Dichiarazione islamica internazionale sui cambiamenti climatici

Per favore, condividi questa storia!
Nota TN: l'Islam è una religione verde con quasi il 12% dei versetti del Corano che si occupano dell'ecologia e della cura del pianeta. Quindi, non sorprende vedere una dichiarazione come questa, definendolo "un dovere religioso per combattere il cambiamento climatico".

Lo Dichiarazione islamica sul clima pubblicato oggi invita 1.6 miliardi di musulmani a lavorare per eliminare gradualmente l'uso di combustibili fossili, come un dovere religioso per combattere i cambiamenti climatici. Invita inoltre tutti i leader e i politici a fare la loro parte per un futuro migliore per tutti.

In comune con tutte le fedi abramitiche, l'Islam considera l'umanità come un amministratore delle risorse fornite da Allah. Ciò implica una gestione responsabile di queste risorse. In particolare questo porta ad evitare Asraf (abuso) delle risorse date da Dio.

In questo contesto, gli investimenti e le attività islamici devono avere un quadro morale ed etico. Ciò pone chiaramente le basi della protezione dell'ambiente come requisito fondamentale.

Data l'enfasi dell'Islam su uguaglianza e giustizia, l'attuale ordine di cattura predatoria del capitale ecologico globale sarebbe messo in discussione.

Sebbene gli impatti climatici nel Regno Unito minano quelli dei paesi in prima linea, una maggiore mortalità correlata alle ondate di calore, la pauperizzazione indotta dalle inondazioni e la siccità sono realtà per le quali tutti ci prepareremo.

I musulmani britannici possono rispondere ai cambiamenti climatici in innumerevoli modi. Vorremmo sollecitare il lavoro orientato alle pubbliche relazioni in questo settore, poiché raramente è sostenibile e raccomanderebbe un vero dialogo di base, creatività e negoziazione. I cittadini potrebbero essere spostati per diventare sostenitori dell'agenda energetica della comunità e l'attività di salvaguardia del clima guidata dal vicinato.

La dott.ssa Shuja Shafi, Segretario generale dell'MCB, ha dichiarato: "Siamo incoraggiati dalla recente enciclica del Papa sulla giustizia climatica e non vediamo l'ora di unire le mani e il cuore con le nostre sorelle e fratelli di fedi diverse per esplorare le reciproche tradizioni ecologiche e sfidare i sistemi di disuguaglianza che mette in pericolo gli esseri umani e i non umani nella nostra casa comune.

Siamo lieti che alcuni dei nostri affiliati chiave stiano svolgendo un ruolo significativo per sensibilizzare l'opinione pubblica e siano a Istanbul per lanciare ufficialmente la Dichiarazione islamica sui cambiamenti climatici.

L'MCB ritiene che sia il nostro ruolo di musulmani come custodi della terra e cercheremo di svolgere un ruolo di supporto nel garantire che tutte le risorse naturali siano protette e che le nostre generazioni future continuino questa eredità ”.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
walter77777

È lodevole che il Dr. Shafi abbia mostrato il lato ragionevole di Al-Islam. I pazzi all'interno dell'Islam hanno fatto sì che gran parte del mondo pensasse all'Islam come irragionevole e violento. Sono ebreo e ho visto che in Israele, anche con la violenza del passato e dei giorni nostri, è possibile che musulmani e non musulmani possano coesistere.

W.

Mona

Questo è tutt'altro che ragionevole. È follia pensare di poter controllare il clima riducendo le emissioni di carbonio. Non mi interessa se sono i leader cristiani o islamici a insistere, è pazzesco. Emettiamo solo il 4% della CO2 del pianeta. Anche l'EPA ammette che non farà alcuna differenza se abbassiamo il numero.