Elon Musk loda la tecnocrazia cinese, l'America di Badmouth

Elon MuskWikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Musk, il cui nonno era a capo del movimento della Tecnocrazia canadese, è sempre più innamorato della Cina per le sue abilità di ingegneria sociale e commerciale. In quanto tecnocrate, disconosce anche Karl Marx e Das Capital. ⁃ TN Editor

Tesla e il CEO di SpaceX Elon Musk si sono lamentati del carattere "autorizzato" e "compiacente" delle persone negli Stati Uniti, e hanno lodato le "persone intelligenti" e "che lavorano sodo" della Cina, nella prima puntata di un'intervista in tre parti con Automotive News ' Podcast "Daily Drive" pubblicato venerdì.

In particolare, Musk ha criticato New York e la California, gli stati che hanno supportato le sue attività, in particolare Tesla, con notevoli agevolazioni fiscali, crediti normativi e altri aiuti governativi.

L'editore di Automotive News Jason Stein, che ha condotto l'intervista, ha chiesto a Musk: "Che ne dici della Cina come leader mondiale della strategia EV?"

Musk ha risposto: “Secondo me la Cina spacca. L'energia in Cina è fantastica. Le persone lì - ci sono un sacco di persone intelligenti e che lavorano sodo. E sono davvero - non hanno diritto, non sono compiacenti, mentre negli Stati Uniti vedo sempre più compiacimento e diritto, specialmente in luoghi come la Bay Area, LA e New York ".

L'anno scorso, i funzionari del governo cinese hanno aiutato Tesla a ottenere prestiti per circa 1.6 miliardi di dollari per costruire e iniziare a produrre veicoli nella relativamente nuova fabbrica di Shanghai della società. Quest'anno, il governo di Shanghai ha aiutato Tesla a tornare rapidamente alle normali operazioni, nel suo nuovo stabilimento, dopo che la regione è stata colpita da un Covid-19 scoppio e ha emesso quarantene diffuse che hanno temporaneamente sospeso la produzione lì.

Musk ha sottolineato che Telsa non ha ricevuto la stessa assistenza dal governo cinese quanto le società nazionali. “Sono stati di supporto. Ma sarebbe strano se sostenessero di più un'azienda non cinese. Non lo sono ", ha detto.

L'entusiasmo espresso dal volubile Musk per la Cina contrastava con il suo disprezzo per il comunismo precedentemente dichiarato. In un tweet di lunedì di questa settimana, Musk ha deriso i programmi di assistenza sociale in generale e "Das Kapital" di Karl Marx.

Durante il podcast Automotive News, Musk ha anche paragonato gli Stati Uniti, la California e New York a squadre sportive che stanno per perdere il loro status di vincitori.

Egli ha detto:

“Quando hai vinto per troppo tempo, in un certo senso prendi le cose per scontate. Gli Stati Uniti, e specialmente la California e New York, vincono da troppo tempo. Quando hai vinto troppo a lungo, dai le cose per scontate. Quindi, proprio come alcune squadre sportive professioniste vincono un campionato che conosci un sacco di volte di seguito, diventano compiacenti e iniziano a perdere ”.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Camma

Nessun grande fan di Musk qui, ma ha ragione su questo. La retorica anti-cinese viene spinta come una distrazione. Hanno fatto i passi giusti verso il capitalismo e questo deve essere almeno lodato, anche se la parte della tecnocrazia - che in realtà non è unica per la Cina - ha il suo lato negativo.

Ultima modifica 2 anni fa di Cam
DawnieR

È puro nazista (letteralmente) !!