Esperti dell'UE per utilizzare la tecnologia smartphone per arrestare la diffusione del virus

Foto: Commissione europea
Per favore, condividi questa storia!
E poi, c'era la totale sorveglianza di tutti, ovunque. Il monitoraggio onnipresente è un vaso di Pandora che non può essere chiuso una volta aperto e i tecnocrati di tutto il mondo stanno entrando in azione per fornire metodi di controllo. ⁃ TN Editor

Un gruppo di esperti europei ha detto mercoledì che presto lancerà la tecnologia per gli smartphone per aiutare a rintracciare le persone che erano venute in contatto con le persone infette da coronavirus, aiutando le autorità sanitarie ad agire rapidamente per fermare la sua diffusione.

L'iniziativa prevede la raccolta di dati tramite smartphone per mostrare con chi una persona con il virus è entrata in stretto contatto, in modo che le persone a rischio possano essere contattate.

La capacità di rintracciare le persone a rischio di infezione in modo più accurato potrebbe aiutare a evitare di dover "bloccare" intere società, con il conseguente impatto economico estremamente dannoso.

L'iniziativa europea, chiamata Pan-European Privacy Preserving Proximity Tracing (PEPP-PT https://www.pepp-pt.org), segue l'uso riuscito degli smartphone in alcuni paesi asiatici per tracciare la diffusione del virus e far rispettare gli ordini di quarantena , sebbene i loro metodi avrebbero violato le rigide norme dell'UE sulla protezione dei dati.

PEPP-PT, che riunisce 130 ricercatori provenienti da otto paesi, mira a rilasciare una piattaforma tecnologica con licenza entro il 7 aprile, base per le applicazioni di tracciamento dei contatti, con il lancio delle prime app una settimana circa dopo.

"Stai parlando di un lasso di tempo molto breve", ha detto Hans-Christian Boos, fondatore dell'azienda tecnologica tedesca Arago e membro del consiglio consultivo digitale del governo tedesco.

Boos è uno dei principali promotori della raccolta di 130 ricercatori provenienti da Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Spagna e Svizzera.

Gli epidemiologi affermano che il tracciamento dei contatti diventerà un'arma vitale nel contenere future riacutizzazioni del COVID-19, la malattia simil-influenzale causata dal coronavirus, una volta che i blocchi nazionali rallentano la rapida diffusione del virus.

La malattia può essere trasmessa da persone che non presentano sintomi, mettendo in primo piano l'avvertimento di coloro che sono a rischio di infezione rapidamente dopo un singolo test positivo, mentre la tecnologia può essere utilizzata per evitare le ampie misure nazionali per arrestare la diffusione.

"Sappiamo tutti che, come società e come economia, non possiamo andare avanti così per un lungo periodo di tempo", ha detto in una conferenza stampa Marcel Salathe, professore di epidemiologia digitale presso l'Istituto federale di tecnologia di Losanna.

"C'è un modo più efficiente per rompere questa tendenza esponenziale di crescita".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti