La Cina ha interesse a uccidere il capitalismo?

Per favore, condividi questa storia!
Non ci si può fidare della propaganda proveniente dalla Cina, ma le sue ultime azioni per bloccare di nuovo le principali città minacciano di interrompere la catena di approvvigionamento globale. La grande domanda è: la Cina sacrificherebbe alcuni milioni dei suoi cittadini per distruggere il capitalismo per conto della tecnocrazia? ⁃ Editore TN

L'economia globale è allo sbando poiché la guerra in Ucraina ha scatenato uno shock sulle materie prime con rischi crescenti di Stagflazione. Al tumulto si aggiunge un focolaio di COVID-19 in Cina che potrebbe scatenare un'altra crisi della catena di approvvigionamento.

Le notizie dalla Cina dell'ultimo giorno mostrano che un nuovo focolaio della variante altamente contagiosa dell'omicron ha infettato più di 5,000 persone, il numero più alto dai primi giorni della pandemia all'inizio del 2020. L'approccio cinese di tolleranza zero ha chiuso le fabbriche e piazzato circa 51 milioni di persone in qualche forma di blocco.

A partire da martedì, sono state segnalate infezioni della variante omicron in 21 province e comuni a livello nazionale, inclusa la capitale Pechino. Secondo CNN, cinque città sono in blocco, tra cui Changchun, Jilin, Shenzhen, Dongguan e Langfang.

I blocchi hanno costretto le fabbriche a sospendere la produzione e rischiare di ringhiare produzione da iPhone di Apple ai dispositivi Amazon Echo e Alexa ai SUV Toyota alla smart TV a tutti i tipi di altri dispositivi elettronici. Le interruzioni delle esportazioni possono indurre carenze e far salire l'inflazione, proprio come la Federal Reserve intraprende un rialzo dei tassi di interesse per controllare l'inflazione a massimi da quattro decenni.

Un sondaggio della Bank of America Corp. sui gestori di fondi pubblicato martedì ha mostrato che la fiducia nella crescita globale di quest'anno è la più bassa da luglio 2008 e le aspettative di stagflazione sono balzate a un enorme 62% degli intervistati.

"Prendi tutti questi piccoli tagli di carta e inizi a sommarli e potresti guardare a un potenziale rallentamento significativo dell'economia globale", ha affermato Jay Bryson, capo economista di Wells Fargo & Co.

La politica di tolleranza zero della Cina ci ha ricordato che le catene di approvvigionamento sono ancora soggette a massicce interruzioni. Il blocco non potrebbe arrivare in un momento peggiore, poiché la primavera tende a essere una delle stagioni di spedizione più trafficate dell'anno.

Domenica i 17.5 milioni di residenti di Shenzhen sono stati bloccati. La città risiede nel Guangdong, una provincia costiera del sud-est della Cina nota per il suo polo manifatturiero e i suoi porti, che rappresentano circa l'11% dell'economia cinese. La provincia ha rappresentato il 23% delle spedizioni cinesi nel 2021.

Bloomberg Economics avverte che un blocco prolungato a Shenzhen potrebbe scatenare interruzioni della catena di approvvigionamento in tutto il mondo.

"L'azione energica per contenere la peggiore epidemia di COVID-19 dall'inizio di marzo infliggerà un colpo diretto ai lati della produzione e del consumo di una provincia che rappresenta l'11% del PIL. I passaggi precedenti per contenere le riacutizzazioni dei virus hanno lasciato la produzione indenne per la maggior parte. Questo blocco colpirà la produzione in settori chiave come la tecnologia e i macchinari che alimentano le catene di approvvigionamento globali", ha affermato Chang Shu, capo economista per l'Asia. 

"Dato che la Cina è un importante hub manifatturiero globale e uno degli anelli più importanti nelle catene di approvvigionamento globali, la politica Covid del Paese può avere notevoli ricadute sull'attività dei suoi partner commerciali e sull'economia globale", ha affermato Tuuli McCully, capo dell'Asia- Economia del Pacifico presso Scotiabank.

Secondo Stephanie Loomis, vicepresidente dell'International Procurement, l'impatto globale dei blocchi potrebbe ancora una volta sconvolgere le catene di approvvigionamento.

"Se non lasciano che nessuno di questi ragazzi vada nelle fabbriche e produca beni, allora nulla si muoverà", Loomis disse. "Si fermerà".

Prevediamo che le chiusure degli stabilimenti si diffonderanno se il virus non verrà contenuto e potrebbero avere enormi implicazioni sulla catena di approvvigionamento globale se i blocchi persisteranno per le prossime settimane. È ancora discutibile se la chiusura delle fabbriche avrà un impatto sugli Stati Uniti. Se è così, di solito ha un ritardo di 6-8 settimane.

Ci chiediamo se le navi portacontainer limiteranno la consegna di merci cinesi negli Stati Uniti a causa della chiusura degli stabilimenti poiché la domanda di navi affonda. Ciò può portare a tariffe di spedizione ridotte su base intermedia a causa della mancanza di domanda. Tuttavia, a lungo termine, le tariffe di spedizione dovrebbero aumentare a causa di un arretrato di prodotti che dovrebbero essere spediti una volta riaperte le fabbriche.

"I focolai impongono un rischio al ribasso per l'economia cinese almeno nei prossimi mesi", ha affermato Zhiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management.

"Un rallentamento della Cina aggraverebbe il rischio di stagflazione e problemi della catena di approvvigionamento globale", ha affermato Zhang. 

E quando pensavi che le cose non potessero diventare più pazze per l'economia globale, sicuramente lo hanno fatto e hanno rischiato ulteriori turbolenze economiche che potrebbero sconvolgere le catene di approvvigionamento globali, proprio come è successo nei primi giorni della pandemia.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

DawnieR

Eppure…..la gente sta ancora pensando che questa CRAP sia VERA?! Non c'è 'OUTBREAK' in Cina!! Stanno, senza dubbio, MENTENDONO... o hanno rilasciato un'altra arma biologica... testandola sulla loro popolazione. Ad ogni modo…….come l'ultima volta……NON GIOCO A QUESTO GIOCO!!

[…] La Cina ha interesse a uccidere il capitalismo? […]