Sistemi di voto Dominion: la società canadese al centro delle rivendicazioni di frode elettorale negli Stati Uniti

Per favore, condividi questa storia!
Nel gergo dello sviluppo di software per computer, un "glitch" è gergo per un malfunzionamento involontario del software. Il software di voto che cambia i voti significa che è stato intenzionalmente programmato per farlo.

Questa è un'estensione della morsa dittatoriale di Big Tech sulla censura delle idee opposte. ⁃ TN Editor

Il Dominion Voting Systems, che è stato utilizzato in più stati in cui è stata denunciata una frode nelle elezioni statunitensi del 2020, è stato respinto tre volte dagli esperti di comunicazione dati del Segretario di Stato del Texas e dall'ufficio del Procuratore generale per non aver soddisfatto gli standard di sicurezza di base.

A differenza del Texas, altri stati hanno certificato l'uso del sistema, inclusa la Pennsylvania, dove questa settimana è stata denunciata la frode degli elettori su più fronti.

Dominion Voting Systems, una società canadese con sede a Denver, è una delle tre società utilizzate principalmente nelle elezioni statunitensi. Gli altri sono Election Systems and Software e Hart InterCivic.

Il sistema Dominion è stato implementato in North Carolina e Nevada, dove i risultati delle elezioni sono stati contestati, e in Georgia e Michigan, dove un "problema tecnico"Che si è verificato ha invertito migliaia di voti per il presidente repubblicano Donald Trump al democratico Joe Biden.

Mentre Biden ha dichiarato la vittoria sabato nella sua corsa presidenziale degli Stati Uniti contro Trump, la campagna di Trump sta lanciando diverse sfide per il conteggio dei voti negli stati di tutto il paese, accusando di frode.

Il sistema Democracy Suite di Dominion è stato scelto per l'implementazione in tutto lo stato nel New Mexico nel 2013, il primo anno in cui è stato rifiutato dallo stato del Texas.

La Louisiana ha modernizzato il proprio sistema di voto per corrispondenza implementando il software ImageCast Central di Dominion in tutto lo stato; La contea di Clark, Nevada, ha implementato lo stesso sistema nel 2017. Circa 52 contee di New York, 65 contee del Michigan e l'intero stato del Colorado e del New Mexico utilizzano i sistemi Dominion.

Secondo uno studio di Penn Wharton, "The Business of Voting", Dominion Voting Systems ha raggiunto circa 71 milioni di elettori in 1,635 giurisdizioni negli Stati Uniti nel 2016.

Dominion "si è messa nei guai" con diverse sussidiarie che utilizzava per presunti casi di frode. Una filiale è Smartmatic, una società "che ha svolto un ruolo significativo nel mercato statunitense nell'ultimo decennio", secondo un rapporto pubblicato da AccessWire, con sede nel Regno Unito.

Il contenzioso sui "difetti" di Smartmatic sostiene che abbiano avuto un impatto sulle elezioni di medio termine del 2010 e del 2013 nelle Filippine, sollevando questioni di frode e frode. Una revisione indipendente dei codici sorgente utilizzati nelle macchine ha rilevato molteplici problemi, che ha concluso: "L'inventario del software fornito da Smartmatic è inadeguato, ... il che mette in dubbio la credibilità del software", Segnalato ABS-CBN.

Il presidente di Smartmatic è un membro della Camera dei Lord britannica, Mark Malloch Brown, un ex vicepresidente dei fondi di investimento di George Soros, ex vicepresidente della Banca mondiale, principale partner internazionale di Sawyer Miller, una società di consulenza politica, e ex vicepresidente del World Economic Forum che "rimane profondamente coinvolto negli affari internazionali". I rapporti globalisti della compagnia hanno spinto membri dei media e funzionari governativi a sollevare dubbi sul suo coinvolgimento nel processo elettorale statunitense.

A gennaio, i legislatori statunitensi hanno espresso preoccupazione per il coinvolgimento straniero attraverso la creazione e la supervisione delle attrezzature elettorali statunitensi da parte di queste società. I massimi dirigenti delle tre principali società sono stati sollecitati dai membri democratici e repubblicani della commissione per l'amministrazione della Camera degli Stati Uniti sull'integrità dei loro sistemi.

Sempre a gennaio, gli attivisti per l'integrità elettorale hanno espresso preoccupazione "per ciò che è noto come sicurezza della catena di approvvigionamento, la manomissione delle attrezzature elettorali durante la produzione", ha riferito l'Associated Press. "Un documento presentato ai funzionari elettorali della Carolina del Nord da ES&S lo scorso anno mostra, ad esempio, che ha stabilimenti di produzione nelle Filippine".

Tutte e tre le società "hanno affrontato critiche per la mancanza di trasparenza e riluttanza ad aprire i propri sistemi proprietari a test esterni", ha riferito l'Associated Press. Nel 2019, l'AP ha scoperto che queste società "avevano a lungo lesinato sulla sicurezza a favore della convenienza e operavano sotto un velo di segretezza finanziaria e operativa nonostante il loro ruolo critico nelle elezioni".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vickie

Mettiamola così, Obama sta governando il Paese Biden Lui è Braindead Ma sappiamo tutti che Trump ha vinto le elezioni