I federali cercano di cambiare i rapporti sulla criptovaluta in sorveglianza di massa

Wikimedia Commons, modificato da CoinDesk
Per favore, condividi questa storia!
Come descritto in Technocracy: The Hard Road to World Order, FinTech è il sostituto scelto per le valute nazionali ed è sempre stato inteso come un sistema di sorveglianza di massa di tutte le transazioni finanziarie. Ora il piano è chiarito. ⁃ TN Editor

Nel tardo pomeriggio del venerdì prima di Natale, il Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha proposto un regolamento che introduce la raccolta dei dati e i requisiti di segnalazione per la criptovaluta. FinCEN ha concesso al pubblico solo 15 giorni per commentare, durante le vacanze, invece dei soliti 60 giorni. Questo è stato un chiaro tentativo di far passare un regolamento di mezzanotte senza dare al pubblico il tempo di rispondere, e si è ritorto contro. Nonostante la breve tempistica, più o meno 7,500 persone ed entità hanno presentato commenti che condannano la proposta, il massimo che FinCEN ha ricevuto su qualsiasi proposta di regolamentazione. I commenti su questa proposta costituiscono quasi il 70% di tutti i commenti che FinCEN ha ricevuto su tutte le regole dal 2008 messe insieme.

Tante persone hanno parlato di questa proposta di regolamento perché è una palese violazione delle libertà civili. La proposta richiederebbe ad alcune aziende come gli scambi di criptovaluta di raccogliere dati sull'identità non solo sui propri clienti ma anche su no-clienti che effettuano transazioni con i propri clienti e di conservare tali dati e di consegnarli al governo federale quando le transazioni superano un determinato importo. Ciò darebbe al governo l'accesso a raccolte di dati finanziari sensibili, andando ben oltre i requisiti di FinCEN per le transazioni non di criptovaluta.

Inoltre, il regolamento fornirebbe al governo molti più dati di quanto il regolamento stesso contempli. Il regolamento proposto darebbe al governo le identità associate agli indirizzi dei portafogli di criptovaluta. A causa della natura dei blockchain pubblici, ciò significa che il governo conoscerebbe l'identità associata per tutti i nostri marchi storici transazioni per quegli indirizzi di portafoglio, anche quando gli importi di tali transazioni sono molto al di sotto della soglia di segnalazione.

Nella Electronic Frontier Foundation commento su proposta di FinCEN, Rainey Reitman, Danny O'Brien, Aaron Mackey e io sosteniamo che il regolamento proposto viola il quarto emendamento della costituzione degli Stati Uniti.

Il quarto emendamento richiede che le forze dell'ordine ottengano un mandato supportato da una causa probabile prima di condurre una perquisizione o un sequestro. Allora perché, nel sistema finanziario tradizionale, le forze dell'ordine possono impegnarsi nella sorveglianza di massa dei clienti delle banche senza un mandato? La risposta è la dottrina di terze parti: l'idea che le persone non abbiano una ragionevole aspettativa di privacy nei dati che condividono con una terza parte come una banca. Nel 1976, la Corte Suprema degli Stati Uniti si tenne in US v. Miller che la legge sul segreto bancario (così come è stata implementata all'epoca) non violava il quarto emendamento a causa di questa dottrina di terze parti.

Ma credo che la Corte giungerebbe a una decisione diversa se di fronte alla proposta di regolamento di FinCEN - o, in effetti, alla sorveglianza di massa che siamo arrivati ​​ad accettare come normale nel sistema bancario di oggi. Anche negli anni '1970, il giudice della Corte Suprema che ha creato Miller ha scritto in un altro caso che “le transazioni finanziarie possono rivelare molto sulle attività, le associazioni e le convinzioni di una persona. Ad un certo punto, l'intrusione del governo in queste aree implicherebbe legittime aspettative di privacy ". Da Miller, il governo ha fatto molto ampliato la portata del Bank Secrecy Act - e la decisione del 1976 è stata una sfida applicata alla legge così come è stata attuata all'epoca. La proposta di regolamento di FinCEN va anche oltre le altre attività di FinCEN in contesti non di criptovaluta.

Leggi la storia completa qui ...

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tom Spanne

Patrick.

Se avessimo una Costituzione efficace avresti ragione. Sfortunatamente, nessuno segue più la Costituzione né la Carta dei diritti.