Commissione europea: integrazione delle politiche sostenibili per il futuro europeo

Commissione europeaCommissione europea
Per favore, condividi questa storia!

I tecnocrati all'interno dell'UE sono pienamente intenzionati a "integrare" gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite nel quadro politico dell'UE. Forse il termine "trasformazione profonda" si adatta meglio.  Editor TN

Comunicazione sui prossimi passi per un futuro europeo sostenibile, presentato dal vicepresidente Timmermans, comprende le dimensioni economica, sociale e ambientale dello sviluppo sostenibile, nonché della governance, all'interno dell'UE e a livello globale. Lo sviluppo sostenibile è una responsabilità condivisa dell'Unione europea, degli Stati membri e di tutte le parti interessate. È un'agenda comune per cittadini, organizzazioni e imprese nella vita e nelle operazioni quotidiane. La società in generale deve integrare la sostenibilità come principio guida nelle molte scelte che ogni cittadino, azienda e società civile compiono ogni giorno. La presente comunicazione unisce gli OSS dell'agenda 2030 al quadro politico europeo e alle priorità della Commissione, valutando la nostra posizione, identificando le preoccupazioni più rilevanti in materia di sostenibilità e garantendo che tutte le nostre azioni e iniziative politiche, all'interno dell'UE e a livello globale, assumano gli OSS bordo all'inizio.

Quali sono gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS)?

2015 ha segnato un anno decisivo per lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo. I leader mondiali hanno adottato alla 70th Assemblea generale delle Nazioni Unite su 25 settembre 2015 un nuovo quadro globale per lo sviluppo sostenibile: il 2030 Agenda per lo Sviluppo Sostenibile (di seguito “l'Agenda 2030”) avente al centro gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

L'UE è stata determinante nella definizione dell'Agenda 2030 globale, che ora è diventata il modello mondiale per lo sviluppo sostenibile globale. L'Agenda 2030 rappresenta un impegno per sradicare la povertà e raggiungere uno sviluppo sostenibile entro il 2030 in tutto il mondo. I 17 SDG e i 169 obiettivi associati sono di natura globale, universalmente applicabili e interconnessi. L'Agenda 2030 integra in modo equilibrato le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile.

In che modo intende la Commissione attuare gli OSS?

L'UE attuerà l'Agenda 2030 e gli OSS, insieme ai suoi Stati membri, in linea con il principio di sussidiarietà. La risposta dell'UE all'Agenda 2030 includerà due flussi di lavoro: il primo consiste nell'integrare gli OSS nel quadro politico europeo e nelle attuali priorità della Commissione; il secondo è avviare la riflessione sull'ulteriore sviluppo della nostra visione a lungo termine e sul focus delle politiche settoriali dopo il 2020, preparandoci all'attuazione a lungo termine degli OSS.

Lo sviluppo sostenibile richiede un approccio politico olistico e intersettoriale per garantire che le sfide economiche, sociali e ambientali siano affrontate insieme. La nuova struttura della Commissione con i vicepresidenti e un approccio basato sui progetti è uno strumento importante che facilita questo modo di lavorare, creando un'agenda più concertata e che si rafforza a vicenda. Il primo vicepresidente svolgerà un ruolo di coordinamento nel portare avanti il ​​lavoro della Commissione nell'attuazione attiva dell'Agenda 2030.

La Commissione sta integrando lo sviluppo sostenibile in tutte le politiche europee e utilizzando strumenti come le valutazioni di impatto per valutare gli impatti ambientali, sociali ed economici in modo che la sostenibilità sia debitamente considerata e presa in considerazione. Le valutazioni ex post della legislazione devono anche analizzare tutte e tre le dimensioni in una forte integrazione approccio.

Gli SDG sono un'agenda collaborativa tra tutti i livelli di governo e società civile, firmata da tutti i membri delle Nazioni Unite. L'attuazione sarà portata avanti in collaborazione con tutte le parti interessate. A tal fine la Commissione lancerà una nuova piattaforma multi-stakeholder.

In che modo la Commissione misurerà l'attuazione degli OSS?

Tenere traccia dei progressi in modo sistematico e trasparente è essenziale. L'UE, in coordinamento con i suoi Stati membri, è impegnata a svolgere un ruolo attivo a ciascun livello, a massimizzare i progressi verso gli OSS, a garantire la responsabilità nei confronti dei cittadini e a garantire che nessuno rimanga indietro.

La Commissione statistica delle Nazioni Unite ha concordato, a marzo 2016, un quadro di indicatori comprendente gli indicatori 230 come punto di partenza pratico per il monitoraggio globale. A livello nazionale, le Nazioni Unite chiedono agli Stati membri di mettere in atto sistemi per misurare i progressi e riferire. La Commissione contribuirà monitorando, riferendo e rivedendo i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile in un contesto dell'UE.

Una prima panoramica della posizione dell'UE e dei suoi Stati membri in vista degli OSS può essere trovata nella pubblicazione Eurostat pubblicata parallelamente alla presente comunicazione. Da 2017 in poi, la Commissione effettuerà un monitoraggio regolare più dettagliato degli obiettivi di sviluppo sostenibile in un contesto dell'UE, sviluppando un quadro di indicatori di riferimento a tale scopo e attingendo alla vasta gamma di monitoraggio e valutazione in corso in tutta la Commissione, agenzie, agenzie esterne europee Servizio di azione e Stati membri.

In che modo la Commissione finanzierà l'attuazione degli OSS?

Il bilancio dell'UE completa i bilanci nazionali e l'ampia gamma di strumenti politici e normativi dell'UE per affrontare le sfide sia a livello europeo che internazionale. La Commissione ha già ampiamente incorporato le dimensioni economica, sociale e ambientale, che sono al centro degli OSS, nel bilancio e nei programmi di spesa dell'UE. Il quadro delle prestazioni dei programmi di spesa dell'UE per il periodo 2014-2020 contiene già elementi pertinenti per riferire sulle tre dimensioni. L'iniziativa del bilancio dell'UE incentrato sui risultati (BFOR) mira anche a garantire che ogni euro speso dai contribuenti europei contribuisca il più possibile a migliorare il nostro futuro. Guardando avanti al quadro finanziario pluriennale oltre il 2020, la Commissione esaminerà come i bilanci dell'UE ei futuri programmi finanziari possano continuare a contribuire in modo adeguato alla realizzazione dell'Agenda 2030 e sostenere gli Stati membri nei loro sforzi.

In che modo le 10 priorità politiche della Commissione Juncker contribuiscono al raggiungimento degli OSS?

L'agenda politica dell'attuale Commissione è incentrata su occupazione, crescita, equità e cambiamento democratico. Il dieci priorità dell'agenda tocca le sfide chiave per l'Europa. Molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile sono profondamente intrecciati con queste sfide e gli obiettivi della Commissione nell'ambito delle dieci priorità tra cui la transizione verso un'economia circolare, l'unione dell'energia, l'istruzione di qualità, la formazione e la garanzia per i giovani, la finanza sostenibile e il pilastro europeo dei diritti sociali . Sfruttando appieno le sinergie tra gli SDG e le massime priorità della Commissione, garantisce una forte titolarità politica ed evita che l'attuazione degli OSS avvenga in un vuoto politico.

In che modo le altre politiche dell'UE contribuiscono al raggiungimento degli OSS?

Una panoramica completa di come le politiche e le azioni europee contribuiscono agli obiettivi di sviluppo sostenibile è presentata nel documento di lavoro dei servizi che accompagna la presente comunicazione. Per ciascuno degli SDG 17, sono riepilogate le azioni più rilevanti intraprese dall'Unione europea.

L'esercizio di mappatura mostra che le attuali politiche dell'UE riguardano tutti gli obiettivi di 17. La strategia Europa 2020 svolge un ruolo importante nell'affrontare diversi SDG. Mentre l'Europa può indicare buoni risultati e progressi nell'ambito di tutti gli obiettivi, per attuare l'agenda completa di 2030 saranno necessari un rafforzamento dell'attuazione e ulteriori azioni mirate in tutti i settori. Gli strumenti utilizzati per realizzare singoli SDG dipendono da dove si colloca la divisione delle responsabilità tra l'UE e gli Stati membri.

In che modo l'UE promuoverà l'agenda 2030 nel mondo?

La visione dell'Agenda 2030 è pienamente coerente con gli obiettivi dell'azione esterna dell'UE, compreso il perseguimento dello sviluppo sostenibile. La strategia globale in materia di politica estera e di sicurezza per l'Unione europea definisce la direzione strategica per l'azione esterna dell'UE e individua chiari collegamenti con l'Agenda 2030. Sottolinea l'importanza di un approccio globale nelle azioni esterne dell'UE e la necessità di un approccio dell'UE integrato per aumentare l'impatto dell'UE nella risposta e nella prevenzione di crisi e conflitti violenti, nonché per migliorare la coerenza tra l'UE ei suoi Stati membri.

Gli SDG rappresenteranno una dimensione trasversale di tutto il lavoro per portare avanti la strategia globale. La strategia globale sottolinea che esiste un collegamento diretto tra la nostra sicurezza e prosperità nelle regioni circostanti, compresi l'allargamento dell'UE e i paesi vicini. Facendo eco agli OSS, la promozione della resilienza degli Stati e delle società a tutti i livelli è un modo per promuovere la stabilità e lo sviluppo sostenibile a livello globale, rafforzando nel contempo la sicurezza e la prosperità dell'Europa.

Il nuovo consenso europeo sullo sviluppo - per il quale viene presentata oggi una proposta dalla Commissione europea - sarà un elemento importante della risposta globale dell'UE alla sfida dell'Agenda 2030 per sradicare la povertà e raggiungere uno sviluppo sostenibile entro il 2030 in tutto il mondo. La proposta della Commissione propone una visione e un quadro d'azione condivisi per tutte le istituzioni dell'UE e tutti gli Stati membri, incorniciati attorno ai cinque temi chiave dell'Agenda 2030: persone, pianeta, prosperità, pace e partenariato. Pone particolare enfasi sui motori trasversali dello sviluppo, come l'uguaglianza di genere, i giovani, l'energia sostenibile e l'azione per il clima, gli investimenti, la migrazione e la mobilità, e cerca di mobilitare tutti i mezzi di attuazione: aiuti, investimenti e risorse interne, sostenuti da politiche.

La politica di sviluppo dell'UE guidata dal nuovo consenso europeo sullo sviluppo, la politica di allargamento dell'UE, la politica europea di vicinato, il piano europeo per gli investimenti esterni, l'assistenza umanitaria dell'UE e la politica commerciale dell'UE, nonché il rinnovato partenariato con l'Africa, i Caraibi e il Pacifico, dare un contributo importante al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Cosa c'è dopo?

La Commissione integrerà gli obiettivi di sviluppo sostenibile nelle politiche e iniziative dell'UE, con lo sviluppo sostenibile come principio guida essenziale per tutte le sue politiche. Utilizzerà i suoi strumenti di migliore regolamentazione per garantire che la dimensione della sostenibilità sia inserita nelle sue politiche. Le politiche esistenti e quelle nuove dovrebbero tenere conto delle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile - sociale, ambientale ed economica - in modo equilibrato. La Commissione fornirà relazioni periodiche a partire dal 2017 sui progressi dell'UE verso l'attuazione dell'Agenda 2030 e avvierà lavori di riflessione sull'ulteriore sviluppo di una visione a lungo termine in una prospettiva post 2020.

Al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo, l'UE continuerà a lavorare con partner esterni, utilizzando tutti gli strumenti disponibili nell'ambito delle sue politiche esterne e supporterà in particolare gli sforzi nei paesi in via di sviluppo attraverso l'attuazione del nuovo consenso.

La Commissione lancerà inoltre una piattaforma multi-stakeholder con un ruolo nel follow-up e nello scambio delle migliori pratiche sull'attuazione degli OSS in tutti i settori, a livello degli Stati membri e dell'UE.

Il 20 dicembre la Commissione organizzerà a Bruxelles una conferenza sugli SDG: “La risposta dell'Europa alle sfide della sostenibilità. Realizzare l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite ". Con diversi altoparlanti di alto livello.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti