L'UE sponsorizza il New Deal verde per vincere l'arresto economico

New Deal verdeWikimedia Commons, Parlamento europeo
Per favore, condividi questa storia!
All'inizio del Grande Panico del 2020, TN ha dichiarato che i fondi di stimolo alla ripresa sarebbero stati intenzionalmente diretti a finanziare il Green New Deal globale, noto anche come sviluppo sostenibile e tecnocrazia. L'UE è la prima a metterlo a punto. ⁃ TN Editor

I leader mondiali sanno che i loro paesi devono affrontare una delle recessioni più gravi della storia grazie alle restrizioni del coronavirus.

Ciò presenta una sfida unica, ma anche un'enorme opportunità.

I politici sanno che dovranno spendere enormi quantità di denaro per dare il via alle attività economiche quando la minaccia del coronavirus alla fine si attenua.

È un'occasione unica, mai ripetuta per trasformare le loro economie. Quindi la domanda è: su cosa la spenderanno?

"Il momento dell'Europa"

Questa settimana l'Unione Europea ha messo le sue carte in tavola. Mercoledì ha svelato quello che sta fatturando come il più grande pacchetto di stimoli "verdi" della storia.

"Questo riguarda tutti noi ed è molto più grande di ognuno di noi", ha annunciato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, quando ha detto ai membri del Parlamento europeo cosa era stato pianificato. "Questo è il momento dell'Europa", ha detto.

Oltre ad essere un grande passo verso il federalismo, il pacchetto di ripresa pone la lotta al cambiamento climatico al centro della ripresa del blocco dalla pandemia.

La scala di ciò che viene proposto è da capogiro. L'importo principale è di 750 miliardi di euro, ma si aggiunge la spesa proveniente dai budget futuri e la potenza di fuoco finanziaria totale che la Commissione europea afferma che eserciterà è di quasi 2 milioni di euro (2.2 miliardi di dollari).

Ci saranno decine di miliardi di euro per rendere le case più efficienti dal punto di vista energetico, per decarbonizzare l'elettricità e eliminare gradualmente i veicoli a benzina e diesel.

L'idea è quella di sovralimentare gli sforzi europei per ridurre le emissioni di carbonio allo zero netto entro il 2050.

"Se non lo facciamo, correremo molti più rischi", mi ha detto Teresa Ribera, il vice primo ministro spagnolo.

"La ripresa dovrebbe essere verde o non sarà una ripresa, sarà solo una scorciatoia nel tipo di problemi che stiamo affrontando in questo momento".

Un nuovo affare verde

Se stai pensando che questo è solo qualcosa che i liberali europei che indossano sandali potrebbero lasciarsi alle spalle, ripensaci.

Donald Trump potrebbe essere un affermato sostenitore dei combustibili fossili, ma il suo avversario democratico alle elezioni presidenziali di novembre non lo è.

Si dice che Joe Biden stia pianificando un pacchetto di stimolo verde altrettanto simile per gli Stati Uniti.

Il modello sono i vasti progetti di investimento del New Deal che hanno contribuito a sollevare l'America dalla Grande Depressione negli anni '1930.

Questa era la politica decisiva del presidente Franklin Delano Roosevelt.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
leila parello

Non sono contro l'energia verde ma sono contro una presa di potere corporativa / tecnocratica in cui perdiamo la libertà di movimento, la libertà di parola, la libertà sui nostri corpi, la libertà della privacy, la libertà di lavorare e la proprietà di un'azienda e altro ancora.

José Silveira

Sono d'accordo, tranne che sono anche contro l'energia verde, così com'è ora (niente di meglio o di più verde al riguardo) - leggi il mio post per sapere cosa intendo.

José Silveira

L'UE è una dittatura! Se non altro, le parole della spregevole Ursula von der Leyen: "... ha annunciato il presidente della Commissione europea, quando ha RACCONTATO ai membri del Parlamento europeo ciò che era stato pianificato.", Lo dimostrano senza ombra di dubbio! Non era un progetto da approvare: è stato DETTO al MEPS! Niente viene votato nell'UE: il Comitato centrale, alias Commissione europea, è un gruppo non eletto di tecnocrati egoisti che impone leggi e regole soggette a pressioni a tutti i membri dell'UE, nessuna delle quali è nell'interesse del popolo. Il Parlamento europeo è solo uno spettacolo secondario, di cui... Per saperne di più »