Economista: una modesta tassa sul carbonio danneggerebbe le generazioni future

Per favore, condividi questa storia!
Il famoso economista, Dr. Laurence Kotlikoff, conclude che anche una piccola tassa sul carbonio oggi causerà perdite economiche ad almeno due generazioni future, e forse anche di più. In breve, la tassa sul carbonio farà esattamente il contrario di quanto affermano gli allarmisti climatici. ⁃ Editor TN

Uno dei temi principali dei miei scritti su cambiamento climatico allo IER ha avvertito il pubblico che la "scienza del consenso" che stanno ascoltando dai media, dagli esperti e da alcuni personaggi politici è completamente separata dalla letteratura pubblicata, specialmente quando si tratta di analisi economica di politica governativa. Un nuovo, carta da lavoro all'avanguardia da alcuni economisti di grande nome - tra cui Laurence Kotlikoff e Jeffrey Sachs - conferma il mio punto.

In questo caso, ecco il fatto scioccante con cui il loro articolo cerca di confrontarsi: anche con una tassa sul carbonio relativamente modesta, l'aumento dei prezzi dell'energia è così doloroso da sommergere i benefici del rallentamento del cambiamento climatico, e questo è vero per i nostri figli ed nipoti. È solo quando arriviamo al nostro pronipoti che l'umanità in rete inizierebbe a beneficiare effettivamente anche di una modesta imposta sul carbonio introdotta oggi. Quindi la prossima volta che senti qualcuno dire: "Dobbiamo agire con vigore sul clima per le generazioni future!" Puoi chiarire, "In realtà, le tue proposte danneggerebbero le prossime due generazioni future. Tu vuoi ferire noi, i nostri figli e i nostri nipoti, al fine di aiutare i nostri pronipoti e oltre - che saranno tutti incredibilmente ricchi rispetto a noi, tra l'altro. ”

The Kotlikoff et al. la carta è piuttosto tecnica, quindi riassumerò semplicemente i punti da asporto per un pubblico laico. Trascorrerò anche del tempo alla fine dell'articolo spiegando cosa la loro soluzione proposta è, per questo spinoso problema. Per evitare confusione, voglio essere chiaro: gli autori di questo nuovo documento sono per una (modesta) tassa sul carbonio. Ma stanno avvertendo che l'attuale discussione, anche tra gli economisti, tende a guardare "ciò che è meglio per l'umanità da ora fino alla fine dei tempi", piuttosto che verificare per assicurarsi ogni generazione guadagni da una nuova politica climatica. Come vedremo, Kotlikoff et al. suggerire un massiccio trasferimento fiscale che consenta alle attuali generazioni di accumulare un enorme (aggiuntivo) debito pubblico che i nostri discendenti debbano quindi ripagare efficacemente con tasse più elevate, al fine di compensare i loro antenati per la sofferenza attraverso prezzi dell'energia più elevati a causa di una tassa sul carbonio.

Il punto del mio articolo non è approvare la raccomandazione generale di Kotlikoff et al .; insieme agli scienziati del clima di Cato, ne ho pubblicato uno completo critica del solito caso dell'economista per una tassa sul carbonio. Piuttosto, puntando i riflettori sull'avanguardia nello sviluppo della letteratura sulla tassazione del carbonio, voglio che i lettori vedano quanto distaccato il presenti la discussione tra esperti proviene dalle affermazioni ariose di "abbiamo ancora anni 12 per salvare i nostri figli" che sentiamo da esperti e funzionari politici.

Come un'imposta sul carbonio "ottimale" può punire nella terza generazione

Per gettare le basi per la mia interpretazione, citiamo prima la descrizione dei risultati degli autori. (Nota, i lettori che non hanno accesso tramite il link NBER sopra possono anche vedere a versione del documento pubblicato sul sito web di Kotlikoff.) Il titolo dell'articolo è "RENDERE LA FISCALITÀ DEL CARBONIO UNA VITTORIA GENERATIVA". Ecco un estratto dell'abstract:

La tassazione del carbonio è stata studiata principalmente in modelli sociali o modelli di agenti infinitamente vissuti, che compromettono il benessere delle generazioni future e attuali.Tali quadri oscurano il potenziale per la tassazione del carbonio di produrre un win-win generazionale. Questo documento sviluppa un modello 55 dinamico e su larga scala, periodo OLG [Overlapping Generations - rpm] per calcolare la politica fiscale sul carbonio offrendo il più alto guadagno di benessere uniforme a tutte le generazioni. Il quadro OLG, con le sue generazioni egoiste, sembra molto più naturale per lo studio del danno climatico. Il nostro modello comprende carbone, petrolio e gas, ciascuno estratto a costi crescenti, un settore dell'energia pulita, cambiamenti tecnici e demografici e le funzioni di temperatura / danno di Nordhaus (2017). La tassa sul carbonio per l'aumento del benessere uniforme (UWI) ottimale del nostro modello parte da $ 30 tax, aumenta annualmente al 1.5 percento e aumenta il benessere di tutte le generazioni attuali e future del 0.73 percento su una base di consumo equivalente. La condivisione uniforme dei guadagni in termini di efficienza richiede, tuttavia, una tassazione delle generazioni future fino al 8.1 percento e un sussidio per le prime generazioni fino al 1.2 percento del consumo a vita. Senza tale ridistribuzione (il Nordhaus "ottimale"), la tassa sul carbonio costituisce una politica vincente con le generazioni attuali che registrano una perdita di benessere fino al 0.84% e le generazioni future che ottengono un guadagno di benessere fino al 7.54. [Kotlikoff et al., Grassetto aggiunto.]

Anche se mi rendo conto che questo è un linguaggio tecnico difficile da analizzare per i non addetti ai lavori, ecco cosa stanno dicendo gli autori: se prendiamo il "gold standard" (il loro termine più avanti) in questa letteratura e utilizziamo la calibrazione del modello 2017 di Nordhaus, raccomanderà un " tassa sul carbonio ottimale "che correttamente - secondo la teoria economica standard e le migliori stime della ricerca scientifica sul clima - bilancia il compromesso tra riduzione delle emissioni e danno alla crescita economica.

Tuttavia - e questo è un grande avvertimento - l'approccio di Nordhaus presuppone che ci sia un "pianificatore sociale" benevolo e generale che raggruppa tutta l'umanità, e fa solo un margine tecnico per uno sconto (modesto) sulla felicità delle generazioni future in conformità con lo standard teoria economica.

In pratica, gli autori sottolineano che la "tassa ottimale sul carbonio" di Nordhaus significherebbe in realtà che le persone che vivono o sono nate oggi e nel prossimo futuro saranno offeso sulla rete dalla politica, perché subiranno un danno economico peggiore a causa dei prezzi più alti dell'energia, di quanto non saranno risparmiati dai danni del cambiamento climatico dovuti alla riduzione delle emissioni. È solo quando avremo diverse generazioni nel futuro, che la "tassa ottimale sul carbonio" di Nordhaus inizia effettivamente a migliorare gli esseri umani, rispetto allo status quo.

Questo è un punto critico da comprendere per gli americani. Viene costantemente criticato il fatto che se “si prendessero cura dei propri figli” sosterrebbero una grande tassa sul carbonio e altri interventi aggressivi. Ma vediamo che questo non è vero: se adottiamo anche a modesto imposta sul carbonio - una che consente ancora il riscaldamento di gradi Celsius di 4 (oltre il doppio del grado 1.5 attualmente propagandato dagli attivisti climatici come obiettivo necessario), secondo gli autori (p. 22) 1 - allora stiamo danneggiando noi stessi, i nostri figli e il nostro nipoti, rispetto alla baseline del "non fare nulla". Sono solo i nostri pronipoti che (in media) saranno straordinariamente ricchi rispetto a noi, che in realtà inizieranno a raccogliere benefici netti anche da questa modesta riduzione del percorso delle emissioni.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti