Distopia o utopia: la città del futuro di Google a Toronto

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I tecnocrati di Google hanno una soluzione scientifica per ogni problema, comprese le città. Il problema è che Google o qualsiasi altra società Big Tech non ha esperienza nella pianificazione urbana o nella progettazione di città, quindi il risultato non è altro che la loro visione privata di Utopia. ⁃ Editor TN

Anche con un freddo a metà maggio brezza che soffia dal lago Ontario, il lungomare occidentale di questa città si avvicina idilliaco. Il lago lambisce la passerella, le persone si siedono sulle sedie colorate di Adirondack e i passi dei pedoni competono con il grido dei gabbiani. Ma cammina verso est e la scena cambia rapidamente. Separata dal luccicante centro di Toronto dalla Gardiner Expressway, la città si snoda in un paesaggio polveroso di parcheggi disseminati di rocce e mucchi di materiali da costruzione. Il lungomare orientale di Toronto è abbastanza desolato che il film gotico di Guillermo del Toro La forma d'acqua usato come plausibile stand-in per Baltimora intorno a 1962. Adam Vaughan, un ex giornalista che rappresenta questo distretto nel parlamento canadese, afferma: "È questa strana terra industriale che è stata appena seduta lì - acri e acri di esso. E nessuno sa davvero cosa farne. "

Questo era prima di Google.

Lo scorso ottobre, una coalizione dei governi di Toronto, Ontario e Canada ha stipulato un contratto con Sidewalk Labs, una consociata di Google, per elaborare un progetto da $ 50 milioni per una dozzina di acri all'estremità orientale del lungomare. L'idea è quella di reimmaginare il lungomare abbandonato di Toronto come "il primo quartiere del mondo costruito da Internet", come lo descrive Sidewalk. Il quartiere, chiamato banchina, scavalcherebbe la solita lenta camminata di gentrificazione per costruire un'intera zona, tutto in una volta, come una "città intelligente", una metropoli abilitata per i sensori, altamente cablata che può funzionare da sola.

La scelta di Toronto da parte della società affiliata a Google ha immediatamente catturato l'attenzione di urbanisti e funzionari cittadini di tutto il mondo; storie di riviste trombate “Guinea-Pig City di Google" e "Una città intelligente più intelligente. ”Ancora ai suoi inizi, la collaborazione ha lasciato le persone curiose ma diffidenti. Google? Cosa sa una società tecnologica di gestire una vera città dal vivo?

In un certo senso, ciò che forse sorprende è che ci è voluto così tanto tempo. Gli innovatori della Silicon Valley hanno avuto a lungo ossessioni secondarie nel rendere il mondo un posto migliore, guidato in gran parte dalla fiducia che la loro stessa capacità di cervello e un disprezzo quasi totale per la tradizione possano rompere vecchi loghi. Il co-fondatore di PayPal Peter Thiel ha contribuito a seminare il movimento "seasteading" per creare paradisi libertari offshore; l'incubatore tecnologico YCombinator sta attualmente conducendo un esperimento di politica pubblica a Oakland, in California, offrendo ai residenti uno stipendio mensile garantito per vedere come potrebbe migliorare la loro qualità di vita.

[the_ad id = "11018 ″]

La nozione di "città intelligente" ricca di feedback è circolata da anni, e in pratica ha per lo più preso la forma di città secolari come New York o Boston che adottano semafori abilitati per sensori o dotano i loro residenti di un'app per individuare le buche. Ma il vero sogno, un luogo il cui costante flusso di dati consente di ottimizzare costantemente i servizi, richiede qualcosa di diverso, un progetto radicato non solo intrecciato con sensori e Wi-Fi, ma modellato attorno a ondate di innovazione che devono ancora arrivare, come l'auto- guidare auto. Grazie a una serie di progressi tecnologici, è pratico ora come mai prima d'ora. I sensori prodotti in serie ora costano meno di un dollaro ciascuno, anche per gli hobbisti; la banda larga ad alta velocità e il cloud computing economico significano che una città può raccogliere e analizzare risme di dati in tempo reale.

A Toronto, Sidewalk delinea un quadro di un quartiere in cui scivoli intelligenti per la spazzatura "a pagamento" separano i materiali riciclabili e caricano le famiglie in base alla produzione di rifiuti; dove i sensori meteorologici iperlocali potevano rilevare uno scoppio in arrivo e riscaldare un marciapiede che si scioglieva sulla neve. Le app direbbero ai residenti quando le sedie di Adirondack sul lungomare sono aperte e i vicini farebbero il crowdsourcing delle autorizzazioni per i permessi delle feste di blocco, dando un pollice in su o in giù in base al rumore che la riunione avrebbe dovuto produrre. I segnali stradali potrebbero auto-calibrarsi per facilitare la congestione pedonale durante gli eventi pubblici o per garantire un'ora di punta regolare. I dati provenienti da tali sistemi sarebbero immersi nella città, che imparerebbe costantemente, ottimizzando le proprie operazioni di mese in mese, di anno in anno. Sidewalk promette "la comunità più misurabile del mondo".

L'idea è quella di reimmaginare il lungomare abbandonato di Toronto come "il primo quartiere del mondo costruito da Internet".

Ma con esso arriva una serie di nuove domande, sottolinea Vaughan, il parlamentare di Toronto. Di giorno in giorno, una città davvero intelligente corre su dati e algoritmi piuttosto che su decisioni civiche prese dagli umani. Quindi, chi possiede tutti i dati prodotti dalla città del futuro? Chi lo controlla? Di chi si applicano le leggi?

Finora queste sono state domande per lo più astratte per seminari di studi urbani, poiché le città adottano innovazioni relativamente piccole, come un sistema di lampioni a Chicago che riporta da sé malfunzionamenti per tenere accese le luci nelle aree ad alto crimine. Ma ci sono già accenni di potenziale più oscuro. Il sovrano di Dubai afferma che il suo piano di raccolta di dati sui cittadini ha lo scopo di "rendere Dubai la città più felice della terra", ma gli scettici del registro dei diritti umani degli Emirati Arabi Uniti non sono così sicuri di ciò che accadrà quando tutto il suo cellulare sarà ossessionato i residenti vengono seguiti da uno stato autoritario. "La realtà è che la conversazione arriverà comunque in città", dice Vaughan. "Facciamolo ora."

I fan di ciò che è diventato noto come Sidewalk Toronto dicono che ci sono pochi posti migliori per tenere questa conversazione rispetto al Canada, una democrazia occidentale che prende seriamente dibattiti sulla privacy informativa e sulla proprietà dei dati - ed è nota per essere riuscita a rimanere educata mentre discute anche di civic hot button problemi. Fare amicizia con aziende tecnologiche che sono a filo sia con i soldi che con le grandi visioni potrebbe essere la migliore possibilità per le città di saltare nel futuro, o almeno di sovralimentare i loro distretti in ritardo. Ma alcuni non sono così sicuri che le città otterranno la fine migliore dell'accordo. Google sta già acquistando pezzi della Bay Area e di New York; il suo potere e il suo appello pubblico potrebbero facilmente sopraffare i governi locali a corto di liquidità ancor prima che diventi il ​​deposito di tutti quei dati dei cittadini. Alcuni urbanisti e sostenitori del buon governo si preoccupano che scendere per il corridoio con grandi corporazioni potrebbe essere una salvezza a breve termine che, generazioni da ora in poi, avranno messo le città sulla strada sbagliata.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti