Documenti giudiziari: Google sta fornendo alla polizia i dati delle parole chiave di ricerca

Google
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
L'ex CEO di Google e presidente della sua società madre, Alphabet, è ora il presidente del Defense Innovation Advisory Board presso il Dipartimento della Difesa. Google non è un nemico del governo, o viceversa, ma piuttosto condividono lo stesso letto.

Google ha anche fornito alla polizia dati di "recinzione geografica", che identificano le persone che si trovavano in prossimità di una scena del crimine al momento del crimine. Queste sono gravi violazioni della Costituzione degli Stati Uniti, ma né la Big Tech né il governo si preoccupano di una virgola. ⁃ TN Editor

Google fornisce informazioni alla polizia in base a ciò che le persone stanno cercando, inclusi dati come gli indirizzi IP.

Ci sono poche cose rivelatrici della cronologia delle ricerche di una persona e la polizia in genere ha bisogno di un mandato su un sospetto noto per richiedere tali informazioni sensibili. Ma un documento giudiziario recentemente aperto ha scoperto che gli investigatori possono richiedere tali dati in ordine inverso chiedendo a Google di rivelare tutti coloro che hanno cercato una parola chiave piuttosto che informazioni su un sospetto noto.

Ad agosto, la polizia ha arrestato Michael Williams, un socio del cantante e accusato del reato sessuale R. Kelly, per aver appiccato fuoco all'auto di un testimone in Florida. Gli investigatori hanno collegato Williams all'incendio doloso, così come alla manomissione di testimoni, dopo aver inviato un mandato di perquisizione a Google che richiedeva informazioni sugli "utenti che avevano cercato l'indirizzo della residenza vicino in tempo all'incendio".

Il deposito del tribunale di luglio è stato aperto martedì. Il giornalista di Detroit News Robert Snell ha twittato riguardo al deposito dopo che è stato aperto.

I documenti del tribunale hanno mostrato che Google ha fornito gli indirizzi IP delle persone che hanno cercato l'indirizzo della vittima dell'incendio doloso, che gli investigatori hanno collegato a un numero di telefono appartenente a Williams. La polizia ha quindi utilizzato i record del numero di telefono per individuare la posizione del dispositivo di Williams vicino all'incendio doloso, secondo i documenti del tribunale.

Il mandato originale inviato a Google è ancora sigillato, ma il rapporto fornisce un altro esempio di una tendenza crescente di richieste di dati al gigante dei motori di ricerca in cui gli investigatori richiedono dati su un ampio gruppo di utenti piuttosto che una richiesta specifica su un singolo sospetto.

"Questo 'mandato per parola chiave' elude i controlli del quarto emendamento sulla sorveglianza della polizia", ​​ha affermato Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project. "Quando un tribunale autorizza un deposito di dati di ogni persona che ha cercato un termine o un indirizzo specifico, è probabile che sia incostituzionale".

Le parole chiave warrant sono simili a garanzie di recinzione geografica, in cui la polizia richiede a Google i dati su tutti i dispositivi registrati in una determinata area e ora. Google ha ricevuto 15 volte più richieste di mandato di recinzione geografica nel 2018 rispetto al 2017 e cinque volte di più nel 2019 rispetto al 2018. L'aumento delle richieste inverse da parte della polizia ha preoccupato il personale di Google, secondo le email interne.

Google ha dichiarato giovedì che lavora per proteggere la privacy dei suoi utenti supportando anche le forze dell'ordine.

"Abbiamo bisogno di un mandato e pressioni per restringere la portata di queste richieste particolari quando eccessivamente ampia, anche con obiezioni in tribunale quando appropriato", ha detto in una dichiarazione Richard Salgado, direttore delle forze dell'ordine e della sicurezza delle informazioni di Google. "Queste richieste di dati rappresentano meno dell'1% delle garanzie totali e una piccola frazione delle richieste legali complessive per i dati degli utenti che attualmente riceviamo".

La società ha rifiutato di rivelare il numero di garanzie di parole chiave ricevute negli ultimi tre anni.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Documenti del tribunale: Google sta fornendo i dati delle parole chiave di ricerca alla polizia ← Vera Sharav, sopravvissuta all'Olocausto, sui vaccini, sul terrore COVID e altro […]

Nikki

Non sono così preoccupato di scoprire chi ha cercato una residenza dopo che qualcuno è stato aggredito o assassinato. Uno strumento abbastanza buono per la polizia. Non è un'indagine e un'accusa politica dannosa. Si tratta di polizia che ha gli strumenti di cui ha bisogno per la legge e l'ordine.

[…] Fonte: Documenti giudiziari: Google fornisce dati sulle parole chiave di ricerca alla polizia […]