Direttore dell'FBI: The Whole Of Chinese Society è una minaccia per gli Stati Uniti

Per favore, condividi questa storia!
La Cina è completamente intenzionale su tutto ciò che fa per ottenere influenza straniera e il suo intero apparato nazionale è focalizzato esclusivamente sull'acquisizione di influenza straniera. Spionaggio, hacking, Istituti Confucio, commercio (aziende come Huawei), ecc. Per una mente Technocrat, l'efficienza e la persistenza sono supreme e ogni azione ha uno scopo. ⁃ Editor TN

Il direttore dell'FBI Christopher Wray ha ribadito martedì l'opinione comune secondo cui la Cina sta cercando di diventare una superpotenza globale con mezzi non convenzionali, ma ha inquadrato la minaccia che la Cina pone agli Stati Uniti non solo come governativa, ma anche sociale.

Parlando davanti al Comitato di intelligence del Senato a fianco delle teste di altre agenzie di intelligence statunitensi, Wray ha detto ai senatori che la Cina sta utilizzando una serie di metodi per minare il potere militare, economico, culturale e informativo americano in tutto il mondo che si basa su qualcosa di più delle sole istituzioni statali cinesi.

"Una delle cose che stiamo cercando di fare è vedere la minaccia cinese non solo come una minaccia per il governo, ma come una minaccia per l'intera società", ha detto Wray, "e penso che ci vorrà un intero- risposta della società da parte nostra. "

Il direttore dell'intelligence nazionale Dan Coats ha espresso un sentimento simile dopo che il senatore Marco Rubio gli ha chiesto dei piani della Cina per superare gli Stati Uniti come potenza mondiale suprema.

"Non c'è dubbio che quello che hai appena articolato è quello che sta succedendo con la Cina", ha detto Coats. “Lo stanno facendo in un modo molto intelligente; lo stanno facendo in modo molto efficace; stanno guardando oltre la loro regione ".

Coats ha detto che diverse agenzie stanno conducendo "studi intensivi" per capire i modi in cui la Cina sta cercando di portare avanti la sua agenda globale.

La spada a doppio taglio di accademici aperti

Wray ha indicato l'uso da parte della Cina di fonti di intelligence non convenzionali come esempio della sua portata.

Egli ha detto "collezionisti”- ciò che la comunità dell'intelligence chiama persone che raccolgono informazioni per conto di agenzie o governi - si erano infiltrate nelle università statunitensi.

"Penso che in questo contesto, vorrei solo dire che l'uso di collezionisti non tradizionali - specialmente in ambito accademico, che si tratti di professori, scienziati, studenti - vediamo in quasi tutti gli uffici sul campo che l'FBI ha in tutto il paese", ha detto Wray .

"Stanno sfruttando l'ambiente molto aperto di ricerca e sviluppo che abbiamo, che noi tutti rispettiamo, ma ne stanno approfittando", ha detto Wray, aggiungendo che c'era un '"ingenuità" tra gli accademici sui rischi posti da cittadini stranieri nelle università statunitensi.

L'Institute of International Education ha riscontrato l'ammissione delle università statunitensi più di 1 milioni di studenti internazionali nell'anno scolastico 2015-16, quasi 329,000 di cui erano studenti cinesi.

Sebbene non vi siano prove del fatto che un gran numero di studenti o accademici cinesi nelle università statunitensi costituisca una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti, il governo cinese utilizza diversi sforzi educativi come veicoli per il soft power.

Uno è il Istituti Confucio, a cui ha accennato Rubio durante l'udienza del Senato.

Questi istituti rispecchiano molte altre entità di educazione delle lingue straniere che i paesi finanziano in tutto il mondo, ma con un paio di avvertenze. Invece di esistere come organismi autonomi, vengono inseriti nelle università degli Stati Uniti e altrove. E Politica estera segnalata l'anno scorso che sebbene la loro missione sia quella di promuovere la diplomazia culturale, diffondono la propaganda cinese e limitano ciò che insegnano i professori.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti