Potenziatori infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria

Immagine: Adobe Stock
Per favore, condividi questa storia!
Gli ingegneri medici tecnocrati credono di poter "programmare" intenzionalmente varie funzioni del corpo attraverso l'editing genetico. Questo pensiero alla Frankenstein va oltre l'essere semplicemente pericoloso per pochi; alla fine potrebbe rappresentare una minaccia esistenziale per l'intera popolazione umana. Editor TN

> I colpi di COVID riprogrammano il tuo sistema immunitario per rispondere in modo disfunzionale. Oltre ad aumentare la vulnerabilità alle infezioni, ciò può anche provocare malattie autoimmuni e cancro

> Un documento pubblicato all'inizio di maggio 2021 riportava che il colpo di Pfizer/BioNTech COVID "riprogramma le risposte immunitarie sia adattative che innate", causando l'esaurimento immunitario

> È stato dimostrato che gli antigeni nei vaccini inducono difetti nel sistema immunitario che possono aumentare il rischio di malattie autoimmuni

> I vaccini che perdono o non sterilizzano possono anche innescare l'evoluzione di virus più pericolosi e i vaccini COVID sono tra i "vaccini" più permeabili mai creati

> Secondo le autorità sanitarie, la variante Omicron che elude il vaccino richiede una terza iniezione di COVID, ma questa raccomandazione perpetuerà solo la mutazione.

Un certo numero di esperti medici, scienziati e studi pubblicati ora avvertono che i colpi di COVID riprogrammano il tuo sistema immunitario per rispondere in modo disfunzionale. Oltre ad aumentare la vulnerabilità alle infezioni, ciò può anche provocare malattie autoimmuni e cancro.

Pfizer Shot riprogramma entrambi i bracci del tuo sistema immunitario

Un documento1 pubblicato il 6 maggio 2021, sul server di prestampa medRxiv ha riferito che il jab COVID di Pfizer/BioNTech "riprogramma le risposte immunitarie sia adattative che innate", causando l'esaurimento immunitario.

Mentre hanno confermato che il jab "ha indotto un'efficace immunità umorale e cellulare contro diverse varianti di SARS-CoV-2", il colpo "ha anche modulato la produzione di citochine infiammatorie da parte delle cellule immunitarie innate dopo stimolazione sia con specifici (SARS-CoV-2) che non specifici". stimoli (virali, fungini e batterici)”.

In altre parole, stiamo assistendo a un terribile compromesso. Potresti ottenere una certa protezione contro SARS-CoV-2 e le sue varianti, ma stai indebolendo la tua funzione immunitaria generale, il che apre la porta a tutti i tipi di altri problemi di salute, dalle infezioni batteriche, fungine e virali al cancro e all'autoimmunità.

Dopo l'iniezione, le cellule immunitarie innate avevano una risposta notevolmente ridotta ai ligandi dei recettori toll-like 4, 7 e 8 (TLR4, TLR7, TLR8), mentre le risposte delle citochine indotte dai funghi erano più forti. Secondo gli autori, i difetti di TLR7 sono stati precedentemente collegati a una maggiore suscettibilità al COVID-19 nei giovani maschi.

Le persone che erano "completamente vaccinate", dopo aver ricevuto due dosi del vaccino Pfizer, hanno prodotto anche una quantità significativamente inferiore di interferone dopo la stimolazione, e questo può ostacolare la risposta immunitaria innata iniziale contro il virus.

Vaccinazioni ripetute e rischio di autoimmunità

Le infezioni patogene e il cancro sono solo due potenziali esiti di questo tipo di riprogrammazione. La ricerca precedente, ad esempio, ha collegato i difetti del sistema immunitario a un rischio più elevato di malattie autoimmuni. Inoltre, è stato dimostrato che gli antigeni nei vaccini, in particolare, possono indurre questo tipo di disfunzione del sistema immunitario.2 Come riportato nel documento in questione:3

“L'immunizzazione ripetuta con l'antigene provoca autoimmunità sistemica in topi altrimenti non inclini a malattie autoimmuni spontanee. La sovrastimolazione delle cellule T CD4+ ha portato allo sviluppo di cellule T CD4+ (aiCD4+ T) che inducono autoanticorpi che erano state sottoposte a revisione del recettore delle cellule T (TCR) ed erano in grado di indurre autoanticorpi.

La cellula T aiCD4+ è stata indotta dalla revisione de novo del TCR ma non dalla reazione crociata, e successivamente ha sovrastimolato le cellule T CD8+, spingendole a diventare linfociti T citotossici (CTL) antigene-specifici.

Questi CTL potrebbero essere ulteriormente maturati dalla presentazione incrociata dell'antigene, dopo di che hanno causato un danno tissutale autoimmune simile al lupus eritematoso sistemico (LES). L'autoimmunità sistemica sembra essere l'inevitabile conseguenza dell'eccessiva stimolazione del "sistema" immunitario dell'ospite mediante l'immunizzazione ripetuta con l'antigene, a livelli che superano la criticità auto-organizzata del sistema".

Avanti veloce a metà maggio 2021, quando uno studio4 nel Journal of Clinical Investigations ha riportato che "i vaccini SARS-CoV-2 mRNA inducono ampie risposte delle cellule T CD4+ che riconoscono le varianti SARS-CoV-2 e HCoV-NL63". HCoV-NL63 è un coronavirus umano associato al comune raffreddore.

"È interessante notare che abbiamo osservato un aumento di 3 volte delle risposte delle cellule T CD4+ ai peptidi spike HCoV-NL63 dopo la vaccinazione", hanno affermato gli autori, aggiungendo, "I nostri risultati suggeriscono che le risposte delle cellule T suscitate o potenziate dai vaccini a mRNA SARS-CoV-2 potrebbero essere in grado di controllare le varianti SARS-CoV-2 e portare alla protezione incrociata contro alcuni coronavirus endemici".

Quello che non hanno affrontato è che le risposte eccessive delle cellule T CD4a+ potrebbero anche portare allo sviluppo di autoanticorpi e malattie autoimmuni.

I colpi di COVID possono anche causare varianti più pericolose

Sappiamo da tempo che i vaccini che perdono o non sterilizzano possono innescare l'evoluzione di virus più pericolosi.5,6,7,8 Finora, le varianti SARS-CoV-2 sono mutate in versioni meno pericolose, il che è una fortuna, ma rimane ancora il rischio che i colpi di COVID creino un "mostro".

In un articolo del 9 febbraio 2021,9 NPR ha evidenziato questo rischio, affermando che "i vaccini potrebbero guidare l'evoluzione di più mutanti COVID-19". Secondo il corrispondente scientifico della NPR Richard Harris, "il virus è sempre in mutazione. E se capita di produrre una mutazione che lo rende meno vulnerabile al vaccino, quel virus potrebbe semplicemente moltiplicarsi in un individuo vaccinato”.

La variante di Omicron sembra avere una resistenza significativa contro gli anticorpi prodotti dai colpi originali di COVID, motivo per cui l'infezione da Omicron viene segnalata principalmente in coloro che hanno ricevuto le iniezioni.

Nel 2018, Quanta Magazine ha descritto in dettaglio come i vaccini guidano l'evoluzione dei patogeni.10 Ho fatto riferimento a quell'articolo in occasioni precedenti, come molti altri. In risposta, l'editore di Quanta Magazine ha aggiunto un "disclaimer" datato 6 dicembre 2021 all'articolo, affermando:

“Questo articolo del 2018 discute di come i vaccini che perdono – vaccini che non riducono la replicazione virale o la trasmissione ad altri – possono spingere i patogeni che prendono di mira ad evolversi e diventare più virulenti. Queste preoccupazioni non si applicano ai vaccini COVID-19, perché i vaccini COVID-19 riducono significativamente la replicazione e la trasmissione del coronavirus, riducendo la possibilità che si verifichino mutazioni e si presentino varianti …”

Questa affermazione è chiaramente falsa, poiché gli studi hanno ripetutamente dimostrato che i colpi di COVID sono in realtà che perdono. Non "riducono significativamente" la replicazione o la trasmissione virale, come sostiene l'editore. Piuttosto il contrario.

È stato scoperto che le persone che hanno ricevuto uno o più colpi di COVID ospitano carichi virali più elevati rispetto ai non vaccinati e Israele (che sembra avere il miglior monitoraggio e monitoraggio) riferisce che i peggiori casi di COVID sono in coloro che sono completamente vaccinati.

6 dicembre 2021, Newsweek11 ha riportato un focolaio di COVID tra il personale ospedaliero "completamente vaccinato" in Spagna. Dopo una cena di Natale alla presenza di oltre 170 operatori sanitari completamente vaccinati, quasi 70 di loro sono risultati positivi al COVID. Alcuni hanno riportato sintomi lievi. Daniel Horowitz ha sottolineato la nota falsa dell'editore in un post di Blaze del 9 dicembre 2021:12

“I vaccini che perdono sono peggio di nessun vaccino. Questa è la conclusione inequivocabile che si trarrebbe da un articolo del maggio 2018 sulla rivista Quanta, una pubblicazione scientifica di punta, sui tentativi falliti di creare vaccini per HIV, malaria e antrace che non perdano e non corrano il rischio di creare gli agenti patogeni più pericolosi.

Eppure ora che stiamo assistendo a un Frankenstein microbiologico simile nella vita reale e persone come il Dr. Robert Malone hanno citato questo articolo per sollevare bandiere rosse sugli scatti che perdono COVID, la rivista Quanta ha fatto il passo senza precedenti di schiaffeggiare una nota del redattore su un articolo tre anni e mezzo dopo per convincere le persone a smettere di applicarlo al vaccino più permeabile di tutti i tempi”.

Gli scatti COVID smettono di funzionare entro pochi mesi

Uno studio sul New England Journal of Medicine, pubblicato il 9 dicembre 2021, conferma anche che qualunque protezione si ottiene dal vaccino Pfizer COVID è di breve durata. Come spiegato dagli autori:13

“Nel dicembre 2020, Israele ha avviato una campagna di vaccinazione di massa contro la malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) somministrando il vaccino BNT162b2, che ha portato a una netta riduzione dell'epidemia.

Dopo un periodo con quasi nessun caso di infezione da sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2), a metà giugno 19 è iniziata una ripresa dell'epidemia di Covid-2021. Le possibili ragioni della rinascita sono state la riduzione dell'efficacia del vaccino contro il delta (B). .1.617.2) variante e immunità calante.

Abbiamo utilizzato i dati sull'infezione confermata e sulla malattia grave raccolti da un database nazionale israeliano per il periodo dall'11 al 31 luglio 2021, per tutti i residenti israeliani che erano stati completamente vaccinati prima di giugno 2021.

Abbiamo utilizzato un modello di regressione di Poisson per confrontare i tassi di infezione confermata da SARS-CoV-2 e Covid-19 grave tra le persone vaccinate durante diversi periodi di tempo, con stratificazione in base al gruppo di età e con aggiustamento per possibili fattori confondenti.

Tra le persone di età pari o superiore a 60 anni, il tasso di infezione nel periodo 11-31 luglio è stato più elevato tra le persone che sono state completamente vaccinate nel gennaio 2021 (quando erano ammissibili per la prima volta) rispetto a quelle completamente vaccinate 2 mesi dopo, a marzo ( tasso di cambio, 1.6 …)

Tra le persone di età compresa tra 40 e 59 anni, il rapporto del tasso di infezione tra quelli completamente vaccinati a febbraio (quando erano ammissibili per la prima volta), rispetto a 2 mesi dopo, ad aprile, era di 1.7 … Tra le persone di età compresa tra 16 e 39 anni, il tasso di infezione tra quelli completamente vaccinati a marzo (quando erano eleggibili per la prima volta), rispetto a 2 mesi dopo, a maggio, era di 1.6 ...

Il rapporto tra i tassi di malattia grave tra le persone completamente vaccinate nel mese in cui erano ammissibili per la prima volta, rispetto a quelle completamente vaccinate a marzo, era di 1.8 … tra le persone di età pari o superiore a 60 anni e di 2.2 … tra quelle di età compresa tra 40 e 59 anni …

Questi risultati indicano che l'immunità contro la variante delta di SARS-CoV-2 è diminuita in tutti i gruppi di età pochi mesi dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino”.

Due dosi non bastano

All'inizio di quest'anno, i produttori di vaccini e le autorità sanitarie hanno affermato che i colpi erano efficaci per circa il 95% e se un numero sufficiente di persone avesse ottenuto i colpi, la normalità sarebbe stata ripristinata. Ora sappiamo che era una falsa promessa. Il palo della porta è stato spostato indietro con l'emergere di Delta e poi di Omicron, per il quale ora ci viene detto che abbiamo bisogno di un terzo booster.

13 dicembre 2021, Reuters14 hanno riferito che gli scienziati britannici hanno concluso che "i regimi di vaccino COVID-19 a due dosi non inducono abbastanza anticorpi neutralizzanti contro la variante del coronavirus Omicron" e che "potrebbe essere probabile un aumento delle infezioni in quelli precedentemente infetti o vaccinati".

"Affronta solo" colpi di richiamo, dice Fauci

Quando a metà dicembre 2021, al dottor Anthony Fauci è stato chiesto se gli americani dovessero aspettarsi booster COVID annuali, ha risposto affermativamente, dicendo che gli americani "dovranno solo affrontare" la prospettiva di ottenere booster a intervalli regolari.15 Quindi, in sostanza, Fauci vuole che accettiamo che la carenza di booster è la ragione per cui la "pandemia" di COVID-19 continua.

Chiaramente, non è così. La vera ragione per cui il COVID è ancora un problema è perché Fauci e l'establishment medico hanno soppresso i trattamenti precoci praticabili. Se il trattamento precoce fosse la norma, il COVID diventerebbe rapidamente un lontano ricordo.

Invece, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso l'autorizzazione all'uso di emergenza a nuove tecnologie di trasferimento genico che non funzionano come i vaccini convenzionali in quanto non prevengono l'infezione e si diffondono, creando così un ciclo malvagio di nuove varianti resistenti ai vaccini. Come dimostrato da James Lyons-Weiler (in un collegamento web ora non funzionante), più vacciniamo, maggiore è il numero di casi COVID.grafico di Weiler

Il grafico di Weiler assomiglia molto a quello in uno studio del 30 settembre 202116 nell'European Journal of Epidemiology, che ha rilevato che maggiore è il tasso di vaccinazione in una determinata area, maggiore è il tasso di casi di COVID.

Il Dr. Chris Martenson discute questa scoperta nel video qui sotto. Come notato da Martenson, "la linea va nella direzione sbagliata", il che significa che più una popolazione è pesantemente "vaccinata", peggiori sono le cose.

Come previsto più di un anno fa, ora siamo su un tapis roulant a iniezione senza fine in vista, e ogni singola dose comporta il rischio di gravi effetti collaterali, fino a includere invalidità permanente e morte. L'unica via d'uscita scientificamente valida da questo esperimento fallito è fermarsi. Niente più booster.

Fortunatamente, sembra che la maggior parte degli americani stia iniziando a prendere piede e, finora, la paura intorno a Omicron non ha portato a una corsa ai booster.17 Secondo un sondaggio Axios/Ipsos condotto dal 10 dicembre al 13 dicembre 2021, il 67% degli intervistati non vaccinati ha affermato che Omicron non fa alcuna differenza nella decisione di farsi vaccinare; Il 19% ha affermato che li rende più probabili mentre l'11% ha affermato che li rende meno propensi a ottenere lo scatto.

Tra gli intervistati che avevano già ricevuto una o due dosi, il 59% ha affermato che Omicron non fa alcuna differenza nella loro decisione di prendere una terza dose; Il 36% ha affermato che li rende più probabili e il 5% ha affermato che li rende meno propensi a ottenerlo.

Considerando che i colpi hanno dimostrato di deregolare la tua funzione immunitaria, sarebbe saggio "dire semplicemente di no" a ulteriori booster. Se dovessi sviluppare sintomi di infezione da SARS-CoV-2, ricorda che esistono protocolli di trattamento precoce sicuri ed efficaci, incluso I-MASK+18 e I-MATEMATICA+,19 protocolli, che sono disponibili per il download sul sito Web COVID Critical Care in più lingue. Altri protocolli di grande successo sono:

Questo è un carico di informazioni da rivedere, soprattutto se sei stanco e malato di COVID o hai un membro della famiglia in difficoltà. Dopo aver esaminato tutti questi protocolli, credo che il protocollo di Front Line COVID-19 Critical Care Alliance sia tra i più facili da seguire. Di seguito è riportato un riepilogo di tale protocollo, con modifiche minori.

Protocollo I-MASKplus dell'alleanza FLCCC

Fonti e riferimenti

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] > I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria: i colpi di COVID riprogrammano il tuo sistema immunitario per rispondere in modo disfunzionale. Oltre ad aumentare la vulnerabilità alle infezioni, ciò può anche provocare malattie autoimmuni e cancro. LEGGI IN BREVE QUI […]

[…] Leggi di più: I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria […]

[…] Leggi di più: I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria […]

[…] I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria […]

[…] *** I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria […]

David Harold Chester

Se fossi un virus che cerca di essere più comune tra gli umani, proverei a sviluppare le mie varianti che sono meno letali per queste persone ma che si diffondono più facilmente tra loro. Questo è ciò che la variante omegaron sta iniziando a ottenere. Se posso continuare a produrre nuove varianti di questo tipo, la mia infezione sulle persone diventerà popolare come il comune raffreddore e non letale come lo è oggi.

[…] *** I booster infiniti minacciano di distruggere la normale funzione immunitaria […]

laura ann

Le persone che non hanno il funzionamento del cervello sinistro/le capacità di pensiero critico continueranno a ricevere booster dopo aver mostrato informazioni sui pericoli da familiari e amici. I tgese sono degli schernitori. Quindi, ho scelto di lasciarli cadere, compresi i fratelli, dai contatti sociali (genitori dec) e rimanere solo con la stessa mentalità. Non vedo ancora una morte in questa comunità di pensionati o nelle scuole. Alcuni esperti affermano che la morte inizierà questo autunno e che più nomi di necrologi appariranno sui giornali locali. Alcune compagnie di assicurazione non pagheranno benefici in caso di morte.

[…] aussi l'avis de spécialistes internationaux cités par Technocracy.news , qui montrent que les booster minaccioso l'immunità normale. Ausiliari in […]