell'influenzare l'interpretazione dell'ascoltatore degli eventi narrati", perché tali "valori sacri" sono strettamente legati alla "psicologia di identità, emozione, processo decisionale morale e cognizione sociale ". Applicando l'inquadratura sacra anche a questioni banali, tali questioni "possono acquisire proprietà di valori sacri e provocare una forte avversione all'uso del ragionamento convenzionale per interpretarli". I due Damasio e il loro team stanno esplorando quale ruolo giocano i "meccanismi linguistici e neuropsicologici" nel determinare "l'efficacia dell'inquadramento narrativo utilizzando valori sacri nell'influenzare l'interpretazione degli eventi da parte dell'ascoltatore".

La ricerca si basa sull'estrazione di narrazioni da milioni di weblog americani, iraniani e cinesi e sottoponendoli ad un'analisi automatica del discorso per confrontarli quantitativamente tra le tre lingue. Gli investigatori seguono quindi esperimenti comportamentali con lettori / ascoltatori di culture diverse per valutare la loro reazione narrazioni diverse "in cui ogni storia fa appello a un valore sacro per spiegare o giustificare un comportamento moralmente discutibile dell'autore". Infine, gli scienziati applicano la scansione neurobiologica fMRI per correlare le reazioni e le caratteristiche personali dei soggetti con le loro risposte cerebrali.

Perché il Pentagono finanzia la ricerca studiando come sfruttare i "valori sacri" delle persone per estinguere la loro capacità di ragionamento logico e migliorare la loro apertura emotiva a "comportamenti moralmente discutibili"?

L'attenzione su inglese, farsi e cinese potrebbe anche rivelare che le attuali preoccupazioni del Pentagono riguardano principalmente lo sviluppo di operazioni di informazione contro due avversari chiave, Iran e Cina, il che rientra nelle ambizioni di lunga data di proiettare un'influenza strategica in Medio Oriente, Asia centrale e sud-est asiatico. . Allo stesso modo, l'enfasi sulla lingua inglese, in particolare dai weblog americani, suggerisce ulteriormente che il Pentagono è preoccupato di proiettare propaganda per influenzare l'opinione pubblica a casa.

Rosemary Wenchel (a sinistra) del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti con Jeff "Skunk" Baxter, un ex musicista e ora consulente della difesa statunitense che ha lavorato per appaltatori come SAIC e Northrup Grumman. Il dirigente di SAIC / Leidos Jeff Cooper è dietro di loro

Per non presumere che il desiderio della DARPA di estrarre milioni di blog americani come parte della sua ricerca sulla `` neurobiologia dell'inquadramento narrativo '' sia un mero caso di selezione casuale, un altro co-presidente del Pentagon Highlands Forum negli ultimi anni è Rosemary Wenchel, ex direttrice di capacità cibernetiche e supporto operativo presso l'Ufficio del Segretario della Difesa. Dal 2012, Wenchel è vice segretario aggiunto per la strategia e la politica presso il Dipartimento per la sicurezza interna.

Come dimostra l'ampio finanziamento della propaganda sull'Iraq e l'Afghanistan da parte del Pentagono, l'influenza e la propaganda della popolazione sono fondamentali non solo nei teatri lontani all'estero in regioni strategiche, ma anche in patria, per sedare il rischio che l'opinione pubblica interna metta a repentaglio la legittimità della politica del Pentagono. . Nella foto sopra, Wenchel sta parlando con Jeff Baxter, un consulente di lunga data della difesa e dell'intelligence statunitense. Nel settembre 2005, Baxter faceva parte di un presunto "indipendente" gruppo di studio (presieduto dall'appaltatore della NSA Booz Allen Hamilton) commissionato dal Department of Homeland Security, che ha raccomandato un ruolo maggiore per i satelliti spia statunitensi nel monitoraggio del popolazione domestica.

Nel frattempo, Zalman e Rendon, pur rimanendo entrambi strettamente coinvolti nel Pentagon Highlands Forum, continuano a essere corteggiati dalle forze armate statunitensi per la loro esperienza nelle operazioni di informazione. Nell'ottobre 2014, entrambi hanno partecipato a un'importante valutazione strategica multistrato conferenza sponsorizzato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dal Joint Chiefs of Staff, intitolato 'Un nuovo paradigma dell'informazione? Dai geni ai "Big Data" e Instagram alla sorveglianza persistente ... Implicazioni per la sicurezza nazionale ". Altri delegati rappresentavano alti funzionari militari statunitensi, dirigenti dell'industria della difesa, funzionari della comunità dell'intelligence, think tank di Washington e accademici.

John Rendon, CEO di The Rendon Group, a una sessione dell'Highlands Forum nel 2010

Rendon e SAIC / Leidos, due aziende che sono state centrali nell'evoluzione stessa della strategia delle operazioni informative del Pentagono attraverso il loro fondamentale coinvolgimento nell'Highlands Forum, continuano ad essere contrattate per operazioni chiave sotto l'amministrazione Obama. Un'amministrazione dei servizi generali degli Stati Uniti documento, ad esempio, mostra che Rendon ha ottenuto un importante contratto 2010-2015 per la fornitura di servizi generali di supporto per i media e le comunicazioni tra le agenzie federali. Allo stesso modo, SAIC / Leidos ha $ 400 milioni 2010-2015 contract con l'US Army Research Laboratory per “Expeditionary Warfare; Guerra irregolare; Operazioni speciali; Operazioni di stabilizzazione e ricostruzione "- un contratto che" è in preparazione ora per il completamento ".

Sotto Obama, il nesso tra potere aziendale, industriale e finanziario rappresentato dagli interessi che partecipano al Pentagon Highlands Forum si è consolidato a un livello senza precedenti.

Per coincidenza, il giorno stesso Obama ha annunciato le dimissioni di Hagel, il DoD ha emesso un comunicato stampa sottolineando come Robert O. Work, il vice segretario alla difesa di Hagel nominato da Obama nel 2013, avesse pianificato di portare avanti la Defense Innovation Initiative che Hagel aveva appena annunciato una settimana prima. La nuova iniziativa mirava a garantire che il Pentagono subisse una trasformazione a lungo termine per stare al passo con le tecnologie dirompenti all'avanguardia nelle operazioni di informazione.

Qualunque siano le vere ragioni dell'espulsione di Hagel, questa è stata una vittoria simbolica e tangibile per Marshall e la visione dell'Highlands Forum. Il co-presidente dell'Highlands Forum Andrew Marshall, capo dell'ONA, potrebbe effettivamente andare in pensione. Ma il Pentagono post-Hagel è ora composto dai suoi seguaci.

Robert Work, che ora presiede il nuovo schema di trasformazione del DoD, è un fedele accolito di Marshall che in precedenza aveva diretto e analizzato i giochi di guerra per l'Office of Net Assessment. Come Marshall, Wells, O'Neill e altri membri dell'Highlands Forum, anche il lavoro è un robot fantasista che ha condotto lo studio, Prepararsi alla guerra nell'era robotica, pubblicato all'inizio dello scorso anno dal Center for a New American Security (CNAS).

Anche il lavoro è rivolto a determinare il futuro dell'ONA, assistito dal suo stratega Tom Ehrhard e dal sottosegretario all'intelligence del Dipartimento della Difesa Michael G. Vickers, sotto la cui autorità attualmente gestisce l'Highlands Forum. Ehrard, un sostenitore di "integrazione di tecnologie dirompenti in DoD ", in precedenza era stato assistente militare di Marshall nell'ONA, mentre Mike Vickers - che sovrintende ad agenzie di sorveglianza come la NSA - era stato anche precedentemente assunto da Marshall per consulenze per il Pentagono.

Vickers è anche uno dei principali sostenitori di guerra irregolare. In qualità di assistente segretario alla difesa per operazioni speciali e conflitti a bassa intensità sotto l'ex segretario alla difesa Robert Gates sia nell'amministrazione Bush che in quella Obama, la visione di guerra irregolare di Vickers ha spinto per "operazioni distribuite in tutto il mondo", incluso "in decine di paesi con cui gli Stati Uniti sono not at war ", come parte di un programma di" counter network warfare "che utilizza una" rete per combattere una rete "- una strategia che ovviamente ha tutto l'Highlands Forum dappertutto. Nel suo precedente ruolo sotto Gates, Vickers ha aumentato il budget per operazioni speciali tra cui operazioni psicologiche, trasporto invisibile, schieramento di droni Predator e "l'utilizzo di sorveglianza e ricognizione ad alta tecnologia per tracciare e prendere di mira terroristi e ribelli".

Per sostituire Hagel, Obama ha nominato Ashton Carter, ex vice segretario alla Difesa dal 2009 al 2013, la cui esperienza in budget e appalti secondo il Wall Street Journal è "previsto per promuovere alcune delle iniziative sostenute dall'attuale deputato del Pentagono, Robert Work, compreso uno sforzo per sviluppare nuove strategie e tecnologie per preservare il vantaggio degli Stati Uniti sul campo di battaglia".

Nel 1999, dopo tre anni come assistente segretario alla difesa di Clinton, Carter è stato coautore di un studio con l'ex segretario alla Difesa William J. Perry che sostiene una nuova forma di "guerra con controllo remoto" facilitata dalla "tecnologia digitale e dal flusso costante di informazioni". Uno dei colleghi di Carter al Pentagono durante il suo mandato a quel tempo era il co-presidente dell'Highlands Forum Linton Wells; ed è stato Perry, naturalmente, che come allora segretario alla difesa ha nominato Richard O'Neill per istituire l'Highlands Forum come think tank IO del Pentagono nel 1994.

Il signore dell'Highlands Forum Perry è entrato a far parte del consiglio di SAIC, prima di diventare presidente di un altro gigante appaltatore della difesa, Global Technology Partners (GTP). E Ashton Carter era nel consiglio di amministrazione di GTP sotto Perry, prima di essere nominato segretario alla Difesa da Obama. Durante il precedente incarico al Pentagono sotto Obama, Carter ha lavorato a stretto contatto con il lavoro e l'attuale sottosegretario alla Difesa Frank Kendall. Difesa fonti del settore gioire per il fatto che il nuovo team del Pentagono "migliorerà notevolmente" le possibilità di "spingere grandi progetti di riforma" al Pentagono "oltre il traguardo".

Anzi, quello di Carter priorità in qualità di capo della difesa nominato sta identificando e acquisendo una nuova "tecnologia dirompente" commerciale per migliorare la strategia militare degli Stati Uniti - in altre parole, eseguire il Piano DoD Skynet.

Le origini della nuova iniziativa di innovazione del Pentagono possono quindi essere ricondotte a idee che sono state ampiamente diffuse all'interno del Pentagono decenni fa, ma che non sono riuscite a mettere completamente radici fino ad ora. Tra il 2006 e il 2010, lo stesso periodo in cui tali idee venivano sviluppate da esperti dell'Highlands Forum come Lochard, Zalman e Rendon, tra molti altri, l'Office of Net Assessment ha fornito un meccanismo diretto per incanalare queste idee in strategie concrete e nello sviluppo di politiche attraverso la Quadriennale della Difesa, dove c'era il contributo di Marshall principalmente responsabile per l'espansione del mondo "nero": "operazioni speciali", "guerra elettronica" e "operazioni di informazione".

Andrew Marshall, ora capo in pensione dell'Office of Net Assessment del DoD e co-presidente del Forum Highlands, in una sessione del Forum nel 2008

Marshall prima dell'9 settembre visione di un sistema militare completamente in rete e automatizzato ha trovato la sua fruizione nel Pentagono Studio Skynet rilasciato dalla National Defense University nel settembre 2014, che è stato scritto in collaborazione con il collega di Marshall all'Highlands Forum, Linton Wells. Molte delle raccomandazioni di Wells devono ora essere eseguite tramite la nuova Iniziativa per l'innovazione della difesa da veterani e affiliati dell'ONA e dell'Highlands Forum.

Dato che il white paper di Wells ha evidenziato il vivo interesse del Pentagono nel monopolizzare la ricerca sull'IA per monopolizzare la guerra robotica autonoma in rete, non sorprende del tutto che i partner sponsor del Forum a SAIC / Leidos mostrino una bizzarra sensibilità sull'uso pubblico della parola "Skynet".

Su una Wikipedia iscrizione intitolato "Skynet (immaginario)", le persone che utilizzavano computer SAIC hanno cancellato diversi paragrafi nella sezione "Curiosità" che indicavano "Skynet" del mondo reale, come il sistema satellitare militare britannico, e vari progetti di tecnologia dell'informazione.

La partenza di Hagel ha spianato la strada ai funzionari del Pentagono legati all'Highlands Forum per consolidare l'influenza del governo. Questi funzionari sono incorporati in una rete ombra di lunga data di funzionari politici, industriali, dei media e aziendali che siedono invisibilmente dietro la sede del governo, ma scrivono letteralmente le sue politiche di sicurezza nazionale estera e interna se l'amministrazione è Democratica o Repubblicana, contribuendo con `` idee '' e forgiando relazioni governo-industria.

È questa sorta di rete a porte chiuse che ha reso inutile il voto americano. Lungi dal proteggere l'interesse pubblico o aiutare a combattere il terrorismo, il monitoraggio completo delle comunicazioni elettroniche è stato sistematicamente abusato per rafforzare gli interessi acquisiti nei settori dell'energia, della difesa e dell'informatica.

Lo stato di guerra globale permanente che è derivato dalle alleanze del Pentagono con appaltatori privati ​​e dall'irresponsabile sfruttamento delle competenze informatiche, non sta rendendo nessuno più sicuro, ma ha generato una nuova generazione di terroristi sotto forma del cosiddetto `` Stato islamico '' - esso stesso un Frankenstein sottoprodotto della putrida combinazione della brutalità di Assad e delle operazioni segrete statunitensi di lunga data nella regione. L'esistenza di questo Frankenstein è ora cinica Exploited da appaltatori privati ​​che cercano di trarre profitto in modo esponenziale dall'espansione dell'apparato di sicurezza nazionale, in un momento in cui la volatilità economica ha spinto i governi a tagliare la spesa per la difesa.

Secondo la Securities and Exchange Commission, dal 2008 al 2013, i cinque maggiori appaltatori della difesa degli Stati Uniti hanno perso il 14 per cento dei loro dipendenti, poiché la fine delle guerre statunitensi in Iraq e Afghanistan ha portato alla mancanza di affari e alle entrate ridotte. La continuazione della "Lunga Guerra" innescata dall'ISIS ha, per ora, invertito le loro sorti. Le aziende che traggono profitto dalla nuova guerra includono molti collegato al Forum delle Highlands, come Leidos, Lockheed Martin, Northrup Grumman e Boeing. La guerra è davvero un racket.

Eppure, a lungo termine, le informazioni che hanno gli imperialisti già fallito. Questa indagine si basa interamente su tecniche open source, rese praticabili in gran parte nel contesto della stessa rivoluzione informatica che ha consentito a Google. L'indagine è stata finanziata interamente da membri del pubblico, attraverso il crowdfunding. E l'indagine è stata pubblicata e distribuita al di fuori dei circuiti dei media tradizionali, proprio per sottolineare che in questa nuova era digitale, concentrazioni di potere centralizzate dall'alto verso il basso non possono superare il potere delle persone, il loro amore per la verità e la giustizia, e il loro voglia di condividere.

Quali sono le lezioni di questa ironia? Semplice, davvero: la rivoluzione dell'informazione è intrinsecamente decentralizzata e decentralizzata. Non può essere controllato e cooptato dal Grande Fratello. Gli sforzi per farlo alla fine falliranno invariabilmente, in un modo che alla fine è controproducente.

L'ultima folle iniziativa del Pentagono per dominare il mondo attraverso il controllo delle informazioni e delle tecnologie dell'informazione, non è un segno della natura onnipotente della rete ombra, ma piuttosto un sintomo della sua illusa disperazione mentre tenta di scongiurare l'accelerazione del suo declino egemonico.

Ma il declino è sulla buona strada. E questa storia, come tante altre prima, è un piccolo segno che le opportunità per mobilitare la rivoluzione informatica a beneficio di tutti, nonostante gli sforzi del potere per nascondersi nell'ombra, sono più forte Che mai.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
10 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
justsayin

Non ho paura di loro! Queste sono guide cieche e cani morti. Il mondo li sostiene come genio, profeti, le menti più intelligenti della terra! Scienziati, atei e io vi dirò la verità che sono tutti satanisti. Satana non sa tutto, ha bisogno di questi manichini per aiutarlo a controllare il mondo intero. Il sito web della World Future Society dice così: "Risveglia la mentalità futurista in tutti per co-creare nuovi sistemi di civiltà". Capire? Mi piace quello che il giovane re Davide ha detto prima di colpire il Filisteo con la sua fionda e una pietra e tagliare la testa a Golia,... Per saperne di più »

[…] Flashback: come e perché la CIA ha creato Google […]

[…] Flashback: come e perché la CIA ha creato Google - Technocracy News […]

[…] Per saperne di più: come e perché la CIA ha creato Google […]

[…] Technocracy News […]

[…] Dell'universo del capitale di rischio e molte delle stesse associazioni accademiche, federali e militari rimangono in vigore. È qui che il Pentagono ei suoi partner si sono uniti per creare Internet e tutti gli altri militari [...]

[…] Dell'universo del capitale di rischio e molte delle stesse associazioni accademiche, federali e militari rimangono in vigore. È qui che il Pentagono ei suoi partner si sono uniti per creare Internet e tutti gli altri militari [...]

[…] Dell'universo del capitale di rischio e molte delle stesse associazioni accademiche, federali e militari rimangono in vigore. È qui che il Pentagono ei suoi partner si sono uniti per creare Internet e tutti gli altri militari [...]

[…] L'universo del capitale di rischio e molte delle stesse associazioni accademiche, federali e militari rimangono in vigore. È qui che il Pentagono ei suoi partner si sono uniti per creare Internet e tutti gli altri militari [...]